Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 86 del 22/07/2022
Scarica la versione firmata del BUR n. 86 del 22/07/2022
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 86 del 22 luglio 2022


Materia: Commercio, fiere e mercati

Deliberazione della Giunta Regionale n. 866 del 19 luglio 2022

Bando per il finanziamento di progetti finalizzati alla rigenerazione urbana e alla ripresa economica nell'ambito dei distretti del commercio riconosciuti con deliberazioni della Giunta regionale n. 1190 del 31 agosto 2021 e n. 1490 del 2 novembre 2021.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento viene approvato il bando per il finanziamento di progetti da realizzarsi nell’ambito dei distretti del commercio individuati e riconosciuti per l’annualità 2021 con deliberazioni della Giunta regionale n. 1190 del 31 agosto 2021 e n. 1490 del 2 novembre 2021, in attuazione delle politiche attive di rilancio del settore commercio in ambito urbano previste dalla legge regionale n. 50 del 2012.

L'Assessore Roberto Marcato riferisce quanto segue.

I distretti del commercio, definiti dall’articolo 3, comma 1, lettera n) della legge regionale 28 dicembre 2012 n. 50 “Politiche per lo sviluppo del sistema commerciale nella Regione del Veneto” quali ambiti territoriali di rilevanza comunale o intercomunale, nei quali i cittadini e le imprese, liberamente aggregati, qualificano le attività commerciali come fattore di innovazione, integrazione e valorizzazione delle risorse di cui dispone il territorio, costituiscono in Veneto una delle principali espressioni di politica attiva a sostegno del settore del commercio nell’ambito dei centri storici e urbani.

La creazione di un sistema strutturato ed organizzato territorialmente, in grado di polarizzare in primo luogo le attività commerciali, unitamente ad altri soggetti portatori di interesse, quali il Comune, le organizzazioni imprenditoriali, le imprese, le associazioni, i consorzi etc., contribuisce al perseguimento delle finalità di seguito indicate:

  • rigenerare il tessuto urbano, rivitalizzandone la centralità e sviluppando idee a sostegno del commercio, anche attraverso idonee forme di attrattività del distretto;
  • promuovere l’interazione tra i cittadini, imprese e pubblica amministrazione nelle scelte strategiche del distretto;
  • svolgere un’azione di alto profilo qualitativo che si uniforma agli indirizzi diffusi in ambito europeo e nazionale, nell’ottica delle cd. “Smart Cities”;
  • valorizzare la qualità del territorio con azioni innovative di politica attiva, adatte al contesto economico e sociale del distretto.

In tale ottica la Giunta regionale, con deliberazione n. 1912 del 14 ottobre 2014, ha approvato in via sperimentale un bando di finanziamento di progetti-pilota finalizzati all'individuazione dei primi distretti del commercio del Veneto. Sulla base delle positive esperienze riscontrate da tale iniziativa, sia in termini di capacità realizzativa dimostrata (tutti i 32 progetti sono stati positivamente conclusi), sia in termini di investimenti economici (l’iniziativa ha comportato un investimento complessivo di euro 19.846.000,00 a fronte di uno stanziamento di risorse pari a euro 9.447.000,00) la Giunta regionale, con deliberazione n. 1531 del 25 settembre 2017, ha approvato i criteri e modalità necessari ai fini del riconoscimento ordinario dei distretti del commercio.

Con successiva deliberazione n. 237 del 6 marzo 2018 la Giunta regionale ha quindi provveduto all’approvazione delle proposte comunali di individuazione dei distretti, riconoscendo i primi 58 distretti del commercio che hanno coinvolto complessivamente n. 111 Amministrazioni comunali, in forma singola o associata a cui, con deliberazione n. 608 del 14 maggio 2019, ha destinato un'apposita misura di finanziamento con una dotazione finanziaria complessiva pari a euro 14.000.000,00 per la realizzazione di n. 57 progetti per un  investimento programmato e in gran parte già realizzato di euro 44.508.000,00.

Con successive deliberazioni n. 1232 del 20 agosto 2019 e n. 140 del 9 febbraio 2021 la Giunta regionale ha riconosciuto ulteriori n. 24 distretti del commercio, di cui n. 7 distretti relativi all’annualità 2019 e n. 17 distretti relativi all’annualità 2020, per i quali, con il Bando approvato con deliberazione n. 1019 del 28 luglio 2021, ha provveduto a cofinanziare n. 21 progetti per ulteriori 5.400.000,00 di euro a fronte di un investimento previsto di circa 17.000.000,00 di euro.

Con le deliberazioni n. 1190 del 31 agosto 2021 e n. 1490 del 2 novembre 2021, la Giunta regionale ha riconociuto ulteriori 17 distretti relativi all’annualità 2021; pertanto, i distretti del commercio ad oggi riconosciuti ed iscritti nell’apposito elenco istituito dalla Giunta regionale sono 99, comprendenti complessivamente n. 190 amministrazioni comunali.

Ciò premesso, al fine di proseguire nella politica di sostegno dei distretti del commercio per il perseguimento delle finalità di sviluppo del settore del commercio in ambito urbano indicate dalla citata normativa regionale, si propone l’approvazione di un nuovo bando di finanziamento, Allegato A alla presente deliberazione di cui costituisce parte integrante e sostanziale, con una dotazione finanziaria pari ad euro 5.000.000,00, per il sostegno di progetti di investimento da realizzarsi nell’ambito dei distretti del commercio già individuati con le citate deliberazioni della Giunta regionale n. 1190 del 2021 e n. 1490 del 2021 relative ai riconoscimenti dei distretti nell'annualità 2021 (analiticamente riportati nell’Allegato A1 alla presente deliberazione). I suddetti progetti dovranno essere finalizzati alla realizzazione di interventi di rigenerazione e riqualificazione urbana e transizione green, di innovazione, digitalizzazione dell’offerta commerciale e risparmio energetico, nonché per la realizzazione di iniziative di comunicazione e animazione del territorio e di miglioramento dei servizi legati all’accoglienza turistica.

Si dà atto che nel suddetto elenco di distretti destinatari dell’odierna misura di finanziamento sono stati inclusi anche i distretti urbani di Bardolino (VR), di Oppeano (VR) e il distretto territoriale di Affi (VR) in quanto, come distretti del commercio già riconosciuti, hanno manifestato l’impegno a realizzare i progetti finalizzati al rilancio del commercio attraverso l’assegnazione di un contributo regionale, analogamente ai distretti che hanno già partecipato a precedenti bandi  e beneficiato dei relativi contributi regionali.

Le risorse messe a bando per euro 5.000.000,00 trovano copertura finanziaria sul capitolo 103802 “Fondo regionale per la riqualificazione delle attività commerciali - risorse vincolate - contributi agli investimenti (art. 14, l.r. 28/12/2012, n. 50 - art. 12, l.r. 14/12/2018, n.43)” P.d.C. U 2.03.01.02.000 “Contributi agli investimenti alle amministrazioni locali”.

Le obbligazioni di spesa, per un importo massimo di complessivi euro 5.000.000,00, saranno assunte nella corrente annualità con imputazione della spesa sulla base dei cronoprogrammi di attuazione delle attività presentati dalle Amministrazioni comunali tramite costituzione del fondo pluriennale vincolato. Alle obbligazioni di spesa provvederà con proprio decreto il Direttore della Direzione Industria, Artigianato, Commercio e Servizi e Internalizzazione delle Imprese.

Si dà atto che il presente bando rientra nelle strategie previste dal Documento di Economia e Finanza Regionale 2022 – 2024 e relativa Nota di aggiornamento approvata con deliberazione del Consiglio regionale n.  143 del 30 novembre 2021, Missione 14 “Sviluppo economico e competitività” – Programma 14.02 “Commercio, reti distributive e tutela dei consumatori” – Obiettivo 14.02.02 “Promuovere lo sviluppo e la sostenibilità delle attività commerciali all'interno dei distretti del commercio”.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la legge regionale 28 dicembre 2012, n. 50 "Politiche per lo sviluppo del sistema commerciale nella Regione del Veneto" e in particolare gli articoli 3, comma 1, lettera n) e 8;

VISTO l'articolo 2, comma 2, della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54 "Legge regionale per l'ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta regionale in attuazione della legge regionale statutaria 17 aprile 2012, n. 1 "Statuto del Veneto";

VISTO il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

VISTA la legge regionale 20 dicembre 2021, n. 36 “Bilancio di previsione 2022-2024”;

RICHIAMATE le deliberazioni della Giunta regionale n. 1912 del 14 ottobre 2014, n. 1531 del 25 settembre 2017, n. 237 del 6 marzo 2018, n. 608 del 14 maggio 2019, n. 1232 del 20 agosto 2019, n. 140 del 9 febbraio 2021, n. 1019 del 28 luglio 2021, n. 1190 del 31 agosto 2021 e n. 1490 del 2 novembre 2021;

RICHIAMATA la deliberazione della Giunta regionale n. 42 del 25 gennaio 2022 “Direttive per la gestione del Bilancio di Previsione 2022-2024”;

RICHIAMATA, altresì,la deliberazione della Giunta regionale n. 728 del 21 giugno 2022 “Determinazione del limite di applicazione al bilancio di previsione della quota vincolata, accantonata e destinata del risultato di amministrazione ai sensi dell’articolo 1 comma 897 e seguenti della L. 145/2018. Variazione al Bilancio di previsione 2022-2024 e al Documento Tecnico di Accompagnamento al Bilancio di previsione 2022-2024 per l’utilizzo della quota vincolata del risultato di amministrazione ai sensi dell’art. 42 del D.Lgs. 118/2011 e dell’art. 22, comma 3, L.R. 39/2001. (provvedimento di variazione n. BIL020)”;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare, il bando di cui all’Allegato A, che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, per il finanziamento di progetti da realizzarsi nell’ambito dei distretti del commercio individuati e riconosciuti dalla Regione del Veneto con deliberazioni della Giunta regionale n. 1190 del 31 agosto 2021 e n. 1490 del 2 novembre 2021, ed elencati nell’Allegato A1 al presente provvedimento di cui forma parte integrante e sostanziale;
  3. di determinare in euro 5.000.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi e Internalizzazione delle Imprese, entro il corrente esercizio, disponendo la copertura finanziaria per euro 5.000.000,00 sul capitolo 103802 “Fondo regionale per la riqualificazione delle attività commerciali - risorse vincolate - contributi agli investimenti (art. 14, l.r. 28/12/2012, n. 50 - art. 12, l.r. 14/12/2018, n.43)” P.d.C. U 2.03.01.02.000 “Contributi agli investimenti alle amministrazioni locali”, con imputazione della spesa sulla base dei cronoprogrammi di attuazione delle attività presentati dalle Amministrazioni comunali tramite costituzione del fondo pluriennale vincolato;
  4. di dare atto che la Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi e Internazionalizzazione delle Imprese a cui è assegnato il capitolo di cui al precedente punto, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente disponibilità;
  5. di dare atto che le spese di cui si prevede l'impegno con il presente atto non rientrano nelle categorie di debiti commerciali;
  6. di incaricare la Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi e Internazionalizzazione delle Imprese dell’esecuzione del presente atto;
  7. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell’articolo 26, comma 1, del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  8. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

Dgr_866_22_AllegatoA0_481497.pdf
Dgr_866_22_AllegatoA1_481497.pdf

Torna indietro