Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 111 del 06/11/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 111 del 06/11/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 111 del 06 novembre 2018


Materia: Servizi sociali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1588 del 30 ottobre 2018

Interventi finalizzati alla prevenzione, al contrasto e alla riduzione del rischio di bullismo e cyberbullismo. Art. 42, legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45, "Collegato alla legge di stabilità regionale 2018".

Note per la trasparenza

Finanziamento di iniziative finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, realizzate dalle Aziende Ulss del territorio regionale in collaborazione con le amministrazioni comunali, le forze dell’ordine, le istituzioni scolastiche e le organizzazioni senza scopo di lucro afferenti al terzo settore.

L'Assessore Manuela Lanzarin riferisce quanto segue.

La normativa nazionale oltre che riconoscere nella prevenzione e nel contrasto del bullismo e del “bullismo informatico” uno degli obiettivi formativi prioritari in capo alle istituzioni scolastiche (art. 1, comma 7, lett. l, legge 13 luglio 2015, n.107, “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione […]”), stabilisce, al fine di contrastare il fenomeno del cyberbullismo, in tutte le sue manifestazioni, la necessità di delineare “[…]azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti dei minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti, assicurando l’attuazione degli interventi senza distinzione di età nell’ambito delle istituzioni scolastiche” (art. 1, comma 1, legge 29 maggio 2017, n. 71 recante “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”).

La Regione del Veneto, promuovendo nell’ambito del proprio ordinamento legislativo e amministrativo, interventi a tutela e protezione dei minori (articolo 6, comma 1, lettera n dello Statuto del Veneto), nel rispetto dei principi costituzionali e in linea con il quadro normativo suddetto, ha previsto nel dettato normativo della legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45, “Collegato alla legge di stabilità regionale 2018”, l’introduzione dell’art. 42 recante “Disposizioni in materia di prevenzione, contrasto e riduzione del rischio di bullismo e cyberbullismo”.

Il suddetto articolo prevede, in capo alla Regione del Veneto, la promozione di interventi finalizzati alla prevenzione, al contrasto e alla riduzione del bullismo e del cyberbullismo (comma 1), per il coordinamento dei quali nonché per il monitoraggio del fenomeno a livello regionale, è prevista la costituzione di un Tavolo regionale di lavoro (comma 2), già istituito con D.G.R. n. 747 del 28 maggio 2018. La realizzazione degli interventi è attribuita alle Aziende Ulss del territorio regionale, anche in forma sperimentale (comma 3) in collaborazione con le amministrazioni comunali, le forze dell’ordine, le istituzioni scolastiche e le organizzazioni senza scopo di lucro afferenti al terzo settore (commi 1 e 2). Con l’obiettivo di promuovere e sostenere tali linee d’intervento è prevista la destinazione di risorse regionali quantificate in € 200.000,00 (comma 5).

In attuazione del disposto dell’articolo 42, e nelle more dell’insediamento del Tavolo regionale di lavoro di cui al comma 2, con il presente provvedimento si dispone il finanziamento di iniziative sperimentali finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, sia in ambito scolastico che extrascolastico.

Tali iniziative, che dovranno prevedere interventi organici e innovativi, saranno realizzate dalle Aziende Ulss del territorio regionale, le quali saranno chiamate a dare riscontro nel merito degli esiti delle stesse alla Direzione Servizi Sociali, a cui spetta la funzione di supervisione di detti interventi. Ciò anche al fine di consentirne una valutazione consapevole da parte del Tavolo regionale di lavoro nel merito del consolidamento delle iniziative sperimentate e/o dell’introduzione di future nuove linee di intervento in materia.

Con il presente provvedimento si determina di destinare le risorse regionali quantificate in € 200.000,00 a favore delle Aziende Ulss del Veneto per l’implementazione delle iniziative sperimentali così come previsto dall’Allegato A recante “Interventi sperimentali finalizzati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo  (art. 42, legge regionale 29.12.2017, n. 45, “Collegato alla legge di stabilità regionale 2018)”, parte integrante del presente provvedimento.

L’Allegato B recante “Riparto Aziende Ulss”, parte integrante del presente provvedimento, individua gli importi attribuiti alle Aziende Ulss beneficiarie per la realizzazione delle suddette iniziative. Gli importi sono calcolati tenuto conto della popolazione residente di età compresa tra 6 e 18 anni.

Con il presente provvedimento si determina dunque che le risorse regionali complessive in attuazione del suddetto articolo siano quantificate in € 200.000,00 per l’esercizio 2018, disponendo la copertura finanziaria per una somma pari ad € 200.000,00 a carico del fondo regionale stanziato sul capitolo n.103544 recante “Azioni regionali in materia di prevenzione, contrasto e riduzione del rischio del bullismo e cyberbullismo – Trasferimenti correnti (art. 42 L.R. 29/12/2017, n. 45)” del bilancio di previsione 2018-2020.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

Vista la legge 107/2015;

Vista la legge 71/2017;

Vista la legge regionale statutaria 17 aprile 2012, n. 1;

Vista la L.R. 19/2016;

Vista la L.R. 45/2017;

Vista la D.G.R. 747/2018;

delibera

  1. di considerare le premesse parte integrante del presente provvedimento;
  2. di determinare in € 200.000,00, l’importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore regionale del Direzione Servizi Sociali, disponendo la copertura finanziaria a carico del fondo stanziato sul capitolo n.103544 recante “Azioni regionali in materia di prevenzione, contrasto e riduzione del rischio del bullismo e cyberbullismo – Trasferimenti correnti (art. 42 L.R. 29/12/2017, n. 45)” del bilancio di previsione 2018-2020.
  3. di approvare l’Allegato A al presente provvedimento recante “Interventi sperimentali finalizzati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo  (art. 42, legge regionale 29.12.2017, n. 45, “Collegato alla legge di stabilità regionale 2018)”, parte integrante del presente provvedimento;
  4. di approvare l’Allegato B al presente provvedimento recante “Riparto Aziende Ulss”, parte integrante del presente provvedimento;
  5. di dare atto che la Direzione Servizi Sociali, a cui è stato assegnato il capitolo n.103544 recante “Azioni regionali in materia di prevenzione, contrasto e riduzione del rischio del bullismo e cyberbullismo – Trasferimenti correnti (art. 42 L.R. 29/12/2017, n. 45)” ha attestato che il medesimo presenta sufficiente disponibilità;
  6. di incaricare il Direttore della Direzione Servizi Sociali o suo delegato a provvedere all’assunzione di ogni atto conseguente compreso l’impegno di spesa;
  7. di dare atto che la spesa di cui si prevede l’impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011 e non riveste natura di debito commerciale;
  8. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n.33;
  9. che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato, rispettivamente, entro 60 e 120 giorni dalla notifica;
  10. di pubblicare integralmente la presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

(seguono allegati)

1588_AllegatoA_381157.pdf
1588_AllegatoB_381157.pdf

Torna indietro