Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 68 del 13/07/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 68 del 13/07/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 68 del 13 luglio 2018


Materia: Turismo

Deliberazione della Giunta Regionale n. 990 del 06 luglio 2018

POR FESR 2014-2020. Asse 3. Azione 3.3.4 "Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell'offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa". Sub-azione C "Investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico". Bando per l'erogazione di contributi per investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico alle PMI di montagna.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si approva il bando per l’erogazione di contributi per investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico, riservato specificamente alle PMI dell’area di montagna, che attua l’Azione 3.3.4. “Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell'offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa” prevista dal POR FESR 2014-2020  – Asse 3 Azione 3.3.4 Sub azione C), definendo i criteri e le modalità di ammissione ai finanziamenti.

L'Assessore Federico Caner riferisce quanto segue.

Con Comunicazione COM (2010) 2020 del 03/03/2010 la Commissione Europea ha adottato il documento “Europa 2020” che prevede una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. In seguito, il 17 dicembre 2013 il Parlamento Europeo e il Consiglio hanno approvato il pacchetto di Regolamenti sui Fondi strutturali e di Investimento Europei (fondi SIE) per il periodo 2014-2020.

In particolare, il Regolamento (UE) n. 1303/2013 ha definito le norme comuni ai fondi SIE e il Regolamento (UE) n. 1301/2013 ha definito le norme specifiche relative al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

La Giunta regionale, dopo la consultazione partenariale, ha approvato con CR n. 77 del 17 giugno 2014 la proposta di POR FESR 2014-2020 successivamente trasmessa, conformemente a quanto stabilito dall’articolo 9 della legge regionale n. 26/2011, al Consiglio Regionale per l’esame e l’approvazione definitiva, avvenuta con Deliberazione n. 42 del 10 luglio 2014.

L’Autorità di Gestione del POR FESR il 21/07/2014 ha quindi formalmente inviato tale proposta alla Commissione Europea e conformemente a quanto indicato nell’articolo 29 del Reg. 1303/2013, con nota C(2014) 7854 finale del 21 ottobre 2014, la Commissione Europea ha formulato una serie di osservazioni aprendo così ufficialmente la fase di negoziato.

Con Decisione C (2015) 5903 finale del 17 agosto 2015 è stato approvato il Programma Operativo Regionale − Parte FESR relativo alla programmazione 2014-2020 e la Giunta regionale ne ha preso atto con deliberazione n. 1148 del 01 settembre 2015.

La Giunta regionale, con DGR n. 1871 del 25 novembre 2016, ha individuato la Direzione Turismo quale Struttura Responsabile dell'Azione 3.3.4 "Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell'offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa".

In applicazione dell'articolo 110, c. 2 del Reg. 1303/2013, il Comitato di Sorveglianza del POR FESR 2014-2020, istituito con DGR n. 1500 del 29 ottobre 2015, in data 3 febbraio 2016 e 15 dicembre 2016, ha approvato i criteri di selezione delle operazioni, con i quali sono stati fissati i parametri che guidano la fase di ammissione e valutazione delle domande di sostegno. Tali criteri sono stati quindi modificati, da ultimo, con le decisioni assunte nella seduta del Comitato di Sorveglianza del 19 aprile 2018.

In particolare, ai sensi di quanto indicato al paragrafo 2.A.6.1 dell'Azione 3.3.4 del POR, va precisato che, nell'ambito della qualificazione dell'offerta turistica, dell'innovazione di prodotto/servizio e dell'innovazione organizzativa, in coerenza con le aspettative della domanda turistica e del mercato, la sub-azione 3.3.4. c) prevede interventi di riqualificazione delle strutture ricettive nell'ottica di innovazione e sostenibilità, mediante il sostegno alle imprese che intraprendono percorsi di ammodernamento, ristrutturazione ed innovazione delle strutture ricettive per migliorare nel complesso la qualità dell'offerta turistica delle destinazioni venete.

In attuazione a quanto sopra, la Giunta regionale, con DGR n. 2222 del 23 dicembre 2016, ha approvato un primo bando per il sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa, avvalendosi delle disponibilità di cui al POR 2014-2020, parte FESR, Asse 3, Azione 3.3.4, Sub-azione C “Investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico”.

Con questo bando, la Giunta ha previsto la concessione di aiuti – in misura variabile in relazione al regime di sostegno prescelto – sulla spesa effettivamente sostenuta per la realizzazione, da parte di PMI che gestiscono e/o sono proprietarie di strutture ricettive turistiche, di interventi sulle strutture stesse, volti a favorire l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa e/o della destinazione turistica; per la realizzazione di tali interventi l’articolo 2 del Bando ha stabilito una dotazione finanziaria di Euro 12.000.000,00.

Con successiva DGR n. 226 del 28 febbraio 2017, si è quindi disposto di individuare AVEPA quale Organismo Intermedio,  ai sensi dell'art. 123 par. 7 del Regolamento (UE) n. 1303/2013, cui affidare la gestione di parte del POR FESR 2014-2020 della Regione del Veneto, approvando con tale provvedimento anche lo schema di convenzione tra Regione del Veneto e AVEPA. Convenzione sottoscritta in data 12/05/2017.

In relazione a ciò, l'Autorità di Gestione - con Decreto del Direttore della Programmazione Unitaria n. 32 del 15 maggio 2017 - ha delegato AVEPA, in materia di turismo, per i bandi di cui alle DGR n. 2221/2016  (Sub-azione B) e n. 2222/2016 (Sub-Azione C) relativamente alle fasi di: gestione moduli in SIU, istruttoria delle domande di sostegno, ammissibilità del soggetto al finanziamento e impegno di spesa, verifiche amministrative e rendicontali, verifiche sul posto, liquidazione, pagamento al beneficiario.

Con successiva DGR n. 1541 del 25 settembre 2017, la Giunta regionale ha poi ritenuto di incrementare, anche ai fini di un miglioramento della performance finanziaria dell'Asse 3 del POR FESR nel suo complesso, l'importo messo a bando dalla DGR n. 2222/2016 di Euro 7.857.159,09, allo scopo di poter estendere la concessione del finanziamento a tutte le imprese ammesse in graduatoria ai sensi del decreto dirigenziale AVEPA n. 3/2017.

Fatte queste necessarie premesse, il bando di cui alla DGR n. 2222/2016 prevedeva, sulla base dei criteri di selezione POR FESR approvati dal Comitato di Sorveglianza, che le misure di sostegno venissero attivate negli ambiti territoriali dei comuni compresi in destinazioni turistiche a maggior rischio di stagnazione/declino, con esclusione specifica della OGD Dolomiti per la quale era stato, a suo tempo previsto uno specifico fondo di investimenti alimentato da risorse regionali. In ragione di tali criteri, le imprese dei territori montani non avevano di fatto avuto accesso alle risorse POR FESR messe a bando con la sopra menzionata deliberazione.

Con la recente decisione del Comitato di Sorveglianza del 19 aprile 2018, sono, quindi, stati modificati i criteri di ammissibilità relativi alla localizzazione delle imprese beneficiarie, prevedendo di ripristinare fra le aree eleggibili anche l’ambito territoriale della OGD Dolomiti, escluso nella prima parte della programmazione.

Si ritiene pertanto opportuno, nel rispetto dei criteri di ammissibilità POR FESR, ed ai fini di una più efficace ed equilibrata attuazione degli interventi previsti dalla Azione 3.3.4, Sub-azione C “Investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico” su tutte le aree eleggibili del territorio regionale, attuare un bando specifico a favore delle PMI operanti negli ambiti territoriali di montagna della Regione del Veneto, individuati ai sensi della Legge regionale 8 agosto 2014, n. 25, con una dotazione finanziaria complessiva di Euro 6.000.000,00.

Si ritiene, altresì, di escludere dall’operatività di cui al presente bando le imprese ubicate nei comuni ricompresi – ai sensi della Programmazione Fondi SIE 2014-2020 - Strategia Nazionale per le Aree interne - nelle Strategie d'area delle Aree Interne Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni e Unione Montana Comelico e Sappada. Per tali comuni sarà infatti operata una riserva specifica di fondi POR FESR con bandi riservati esclusivamente alle strutture ricettive ubicate nelle sotto indicate Aree Interne:

  1. Area Interna Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni: comuni di Asiago, Conco, Enego, Foza, Gallio, Lusiana, Roana, Rotzo;
  2. Area Interna Unione Montana Comelico e Sappada: Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore.

Con il presente provvedimento si provvede quindi all'approvazione di un bando di selezione dei beneficiari, rivolto alle imprese che adottano percorsi di ammodernamento, innovazione e miglioramento delle strutture ricettive, le cui specifiche sono indicate in dettaglio nell'Allegato A “Bando per l’erogazione di contributi per investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico alle PMI di montagna”.

In particolare, tale allegato riporta in modo specifico ed approfondito i requisiti da possedere per poter presentare domanda, la localizzazione degli interventi, le tempistiche per la presentazione delle domande, le modalità di presentazione delle stesse, la documentazione da allegare alla domanda, i criteri di priorità per la valutazione delle domande, nonché ogni altro elemento informativo utile e necessario per la presentazione delle istanze da parte dei soggetti interessati alla misura, per la loro valutazione e per la realizzazione ed il finanziamento degli interventi previsti.

Formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento anche i seguenti allegati: Allegato A1 "Relazione tecnico-illustrativa del progetto”; Allegato  A2 “Fac-simile di lettera di referenze bancarie”; Allegato A3 “Attestazione capacità finanziaria dell’impresa”; Allegato A4 “Schema stima professionista abilitato per progetti che prevedono metodi di edilizia sostenibile e miranti al risparmio energetico ai fini del conseguimento dei relativi punteggi di priorità”.

L'importo di Euro 6.000.000,00  (seimilioni/00) messo a bando, sarà finanziato mediante l'utilizzo dei fondi stanziati nell'ambito dell'asse 3 del POR FESR 2014-2020 sui seguenti capitoli:

  • 102565 "POR FESR 2014-2020 - Asse 3 'Turismo' - Quota comunitaria - Contributi agli investimenti",
  • 102566 "POR FESR 2014-2020 - Asse 3 'Turismo' - Quota statale - Contributi agli investimenti",
  • 102567 "POR FESR 2014-2020 - Asse 3 'Turismo' - Quota regionale - Contributi agli investimenti",

che presentano sufficiente disponibilità sul bilancio di previsione 2018-2020.

La Direzione Programmazione Unitaria ha rilasciato il visto di conformità per il presente provvedimento.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la Comunicazione COM (2010) del 03 marzo 2010 della Commissione Europea;

VISTI i Regolamenti (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio e n. 1301/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio;

VISTO il Regolamento delegato (UE) n. 240/2014 della Commissione;

VISTA la Decisione C(2015) 5903 finale del 17 agosto 2015;

VISTA la Deliberazione del Consiglio Regionale n. 42 del 10 luglio 2014;

VISTE le deliberazioni n. 942 del 17 giugno 2013, integrata con deliberazione n. 406 del 4 aprile 2014, n. 1148 del 1 settembre 2015,  n. 1500 del 29 ottobre 2015 e n. 1871 del 25 novembre 2016;

VISTE le Deliberazioni n. 2222 del 23 dicembre 2016 e n. 1541 del 25 settembre 2017;

VISTA la DGR n. 226 del 28 febbraio 2017 con la quale si è disposto di individuare AVEPA quale Organismo Intermedio, ai sensi dell'art. 123 par. 7 del Regolamento (UE) n. 1303/2013;

VISTA la DGR n. 581 del 28 aprile 2017 che approva la procedura per l'apposizione del visto di conformità e del visto di monitoraggio finanziario;

VISTO il Decreto del Direttore della Direzione Programmazione Unitaria n. 35 del 15 maggio 2017 che approva il contenuto dei format del visto di conformità e del visto di monitoraggio finanziario, giusta DGR n. 581/2017;

VISTO l’art. 2 comma 2 della legge regionale n. 54 del 31 dicembre 2012;

VISTA la Legge Regionale n. 47 del 29 dicembre 2017 con cui è stato approvato il bilancio regionale di previsione 2018 – 2020;

DATO ATTO che il Direttore di Area ha attestato che il Vicedirettore di Area nominato con DGR n. 1406 del 29 agosto 2017, ha espresso in relazione al presente atto il proprio nulla osta senza rilievi, agli atti dell’Area medesima;

delibera

  1. di considerare le premesse parte integrante del presente provvedimento;
  1. di approvare, per le considerazioni espresse in premessa, il “Bando per l’erogazione di contributi per investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico alle PMI di montagna” di cui all’Azione 3.3.4. del POR FESR 2014-2020 “Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell'offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa” - sub azione C) “Investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico”, definendo i criteri e le modalità di ammissione ai finanziamenti;
  1. di stabilire che le specifiche condizioni del bando sono indicate nell’Allegato A), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, che riporta i requisiti per poter presentare domanda, i criteri di priorità degli stessi, la localizzazione degli interventi, le tempistiche per la presentazione delle domande, le modalità di presentazione delle stesse, la documentazione da allegare alla domanda, nonché ogni altro elemento informativo utile e necessario per la presentazione delle istanze da parte dei soggetti interessati;
  1. Formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento anche i seguenti allegati: Allegato A1 "Relazione tecnico-illustrativa del progetto”; Allegato  A2 “Fac-simile di lettera di referenze bancarie”; Allegato A3 “Attestazione capacità finanziaria dell’impresa”; Allegato A4 “Schema stima professionista abilitato per progetti che prevedono metodi di edilizia sostenibile e miranti al risparmio energetico ai fini del conseguimento dei relativi punteggi di priorità”.
  1. di stabilire che spetta all’Organismo Intermedio AVEPA la gestione tecnica, finanziaria ed amministrativa dei procedimenti derivanti dal presente provvedimento;
  1. di disporre che l’importo massimo complessivo delle obbligazioni di spesa relative al bando è determinato in Euro 6.000.000,00 (seimilioni/00), e che tale spesa verrà impegnata ed erogata con successivi provvedimenti dal Direttore della Direzione Programmazione Unitaria a favore di AVEPA sui seguenti capitoli di spesa, che presentano adeguata disponibilità nel bilancio di previsione 2018-2020:
  • 102565 “POR FESR 2014-2020 - Asse 3 ‘Turismo’ - Quota comunitaria - Contributi agli investimenti”;
  • 102566 “POR FESR 2014-2020 - Asse 3 ‘Turismo’ - Quota statale - Contributi agli investimenti”;
  • 102567 “POR FESR 2014-2020 - Asse 3 ‘Turismo’ - Quota regionale - Contributi agli investimenti”; 
  1. di stabilire che spetta all’Organismo Intermedio AVEPA  la gestione tecnica, finanziaria ed amministrativa dei procedimenti derivanti dal presente provvedimento;
  1. di dare atto che la Direzione Programmazione Unitaria, a cui sono stati assegnati i capitoli di cui al precedente punto 6, ha attestato che i medesimi presentano sufficiente capienza;
  1. di incaricare la Direzione Turismo dell’esecuzione del presente atto;
  1. di individuare per la realizzazione delle attività delegate ad AVEPA, in corrispondenza dell'attuazione del bando, il Direttore di AVEPA quale Responsabile del trattamento dei dati ai sensi del Reg. 2016/679/UE - General Data Protection Regulation – GDPR;
  1. di dare atto che la spesa di cui si prevede l'impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011;
  1. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell’articolo 26 comma 1 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  1. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

990_AllegatoA0_373906.pdf
990_AllegatoA1_373906.pdf
990_AllegatoA2_373906.pdf
990_AllegatoA3_373906.pdf
990_AllegatoA4_373906.pdf

Torna indietro