Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 102 del 25/10/2016
Scarica la versione firmata del BUR n. 102 del 25/10/2016
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 102 del 25 ottobre 2016


Materia: Enti locali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1480 del 26 settembre 2016

DGR n. 726 del 27.05.2016 "Criteri e modalità per l'assegnazione e l'erogazione di contributi per la fusione di comuni, la costituzione, l'avvio e l'ampliamento dell'esercizio associato di funzioni fondamentali nella forma dell'Unione di Comuni, dell'Unione montana e della Convenzione tra Comuni. Anno 2016. DGR n. 27/CR del 26.04.2016. Art. 10 c.1 L.R. 18 del 27.04.2012". Modifiche.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento, a parziale modifica della DGR n. 726/2016, si procede a ridefinire le modalità di erogazione dei contributi a favore delle forme associative, anticipando nel corrente esercizio 2016 i termini di liquidazione dei contributi a favore degli enti beneficiari.

Il relatore riferisce quanto segue.

Con la DGR n. 726 del 27.05.2016, la Giunta regionale ha fissato i criteri e le modalità per l'assegnazione e l’erogazione di contributi di parte corrente per l’anno 2016 a favore delle forme associative quali le Unioni di Comuni, le Unioni montane e le Convenzioni tra Comuni, al fine di sostenere le spese di primo impianto e di ampliamento, per l’esercizio associato di almeno una funzione fondamentale. In particolare, con riferimento alle modalità di erogazione dei contributi la citata DGR, ha disposto che con apposito provvedimento del Direttore della struttura competente si proceda alla liquidazione dei contributi assegnati alle forme associative, stabilita nella misura del 70% in acconto entro l’esercizio finanziario 2016, contestualmente al provvedimento di concessione, e il restante 30% a saldo, successivamente al 1° ottobre 2017, previa presentazione di una relazione sulle attività svolte e delle relative spese sostenute.

Ora, allo scopo di garantire la massima efficienza nell’utilizzo delle risorse regionali destinate alla promozione dell’associazionismo intercomunale per favorire progetti di avvio e consolidamento delle forme associative e in considerazione delle crescenti difficoltà finanziarie che il sistema delle Autonomie locali sta affrontando, con il presente provvedimento, fermi restando i criteri di assegnazione dei contributi in questione, si propone di modificare parzialmente le modalità di erogazione degli stessi. Ciò premesso, si propone alla Giunta regionale di rivedere quanto già disposto al punto 6 della DGR n. 726/2016 limitatamente alla parte in cui detta le modalità di erogazione dei contributi, disponendo che con il provvedimento di assegnazione dei benefici agli enti beneficiari, il Direttore responsabile della Direzione Enti Locali e Strumentali provveda a liquidare nell’esercizio corrente, in unica soluzione, l’intero importo dei contributi assegnati, fermo restando l’obbligo per gli enti beneficiari di produrre entro il termine del 1° ottobre 2017, la prevista documentazione giustificativa.
Sarà cura della Struttura regionale competente in materia di Enti locali monitorare la realizzazione dei progetti finanziati, precisando che la mancata, tardiva od insufficiente presentazione della suddetta documentazione comporterà la richiesta di restituzione del contributo assegnato e, in ogni caso, sarà valutata quale motivo di esclusione da futuri finanziamenti.

Si specifica inoltre che, nel caso in cui la spesa complessiva sostenuta e validamente rendicontata sia inferiore a quella preventivata e ammessa, il contributo sarà proporzionalmente ridotto, con conseguente restituzione da parte del beneficiari delle somme non spettanti.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la L.R. n. 43/1980 e successive modificazioni.

VISTA la L.R. n. 8 del 24.02.2016.

VISTO l'art. 28 della L.R. n. 1/1997.

VISTO il DSGP n. 4 del 09.03.2016.

VISTA la DGR n. 195 del 03.03.2016.

VISTA la DGR n. 726 del 27.05.2016.

VISTO l'art. 2 c. 2 lett. f) della legge regionale n. 54 del 31 dicembre 2012.

VISTO il D. Lgs n. 118/2011.
VISTO l’art. 42 della L.R. n. 39 del 29.11.2001.

delibera

  1. di confermare i criteri di assegnazione dei contributi per la fusione di comuni, la costituzione, l’avvio e l’ampliamento dell’esercizio associato di funzioni fondamentali nella forma dell’Unione di Comuni, dell’Unione montana e della Convenzione tra Comuni previsti per il corrente anno, già definiti con DGR n. 726 del 27.05.2016;
  2. di ridefinire le modalità di erogazione dei contributi a favore dei beneficiari di cui al precedente punto, previste nella DGR n. 726 del 27.05.2016, nei termini in premessa specificati, prevedendo che con il provvedimento del Direttore della Direzione Enti locali e strumentali si proceda all’erogazione nell’esercizio corrente, in unica soluzione, dell’intero importo dei contributi assegnati;
  3. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  4. di incaricare la Direzione Enti Locali e Strumentali dell'esecuzione del presente atto;
  5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  6. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

Torna indietro