Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 9 del 29/01/2010
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 9 del 29 gennaio 2010


Materia: Formazione professionale e lavoro

Deliberazione della Giunta Regionale n. 4198 del 29 dicembre 2009

D.G.R. n. 359 del 13 febbraio 2004: "Accreditamento degli organismi di formazione - Approvazione bando per la presentazione delle richieste di iscrizione nell'elenco regionale". Nuove modalità di presentazione delle richieste.

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr) [L'Assessore Regionale alle Politiche dell'Istruzione e della Formazione, Elena Donazzan, riferisce quanto segue:

Il decreto 25 maggio 2001 n. 166 del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (ora Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) ha adottato il modello che costituisce la base per tutti i sistemi regionali di accreditamento, finalizzati all'inserimento - in apposito elenco regionale - degli organismi pubblici e privati che organizzano ed erogano attività di orientamento e formazione professionale finanziate con risorse pubbliche, nel rispetto degli obiettivi della programmazione regionale.

Con DGR n. 2140 del 3 agosto 2001 e con DGR n. 178 del 31 gennaio 2003 sono stati predisposti e approvati, rispettivamente, il primo e il secondo bando - e i relativi modelli regionali - per l'accreditamento degli Organismi di Formazione. Gli Organismi di Formazione accreditati nella Regione Veneto (d'ora in poi denominati OdF) sono i soggetti pubblici e privati che possono proporre e realizzare interventi di formazione e di orientamento finanziati con risorse pubbliche, ovvero riconosciuti dalla Regione Veneto ai sensi della Legge Regionale n. 10 del 30 gennaio 1990 e successive modifiche ed integrazioni.

Con DGR n. 971 del 19 aprile 2002, così come modificata dalla DGR n. 1339 del 9 maggio 2003, sono state approvate le linee guida per lo svolgimento delle verifiche in loco dei richiedenti l'accreditamento.

Con Legge Regionale n. 19 del 9 agosto 2002 sono state dettate disposizioni in ordine alla istituzione e tenuta dell'elenco regionale degli OdF. Tale elenco è stato approvato - in base alle risultanze istruttorie dei citati bandi per l'accreditamento - con Decreto del Dirigente Regionale della Formazione n. 1242 del 30 ottobre 2003, in seguito modificato dai Decreti del Dirigente Regionale della Formazione nn. 1359 del 2 dicembre e 1379 del 3 dicembre 2003 e successivi.

Con DGR n. 359 del 13 febbraio 2004, è stato approvato un nuovo bando - e relativo modello - per la presentazione delle istanze di accreditamento degli OdF, al fine di procedere all'iscrizione dei medesimi nell'elenco regionale di cui alla L.R. n. 19/2002. Il bando di cui alla DGR in questione non è soggetto a termini di scadenza e permette quindi di presentare le istanze di accreditamento in qualsiasi momento, senza necessità di attendere scadenze periodiche.

In sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, nella seduta del 20 marzo 2008 è stata raggiunta un'intesa tra i Ministeri del Lavoro e della Previdenza Sociale, della Pubblica Istruzione, dell'Università e Ricerca, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano per la definizione degli standard minimi del nuovo sistema di accreditamento delle strutture formative per la qualità dei servizi. L'intesa in questione è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2009.

In proposito, va rilevato come il vigente modello regionale di accreditamento (allegato B alla suddetta DGR n. 359/2004), che costituisce il parametro di riferimento per i soggetti che intendono richiedere l'iscrizione nell'elenco regionale degli OdF, sia in linea con le previsioni dell'intesa di cui al capoverso precedente e come non sia quindi formalmente necessaria una revisione del modello vigente al fine di mantenere gli standard minimi per la qualità dei servizi.

Appare ora necessario, per uniformarsi a quanto già realizzato con altre attività di pertinenza della Direzione Formazione, che la presentazione delle istanze di accreditamento avvenga tramite una applicazione WEB, con l'inserimento di tutte le informazioni e di tutti gli elementi necessari per la valutazione delle istanze medesime all'interno di un'apposita area cui sarà possibile accedere dal web; prevedendo pertanto la presentazione su formato cartaceo unicamente della richiesta di iscrizione - necessaria ai fini dell'assolvimento dell'imposta di bollo - e di quegli allegati che, assumendo la forma di dichiarazioni sostitutive di certificazione e/o di atto di notorietà, devono essere firmati dal legale rappresentante dell'Ente richiedente secondo le modalità previste dal D.P.R. n. 445/2000.

Tali nuove modalità di presentazione delle istanze - meglio descritte nell'Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, che sostituisce l'Allegato A alla DGR n. 359/2004 - si propongono un duplice obiettivo: da un lato, la riduzione e l'uniformazione della quantità di materiale cartaceo agli atti della Direzione, dall'altro la velocizzazione e la razionalizzazione dei flussi informativi verso i sistemi di gestione, di monitoraggio e di controllo sull'attività svolta dagli Organismi di Formazione accreditati.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

  • Udito il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 33, secondo comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;
  • Visto il decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (ora Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) n. 166 del 25 maggio 2001 ("Definizione degli standard minimi nazionali per l'accreditamento delle strutture professionali e di orientamento");
  • Vista l'intesa tra i Ministeri del Lavoro e della Previdenza Sociale, della Pubblica Istruzione, dell'Università e Ricerca, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano - raggiunta in Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 20 marzo 2008 - per la definizione degli standard minimi del nuovo sistema di accreditamento delle strutture formative per la qualità dei servizi;
  • Viste le Leggi Regionali 13 aprile 2001, n. 11 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi alle autonomie locali in attuazione del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112) e 9 agosto 2002, n. 19 (Istituzione dell'elenco regionale degli Organismi di Formazione accreditati);
  • Viste le precedenti Deliberazioni nn. 2140 del 3 agosto 2001, 971 del 19 aprile 2002, 178 del 31 gennaio 2003, 1339 del 9 maggio 2003, 359 del 13 febbraio 2004;
  • Visti il Decreto del Dirigente della Direzione Regionale Formazione nn. 1242 del 30 ottobre 2003, istitutivo dell'elenco regionale degli Organismi di Formazione accreditati, e i successivi decreti di modifiche ed integrazioni.]

delibera

  1. di approvare l'Allegato A - parte integrante e sostanziale del presente provvedimento - disciplinante le nuove modalità per le presentazione delle istanze di accreditamento ed iscrizione nell'elenco regionale di cui alla Legge Regionale n. 19/2002, che sostituisce l'allegato A alla DGR n. 359/2004;
  2. di demandare al Dirigente Regionale della Direzione Formazione l'assunzione di ogni e qualsiasi provvedimento necessario per l'esecuzione del presente deliberato, anche apportando i successivi adeguamenti tecnici che dovessero risultare necessari per migliorare l'applicazione, nel quadro dei principi di cui alle LL.RR. n.1/97, n.19/02 e della L. n. 59/97, art. 4;
  3. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto, nonché sul sito internet regionale.

(L’allegato avviso è pubblicato in parte terza del presente Bollettino, ndr)

(seguono allegati)

4198_AllegatoA_221529.pdf

Torna indietro