Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 10 del 24/01/2023
Scarica la versione firmata del BUR n. 10 del 24/01/2023
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 10 del 24 gennaio 2023


Materia: Ambiente e beni ambientali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE AMBIENTE E TRANSIZIONE ECOLOGICA n. 344 del 12 dicembre 2022

Acque del Chiampo S.p.A. Impianto di depurazione di Montecchio Maggiore (VI). Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata con il Decreto del Direttore della Direzione Ambiente e Transizione Ecologica (DDR) n. 192 del 29/07/2022. Presa d'atto del collaudo dei lavori di ammodernamento della linea fanghi. Approvazione Piano di Monitoraggio e Controllo (P.M.C.) Revisione 5 del 27/10/2022. Rettifica punto 9.2.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si prende atto del collaudo dei lavori di ammodernamento della linea fanghi dell'impianto, si approva il nuovo Piano di Monitoraggio e Controllo (P.M.C.) REV 5 del 27/10/2022 presentato dalla società Acque del Chiampo S.p.A., in qualità di gestore dell'installazione, e si provvede altresì alla rettifica di un mero errore materiale del punto 9.2 dell'AIA di cui al DDR n. 192/2022.

Il Direttore

VISTO il proprio decreto (DDR) n. 192 del 29/07/2022 recante oggetto “Acque del Chiampo S.p.A.- Impianto di depurazione di Montecchio Maggiore, Comune di Montecchio Maggiore (VI). Rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (di seguito A.I.A.) a seguito di riesame con valenza di rinnovo per l’attività individuata al punto 5.3 a) dell’Allegato VIII alla Parte II del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e ss.mm.ii.”

VISTE le note prot. n. 13779/2016 del 22/07/2016 con cui Acque del Chiampo S.p.A. ha comunicato l’intenzione di ammodernare la linea fanghi esistente, e n. 15337/2016 del 29/08/2021 e 16126/2016 del 09/09/2016 con cui la medesima società ha inviato la relazione tecnica esplicativa dell’intervento.

VISTA la nota protocollo regionale n. 351369 del 19/09/2016, con cui era stata confermata la non sostanzialità della succitata modifica, demandano l’aggiornamento del provvedimento autorizzativo alla presa d’atto del collaudo delle opere.

PRESO ATTO che Acque del Chiampo S.p.A., con nota prot. OUT202100006567 del 30/09/2021, acquisita al protocollo regionale n. 438761 del 30/09/2021, ha comunicato la fine dei succitati lavori di ammodernamento della linea fanghi.

VISTA la nota prot. OUT202200006288 del 31/08/2022, acquisita al protocollo regionale con il n. 345294 del 04/08/2022, con cui Acque del Chiampo S.p.A., ha trasmesso, ai sensi dell’art.43 della L.R. 33/85, il Collaudo Funzionale dei medesimi lavori di cui trattasi.

DATO ATTO che Acque del Chiampo S.p.A., nell’ambito della documentazione allegata all’istanza di riesame dell’A.I.A., presentata in data 30/09/2021, ha già ricompreso tali opere e che, alla luce degli esiti del succitato collaudo, non risulta necessario alcun aggiornamento dell’A.I.A. rilasciata con il DDR n. 192/2022.

RITENUTO di dover comunque prendere atto con il presente provvedimento dell’esito positivo dell’atto di collaudo redatto in data 03/08/2022.

VISTA la nota prot. OUT202200006288 del 31/08/2022, acquisita al protocollo regionale n. 391192 del 01/09/2022, con cui Acque del Chiampo S.p.A., ha trasmesso, in ottemperanza a quanto previsto al punto 9.1 del Decreto n. 192/2022, il nuovo P.M.C. denominato Revisione 4 del 16/08/2022.

DATO ATTO che con nota protocollo regionale n. 0407372 del 06/09/2022 il Direttore della U.O. Servizio Idrico Integrato e Tutela delle Acque, in qualità di responsabile del procedimento, ha chiesto ad ARPAV e alla Provincia di Vicenza di esprimere, entro i successivi 15 giorni, eventuali osservazioni in merito al succitato documento, ai sensi del punto 9.2 del Decreto n. 192/2022.

ATTESO che in riscontro alla nota regionale n. 0407372 del 06/09/2022 non sono pervenute osservazioni da parte della Provincia di Vicenza.

VISTA la nota di ARPAV prot. n. 2022 - 0083571 / U del 21/09/2022, acquisita al protocollo regionale con il n. 437717 del 22/09/2022, con cui l’Agenzia ha comunicato che il P.M.C. denominato Revisione 4 del 16/08/2022 necessitava di un ulteriore aggiornamento con il recepimento di una serie di precisazioni specificate nella medesima nota.

DATO ATTO che con nota prot. n. 0448314 del 29/09/2022 il Direttore della U.O. Servizio Idrico Integrato e Tutela delle Acque ha chiesto ad Acque del Chiampo S.p.A. di integrare il P.M.C. con quanto richiesto da ARPAV.

PRESO ATTO che Acque del Chiampo S.p.A. ha trasmesso, con nota prot. OUT202200008043 del 28/10/2022, acquisita al protocollo regionale con il n. 504749 del 31/10/2022, il nuovo P.M.C. denominato “Revisione 5 del 27/10/2022”.

ATTESO che, nella summenzionata nota, Acque del Chiampo S.p.A. ha chiesto di posticipare lo studio idrogeologico, preliminare all’individuazione di nuovi pozzi di controllo della falda, alla conclusione, presumibilmente nel 2025, dei lavori di realizzazione dell’alta velocità ferroviaria, del nuovo casello dell’autostrada A4 e della bretella di collegamento con la Superstrada Pedemontana Veneta, che ridefiniranno l’area esterna all’impianto.

DATO ATTO che, con nota protocollo regionale n. 0509695 del 03/11/2022, il Direttore della U.O. Servizio Idrico Integrato e Tutela delle Acque:

  • ha evidenziato che il PMC trasmesso riportava già i parametri della falda da monitorare e che, pertanto, l’integrazione del sistema di controllo poteva essere demandata ad un separato successivo documento integrativo;
  • ha chiesto, tenuto conto di quanto sopra, ai sensi del punto 9.2 del Decreto n. 192/2022, ad ARPAV e alla Provincia di Vicenza di esprimere, entro i successivi 20 giorni, eventuali osservazioni in merito al P.M.C. “Revisione 5 del 27/10/2022”;
  • ha chiesto ad Acque del Chiampo S.p.A. di integrare, entro 10 giorni, la richiesta di proroga per l’individuazione di nuovi pozzi di controllo della falda fornendo adeguata documentazione a supporto atta a dimostrare l’interferenza delineata;
  • ha chiesto a Provincia ed ARPAV di esprimere, a seguito delle integrazioni presentate dalla Ditta, eventuali osservazioni sulla richiesta di differimento dello studio idrogeologico preliminare di cui sopra.

PRESO ATTO che Acque del Chiampo S.p.A. ha trasmesso alla Regione, alla Provincia di Vicenza e ad ARPAV, con nota prot. OUT202200008421 del 09/11/2022, acquisita al protocollo regionale con il n. 519355 del 09/11/2022, la documentazione integrativa a supporto della richiesta di proroga succitata.

VISTA la nota prot. 2022 - 0102979 / U del 22/11/2022 acquisita al prot. regionale al n. 54086 del 23/11/2022, con cui ARPAV ha espresso il proprio parere favorevole sul P.M.C. denominato “Revisione 5 del 27/10/2022” “nelle more dei monitoraggi afferenti le acque sotterranee”.

RILEVATO che in riscontro alla succitata nota regionale n. 509695 del 3/11/2022 non sono ad oggi pervenute osservazioni da parte della Provincia di Vicenza.

PRESO ATTO delle motivazioni addotte dalla società Acque del Chiampo S.p.A. a supporto della richiesta di posticipare lo studio idrogeologico, preliminare all’individuazione di nuovi pozzi di controllo della falda, alla conclusione dei lavori di realizzazione dell’alta velocità ferroviaria, del nuovo casello dell’autostrada A4 e della bretella di collegamento con la Superstrada Pedemontana Veneta, che ridefiniranno l’area esterna all’impianto, opere attualmente in fase di esecuzione.

RITENUTO al riguardo di prescrivere che tale studio dovrà essere inviato entro 6 mesi dalla conclusione dei suddetti lavori e che Acque del Chiampo S.p.A. dovrà trasmettere, quale allegato alla relazione annuale prevista al punto 9.3 del DDR n. 192 del 29/07/2022, un’informativa sullo stato di avanzamento degli stessi, al fine di determinare le tempistiche per la redazione dello studio di cui sopra.

RITENUTO pertanto di approvare, con il presente provvedimento, il P.M.C. denominato “Revisione 5 del 27/10/2022” rinviando il perfezionamento del sistema di controllo della falda al ricevimento ed alla valutazione degli esiti del succitato studio idrogeologico preliminare.

RILEVATO infine che, per mero errore materiale, al punto 9.2 del dispositivo del precedente DDR n. 192/2022 è citata la Provincia di Treviso invece di quella di Vicenza, competente per territorio.

RITENUTO pertanto necessario rettificare il succitato decreto con l’indicazione corretta della Provincia di riferimento.

VISTA la Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (direttiva IED).

VISTO il Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 e ss.mm.ii., recante “Norme in materia ambientale”.

VISTE le L.R. n. 33/85, n. 3/2000 e n. 4/2016, e loro ss.mm.ii.;.

VISTA la L. n. 241/1990 in materia di procedimento amministrativo.

VISTE le DGR n. 242/2010 e n. 863/2012 in materia di Piano di Monitoraggio e Controllo.

VISTA la DGR n. 21 dell’11 gennaio 2018, come modificata dalla successiva DGR n. 421 del 09.04.2019, relativa alle competenze delle strutture regionali in materia di A.I.A.

decreta

  1. Di stabilire che le premesse formano parte integrante del presente provvedimento.
  1. Di prendere atto dell’esito positivo dell’atto di collaudo funzionale dei lavori di ammodernamento della linea fanghi dell’impianto, redatto in data 03/08/2022 e allegato alla nota prot. OUT202200006288 del 31/08/2022 trasmessa da Acque del Chiampo S.p.A. ed acquisita al protocollo regionale con il n. 345294 del 04/08/2022.
  1. Di approvare il P.M.C. denominato “Revisione 5 del 27/10/2022”, trasmesso da Acque del Chiampo S.p.A. con nota prot. OUT202200008043 del 28/10/2022, acquisita al protocollo regionale n. 504749 del 31/10/2022.
  1. Di stabilire che entro 6 mesi dalla conclusione dei lavori di realizzazione dell’alta velocità ferroviaria, del nuovo casello dell’autostrada A4 e della bretella di collegamento con la Superstrada Pedemontana Veneta, opere attualmente in fase di esecuzione, dovrà essere inviato lo studio idrogeologico preliminare per l’individuazione di nuovi pozzi di controllo della falda.
  1. Di stabilire che Acque del Chiampo S.p.A., quale allegato alla relazione annuale prevista al punto 9.3 del DDR n. 192 del 29/07/2022, dovrà trasmettere un’informativa sullo stato di avanzamento degli stessi, al fine di determinare le tempistiche per la redazione dello studio di cui sopra.
  1. Di rinviare il perfezionamento del sistema di controllo della falda al ricevimento ed alla valutazione del succitato studio idrogeologico preliminare.
  1. Di rettificare il proprio precedente di cui al DDR n. 192 del 29/07/2022 sostituendo il punto 9.2 del medesimo provvedimento con il seguente:

“9.2. ogni variazione del P.M.C. deve essere comunicata alla Regione, ad ARPAV e alla Provincia di Vicenza ed è soggetta all'approvazione della Regione previo parere degli Enti di controllo;”

  1. Di fare salve tutte le altre condizioni e prescrizioni dell'A.I.A. di cui al succitato DDR n. 192/2022, per quanto non in contrasto con quanto contenuto nel presente Decreto.
  1. Di comunicare il presente provvedimento alla ditta Acque del Chiampo S.p.A., al Comune Montecchio Maggiore, alla Provincia di Vicenza, ad ARPAV, al Consiglio di Bacino “Valle del Chiampo” e al Consorzio A.Ri.C.A.
  1. Di pubblicare il presente provvedimento integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione.
  1. Di dare atto che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) oppure in via alternativa al Presidente della Repubblica, nei termini e nelle modalità previste dalla legge.

Paolo Giandon

Torna indietro