Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 119 del 04/12/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 119 del 04/12/2018
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 119 del 04 dicembre 2018


Materia: Ambiente e beni ambientali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE AMBIENTE n. 485 del 22 novembre 2018

Progetto definitivo complessivo dei lavori di "Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia (P149)", datato 12.09.2016 e progetto definitivo dei lavori di "Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia - LOTTO 1 (P149.1)", datato 24.09.2018, predisposti dal Consorzio di Bonifica "Acque Risorgive". C.U.P.: C68J05000020002; L.R. n. 17/1990. Approvazione del Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria, in forma simultanea e sincrona, ai sensi della L. n. 241/1990, come modificata dal D.Lgs. n. 127 del 30.06.2016 ed art. 10, co. 1 del D.P.R. n. 327/2001, finalizzata all'approvazione dei progetti ed all'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio e conclusione del procedimento.

Note per la trasparenza

Con il presente atto si provvede ad approvare il Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria, simultanea e Sincrona relativa ai progetti definitivi complessivo (P149) e Lotto 1 (P149.1), citati nell’oggetto, all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e contestualmente concludere il procedimento.

Estremi dei principali documenti dell’Istruttoria:

  • Istanze consortili 06.10.2017, prot. n. 17899; 20.10.2017, prot. n. 18733; 01.10.2018, prot. n. 17003.
  • Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria del 31.10.2018 (Allegato AA)

(*) Il testo del decreto è stato integralmente sostituito con errata corrige pubblicata nel BUR n. 126 del 18 dicembre 2018. ndr

Il Direttore

VISTO il Decreto del Direttore della Direzione Ambiente n. 429 del 10.10.2018, con cui è stata indetta la Conferenza di Servizi decisoria, in forma simultanea e Sincrona, ai sensi della L. n. 241/1990, come modificata dal D.Lgs. n. 127 del 30.06.2016 e dell’art. 10, comma 1, del DPR n. 327/2001, finalizzata all’approvazione dei seguenti progetti predisposti dal Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive” ed all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio:

  • progetto definitivo complessivo dei lavori di “Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia (P149)”, datato 12.09.2016;
  • progetto definitivo dei lavori di “Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia – LOTTO 1 (P149.1)”, datato 24.09.2018, C.U.P.: C68J05000020002.

VISTA la nota prot. n. 411727, del 10.10.2018, con la quale è stata formalizzata la convocazione della Conferenza di Servizi in argomento, programmata per mercoledì 31.10.2018, alle ore 10:00 a Venezia, presso la sede regionale di Palazzo Linetti, Calle Priuli 99.

CONSIDERATO che l’anzidetta Conferenza di Servizi si è effettivamente svolta il 31 ottobre 2018.

VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria del 31 ottobre 2018 che, nelle determinazioni conclusive, esprime Parere favorevole all’approvazione degli anzidetti progetti definitivi, con prescrizioni, reso all’unanimità degli aventi diritto al Voto (Allegato AA al presente provvedimento).

RITENUTO

  • di concludere il procedimento, dando atto delle risultanze e quindi di approvare il Verbale della Conferenza di servizi Decisoria, tenutasi il 31.10.2018, Allegato AA, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
  • di approvare sotto il profilo tecnico, economico, ambientale e paesaggistico, finalizzato al rilascio dell’Autorizzazione Paesaggistica, i progetti definitivi di cui trattasi, subordinatamente al rispetto delle determinazioni conclusive assunte dalla Conferenza di Servizi Decisoria del 31.10.2018.
  • di disporre la pubblicità del Provvedimento conclusivo della Conferenza di Servizi decisoria, ai sensi dell’art. 39 del D.lgs. n. 33 del 14.03.2013, mediante pubblicazione nel sito
    http://sistemavenezia.regionbe.veneto.it/content/marzenego-osellino, dando atto che tale pubblicità è condizione dell’efficacia dell’atto stesso.

VISTA la D.C.R. n. 24 del 04.05.2004, che ha approvato il programma per il disinquinamento della Laguna di Venezia, 8^ Fase, con i fondi recati dalle Leggi n. 388/2000 e n. 448/2001 e, alle Schede di progetto B.7 e B.15, ha individuato il Consorzio di Bonifica “Dese Sile” (ora “Acque Risorgive”) quale beneficiario di un finanziamento complessivo di € 10.000.000,00.

VISTA la D.C.R. n. 10 del 08.02.2012, che ha approvato il “Programma degli interventi per il disinquinamento della Laguna di Venezia” (10^ Fase) ed ha assegnato, per la riqualificazione ambientale del Marzenego-Osellino, un ulteriore finanziamento di € 16.520.000,00 (Scheda di Progetto B-2)

VISTO l’Accordo di Programma sottoscritto il 13.04.2006, tra Regione del Veneto, Magistrato alle Acque di Venezia (ora Provveditorato Interregionale per le OO.PP.), Comune di Venezia e Consorzio di Bonifica “Dese Sile” (ora “Acque Risorgive”), concernente la “Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia”, che prevede l’individuazione del Consorzio di Bonifica “Dese Sile” quale soggetto attuatore degli interventi.

CONSIDERATO che l’apposizione del vincolo urbanistico preordinato all’esproprio, mediante la Variante allo strumento urbanistico comunale e la dichiarazione di pubblica utilità, costituisce condizione per procedere successivamente alla espropriazione dei beni immobili necessari alla realizzazione dell’opera ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. n. 327/2001.

RICHIAMATA la D.G.R. 07.11.2003, n. 3391, con la quale la Regione delega i Consorzi di Bonifica alla definizione di tutti gli adempimenti espropriativi relativi alla realizzazione di OO.PP. di bonifica ed irrigazione, dall’avvio del procedimento, ex lege 07.08.1990, n. 241, fino alla definizione degli atti espropriativi ai sensi e per gli effetti del combinato disposto dell’art. 3, lettera b), e dell’art. 6, punto 8, del D.P.R. 08.06.2001, n. 327 (recante il “Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità”, modificato dal D.L.vo 27.12.2002, n. 302), dell’art. 20, comma 2 della L.R. n. 12/2009 e dell’art. 70, comma 6, della L.R. n. 27/2003 e ss.mm. e ii.

RITENUTO di delegare al Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive” tutte le funzioni di Autorità Espropriante, relative alla realizzazione dei progetti in argomento, fino alla definizione degli atti espropriativi, ai sensi del D.P.R. n. 327/2001, art 3, lettera b), dell’art. 6, comma 8, come modificato dal D.lgs. n. 302/2002, dell’art. 70, comma 6 della L.R. n. 27/2003 e ss.mm. e ii. E dell’art. 20, comma 2 della L.R. n. 12/2009, anche per le nuove aree oggetto di apposizione del vincolo preordinato all’esproprio di cui al presente Atto.

VISTA la D.C.R. 01.03.2000 n. 24 che approva il “Piano per la prevenzione dell’inquinamento ed il risanamento delle acque del bacino idrografico immediatamente sversante nella Laguna di Venezia – Piano Direttore 2000”;

VISTE le Leggi n. 171/1973, n. 798/1984, n. 139/1992 (2^ Fase), n. 345/1997, n. 488/99, n. 448/1998 (6^ Fase), n. 388/2000, n. 448/2001 (VIII Fase), n. 539/1995, n. 515/1996 (III Fase).

VISTO il D.P.R. 08.06.2001 n. 327 e s.m.i. – T.U. espropriazioni per pubblica utilità –, art. 3, lett. b); art. 6, co. 1, 2 e 8; art. 9, co. 2; art. 10; art. 11, co. 2; art. 12, co. 1 e 3; art. 13, co. 1 e 4; art. 16, co. 6; art. 17, co. 1; art. 19, co. 2; il D.L.vo 27.12.2002 n. 302; il D.L.vo 27.12.2004 n. 330; il D.L.vo 12.04.2006 n. 163; il D.P.R. 05.10.2010 n. 207; il D.Lgs. n. 42 del 22.01.2004 e ss.mm. e ii.; il DPR n. 31 del 13.02.2017.

VISTE le Leggi Regionali 27.02.1990 n. 17; 26.03.1999 n. 10 e ss.mm.ii.; 07.11.2003 n. 27; 08.05.2009 n. 12, art. 20; 07.01.2011 n. 1.

VISTI gli articoli 23 e 24 della L.R. 10.01.1997 n. 1, in materia di attribuzioni di funzioni e compiti ai dirigenti.

VISTE le Deliberazioni della Giunta Regionale n. 802 e n. 803 del 27.05.2016 e la D.G.R. 12.07.2016 n. 1155, che hanno ridefinito l’organizzazione amministrativa della Giunta Regionale, con istituzione della “Unità Organizzativa Progetto Venezia” e della “Unità Organizzativa Supporto di Direzione”, nell’ambito della “Direzione Ambiente”, all’interno dell’ “Area Tutela e Sviluppo del Territorio”.

VISTO il Decreto del Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio 19.07.2016 n. 3, avente per oggetto: Attribuzione delle competenze a livello di Unità Organizzativa, a seguito della ridefinizione dell’assetto organizzativo della Direzione Ambiente, di cui alla DGR 12.07.2016, n. 1155.

VISTO il Decreto del Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio 16.01.2017, n. 9, avente ad oggetto l’organizzazione dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio. L.R. 31.12.2012, n. 54 come modificata con la L.R. 17.05.2016, n. 14.

VISTO il D.Lgs. 30.06.2016, n. 127 – Norme per il riordino della disciplina in materia di Conferenza di Servizi, in attuazione dellal’art. 2 della L. 07.08.2015, n. 124”.

VISTA la D.G.R. 31.07.2018, n. 1064 (Linee-Guida in materia di Conferenza di Servizi).

decreta

  1. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
  2. Di dare atto delle Determinazioni conclusive della Conferenza di Servizi Decisoria tenutasi il 31.10.2018, nella sede regionale di Palazzo Linetti, Calle Priuli 99 a Venezia, con cui si esprime Parere Favorevole all’approvazione sotto il profilo tecnico, economico, ambientale, paesaggistico, ed alla apposizione del vincolo preordinato all’esproprio sulle nuove aree, non comprese nella Delibera del Commissario Straordinario del Comune di Venezia n. 63 del 29.07.2014, dei seguenti progetti, predisposti dal Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive”:
  1. progetto definitivo complessivo dei lavori di “Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia (P149)”, datato 12.09.2016; dell’importo totale di € 26.820.000,00; C.U.P.: C68J05000020002.
  2. progetto definitivo dei lavori di “Riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino per la riduzione ed il controllo dei nutrienti sversati in Laguna di Venezia – LOTTO 1 (P149.1)”, datato 24.09.2018, dell’importo totale di € 5.000.000,00. C.U.P.: C68J05000020002.
  1. Di approvare il Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria tenutasi il 31.10.2018 (Allegato AA), che costituisce parte integrande e sostanziale del presente Provvedimento, unitamente agli allegati (A, B, C, D, E, F, G, H) del Verbale medesimo, subordinatamente al rispetto di tutte le raccomandazioni, considerazioni e prescrizioni in esso contenute.
  2. Di prendere atto che il Verbale della Conferenza di Servizi Decisoria del 31.10.2018 è stato approvato in modo unanime, conseguentemente, sulla scorta delle disposizioni dell’art. 14-ter, comma 7 e dell’art. 14-quater, della L. n. 241/1990 e ss.mm. e ii., le Determinazioni della Conferenza di Servizi Decisoria sono immediatamente efficaci e sostituiscono tutti gli atti di assenso, comunque denominati, delle Amministrazioni e dei Gestori di beni o Servizi Pubblici interessati.
  3. Di approvare, sulla scorta dell’art. 25 della L.R. n. 27/2003 e ss.mm. e ii., in linea tecnica, economica, ambientale e Paesaggistica i progetti richiamati al precedente punto 2.
  4. Di dichiarare la Pubblica Utilità, Urgenza ed Indifferibilità degli interventi richiamati al precedente punto 2.
  5. Con il presente atto ed in esito alle disposizioni della D.G.R. n. 3391/2003 e della D.G.R. n. 1169/2012, al Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive” vengono delegate tutte le funzioni di Autorità Espropriante, relative alla realizzazione delle opere pubbliche richiamate al punto 2 del presente Provvedimento, fino alla definizione degli atti espropriativi, ai sensi del D.P.R. n. 327/2001, art 3, lettera b), dell’art. 6, comma 8, come modificato dal D.lgs. n. 302/2002, dell’art. 70, comma 6 della L.R. n. 27/2003 e ss.mm. e ii. E dell’art. 20, comma 2 della L.R. n. 12/2009, anche per le nuove aree oggetto di apposizione del vincolo preordinato all’esproprio di cui al presente Atto.
  6. Di stabilire che, in base al Provvedimento di esproprio degli immobili necessari all’esecuzione delle opere in concessione, il Concessionario ha l’obbligo di promuovere la voltura catastale di tali beni, curandone l’intestazione al competente Demanio.
  7. Di apporre il vincolo preordinato all’esproprio, ai sensi dell’art. 10, comma 1 del D.P.R. n. 327/2001 e ss.mm. e ii., per le nuove aree interessate dagli interventi in oggetto.
  8. Di rilasciare l’Autorizzazione Paesaggistica ai sensi dell’art. 146 del D.Lgs. n. 42/2004 e ss.mm. e ii., per gli interventi citati nell’oggetto.
  9. Di trasmettere il presente Provvedimento al Comune di Venezia, alla Città Metropolitana di Venezia, all’ARPAV, al Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Veneto, Friuli V.G. – Trentino A.A., alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna, all’Azienda ULSS n. 3 “Serenissima”, a VERITAS S.p.A., a TERNA S.p.A., a SNAM Rete Gas S.p.A., alla E-Distribuzione S.p.A., al Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive”.
  10. Di disporre la pubblicità del Provvedimento conclusivo della Conferenza di Servizi decisoria, ai sensi dell’art. 39 del D.lgs. n. 33 del 14.03.2013, mediante pubblicazione nel sito
    http://sistemavenezia.regionbe.veneto.it/content/marzenego-osellino, dando atto che tale pubblicità è condizione per l’acquisizione dell’efficacia dell’atto stesso.
  11. Di incaricare dell’esecuzione del presente provvedimento la U.O. Supporto di Direzione della Direzione Ambiente.
  12. Di rammentare che avverso il presente Provvedimento, può essere proposto ricorso giurisdizionale avanti il Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’avvenuta conoscenza, secondo quanto sancito dal D.lgs. n. 104 del 02.07.2010, ovvero, alternativamente, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni, ai sensi della Legge n. 1199 del 24.11.1971 e ss.mm. e ii.
  13. Di pubblicare il presente Atto integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Luigi Fortunato

(*) Il testo del decreto è stato integralmente sostituito con errata corrige pubblicata nel BUR n. 126 del 18 dicembre 2018. ndr

(seguono allegati)

485_Allegato_AA_DDR_485_22-11-2018_382950.pdf

Torna indietro