Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 127 del 29/12/2017
Scarica la versione firmata del BUR n. 127 del 29/12/2017
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 127 del 29 dicembre 2017


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE n. 115 del 20 dicembre 2017

Approvazione delle risultanze istruttorie di valutazione delle richieste di contributo, presentate dai Comuni e dalle Aziende ULSS del Veneto, per interventi finalizzati all'implementazione e alla gestione di Centri antiviolenza, Case rifugio e Case di secondo livello, strutture predisposte per accogliere donne, sole o con figli minori, vittime di violenza. Anno 2017. DGR n. 1856 del 14.11.2017. L.R. 23 aprile 2013, n. 5 "Interventi regionali per prevenire e contrastare la violenza contro le donne".

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si approvano le risultanze istruttorie delle richieste di finanziamento presentate, per l’anno 2017, dai Comuni e dalle Aziende ULSS del Veneto per interventi finalizzati all’implementazione e alla gestione delle strutture predisposte per accogliere donne, sole o con figli minori, vittime di violenza, e riportate negli elenchi aggiornati e approvati dalla Giunta regionale.

Il Direttore

VISTA la deliberazione n. 1856 del 14 novembre 2017 con la quale la Giunta Regionale ha definito i criteri e le modalità per la concessione di contributi ai Comuni e alle Aziende ULSS del Veneto per interventi finalizzati all’implementazione e alla gestione di Centri antiviolenza, Case rifugio, Case di secondo livello per accogliere donne vittime di violenza, sole o con figli minori, strutture previste rispettivamente agli articoli 3, 4 e 5 della legge regionale 23 aprile 2013, n. 5 e riportate negli elenchi aggiornati e approvati dalla Giunta regionale con deliberazione n. 761 del 29 maggio 2017;

DATO ATTO che la DGR n. 1856/2017 ha approvato lo schema di Bando e la modulistica per la presentazione delle richieste di contributo, rinviando a successivo provvedimento del Direttore della Unità Organizzativa Cooperazione internazionale l’approvazione delle risultanze dell’istruttoria delle domande presentate, l’individuazione dei soggetti ammessi a contributo, nonché l’autorizzazione ad Azienda Zero di provvedere all’erogazione dei contributi regionali a favore degli Enti che risulteranno beneficiari dei finanziamenti, prevedendo altresì uno stanziamento complessivo di € 400.000,00 sul capitolo 103227 “Trasferimenti per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne (art. 2 L.R. 23/04/2013, n. 5)” del Bilancio di previsione 2017-2019, esercizio 2017;

VERIFICATO che la citata deliberazione n. 1856/2017, unitamente al Bando e alla modulistica per le richieste di contributo, sono state pubblicate nel Bollettino ufficiale della Regione del Veneto n. 109 del 17.11.2017 e nel sito Internet della Regione;

DATO ATTO che il termine ultimo per la presentazione delle richieste di contributo relative al sostegno regionale in oggetto era fissato per il giorno 10.12.2017;

PRESO ATTO che sono pervenute, nei termini, da Comuni e Aziende ULSS complessivamente n. 37 domande di contributo, di cui n. 20 domande per Centri antiviolenza, n. 9 domande per Case rifugio, n. 8 domande per Case di secondo livello e che le stesse sono state valutate dall’Ufficio competente sulla base delle modalità e dei criteri stabiliti nel Bando approvato con DGR n. 1856/2017, rispetto ai quali si evidenziano le specificazioni di seguito elencate:

Criteri di valutazione (punto X del Bando) applicazione dei criteri di seguito elencati:

  • Centri antiviolenza: il numero di utenti che si sono rivolti al centro (prese in carico) nell’anno 2016. Il dato considerato è quello riportato nelle schede di rilevazione anno 2017 inviate da tutte le strutture iscritte negli elenchi e agli atti presso gli uffici della Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR;
  • Case rifugio e Case di secondo livello: il numero di persone ospitate per giorni di presenza nell’anno 2016. Il dato considerato è quello riportato nelle schede di rilevazione anno 2017 inviate da tutte le strutture iscritte negli elenchi ed agli atti presso gli uffici della predetta Direzione;

Graduatoria (punto XI del Bando): sono state formulate tre distinte graduatorie, una per tipologia di struttura, assegnando il contributo secondo il criterio specificato al punto successivo;

Contributo concedibile (punto XII del Bando): il finanziamento regionale è stato assegnato per un importo complessivo massimo di Euro 15.000,00 secondo la seguente modalità:

-      Euro 8.000,00 per ogni domanda ammessa al finanziamento in ciascuna graduatoria - centri antiviolenza, case rifugio e case di secondo livello - più un contributo aggiuntivo. Il contributo aggiuntivo massimo è stato Euro 7.000,00. Al primo classificato per ciascuna graduatoria è stato assegnato il contributo fisso di Euro 8.000,00 e l’intero contributo aggiuntivo. Per ogni posizione successiva in graduatoria è stato applicato un abbattimento percentuale pari al 5% sul contributo aggiuntivo (esempio: 1^ classificato=100% pari a Euro 7.000,00; 2^ classificato = 95% pari a Euro 6.650,00 ecc.) fino all’esaurimento delle risorse disponibili per ciascuna tipologia di struttura;

DATO ATTO che il punto XIII (Modalità di erogazione e rendicontazione dei contributi) del Bando prevede, in particolare, che i soggetti beneficiari dei contributi dovranno comunicare la data di avvio delle attività progettuali e il Codice Unico di progetto (CUP) ed inoltre che l’erogazione del finanziamento avverrà secondo le seguenti modalità:

  1. 70% quale acconto del contributo, a seguito dell’acquisizione da parte degli Uffici regionali della documentazione sopra citata;
  2. 30% quale saldo previa presentazione da parte del rappresentante legale dell’ente beneficiario della relazione finale sull’attività svolta, del rendiconto finanziario e della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà;

DATO ATTO che, viste le risultanze delle attività istruttorie in argomento, sono finanziate le richieste specificate negli Allegati di seguito indicati:

  • n. 20 Centri antiviolenza elencati nell’Allegato A “Centri antiviolenza: interventi finanziati - Anno 2017” per l’importo complessivo di € 210.000,00;
  • n. 9 Case rifugio elencate nell’Allegato B “Case rifugio: interventi finanziati - Anno 2017”, per l’importo complessivo di € 100.000,00;
  • n. 8 Case di secondo livello elencate nell’Allegato C “Case di secondo livello: interventi finanziati - Anno 2017”, per l’importo complessivo di € 90.000,00;

VISTA la Deliberazione n. 286 del 14.03.2017 con la quale la Giunta regionale, in attesa del perfezionamento dell’iter di approvazione del bilancio preventivo della Gestione Sanitaria Accentrata (GSA) di cui all’articolo 2, comma 4, della L.R. n. 19 del 25.10.2016 , ha autorizzato l’erogazione attraverso l’Azienda Zero dei finanziamenti della GSA, la cui copertura finanziaria è prevista anche a carico del capitolo 103227;

DATO ATTO che con la DGR n. 286/2017 Azienda zero è stata autorizzata a utilizzare le risorse per la copertura finanziaria delle obbligazioni derivanti dall’esercizio delle competenze assegnatele dalla legge regionale 25 ottobre 2016, n. 19 nonché per le obbligazioni assunte a seguito del suo subentro alla Regione nei rapporti giuridici previsti da contratti, convenzioni – ed eventualmente altre posizioni – come previsto dall’articolo 32, comma 3, della L.R. 30 dicembre 2016, n. 30;

VISTO il Decreto della Direzione Programmazione economico-finanziaria SSR n. 52 del 27.11.2017 con il quale, in attuazione delle DGR n. 286/2017 è stato assunto l’impegno di spesa n. 7812 per Euro 480.000,00 sullo stanziamento previsto dal Bilancio regionale 2017-2019, esercizio finanziario 2017 sul capitolo 103227, di cui Euro 400.000,00 in attuazione della DGR n. 1856/2017;

DATO ATTO che, secondo quanto previsto dalla DGR n. 1856/2017, con successivi provvedimenti del Direttore della Unità Organizzativa Cooperazione internazionale si provvederà a dare incarico all’Azienda Zero per l’erogazione dei contributi regionali a favore degli Enti beneficiari di cui agli Allegati A, B e C per l’importo complessivo di Euro 400.000,00 e con le modalità specificate al punto XIII (Modalità di erogazione e rendicontazione dei contributi) del Bando;

RITENUTO di fissare al 31.12.2018 il termine ultimo per la realizzazione degli interventi e al 28.02.2019 il termine per la presentazione della documentazione finale;

DATO ATTO  che per quanto non disposto nel presente atto si farà riferimento alla DGR n. 1856 del 14 novembre 2017;

VISTA la L.R. 23 aprile 2013, n. 5;

VISTA la legge regionale 29 novembre 2001, n. 39 e ss.ms. e ii.;

VISTO il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm. e ii.;

VISTA la legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54 e s.m. e i.;

VISTO il D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm. e ii.;

VISTA la L.R. 30.12.2016, n. 32;

VISTA la L.R. 19.07.2017, n. 16;

VISTA la DGR n. 1 del 10.01.2017 “Approvazione del Documento tecnico di accompagnamento del Bilancio di previsione 2017-2019”;

VISTO il Decreto del Segretario Generale della Programmazione n. 1 del 13.01.2017 “Bilancio finanziario gestionale 2017-2019”;

VISTA la DGR n. 108 del 07.02.2017 “Direttive per la gestione del Bilancio di previsione 2017-2019”;

VISTA la DGR n. 1856 del 14.11.2017;

VISTO il Decreto della Direzione Programmazione economico-finanziaria SSR n. 52 del 27.11.2017;

VISTI gli atti d’ufficio;

 

decreta

  1. di ritenere le premesse e gli Allegati A, B e C parti integranti e sostanziali del presente provvedimento;
  2. di approvare, in conformità alla DGR n. 1856 del 14.11.2017, le risultanze istruttorie di valutazione delle richieste di contributo presentate dai Comuni e dalle Aziende ULSS del Veneto per la realizzazione degli interventi finalizzati all’implementazione e alla gestione di Centri antiviolenza, Case rifugio e Case di secondo livello, strutture predisposte per accogliere donne, sole o con figli minori, vittime di violenza, di cui alla L.R. n. 5/2013 riportati negli Allegati A “Centri antiviolenza: interventi finanziati - Anno 2017”, B “Case rifugio: interventi finanziati - Anno 2017” e C “Case di secondo livello: interventi finanziati - Anno 2017” con l’assegnazione di finanziamenti per ’importo complessivo di Euro 400.000,00;
  3. di dare atto che la copertura finanziaria per le obbligazioni derivanti dalla concessione di contributi a favore dei Enti individuati negli Allegati A “Centri antiviolenza: interventi finanziati - Anno 2017”, B “Case rifugio: interventi finanziati - Anno 2017” e C “Case di secondo livello: interventi finanziati - Anno 2017”, per l’importo complessivo di Euro 400.000,00, è posta a valere sull’impegno di spesa n.7812 assunto con il Decreto della Direzione Programmazione economico-finanziaria SSR n. 52 del 27.11.2017 a carico del capitolo 103227 “Trasferimenti per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne (art. 2 L.R. 23/04/2013, n. 5)” del Bilancio regionale 2017-2019;
  4. di dare atto che con successivi provvedimenti del Direttore della Unità Organizzativa Cooperazione internazionale verrà dato incarico all’Azienda Zero di provvedere all’erogazione dei contributi regionali a favore degli Enti beneficiari, secondo l’ordine delle graduatorie di cui agli Allegati A, B e C, secondo le modalità indicate al punto XIII del Bando approvato con DGR n. 1856/2017;
  5. di fissare il termine ultimo per la realizzazione dei progetti finanziati al 31.12.2018, con obbligo di presentazione della documentazione finale entro il 28.02.2019;
  6. di informare che avverso il presente decreto è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’avvenuta conoscenza oppure ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni;
  7. di stabilire che, per quanto non disposto nel presente atto, si farà riferimento alla DGR n. 1856 del 14.11.2017;
  8. di trasmettere copia del presente provvedimento ad Azienda Zero per il tramite della Direzione Programmazione economico-finanziaria SSR;
  9. di pubblicare il presente provvedimento ai sensi degli articoli 26 e 27 del D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33;
  10. di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Maria Elisa Munari

(seguono allegati)

115_AllegatoA_DDR_115_20-12-2017_359945.pdf
115_AllegatoB_DDR_115_20-12-2017_359945.pdf
115_AllegatoC_DDR_115_20-12-2017_359945.pdf

Torna indietro