Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 4 del 11/01/2019
Scarica la versione firmata del BUR n. 4 del 11/01/2019
Scarica versione stampabile Appalto

Bur n. 4 del 11 gennaio 2019


REGIONE DEL VENETO

Unità Organizzativa Genio Civile Treviso. D.G.R. n. 783 del 11.03.2005. Pubblicazione dell'avviso relativo all'istruttoria per rilascio di subentro della concessione per lo sfalcio di prodotti erbosi liberamente nascenti nel lotto nr. SF30 su pertinenze del fiume Monticano per un totale di Ha 02.08.23, situati nel territorio comunale di Vazzola.

Si rende noto

Che questa Amministrazione, ai sensi della DGR. nr. 783 del 11/03/2005, intende affidare in concessione, per anni 10 mediante licitazione privata, le aree del demanio idrico per lo sfalcio di prodotti erbosi liberamente nascenti relative  al  lotto nr. SF30, pertinenze del fiume Monticano per un totale di Ha 02.08.23, situati nel territorio comunale di Vazzola in seguito indicati:

FOGLIO  3:   mappali  n.  133 (porzione mq 6.163), n. 134  (porzione mq 14.660).

SOGGETTI CHE POSSONO PARTECIPARE:

  • Giovani imprenditori agricoli
  • Imprenditori agricoli e/o coltivatori diretti con diritto di preferenza
  • Imprenditori agricoli e/o coltivatori diretti con diritto di prelazione
  • Imprenditori agricoli e/o coltivatori diretti

Le Ditte interessate dovranno presentare la richiesta di partecipare alla gara per l’assegnazione delle aree suddette.

La richiesta, redatta su carta semplice ( fac-simile ) al presente avviso), e la relativa documentazione, dovranno pervenire all’Unità Organizzativa Genio Civile Treviso, Viale De Gasperi 1, 31100 TREVISO, entro e non oltre le ore 13,30 del giorno 15 febbraio  2019.

Non saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre tale termine.

Entro il termine di scadenza sopra indicato, a pena di esclusione dalle successive procedure per l’affidamento della concessione demaniale, i soggetti che si trovino nelle condizioni giuridiche di essere proprietari o conduttori in affitto ( non concessionari di beni demaniali ad uso seminativo o sfalcio) provvisti di regolare contratto (di durata pari a quella di concessione), di fondi contigui a quelli previsti dal presente avviso, dovranno dichiarare, in carta libera secondo lo schema allegato C) al presente avviso, l’intenzione di esercitare il diritto di preferenza ex art. 51 della L. 203/1982 ( che ha sostituito l’art. 22 della L. 11/1971 ), ovvero il diritto di prelazione quale concessionario uscente ai sensi dell’art. 4 bis della citata L. 203/1982 (introdotto dall’art. 5 del D.Lgs. n. 228/2001). Nel caso di contratti d’affitto di durata inferiore ai 6 anni, nell’ipotesi della manifestazione del diritto di preferenza, la concessione avrà la stessa durata del contratto d’affitto.

Alla richiesta e alla dichiarazione suddette dovrà essere allegata autocertificazione del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo o coltivatore diretto (iscrizione C.C.I.A.A.) e/o di essere in regola con i versamenti contributivi INPS o altro (come da “dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà” allegato D).

L’esercizio del diritto di preferenza, qualora non siano state presentate domande di prelazione, dà luogo al rilascio della concessione senza ulteriori formalità, applicando il canone vigente previsto al punto successivo, sempreché non venga manifestato ai sensi del comma 4 bis ell’art 6 del D.Lgs. 228/2001 e s. m. e i. da giovani imprenditori .agricoli in possesso dei requisiti previsti per legge, e nelle forme sotto indicate, l’interesse all’assegnazione della concessione in oggetto.

Il canone a base d’asta ammonta ad Euro 25,43 intera area aggiornato annualmente con il coefficiente relativo all’aggiornamento ISTAT.

Nel caso in cui non sia stato esercitato il diritto di preferenza o di precedenza ex comma 4 bis dell’art 6 del D.Lgs. 228/2001 e s. m. e i e provengano più domande di partecipare alla gara per l’affidamento della concessione demaniale, l’Ufficio procederà ad esperire apposita gara a licitazione privata con offerte in aumento rispetto al canone a base d’asta, con riserva di eventuali diritti di prelazione esercitati, inviando a ciascuna impresa, qualora ammessa, apposita lettera di invito.

Nel caso, in cui “Giovani imprenditori agricoli”, intendendosi per tali gli imprenditori agricoli come definiti dall’art. 2135 del codice civile, di età ricompresa tra i 18 e i 40 anni, in possesso dei requisiti di legge, abbiano interesse all’assegnazione in concessione delle aree demaniali ad uso sfalcio prodotti erbosi e legnosi liberamente nascenti sopra descritte, dovranno dichiarare l’intenzione di esercitare il diritto di precedenza di cui al comma 4 bis dell’art. 6 del D.lgs. 18.05.2001, n. 228 , aggiunto dal comma 35 dell’art. 1 della L. 27.12.2013, n. 147 entro il termine di scadenza sopra indicato.

Alla richiesta e alla dichiarazione suddette dovrà essere allegata autocertificazione del possesso dei requisiti di “giovane imprenditore agricolo”la cui sussistenza sarà verificata in sede di affidamento della concessione.

Sono prive di effetto le domande su indicate avanzate da soggetti sprovvisti di tali requisiti.

Nel caso di presentazione ai sensi e per gli effetti di cui al precitato comma 4 bis dell’art. 6 del D.Lgs. 228/2001 e s.m. e i. di una sola domanda da parte di giovane imprenditore agricolo, l’assegnazione delle aree in concessione avverrà senza ulteriori formalità applicando il canone a base d’asta come sopra fissato.

Qualora siano state presentate più domande ai sensi e per gli effetti di cui al precitato comma 4 bis si darà luogo al rilascio della concessione mediante pubblico sorteggio, che verrà effettuato secondo le modalità che verranno esplicitate nella lettera di invito, applicando il canone di cui sopra.

L’esercizio del diritto di precedenza ai sensi del comma 4 bis dell’art. 6 del D.lgs. 18.05.2001, n. 228, aggiunto dal comma 35 dell’art. 1 della L. 27.12.2013, n. 147 prevale su ogni altro diritto di preferenza o prelazione esercitati rispettivamente ex artt. 51 della L. 203/1982 ( che ha sostituito l’art. 22 della L. 11/1971 ) e 4 bis della citata L. 203/1982 (introdotto dall’art. 5 del D.Lgs. n. 228/2001) e su ogni manifestazione di interesse a partecipare alla gara par l’affidamento, a mezzo di successiva licitazione privata, della concessione demaniale.

Le condizioni generali per la disciplina dell’attività di sfalcio di prodotti erbosi e legnosi liberamente nascenti nell’area demaniale sopra identificata sono quelle previste nel foglio condizioni allegato A).

le istanze presentate nelle ipotesi sopra previste per essere considerate ammissibili devono, in sintesi, essere corredate della documentazione sotto elencata, pena l’esclusione:

  • per la qualifica di Imprenditore Agricolo o Coltivatore Diretto:

Iscrizione al registro delle imprese presso la C.C.I.A.A.e/o all’I.N.P.S. per la previdenza.

Per l’esercizio del diritto di preferenza di cui all’art. 51 della L.203/1982: copia dell’atto di proprietà o del contratto d’affitto del terreno confinante con il bene demaniale previsto dal presente avviso;

  • per l’esercizio del diritto di prelazione ex art. 4 bis della L.203/1982: copia del titolo concessorio del concessionario uscente ovvero copia dei bollettini di versamento del canone di concessione demaniale delle ultime cinque annualità;
  • per la qualifica di Giovane Imprenditore Agricolo: documento di identità che certifichi il possesso di età compresa tra i 18 e i 40 anni ed iscrizione al registro delle imprese presso la C.C.I.A,A. e l’iscrizione all’I.N.PS. per la previdenza.

Per eventuali comunicazioni si invita la Ditta richiedente ad indicare un riferimento telefonico.

Questo avviso è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto, all'Albo pretorio del Comune di Vazzola (TV) e presso le principali Associazioni di categoria degli Agricoltori.

Allegati.

  1. Foglio condizioni generali (Allegato A);
  2. Fac-simile Domanda per partecipare alla gara per l’assegnazione in concessione ad uso sfalcio delle aree demaniali (Allegato B);
  3. Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (Allegato C);

Per informazioni: Unità Organizzativa Genio civile Treviso, Ufficio Concessioni Demanio Idrico 0422/657537.

ing. Alvise Luchetta

(seguono allegati)

SF30_PDF_ALLEG_ex_pizzato_Av_385268.pdf

Torna indietro