Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 34 del 27/04/2012
Scarica versione stampabile Ordinanza

Bur n. 34 del 27 aprile 2012


Materia: Ambiente e beni ambientali

Ordinanza DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO n. 72 del 16 aprile 2012

Autorizzazione all'eccezionale smaltimento di rifiuti urbani provenienti dal Bacino RO1 presso la discarica tattica regionale sita in comune di Sant'Urbano (Pd) conseguente all'esaurimento della discarica di Villadose (Ro) "Taglietto 0". Art. 191 del Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e art. 4. comma 1, lett. h, della legge regionale 21 gennaio 2000, n. 3.

Il Dirigente


Premesso che, allo scopo di dare soluzione alla situazione di emergenza nella gestione dei rifiuti urbani venutasi a prospettare nel Bacino RO1 a seguito dell’imminente esaurimento della discarica di Villadose (Ro) “Taglietto 0” e al fine di scongiurare il possibile insorgere di problematiche igienico-sanitarie conseguenti ad una mancata gestione dei rifiuti urbani prodotti la provincia di Rovigo con nota prot. n. 17929 del 5 aprile 2012 ha inoltrato formale ed urgente richiesta di smaltimento di rifiuti solidi urbani presso la discarica tattica regionale di Sant’Urbano (Pd);

Dato atto che la richiesta della provincia di Rovigo è basata sulla comunicazione fatta dal Consorzio RSU di Rovigo con nota in data 30 marzo 2012 che dava notizia dell’imminente esaurimento della discarica di Villadose (Ro) “Taglietto 0” previsto, al momento della comunicazione, per il giorno 10 aprile 2012;

Dato atto che nella nota prot. n. 17929 del 5 aprile 2012 la provincia di Rovigo ha comunicato che:
- il Consorzio RSU di Rovigo ha presentato alla Provincia di Rovigo, una proroga di deposito temporaneo presso la discarica di Villadose (Ro) “Taglietto 0”, attualmente in fase di valutazione;

- dopo le verifiche, con nota prot. n. 39830 del 05 aprile 2012, l’ARPA di Rovigo ha comunicato che la discarica “Taglietto 0” ha una capacità residua di ricevimento rifiuti urbani garantita fino al giorno 16 aprile 2012;

- sussiste l’urgenza di disporre di un adeguato impianto in cui conferire i rifiuti urbani prodotti nel Bascino RO1 in attesa del completamento dell’iter istruttorio avviato dal Consorzio RSU di Rovigo;

Dato atto altresì che, alla luce di quanto riferito e ai sensi dell’art. 4. comma 1, lett. h, della legge regionale 21 gennaio 2000, n. 3, con la medesima nota prot. n. 17929 del 5 aprile 2012 la provincia di Rovigo ha chiesto alla Regione Veneto di conferire presso la discarica tattica regionale di Sant’Urbano (Pd), per un periodo di 30 giorni, eventualmente prorogabili, un quantitativo massimo pari a 165 t/giorno di rifiuti urbani provenienti dal Bacino Ro 1;

Atteso che con D.G.R.V n. 321 del 14.02.2003 la Giunta Regionale ha individuato la discarica di S. Urbano (Pd) come impianto “tattico regionale” ai sensi della Legge Regionale n. 3/2000 come modificata con Lr n. 27/2002;

Preso atto che la discarica sita in Sant’Urbano (Pd), in base a quanto comunicato periodicamente dai gestori sui conferimenti attualmente in essere, è in grado di ricevere - sotto il profilo tecnico e gestionale - i RU prodotti nei Bacini RO1;

Atteso che lo straordinario conferimento di rifiuti urbani in impianti ubicati fuori dal territorio provinciale deve essere autorizzato dal Presidente della Giunta Regionale ai sensi dell’art. 4, comma 1, lettera h), della Lr 3/2000;

Atteso che, in base all’entità della problematica evidenziata dalla provincia di Rovigo, risulta accoglibile, sotto l’aspetto amministrativo, la richiesta di conferire presso la discarica tattica regionale di Sant’Urbano (Pd), per un periodo di 30 giorni, eventualmente prorogabili, un quantitativo massimo pari a 165 t/giorno di rifiuti urbani provenienti dal Bacino Ro 1;

Atteso che lo straordinario conferimento di rifiuti urbani in argomento dev’essere assoggettato a quanto stabilito dalla DGRV n. 1836 del 19.06.2007 in tema di contributo regionale per lo smaltimento dei rifiuti urbani in impianti ubicati fuori dagli Ambiti Territoriali Ottimali e che, in considerazione del periodo di emergenza prospettato, suddetto contributo è pari a 0,00 €/t;

Visto il Decreto Legislativo 152/2006 s. m. i. ed in particolare, l’art. 191 recante “ordinanze contingibili e urgenti e poteri sostitutivi”;

Vista la Lr 3/2000 s. m. i. ed in particolare art. 4. comma 1, lett. h;

Visti il Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani e il Piano provinciale di gestione dei rifiuti urbani approvati dal Consiglio regionale nella seduta del 22 novembre 2004;

Su conforme proposta della Direzione Regionale Tutela dell’Ambiente, che ha attestato l’avvenuta regolare istruttoria della pratica anche in ordine alla compatibilità con la legislazione regionale e statale.

Ordina


1 È autorizzato, il conferimento di un quantitativo non superiore a 165 t/g, di rifiuti urbani prodotti nel Bacino RO 1 presso la discarica tattica regionale sita in comune di Sant’Urbano.

2 L’autorizzazione, di cui al precedente punto, è subordinata al rispetto delle prescrizioni contenute nella vigente Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata all’impianto in argomento.

3 È stabilito che la presente autorizzazione ha validità 30 giorni a far data dal giorno di trasmissione del presente atto alla Provincia di Rovigo.

4 È stabilito che le modalità di conferimento dei rifiuti di cui al punto 1 devono essere, comunque e in ogni caso, concordate con il gestore della discarica di S. Urbano (Pd) che è altresì tenuto a ricevere i quantitativi di rifiuti autorizzati con il presente atto.

5 Di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

6 È stabilito che il presente atto va comunicato al Comune di S. Urbano (Pd), alla Provincia di Rovigo, al Consorzio RSU di Rovigo, all’ARPA di Padova, all’Osservatorio Regionale dei Rifiuti.

Luca Zaia

Torna indietro