Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 45 del 02/04/2021
Scarica la versione firmata del BUR n. 45 del 02/04/2021
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 45 del 02 aprile 2021


Materia: Bilancio e contabilità regionale

Deliberazione della Giunta Regionale n. 282 del 12 marzo 2021

Criteri generali e modalità di erogazione dei contributi una tantum ai Comuni delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene ricadenti in core zone e in buffer zone, per l'adozione di varianti agli strumenti urbanistici di adeguamento ai valori paesaggistici riconosciuti dall'UNESCO. Articolo 8, comma 2, della legge regionale 29 dicembre 2020, n. 39 "Collegato alla legge di stabilità regionale 2021".

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento la Giunta regionale, in attuazione dell’art. 8, comma 2, della L.R. n. 39/2020, determina i criteri e le modalità di erogazione dei contributi ai Comuni per l’adeguamento degli strumenti urbanistici ai valori paesaggistici riconosciuti dall’UNESCO per il Sito delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, approva lo schema di Protocollo d’intesa e il modello di istanza per l’ammissione al contributo regionale.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

L’art. 8 della legge regionale 29 dicembre 2020, n. 39 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2021”, prevede la concessione di contributi una tantum ai Comuni ricadenti nella core zone e buffer zone del Sito UNESCO delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, per l’adeguamento degli strumenti urbanistici comunali ai valori riconosciuti dall’UNESCO, attraverso l’adozione di specifiche varianti, di cui all’art. 2, comma 1, della legge regionale 6 giugno 2019, n. 21 “Iniziative a sostegno della Candidatura UNESCO delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”.

Il comma 2 dell’art. 8 della stessa L.R. 39/2020 incarica la Giunta regionale di determinare i criteri generali e le modalità di erogazione delle risorse destinate ai 15 Comuni ricadenti in core zone e buffer zone, quantificate in euro 50.000,00 per l’esercizio 2021.

I Comuni interessati dal presente provvedimento sono:

  • 12 ricadenti nella Core zone: Cison di Valmarino, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, San Pietro di Feletto, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio Veneto;
  • 3 ricadenti in Buffer zone: Conegliano, San Vendemiano, Susegana.

La Giunta regionale, con deliberazione n. 1507 del 15 ottobre 2019, ha adottato un “Disciplinare tecnico” allo scopo di uniformare gli strumenti urbanistici comunali ai valori riconosciuti dall’UNESCO, ai sensi dell’art. 1, comma 1, della legge regionale 6 giugno 2019, n. 21.

Le varianti di adeguamento ai contenuti del “Disciplinare tecnico”, dovranno essere approvate dai Comuni, entro il 30 settembre 2021, come previsto dal comma 3 dell’art. 8 della L.R. n. 39/2020.

È fatto obbligo ai Comuni di approvare le varianti di adeguamento e, qualora ciò non avvenga entro il termine previsto, le prescrizioni contenute nel “Disciplinare tecnico” troveranno immediata applicazione.

Particolare rilevanza nella fase di adeguamento degli strumenti urbanistici comunali è l’armonizzazione delle norme comunali con quelle contenute nel Disciplinare tecnico, nonché l’integrazione dell’apparato normativo con una puntuale schedatura del patrimonio edilizio rurale come, tra l’altro, espressamente richiesto dall’UNESCO per il riconoscimento del Sito come Patrimonio dell’Umanità.

Al fine di supportare i Comuni, durante la fase di adeguamento degli strumenti urbanistici ai contenuti del Disciplinare tecnico, si è costituito un Gruppo di lavoro interdisciplinare, composto dai rappresentanti delle strutture regionali competenti nei settori dell’urbanistica, del paesaggio, dell’agroalimentare, dell’agroambiente, della difesa del suolo e del turismo.

Come criterio generale per l’erogazione del contributo, ai sensi dell’articolo 8 della L.R. n. 39 del 29 dicembre 2020, vista anche l’esiguità dell’importo, si propone di dividere in parti uguali l’importo totale di euro 50.000,00 per il numero dei comuni interessati, quantificando in euro 3.300,00 il contributo da assegnare a ognuno dei 15 Comuni ricadenti in Core Zone e Buffer Zone.

Per quanto concerne le modalità di erogazione delle risorse, come stabilito dal predetto articolo, i Comuni per avere accesso al contributo dovranno presentare istanza alla Direzione Pianificazione Territoriale, come da modello Allegato A, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente provvedimento di Giunta regionale nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

I rapporti tra la Regione del Veneto e i Comuni, ai fini dell’erogazione del contributo, saranno regolati da uno specifico Protocollo d’Intesa di cui all’Allegato B.

Con decreto del Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale verrà approvato l’elenco dei Comuni che avranno presentato la richiesta entro il termine prescritto.

Qualora non tutti i 15 Comuni ricadenti in Core Zone e Buffer Zone presentassero istanza di ammissione a contributo, l’importo non assegnato potrà essere redistribuito uniformemente tra i Comuni richiedenti fino all’importo massimo stanziato, pari a euro 50.000,00.

L’importo massimo delle obbligazioni è determinato in euro 50.000,00 e la copertura finanziaria della spesa è disposta a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 104296 “Interventi per l’adozione agli strumenti urbanistici di adeguamento ai valori paesaggistici riconosciuti dall’Unesco – Contributi agli investimenti (art. 8, L.R. 29/12/2020, n. 39) del Bilancio di previsione 2021-2023.

Si dà atto che la Direzione Pianificazione Territoriale, a cui è assegnato il suddetto capitolo, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

VISTA la legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 “Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio”;

VISTA la legge regionale 6 giugno 2019, n. 21 “Iniziative a sostegno della Candidatura UNESCO delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”;

VISTA la legge regionale 3 luglio 2020, n. 26 ‘Modifiche alla legge regionale 6 giugno 2019, n. 21 “Iniziative a sostegno della Candidatura UNESCO delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”’;

VISTO l’art. 8, comma 2, della legge regionale 29 dicembre 2020, n. 39 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2021”.

VISTA la legge regionale 29 dicembre 2020, n. 41 “Bilancio di previsione 2021 – 2023”;

VISTA la deliberazione della Giunta regionale 19 gennaio 2021, n. 30 “Direttive per la gestione del bilancio di previsione 2021-2023”;

VISTA la deliberazione di Giunta regionale 15 ottobre 2019. n. 1507 ‘Iniziative a sostegno della Candidatura UNESCO “Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”. Adozione del “Disciplinare tecnico”, ai sensi dell’art. 1, comma 1, della legge regionale 6 giugno 2019, n. 21’.

VISTO il decreto del Segretario Generale della Programmazione 8 gennaio 2021, n. 8 “Bilancio finanziario gestionale 2021 – 2023”;

VISTO l’art. 2, comma 2, della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54 “Legge regionale per l'ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta regionale in attuazione della legge regionale statutaria 1/2012 ‘Statuto del Veneto’”;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di dare attuazione alle previsioni di cui all’articolo 8 della legge regionale n. 39 del 29 dicembre 2020 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2021”, approvando il finanziamento di euro 50.000,00 per l’adeguamento degli strumenti urbanistici comunali ai contenuti del Disciplinare tecnico, di cui alla DGR n. 1507 del 15 ottobre 2019;
  3. di individuare quali destinatari del contributo regionale i seguenti Comuni appartenenti alla Core Zone e alla Buffer Zone del Sito Unesco delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene: Cison di Valmarino, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, San Pietro di Feletto, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio Veneto, Conegliano, San Vendemiano e Susegana;
  4. di approvare il modello di istanza Allegato A e di disporre che i Comuni di cui al punto precedente dovranno presentare la propria istanza di ammissione a contributo entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;
  5. di approvare lo schema di Protocollo d’Intesa Allegato B, tra la Regione del Veneto e i Comuni interessati;
  6. di determinare in euro 3.300,00 l’importo del contributo da erogare a ognuno dei 15 Comuni interessati;
  7. di dare atto che il Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale provvederà con proprio atto all’approvazione dell’elenco dei Comuni che avranno presentato la richiesta entro il termine prescritto;
  8. di stabilire che, qualora non tutti i Comuni richiedano il contributo regionale, l’importo corrisposto ad ognuno andrà ricalcolato dividendo l’importo totale di euro 50.000,00 per il numero dei Comuni che ne faranno effettiva richiesta;
  9. di autorizzare alla sottoscrizione dei Protocolli d’Intesa, di cui al punto 5, il Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale dell’Area Infrastrutture, Trasporti, Lavori Pubblici e Demanio e di apportare eventuali modifiche non sostanziali nell’interesse dell’Amministrazione;
  10. di determinare in € 50.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 104296 “Interventi per l’adozione agli strumenti urbanistici di adeguamento ai valori paesaggistici riconosciuti dall’Unesco – Contributi agli investimenti (art. 8, L.R. 29/12/2020, n. 39)” del Bilancio di previsione 2021-2023;
  11. di dare atto che la Direzione Pianificazione Territoriale, a cui è stato assegnato il capitolo di cui al punto precedente, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza;
  12. di dare mandato al Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale di assumere i successivi provvedimenti attinenti e conseguenti alle procedure di cui alla presente deliberazione;
  13. di incaricare il Direttore della Direzione Pianificazione Territoriale dell’esecuzione del presente atto;
  14. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli artt. 23, 26 e 27 del D.Lgs. 33/2013;
  15. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

Dgr_282_21_AllegatoA_443607.pdf
Dgr_282_21_AllegatoB_443607.pdf

Torna indietro