Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 115 del 20/11/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 115 del 20/11/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 115 del 20 novembre 2018


Materia: Cultura e beni culturali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1640 del 06 novembre 2018

Piano di riparto dei contributi per le attività museali. Anno 2018. L.R. 5 settembre 1984 n. 50: "Norme in materia di musei, biblioteche, archivi di enti locali o di interesse locale". Deliberazione/CR n. 93 del 25.9.2018.

Note per la trasparenza

Con questa deliberazione, accolto il parere favorevole della Commissione consiliare competente, viene approvato il piano di riparto dei contributi per le attività museali, previsto dall’art. 19 della legge regionale n. 50 del 5 settembre 1984, finanziato nel corrente esercizio 2018 e proposto dalla Giunta con DGR n. 93/CR del 25.9.2018. Lo stanziamento verrà ripartito tra 20 beneficiari, per sostenere interventi di restauro, acquisto di impianti antifurto, antincendio e climatizzazione, attività didattiche, allestimenti e acquisto di attrezzature tecnico-scientifiche.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

Con la legge regionale 5 settembre 1984 n. 50, la Regione del Veneto provvede a sostenere progetti, gestionali e culturali, di ordinaria programmazione avviati da titolari di musei di enti locali e di raccolte dichiarate di interesse locale, riconosciuti in possesso dei requisiti previsti agli articoli 7 e 9. Tali istituti possono inoltrare alla Giunta regionale domanda di contributo per le attività elencate all’art. 19 della legge citata, secondo le modalità e i criteri stabiliti dalla DGR n. 1235 del 3 agosto 2011, “Integrazione della DGR n. 2369 del 25 maggio 1993. L.R. 5/9/1984, n. 50. Norme in materia di musei, biblioteche, archivi di Enti locali e di interesse locale. Determinazione criteri e modalità ai sensi dell’art.12 della Legge 241/1990 per il settore museale”.

Entro il termine del 31 gennaio 2018, previsto dall’art. 18 della L.R. 50/84, sono pervenute n. 20 richieste da parte di soggetti pubblici e privati. La competente Direzione Beni Attività Culturali e Sport ha effettuato l’istruttoria delle domande, che sono risultate tutte ammissibili all’esame del riparto dei contributi.

Il contributo richiesto per le n. 20 istanze ammesse all’esame del riparto ammonta complessivamente a Euro  892.232,38. Le domande sono orientate prevalentemente a interventi inerenti l’integrità, la sicurezza, la conservazione e il restauro del patrimonio, la manutenzione e la fruizione pubblica del materiale, la realizzazione di iniziative scientifiche, informative e didattiche, l’incremento delle collezioni, la preparazione e la pubblicazione di censimenti, inventari, indici, cataloghi e ogni altro strumento di informazione relativo all’attività dei musei, l’arricchimento delle attrezzature, delle biblioteche specializzate, degli strumenti di ricerca e di restauro, l’adozione dei mezzi di conoscenza e comunicazione audiovisivi, la realizzazione di iniziative scientifiche, informative e didattiche nell’ambito dei musei e istituti assimilabili, la riproduzione meccanica, ove opportuno, a uso di archivio e per minore usura del materiale.

Dopo la verifica formale delle istanze, in data 29 agosto 2018, è stato acquisito il parere della Commissione consultiva sulla validità e rilevanza culturale delle iniziative, così come previsto dall’art. 20 della L.R. n. 50/1984. La valutazione si è attenuta sia ai criteri di carattere generale indicati all’art. 21 della legge in questione, sia a quanto disciplinato dalla DGR n. 1235 del 3 agosto 2011, che indica il grado di valutazione da assegnare ai singoli progetti: valutazione massima per gli interventi di restauro e per l’acquisto di impianti antifurto, antincendio e climatizzazione; valutazione media per le attività didattiche qualificate, per gli allestimenti e l’acquisto di attrezzature tecnico-scientifiche di stretta attinenza alle finalità museali; valutazione minima per gli incrementi bibliografici, la pubblicazione di bollettini, e per tutti gli altri interventi che la Commissione consultiva eventualmente ritenga di considerare non prioritari o minori, considerando in una visione complessiva l’attività dell’istituto.

I pareri espressi dai componenti sono documentati nel verbale della seduta della Commissione del 29.8.2018, conservato agli atti della Direzione Beni Attività Culturali e Sport. La Commissione non ha assegnato alle iniziative alcuna valutazione minima.

Con l’approvazione della L.R. n. 28/2018 “Assestamento del bilancio di previsione 2018-2020” e della successiva DGR n. 1200 del 14.08.2018 a oggetto: “Variazione al documento tecnico di accompagnamento al bilancio di previsione 2018-2020”, sono state rese disponibili le risorse stanziate in Euro 100.000,00 al capitolo di spesa n. 70120 “Contributi a enti locali e altri organismi titolari di musei di interesse locale - Art. 19, L.R. 5.9.1984, n. 50”.

In considerazione di tale stanziamento per l’esercizio finanziario 2018, per i criteri fissati dalla L.R. n. 50/84 art. 19 e per quanto disposto con DGR n. 1235/2011, si propone di ripartire le risorse allocate e disponibili fra un totale di n. 20 beneficiari, così come risulta dall’Allegato A “Elenco soggetti ammessi e finanziati”, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

Nel presente provvedimento tutte le iniziative ammesse a contributo sono state considerate come prioritarie, rientrando nelle fasce di valutazione massima e media, e nessuna nella fascia di valutazione minima. Si ritiene opportuno, pertanto, finanziare tutti i soggetti per le iniziative proposte, riconoscendo a ciascuno una base di contributo di Euro 1.000,00, soglia minima di ammissione secondo quanto stabilito dalla DGR n. 1235/2011.

A ciascuno dei 20 soggetti ammessi è stato poi sommato l’ulteriore finanziamento dato dalla distribuzione proporzionale della restante somma di Euro 80.000,00, che risulta dalla differenza tra lo stanziamento iniziale di Euro 100.000,00 e l’importo minimo dei 20 soggetti ammessi, pari a Euro 20.000,00.

La somma di Euro 80.000,00 è stata quindi ripartita assegnando il 75% alle voci con valutazione massima e il 25% alle voci con valutazione media.

Eventuali risorse aggiuntive, che dovessero rendersi disponibili nel corso dell’esercizio finanziario 2018, verranno proporzionalmente ripartite con i medesimi criteri tra i soggetti ammessi, con decreto della Direzione Beni Attività Culturali e Sport.

Così come previsto dall’art. 48 della L.R. 50/1984, la percentuale massima del contributo concesso ammonta al 70% della spesa ritenuta ammissibile ed è vincolato alla destinazione indicata nella domanda. Le attività ammesse al contributo dovranno essere realizzate e rendicontate entro il 31.12.2018. La liquidazione avverrà su rendicontazione delle spese preventivate e quindi effettivamente sostenute per il progetto presentato.

Ogni attività di promozione e comunicazione delle iniziative deve evidenziare il sostegno regionale nelle forme adeguate e nel rispetto delle regole sulla comunicazione istituzionale, sulla immagine coordinata e sulla apposizione del logo regionale.

La Giunta Regionale ha approvato la proposta di piano di riparto dei contributi per le attività museali biblioteche di ente locale e di interesse locale, con deliberazione/CR n. 93 del 25.9.2018, trasmessa, ai sensi dell’art. 45, comma 1, lettera c) della legge in oggetto, al parere della competente Commissione consiliare. La Sesta Commissione consiliare, nella seduta del 24.10.2018, si è espressa all’unanimità con parere favorevole n. 345 in merito al provvedimento citato.

Con il presente provvedimento si propone alla Giunta regionale di prendere atto del parere espresso dalla Sesta Commissione consiliare in merito alla proposta di riparto dei contributi per le attività museali per l’anno 2018 e di confermare la propria deliberazione/CR n. 93 del 25.9.2018.

Si sottopone, pertanto, all’attenzione della Giunta regionale il piano di riparto di cui all’Allegato A “Elenco dei soggetti ammessi e finanziati” , parte integrante del presente atto.

Si dà atto, inoltre, che la spesa di cui si prevede l’impegno con il presente  provvedimento non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTI l’art. 19 e l’art. 45 comma 1, lettera c), e gli articoli 47 e 48 della L.R. n. 50/1984;

VISTA la DGR n. 2369 del 25.5.1993;

VISTA la DGR n. 1235 del 3.8.2011;

VISTA la propria deliberazione/CR n. 93 del 25.9.2018;

VISTO il parere n. 345 della Sesta Commissione consiliare, rilasciato in data 24.10.2018;

VISTO l’art. 2 comma 2 della L.R. n. 54/2012, come modificato dalla L.R. n. 14/2016;

VISTA la L.R. n. 39/2001 “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione”;

VISTO il D.lgs. 118/2011 modificato e integrato dal D.lgs. 126/2014;

VISTA la L.R. n. 47/2017 “Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTA la DGR n. 10 del 5.1.2018 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento al Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTO il Decreto del Segretario Generale della Programmazione n. 1 dell’11.1.2018 di approvazione del bilancio finanziario gestionale 2018-2020;

VISTA la DGR n. 81 del 26.1.2018 che approva le Direttive per la gestione del Bilancio di previsione 2018-2020;

VISTA la L.R. n. 28/2018 “Assestamento del Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTA la DGR n. 1200 del 14.8.2018 “Variazione al documento tecnico di accompagnamento al bilancio di previsione 2018-2020 a seguito dell’approvazione della L.R. n. 28/2018 “Assestamento del bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTA la documentazione conservata agli atti della Direzione Beni Attività culturali e Sport;

CONDIVISE le considerazioni espresse in narrativa;

delibera

  1. di approvare, quale parte integrante e sostanziale del presente atto, quanto riportato in premessa;
  2. di prendere atto del parere favorevole n.345 della competente Commissione consiliare, espresso nella seduta del 24.10.2018;
  3. di confermare la propria DGR n. 93/CR del 25.9.2018 e di approvare, sulla base di quanto specificato in premessa, la proposta di riparto dei contributi per le attività museali per l’esercizio finanziario 2018, nei termini dell’Allegato A “Elenco soggetti ammessi e finanziati”, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  4. di determinare in Euro 100.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport entro il corrente esercizio, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo 70120 “Contributi a enti locali e altri organismi titolari di musei di interesse locale (Art. 19, L.R. 5.9.1984, n. 50)” del bilancio di previsione 2018/2020 con imputazione all’esercizio 2018;
  5. di dare atto che la Direzione Beni Attività Culturali e Sport, cui è stato assegnato il capitolo di cui al precedente punto, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza;
  6. di dare atto che la spesa di cui si prevede l’impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011;
  7. di dare atto che le attività oggetto di contributo dovranno essere concluse e rendicontate entro i termini stabiliti in narrativa;
  8. di incaricare la Direzione Beni Attività cultural e Sport dell’esecuzione del presente atto;
  9. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli artt. 26 e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  10. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

1640_AllegatoA_381430.pdf

Torna indietro