Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 103 del 16/10/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 103 del 16/10/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 103 del 16 ottobre 2018


Materia: Enti regionali o a partecipazione regionale

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1425 del 02 ottobre 2018

Partecipazione della Regione del Veneto all'iniziativa "Celebrazione dei 60 anni dell'Istituto Regionale per le Ville Venete". Legge regionale 8 settembre 1978, n. 49.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento la Regione del Veneto, condividendone contenuti e finalità, partecipa per un importo pari a Euro 10.000,00, all’iniziativa proposta dall’Istituto Regionale per le Ville Venete volta a realizzare un evento celebrativo dei 60 anni dell’Istituto stesso a “Villa Contarini - Fondazione G.E. Ghirardi” di Piazzola sul Brenta, nell’autunno 2018.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

Nel 2018 ricorrono i 60 anni dell’Istituto Regionale per le Ville Venete - IRVV, nato come Ente per le Ville Venete con legge n. 243 del 6 marzo 1958, quale consorzio tra lo Stato e le Amministrazioni provinciali per il turismo delle province di Belluno, Padova, Rovigo Treviso, Udine, Verona, Venezia e Vicenza, al quale lo Stato delegò compiti specifici di tutela attraverso l’intervento economico (mutui e contributi) ma anche competenze, quali l’espropriazione e la salvaguardia, attraverso la presenza di alcuni soprintendenti nel Consiglio di Amministrazione dell’Ente.

Alla scadenza naturale dell’Ente per le Ville Venete avvenuta nel 1978, la Regione del Veneto in accordo con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, decise di creare un nuovo ente che proseguisse la fondamentale opera di salvaguardia e valorizzazione delle Ville Venete iniziata da quello precedente e pertanto costituì, con legge regionale n. 63 del 24 agosto 1979, l’Istituto Regionale per le Ville Venete –IRVV.

In base all’art. 2 della citata Legge regionale n. 63/1979, lo scopo principale dell’IRVV, ente strumentale della Regione, è quello di provvedere, in concorso con il proprietario o sostituendosi ad esso, al consolidamento, al restauro, alla promozione ed alla miglior utilizzazione, anche mediante studi e ricerche, delle Ville Venete soggette alle disposizioni del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 recante il “Codice dei Beni culturali e del Paesaggio”.

Deve essere in ogni caso evidenziato che nel corso del tempo la Regione, avvalendosi dell’IRVV, si è impegnata non solo a garantire e sostenere la conservazione dell’importante e meraviglioso patrimonio culturale costituito dalle Ville Venete, testimonianza storica di una civiltà e cultura che vanno dal XV fino al XVIII secolo, ma anche a favorirne quanto più possibile la conoscenza, la pubblica fruizione e valorizzazione, anche in conformità alle istanze del territorio.

In quest’ottica deve essere letta pertanto la proposta di modifica normativa della L.R. n. 63/1979, frutto del lavoro del gruppo tecnico costituito con D.G.R. n. 1414 del 9/09/2016, che implementa e ridefinisce le funzioni dell’Istituto attribuendo allo stesso un ruolo più incisivo nell’ambito delle politiche culturali regionali, ridisegnandone la relazione con il territorio ed i suoi interlocutori, proposta sottoposta alla Giunta regionale in prima lettura lo scorso 29 dicembre.

Fatta questa necessaria premessa e considerata nel complesso l’importante attività svolta nel corso degli anni dall’IRVV su un patrimonio che conta più di 4.000 Ville Venete, di cui circa la metà soggette a vincolo, si ritiene opportuno festeggiare i 60 anni dell’Istituto con uno specifico evento celebrativo volto a far conoscere le azioni ed interventi più significativi realizzati sino ad oggi, nonché ad avviare una riflessione sulle prospettive future.

Tale evento celebrativo e le finalità sopra indicate costituiscono oggetto di una specifica iniziativa proposta dall’IRVV con nota prot. n. 3155 del 29/06/2018, acquisita al protocollo regionale il 29/06/2018 con numero 250412 e integrata da nota prot. n. 3658 del 27/07/2018 (prot. reg. n. 315262 del 27/07/2018), per la quale viene richiesta la partecipazione regionale ai sensi della Legge regionale 8 settembre 1978, n. 49 e al relativo Avviso pubblicato in data 9/03/2018.

Sul punto si ricorda che con propria deliberazione n. 253 del 6/03/2018 la Giunta regionale ha approvato le “Modalità di presentazione e i criteri di valutazione di proposte progettuali – L.R. 8/9/1978 n. 49 – iniziative dirette” e il relativo Avviso pubblico per l’apertura dei termini di presentazione delle proposte progettuali.

In particolare, ai fini della valutazione dei progetti e della quantificazione del relativo finanziamento, la citata D.G.R. n. 253/2018 ha stabilito i seguenti criteri: la qualità del soggetto proponente, la qualità dell’iniziativa e la capacità finanziaria.

L’IRVV con la nota succitata, presentata entro il termine di scadenza (30/06/2018) previsto dal citato Avviso pubblico, propone di realizzare l’evento nel prossimo autunno 2018, nella sede di “Villa Contarini – Fondazione G.E. Ghirardi” di Piazzola sul Brenta, Villa Veneta di proprietà regionale che rappresenta senza dubbio uno dei luoghi più prestigiosi per ospitare mostre, iniziative ed eventi culturali di rilievo.

L’iniziativa in argomento soddisfa i criteri previsti dalla citata D.G.R. n. 253/2018, considerata la rilevanza istituzionale del soggetto proponente, la qualità dell’evento celebrativo proposto e la coerenza del piano finanziario presentato dall’IRVV.

Pertanto, condivisi il contenuto, le finalità ed anche la sede dell’evento celebrativo proposto e valutato il relativo piano delle spese previste dall’IRVV pari a complessivi Euro 40.000,00, si ritiene di approvare l’iniziativa proposta e di finanziarla per l’importo massimo complessivo di Euro 10.000,00, a copertura delle spese sostenute dall’Istituto per le seguenti attività: segreteria, organizzazione evento, Ufficio stampa, stampa locandine e brochures, nonché compenso relatori.

Si dà atto che l’attività di cui al presente provvedimento rientra tra gli obiettivi DEFR 2018-2020 - Obiettivo strategico 05.02.03 “Garantire un’offerta culturale di qualità condivisa e capillarmente diffusa sul territorio”, approvato dal Consiglio regionale con deliberazione n. 183 del 13/12/2017.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la Legge regionale 8 settembre 1978, n. 49;

VISTA la Legge regionale 24 agosto 1979, n. 63 e ss.mm.ii;

VISTA la D.G.R. n. 1414 del 9/09/2016;

VISTA la D.G.R. n. 253  del 6/03/2018;

VISTA la Legge regionale del 29/12/2017, n. 47 di approvazione del bilancio di previsione 2018-2020;

VISTA la deliberazione del Consiglio regionale n. 170 del 7/12/2017;

VISTA la deliberazione del Consiglio regionale n. 183 del 13 dicembre 2017 di approvazione degli obiettivi strategici di cui alla Nota di Aggiornamento al DEFR 2018-2020;

VISTA la deliberazione n. 10 del 5 gennaio 2018 di approvazione del Documento Tecnico di Accompagnamento al “Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTO il Decreto del Segretario Generale della Programmazione n. 1 dell’11 gennaio 2018 di approvazione del bilancio finanziario gestionale 2018-2020;

VISTA la deliberazione n. 81 del 26.01.2018 che approva le Direttive per la gestione del Bilancio di previsione 2018-2020;

VISTO il D.lgs. n. 118/2011 modificato e integrato dal D.lgs. n. 126/2014;

VISTA la Legge regionale n. 39 del 29.11.2001 “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione”;

VISTA la richiesta dell’Istituto Regionale per le Ville Venete di cui alla nota prot. n. 0003155 del 29/06/2018, acquisita al protocollo regionale il 29/06/2018 con numero 250412, integrata da nota prot.n. 3658 del 27/07/2018 (prot. reg. n. 315262 del 27/07/2018);

VISTO l’art. 2, comma 2, della Legge regionale n. 54 del 31 dicembre 2012, come modificato dalla Legge regionale n. 14 del 17/05/2016;

delibera

  1. di approvare, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, quanto riportato in premessa;
  2. di approvare l’iniziativa proposta dall’Istituto Regionale per le Ville Venete “Celebrazione dei 60 anni dell’Istituto Regionale per le Ville Venete” che verrà realizzata dall’Istituto stesso a “Villa Contarini – Fondazione G.E. Ghirardi” di Piazzola sul Brenta, nel prossimo autunno 2018;
  3. di determinare in Euro 10.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa per la realizzazione a cura dell’Istituto Regionale per le Ville Venete dell’evento celebrativo di cui al precedente punto 2, alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport entro il corrente esercizio, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 003400 ad oggetto “Trasferimenti per celebrazioni pubbliche, solennità civili e religiose, manifestazioni nazionali, fiere, mostre, rassegne, esposizioni, convegni e congressi comprese le spese per provvista di impianti ed attrezzature per dette manifestazioni (L.R. 09/06/1975, N.70)” del bilancio di previsione 2018-2020, con imputazione all’esercizio 2018;
  4. di dare atto che la Direzione Beni Attività Culturali e Sport, a cui è stato assegnato il capitolo di cui al precedente punto, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza;
  5. di stabilire che tutte le attività correlate al finanziamento di cui alla presente deliberazione dovranno essere realizzate entro il corrente anno e comunque rendicontate entro e non oltre il 31.12.2018;
  6. di dare atto che la spesa di cui si prevede l’impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011;
  7. di incaricare la Direzione Beni Attività Culturali e Sport dell’esecuzione del presente atto;
  8. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26, comma 2, e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  9. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Torna indietro