Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 62 del 26/06/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 62 del 26/06/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 62 del 26 giugno 2018


Materia: Cultura e beni culturali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 839 del 08 giugno 2018

Conclusione delle celebrazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale. Programma delle attività regionali. Esercizio finanziario 2018. Art. 5, L.R. n. 45/2017. Deliberazione/CR n. 48 del 15 maggio 2018.

Note per la trasparenza

Acquisito il parere della competente Commissione consiliare, ai sensi della legge regionale 45/2017, art. 5, viene approvato in via definitiva il programma di attività della Regione per la Conclusione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale.

L'Assessore Cristiano Corazzari di concerto con l'Assessore Elena Donazzan riferisce quanto segue.

La legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2018”, all’art. 5 “Conclusione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale”, prevede di rivolgere un’attenzione specifica alla ricorrenza dei cento anni dal termine della Grande Guerra, al fine di accrescere la conoscenza delle vicende storiche fondanti l’identità europea contemporanea, valorizzando altresì tutte le attività già sostenute nel territorio in occasione del Centenario, nel corso degli ultimi anni. A tale riguardo dispone che la Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, provveda alla definizione del programma di attività.

La dotazione finanziaria complessiva, pari a euro 200.000,00 per l’esercizio 2018, risulta destinata ad attività di promozione della conoscenza e valorizzazione del patrimonio storico dei beni materiali e immateriali, cui si fa fronte mediante le risorse allocate nella Missione 05 “Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali”, Programma 01 “Valorizzazione dei beni di interesse storico”, Titolo 1 “Spese correnti”, del bilancio di previsione 2018-2020.

Pertanto, in attuazione delle disposizioni di cui alla predetta legge regionale, si propone di definire il programma di attività per la Conclusione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale.

Nell’ampio quadro delle commemorazioni dedicate alla Grande Guerra, la Regione del Veneto ha da alcuni anni posto in essere un articolato piano di iniziative di valorizzazione dell’insieme di beni diffusi nel proprio territorio che documentano il conflitto, individuando come obiettivo prioritario promuovere la conservazione, la fruizione e la comprensione del patrimonio di luoghi, memorie, monumenti e musei, nell’intento di far emergere la duplice valenza, insieme storica e simbolica, delle testimonianze, per contribuire, attraverso la continuità del ricordo, a consolidare e diffondere una cultura di pace tra i popoli. Le celebrazioni finora si sono svolte all’insegna della partecipazione e del coinvolgimento più capillari; all’impegno considerevole assunto dalla Regione ha fatto riscontro quello di molti altri soggetti istituzionali presenti nel territorio, soprattutto degli Enti locali, che, grazie anche all’impulso favorevole dato dalle nostre iniziative, si sono attivati a loro volta per valorizzare il patrimonio delle numerosissime testimonianze storiche di cui il Veneto è disseminato.

Nel corso dell’ultimo quinquennio in particolare sono state poste in essere azioni di sostegno alla tutela dei beni monumentali, mediante un complesso sistema di interventi manutentivi, di recupero, ripristino o restauro di immobili storici, di strutture e infrastrutture militari, di sacrari, cimiteri e memoriali dedicati ai Caduti, e, parallelamente, sono state intraprese e favorite numerosissime attività di valorizzazione del patrimonio, di disseminazione e diffusione della sua conoscenza, di invito alla sua fruizione, attraverso svariate forme e tipologie di iniziative, quali ad esempio cerimonie commemorative, mostre, convegni, concerti, spettacoli, realizzazioni audiovisive, strumenti multimediali, visite guidate, animazioni e rievocazioni storiche, che hanno coinvolto diversi settori, dal mondo della produzione culturale a quello della ricerca, dall’editoria alle arti performative, dalla cinematografia alla didattica e alla divulgazione culturale.

Il programma per l’anno 2018 vuole pertanto riconoscere il giusto valore a quanto è stato finora compiuto, mantenendo comunque quale obiettivo primario l’accrescimento e la diffusione della conoscenza riguardo agli eventi storici che un secolo fa si abbatterono sulle nazioni d’Europa e di tutto il mondo, e nel Veneto ebbero un teatro d’azione fra i più violenti e tragici, di cui ancor oggi restano tracce profonde e indelebili, tangibili o immateriali, che segnano il territorio e al tempo stesso pervadono la memoria collettiva dei suoi abitanti. In particolare la fase conclusiva del Centenario vedrà susseguirsi varie ricorrenze di alto profilo storico per tutto il corso dell’anno 2018 che si riferiscono a vicende svoltesi proprio sullo sfondo dello scenario veneto, come, per ricordare solo gli episodi salienti, la cosiddetta Battaglia del Solstizio (15-22 giugno), la Battaglia finale di Vittorio Veneto (24 ottobre - 2 novembre) e la stipula dell’Armistizio (3 novembre) che pose termine al conflitto, nella Villa dei Giusti presso Padova.

Va premesso che la Regione, approssimandosi la fine del Centenario, ha costituito, con deliberazione della Giunta regionale n. 2092 del 14 dicembre 2017, il “Comitato regionale veneto per le conclusioni del Centenario della Grande Guerra”, invitando a prendervi parte alcune delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma riconosciute dal Ministero della Difesa che più si sono in questi anni mostrate attente al tema e attive nella sua valorizzazione. In seno a questo organismo vi è stata una generale condivisione di intenti per quanto concerne le commemorazioni del 2018, e le Associazioni che finora hanno aderito al Comitato assicurano la propria fattiva collaborazione per la realizzazione dei principali momenti commemorativi che la Regione vorrà includere nel suo programma.

Il piano regionale per le celebrazioni della fine del Centenario si delinea articolato in alcuni segmenti fondamentali: l’organizzazione di un’iniziativa istituzionale di ampio respiro, finalizzata a coinvolgere la cittadinanza e presentare al tempo stesso un quadro consuntivo di tutto l’operato sul tema della Grande Guerra; la partecipazione ai principali eventi commemorativi che sono programmati da parte dei soggetti istituzionali competenti nei territori maggiormente interessati dal ricordo delle vicende storiche conclusive del conflitto mondiale; il sostegno ad attività culturali specificamente rivolte alla celebrazione del Centenario, anche con particolare riferimento a luoghi e memorie di elevato valore simbolico, nel ricco contesto di testimonianze presenti in tutta l’area veneta.

EVENTO CONCLUSIVO A VILLA CONTARINI

Tenuto dunque conto di tutti gli aspetti ora enucleati, e per le ragioni fin qui esposte, si propone innanzitutto di organizzare, come momento centrale delle conclusioni, un grande evento presso Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Pd), in data da destinarsi, indicativamente nel mese di ottobre 2018. Richiamando l’avvio del programma di celebrazioni, in occasione dell’inizio del centenario, a ottobre 2014, la manifestazione conclusiva verrà organizzata nella prestigiosa sede regionale, che ben si presta, per la qualità e la misura degli spazi, a ospitare iniziative di grande richiamo; la scelta rispecchia pertanto una linea di continuità e coerenza delle attività regionali, ricordando appunto l’evento d’avvio, e concludendo quindi simbolicamente in forma ‘simmetrica’ le celebrazioni. L’occasione permetterà di valorizzare e dare visibilità a quanto finora realizzato dalla Regione sul tema Grande Guerra, chiamando a partecipare i soggetti che più si sono impegnati in questi anni sulla tematica e hanno collaborato con la Regione nel ricordo del primo conflitto mondiale. Dopo un momento commemorativo istituzionale, la manifestazione verrà pianificata in modo da coordinare un’ampia presentazione delle diverse attività culturali poste in essere nei vari settori, mettendo a punto un programma che dia alla cittadinanza un saggio significativo di ciò che si è proposto nell’arco dei cinque anni del Centenario: rievocazioni storiche, spettacoli teatrali, esibizioni coristiche e intrattenimenti musicali, opere cinematografiche e audiovisive, letture animate e attività didattiche, mostre ed esposizioni itineranti, pubblicazioni ed altre eventuali manifestazioni culturali. Tutto ciò con il coinvolgimento sia dei soggetti che hanno finora collaborato con la Regione in materia di Grande Guerra, sia delle Associazioni Combattentistiche che hanno di recente aderito al “Comitato regionale veneto per le conclusioni del Centenario della Grande Guerra”. Già negli scorsi anni la sede di rappresentanza di Villa Contarini è stata individuata come luogo particolarmente adatto a ospitare manifestazioni di grande risonanza dedicate alla memoria del primo conflitto mondiale in occasione del centenario, ritenendo che il prestigioso monumento potesse offrire un contesto d’eccellenza, come per il già ricordato evento iniziale di presentazione del programma del Centenario, a ottobre 2014, nonché per manifestazioni correlate, come la mostra di disegni di Giuseppe Cominetti intitolata “Istanti dal Fronte”, inaugurata il 21 febbraio 2015, che nel suo genere ha rappresentato uno dei momenti di più alto livello qualitativo dell’offerta regionale sul tema.

Per la realizzazione dell’evento conclusivo delle Celebrazioni del Centenario, e nello specifico per riservare gli spazi di Villa Contarini, provvedere all’accoglienza del pubblico e far fronte a ogni altro onere necessario, si propone di dare corso all’offerta presentata con nota pervenuta al protocollo regionale n. 150056 del 20/04/208 dalla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l., che gestisce per conto della Regione il complesso di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta. Ciò nell’ambito dell’incarico affidato dalla Regione del Veneto alla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l., mediante lo strumento dell’in house providing, per la gestione dei servizi afferenti i complessi monumentali di Villa Contarini e della Rocca di Monselice, per un periodo di anni 15, con deliberazione della Giunta regionale n. 191 del 20 febbraio 2018, conformemente a quanto previsto dal D.Lgs. 50/2016, artt. 5 e 192, sussistendo tutti i presupposti per un affidamento diretto in house del servizio, secondo le disposizioni della normativa europea e nazionale. A tal proposito si precisa che sulla base delle aggiornate Linee guida n. 7, approvate dall’ANAC con deliberazione n. 951 del 20 settembre 2017, che disciplinano il procedimento per l’iscrizione nell’elenco di cui all’art. 192 del citato decreto legislativo delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di propri organismi in house, in data 8 febbraio 2018 è stata presentata, per quanto attiene alla società Immobiliare Marco Polo s.r.l., l’istanza per l’iscrizione nel predetto elenco, presupposto legittimante l’affidamento in house a far data dal 15 gennaio 2018  (domanda n. 341).

In particolare, si richiama altresì il fatto che la deliberazione 191/2018 sopra citata approva lo schema di Contratto per la Gestione dei Complessi Monumentali di “Villa Contarini” e “Rocca di Monselice”, sottoscritto in data 27 marzo 2018 e repertoriato al n. 35064, nel quale, all’art. 10 – “Servizio di promozione dei complessi monumentali”, è espressamente prevista l’organizzazione di iniziative, attività istituzionali e manifestazioni culturali, anche dell’Amministrazione regionale, entro determinati spazi, e a tariffe agevolate, come disciplinato da un apposito “Regolamento d’Uso”. Si reputa pertanto opportuno, nel quadro definito dalla procedura di affidamento, dal relativo Contratto in essere e dal vigente Regolamento, provvedere a riservare il complesso monumentale di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta per la giornata nella quale si svolgerà l’evento conclusivo del Centenario della Grande Guerra, e provvedere all’accoglienza del pubblico, nonché a ogni altro onere necessario, assegnando a tal fine alla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l. una somma fino a euro 15.000,00 onnicomprensivi.

Per l’organizzazione dei contenuti dell’evento di Villa Contarini, si propone di condividere le progettualità proposte da due diversi soggetti, che appaiono particolarmente consone alle finalità dell’iniziativa regionale dedicata alle conclusioni del centenario della Grande Guerra.

L’associazione senza scopo di lucro Arteven - Associazione Regionale per la promozione e la diffusione del teatro e della cultura nelle comunità venete, avente sede in Venezia, con nota acquisita al protocollo regionale n. 150178 del 20/04/2018, ha presentato un progetto che permetterebbe di coordinare un insieme di manifestazioni a carattere culturale, in particolare lo svolgimento di spettacoli teatrali, presentazioni di opere cinematografiche e audiovisive, letture animate e attività didattiche, allestimenti di mostre itineranti e pannelli esplicativi, presentazione di iniziative editoriali e pubblicazioni, per un costo complessivo stimato in euro 31.400,00. Considerato che l’intenzione ben si adegua agli obiettivi dell’evento regionale, anche per il ruolo che l’Associazione Arteven ha sostenuto nell’ambito del programma regionale per le commemorazioni del Centenario fin dall’inizio, ponendo in essere azioni di promozione e valorizzazione culturale, sia mediante la performance teatrale concepita come strumento didattico, sia attraverso la circolazione guidata e ragionata di opere di diversa natura, si propone di dare corso al progetto, assegnando a tal fine all’Associazione Arteven di Venezia un contributo fino a euro 30.000,00 onnicomprensivi.

Quanto all’aspetto di animazione più divulgativa, l’Associazione no-profit CERS Italia (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche) con sede a Venezia, ha presentato mediante nota pervenuta al protocollo regionale n. 147725 del 19/04/2018 una richiesta di contributo relativamente a un progetto che consiste nell’allestimento di rievocazioni storiche, a cura dei propri gruppi, con diverse attività mirate principalmente al coinvolgimento emotivo del pubblico, fra le quali anche un intrattenimento musicale coristico di canti militari e popolari della Grande Guerra, per un costo complessivo di euro 12.000,00. Configurandosi l’iniziativa come particolarmente idonea, rispetto agli intenti che la Regione si prefigge con l’organizzazione della giornata di Villa Contarini, e tenuto altresì conto della natura e della qualificazione del soggetto, che da oltre vent’anni collabora con le Amministrazioni Pubbliche a livello locale nella salvaguardia del patrimonio di tradizioni storiche, si propone di dare attuazione al progetto, assegnando a tal fine al CERS Italia con sede in Venezia un contributo fino a euro 11.000,00, ogni onere incluso.

NUMERO MONOGRAFICO DEL “NOTIZIARIO BIBLIOGRAFICO” SUL CENTENARIO

Per favorire la comunicazione e la conoscenza dell’operato regionale sul tema Grande Guerra, anche in occasione dell’evento di Villa Contarini, si ritiene di realizzare una pubblicazione che raccolga tutte le informazioni sull’argomento e concorra a diffonderle. A chiusura del Centenario, visto il grande successo riscosso dal numero 69 della rivista “Notiziario Bibliografico”, uscito nel 2014 e dedicato a “La Grande Guerra in Veneto” in concomitanza con l’inizio dell’anniversario, si propone di riservare alla tematica un nuovo numero monografico, compiendo una ricognizione di quanto realizzato in questi anni sul territorio regionale nell’ambito delle Celebrazioni. Il “Notiziario Bibliografico”, periodico della Giunta regionale fondato nel 1988 e realizzato in collaborazione con Il Poligrafo Casa Editrice s.r.l. di Padova, che ne ha curato l’edizione fin da principio, si è affermato come prezioso strumento di informazione e di ricerca bibliografica per quanti sono interessati al Veneto e alla cultura veneta nelle sue diverse e molteplici espressioni. Sia per l’ampia diffusione di cui il periodico gode, in ambito non solo nazionale, sia per il taglio divulgativo con cui veicola contenuti di alto livello scientifico, il “Notiziario Bibliografico” può senz’altro configurarsi come luogo adatto a presentare al largo pubblico gli esiti delle molteplici iniziative che la Regione del Veneto ha realizzato e promosso in questi anni, anche in collaborazione con gli altri Enti e Istituzioni presenti sul territorio; inoltre il numero speciale della rivista potrà costituire una valida ricognizione bibliografica, destinata non soltanto a rimanere nel tempo come riferimento per studiosi e appassionati della materia, ma anche a valorizzare l’offerta culturale della Regione e a fornire visibilità ai progetti sostenuti con la diretta partecipazione dell’istituzione. Per l’attuazione di questa iniziativa si seguirà la procedura prevista dal D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.; a tale scopo si ritiene di destinare una somma fino a euro 10.000,00, ogni onere incluso.

PARTECIPAZIONE ALLE CELEBRAZIONI DI VITTORIO VENETO

Nel corso del 2018 vi saranno inoltre ulteriori momenti commemorativi di particolare rilievo, nei quali si ritiene opportuno che la Regione dia segno concreto della propria presenza. La Città di Vittorio Veneto, che fu profondamente coinvolta nelle vicende finali della Grande Guerra, e nell’immaginario collettivo evoca la conclusione di un lungo e tragico conflitto, ha predisposto per le commemorazioni del 2018 un articolato programma di iniziative, dal titolo simbolico “Quando scoppia la pace”, che ha presentato alla Regione, con una richiesta di sostegno, mediante note acquisite al protocollo regionale n. 461173 e 461184 del 6 novembre 2017. Esso comprende una serie di diverse attività, quali conferenze, convegni, mostre e residenze d’artista, rassegne cinematografiche, concerti, eventi sportivi e altro; tra queste, risultano di particolare interesse per l’affinità alle linee operative regionali finora seguite: il progetto di un incontro nazionale dei Musei della Grande Guerra “Testimoni di Guerra, Attori di Pace”, che valorizza il ruolo centrale delle istituzioni museali dedicate alla tematica, concorrendo all’obiettivo da tempo perseguito dalla Regione di renderle sempre più unite e reciprocamente connesse in un’ottica di rete, e al tempo stesso pone l’accento sul messaggio di pace che costituisce il contenuto principale delle azioni regionali; un’offerta musicale denominata “Musiche di Guerra Sinfonie di Pace”, con appuntamenti dedicati ad approfondire l’argomento e al termine un evento musicale, “Eroi sono quelli che costruiscono la pace”, sul tema della guerra vista con gli occhi dei bambini, da realizzarsi anche eventualmente coinvolgendo i giovani in età scolare; infine la solenne Cerimonia di Commemorazione Ufficiale, che rappresenterà la chiusura delle manifestazioni, alla presenza delle più alte cariche istituzionali. Si propone pertanto di sostenere il programma del Comune di Vittorio Veneto, aderendo alle tre iniziative ora indicate, con un contributo complessivo fino a euro 30.000,00 ogni onere incluso.

PARTECIPAZIONE ALLE CELEBRAZIONI DI PADOVA

Il Comune di Padova, città che da Caporetto alla fine della guerra fu ‘Capitale al Fronte’, ha presentato, con nota acquisita al protocollo regionale n. 2946 del 4 gennaio 2018, un programma di attività, definito di concerto con numerosi altri soggetti, in prevalenza Enti Locali e Amministrazioni Pubbliche del territorio, per le Celebrazioni del Centenario, articolato in una serie di iniziative istituzionali, di tipo commemorativo e celebrativo, e un gran numero di eventi culturali dedicati al tema del primo conflitto mondiale, fra i quali si segnalano spettacoli musicali, teatrali e cinematografici, una mostra e un convegno di studi, nonché azioni di valorizzazione di luoghi e memorie della Grande Guerra. In particolare, si ritiene efficace e rispondente agli intenti e alle modalità attuative del programma regionale la rassegna di proiezioni cinematografiche, curata dall’Associazione Euganea Film Festival, che prevede un articolato cartellone di opere incentrate sulla prima guerra mondiale. Si propone pertanto di accogliere la richiesta, dando sostegno all’attività ora descritta, e assegnando a tal fine al Comune di Padova un contributo di euro 10.0000,00 ogni onere incluso.

PARTECIPAZIONE ALLE CELEBRAZIONI NELL’AREA DEL GRAPPA

Restando sul piano delle celebrazioni commemorative, il Comune di Pove del Grappa ha presentato alla Regione, con nota acquisita al protocollo n. 170591 del 09/05/2018, una richiesta di sostegno per il progetto denominato “La Storia ri-vive”, consistente in una rievocazione storica in programma il 23 e 24 giugno 2018, nel centesimo anniversario dei fatti avvenuti sul Col Moschin, che condussero alla Battaglia del Solstizio; essa si inquadra nel contesto di una serie di attività promosse in diverse località sul massiccio del Grappa e nei centri limitrofi per rievocare e commemorare uno dei momenti più tragici e insieme decisivi di tutto il conflitto, sui luoghi stessi che videro svolgersi le operazioni belliche, in quel baluardo difensivo naturale che il Monte Grappa fu, insieme al fiume Piave, di cruciale importanza strategica nelle ultime fasi della Grande Guerra. Pertanto, si propone di aderire al progetto del Comune di Pove del Grappa, assegnando un contributo fino a euro 15.000,00 onnicomprensivi.

PARTECIPAZIONE AL PIANO DI COMUNICAZIONE DEL MEMORIALE VENETO DELLA GRANDE GUERRA A MONTEBELLUNA

Il Comune di Montebelluna, con nota pervenuta al protocollo regionale n 142790 del 16/04/2018, ha presentato un progetto per la comunicazione del Memoriale Veneto della Grande Guerra. Sostenuto dalla Regione del Veneto nell’ambito della programmazione PAR FSC Veneto 2007-2013 (Asse 3 “Beni Culturali e Naturali” -  Linea di intervento 3.1 “Interventi di conservazione, fruizione dei beni culturali, messa in rete e promozione di attività ed eventi culturali”), il Memoriale Veneto della Grande Guerra, museo virtuale mirato a diffondere la conoscenza e approfondire la comprensione delle vicende storiche di cento anni fa, è ora in corso di realizzazione presso gli spazi della storica Villa Pisani a Montebelluna, e si propone di svolgere, una volta compiuto, la funzione di ‘portale di accesso’, sia fisico, sia culturale, luogo squisitamente dedicato all’educazione e all’interpretazione della storia del primo conflitto mondiale nel territorio. L’importanza dell’operazione e l’entità delle risorse investitevi richiedono di programmare un adeguato piano di comunicazione, tale da raggiungere il più ampio potenziale bacino di utenza, al fine di informare sulla realizzazione del Memoriale e sui relativi servizi, legati alla promozione di tutta l’offerta territoriale sul tema Grande Guerra.  Il piano di comunicazione nello specifico prevede la creazione di un’immagine coordinata, più diverse azioni informative affidate a vari media, sia in ambito locale sia al di fuori dei confini del Veneto, a livello nazionale e internazionale. Per tale attività si propone di sostenere il progetto del Comune di Montebelluna, assegnando un contributo fino a euro 15.000,00 ogni onere incluso.

SOSTEGNO A CONCERTI DEL CONSORZIO TRA I CONSERVATORI DEL VENETO

Per concludere la rassegna degli eventi commemorativi, concedendo un significativo spazio anche a quelli incentrati sullo svolgimento di attività artistiche performative, si ritiene confacente il progetto presentato dal Consorzio tra i Conservatori di Musica del Veneto, con nota pervenuta al protocollo regionale n. 146958 del 19/04/2018, che prevede la possibilità di organizzare alcuni concerti da parte della propria formazione denominata “Simultaneo Ensemble”, in luoghi emblematici per la memoria della Prima Guerra Mondiale nel territorio. I repertori proposti, pensati appositamente per approfondire temi storici e sollecitare la riflessione sul ricordo degli episodi della guerra, ed eseguiti dai giovani studenti delle discipline musicali di alcuni Conservatori del Consorzio, sono accompagnati da tracce di guida all’ascolto, anche con letture di testimonianze dell’esperienza bellica, ed altre integrazioni testuali, cui si aggiunge la presentazione di importanti opere letterarie sul tema della guerra. Si stima quindi opportuno sostenere il progetto, assegnando a tal fine al Consorzio dei Conservatori Musicali del Veneto un contributo fino a euro 10.000,00 onnicomprensivi.

SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE DEL TERZO EPISODIO DELLA TRILOGIA SULLA GRANDE GUERRA - ISTITUTO LUCE

Una linea nella quale la Regione è finora stata molto attiva per quanto concerne il tema Grande Guerra, tale da rispondere con notevole efficacia alle esigenze di divulgazione e di diffusione della conoscenza presso il più ampio pubblico, è quella delle grandi realizzazioni cinematografiche incentrate sull’argomento. In particolare, l’Istituto Luce di Roma ha negli scorsi anni prodotto, anche con il sostegno regionale, due fortunate pellicole appartenenti al genere della docu-fiction, nelle quali si alternano parti girate ex novo, sulla base di una sceneggiatura originale, e frammenti di pellicole d’epoca conservate presso l’Istituto Luce, sottoposte a un processo di restauro accurato, condotto con tecnologie all’avanguardia. La prima opera, dal titolo “Fango e Gloria”, dedicata alla guerra combattuta ‘a terra’, ha avuto un notevole successo, e ben apprezzata risulta anche la seconda, “Noi Eravamo”, concentrata sui combattimenti ‘in cielo’. A concludere la trilogia, l’Istituto Luce, con nota acquisita al protocollo regionale n. 100010 del 15 marzo 2018 ha presentato il progetto per un nuovo film, dal titolo provvisorio “Il destino degli uomini - Luigi Rizzo”, che tratterà il tema delle operazioni belliche svolte dalle forze ‘di mare’. Considerato il positivo esito delle precedenti esperienze, e l’ampio potenziale del mezzo di comunicazione cinematografico, che per l’elevata visibilità lascia auspicare i migliori risultati, anche sul piano della valorizzazione del patrimonio delle memorie storiche, si propone di sostenere il progetto dell’Istituto Luce, con un contributo fino a euro 40.000,00 ogni onere incluso.

ACQUISTO COPIE DEL SECONDO EPISODIO DELLA TRILOGIA SULLA GRANDE GUERRA – ISTITUTO LUCE

A tale riguardo, nell’ottica di una sempre maggiore disseminazione e fruizione di quanto realizzato finora, si propone anche di far circuitare nel territorio il sopra menzionato film “Noi Eravamo”, prodotto dall’Istituto Luce, con il contributo della Regione del Veneto, così da raggiungere un bacino di pubblico il più possibile allargato, e con particolare riguardo al mondo delle istituzioni scolastiche. Si ritiene quindi di acquistare a tal fine almeno 1.000 copie dell’opera da distribuire in Veneto, destinando a tale iniziativa una somma fino a euro 9.000,00 onnicomprensivi, e adottando la procedura prevista dal D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.

CIRCUITAZIONE DELLA MOSTRA “MAPPE IN GUERRA”

Allo stesso modo si reputa importante concorrere alla circolazione di un’altra iniziativa attuata con il sostegno della Regione, la mostra “Mappe in guerra. il fronte del Piave e del Grappa nella cartografia militare della Grande Guerra”, realizzata con contributo regionale dall’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità, sulla base dell’atlante “Cartografia militare della Prima Guerra Mondiale. Cadore, Altopiani e Piave nelle carte topografiche austro-ungariche e italiane dell’Archivio di Stato di Firenze”, a sua volta esito di un’iniziativa editoriale promossa e sostenuta dalla Regione del Veneto. La mostra, inaugurata a Padova il 23 febbraio 2018, è concepita come esposizione itinerante, e per favorirne la circuitazione nel corso dell’anno presso gli Enti locali del territorio interessati l’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità, ha presentato un progetto, con nota pervenuta al protocollo n. 149814 del 20/04/2018, chiedendo a tal fine il sostegno della Regione. Si propone pertanto di assegnare un contributo fino a euro 5.000,00 onnicomprensivi all’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità, per l’attuazione di tale iniziativa.

L’attuazione del programma e la definizione nel dettaglio delle iniziative che vi rientrano, laddove necessario, sarà curata dalla Direzione Beni Attività Culturali e Sport, a partire dai progetti presentati. Con successivo provvedimento della Giunta regionale saranno apportate le conseguenti variazioni compensative di bilancio, sia in termini di competenza, sia in termini di cassa, ai sensi dell’art. 9, comma 2ter della L.R. 29 novembre 2001, n. 39. Le spese di cui si prevede l’impegno, concernenti la tipologia “mostra”, non sono soggette alle limitazioni di cui alla L.R. 1/2011, in considerazione di quanto disposto dall’art. 22 comma 5 quater del D.L. 50/2017, convertito con modificazioni nella L. 96/2017.

In base alla procedura prevista dall’articolo 5 della Legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45, il contenuto del presente atto è stato sottoposto all’esame della Terza Commissione consiliare, che nella seduta del 23 maggio 2018 ha espresso parere favorevole al testo.

Il sostegno delle iniziative previste dal programma comporta un importo massimo di obbligazioni di spesa pari a complessivi € 200.000,00,  che verrà assunto con propri atti dal Direttore della Direzione Beni, Attività Culturali e Sport entro il corrente esercizio, con imputazione all’esercizio 2018, per € 166.000,00 sul capitolo 103534 ad oggetto “Azioni regionali per la conclusione delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale - Trasferimenti correnti”, del bilancio di previsione 2018-2020 che presenta sufficiente disponibilità, e per i rimanenti € 34.000,00, relativi all’acquisto di beni e servizi,  sul nuovo capitolo ad oggetto “Azioni regionali per la conclusione delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale - Acquisto di beni e servizi”, per effetto di una variazione di bilancio, richiesta con nota prot. n. 202218 del 30 maggio 2018 della Direzione Beni Attività Culturali e Sport, essendo ad oggi il capitolo privo di disponibilità.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la propria deliberazione n. 191 del 20 febbraio 2018 “Affidamento della gestione dei servizi afferenti il complesso monumentale di “Villa Contarini” in Piazzola sul Brenta (PD) e del complesso monumentale della “Rocca di Monselice” in Monselice (PD) alla società Immobiliare Marco Polo srl a socio unico, totalmente partecipata dalla Regione del Veneto”;

VISTO il Contratto per la Gestione dei Complessi Monumentali di “Villa Contarini” e “Rocca di Monselice”, sottoscritto in data 27 marzo 2018 e repertoriato al n. 35064;

VISTA la propria deliberazione n. 2092 del 14 dicembre 2017 “Costituzione del Comitato regionale veneto per le conclusioni del Centenario della Grande Guerra”;

VISTA la documentazione agli atti della Direzione Beni Attività Culturali e Sport;

VISTO il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 “Codice dei Contratti Pubblici”, art. 63, comma 2, lett. b;

VISTO il D.lgs. 118/2011 modificato e integrato dal D.lgs. 126/2014;

VISTA la Legge regionale 29 novembre 2001, n. 39 “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione”;

VISTA la Legge regionale n. 47 del 29 dicembre 2017 di approvazione del Bilancio di previsione 2018-2020;

VISTA la deliberazione n. 10 del 5 gennaio 2018 di approvazione del Documento Tecnico di Accompagnamento al “Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTO il Decreto del Segretario Generale della Programmazione n. 1 dell’11 gennaio 2018 di approvazione del bilancio finanziario gestionale 2018-2020;

VISTA la deliberazione n. 81 del 26.01.2018 che approva le Direttive per la gestione del Bilancio di previsione 2018-2020;

VISTO l’art. 22 comma 5 quater del D.L. 50/2017, convertito con modificazioni nella L. 96/2017;

VISTO l’articolo 5 della Legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45 “Conclusione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale”;

VISTO l’articolo 2, comma 2, della Legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54, come modificato dalla Legge regionale n. 14 del 17 maggio 2016;

VISTA la deliberazione/CR n. 48 del 15.05.2018;

VISTO il parere della Terza Commissione consiliare n. 312, rilasciato in data 23 maggio 2018, trasmesso con nota prot. n. 12502 del 25 maggio 2018;

VISTA la nota della Direzione Beni, Attività Culturali e Sport prot. n. 202218 del 30 maggio 2018;

delibera

  1. di considerare le premesse parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare in via definitiva, acquisito il parere favorevole della competente Commissione consiliare, il programma delle attività regionali per la Conclusione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale, ai sensi della legge regionale 29 dicembre 2017, n. 45, art. 5, come in premessa dettagliato;
  3. di determinare in € 200.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa per il sostegno delle iniziative previste dal programma di cui al precedente punto, alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Beni, Attività Culturali e Sport entro il corrente esercizio, con imputazione all’esercizio 2018, per € 166.000,00 sul capitolo 103534 ad oggetto “Azioni regionali per la conclusione delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale - Trasferimenti correnti”, del bilancio di previsione 2018-2020 che presenta sufficiente disponibilità, e per i rimanenti € 34.000,00, relativi all'acquisto di beni e servizi,  sul nuovo capitolo ad oggetto “Azioni regionali per la conclusione delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale - Acquisto di beni e servizi”, per effetto di una variazione di bilancio, richiesta con nota prot. n. 202218 del 30 maggio 2018 della summenzionata Direzione Beni Attività Culturali e Sport, essendo ad oggi il capitolo privo di disponibilità;
  4. di dare atto che la spesa per mostre, di cui si prevede l’impegno con il presente atto, non è soggetta alle limitazioni di cui alla L.R. 1/2011 per le motivazioni esposte in premessa, da considerarsi parte integrante del presente provvedimento;
  5. di dare atto che l’ulteriore spesa di cui si prevede l’impegno con il presente provvedimento non rientra nelle tipologie soggette a limitazione ai sensi della L.R. 1/2011;
  6. di incaricare la Direzione Beni Attività Culturali e Sport dell’esecuzione del presente atto;
  7. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  8. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Torna indietro