Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 75 del 04/08/2017
Scarica la versione firmata del BUR n. 75 del 04/08/2017
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 75 del 04 agosto 2017


Materia: Settore secondario

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1206 del 01 agosto 2017

Riapertura dei termini per la presentazione delle domande di concessione di un contributo straordinario alle aziende vittime di mancati pagamenti di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 384 del 28 marzo 2017 . Art. 20 della legge regionale 23 febbraio 2016, n. 7 "Legge di stabilità regionale 2016", come modificato dall'art. 84 della legge regionale 30 dicembre 2016, n. 30 "Collegato alla legge di stabilità regionale 2017".

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si riaprono i termini, scaduti il 29 giugno 2017, per la presentazione delle domande di concessione di un contributo straordinario a supporto della liquidità di micro, piccole e medie imprese che sono entrate in crisi a causa del mancato pagamento da parte di altre aziende debitrici che devono rispondere in sede processuale dei reati di estorsione, truffa, insolvenza fraudolenta e false comunicazioni sociali.

L'Assessore Roberto Marcato di concerto con il Vice Presidente Gianluca Forcolin riferisce quanto segue.

La legge regionale 23 febbraio 2016, n. 7 “Legge di stabilità regionale 2016”, all'articolo 20, ha autorizzato la Giunta regionale a concedere finanziamenti agevolati al fine di sostenere le micro, piccole e medie imprese (PMI) che entrano in crisi a causa del mancato pagamento da parte di altre aziende debitrici.

Successivamente, l'articolo 84 della legge regionale 30 dicembre 2016, n. 30 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2017” ha apportato  modifiche al citato articolo 20 della legge regionale n. 7 del 2016 autorizzando la Giunta regionale a concedere, in luogo del finanziamento agevolato, un contributo straordinario in misura proporzionale all'ammontare dei crediti maturati nei confronti delle aziende debitrici e, comunque, entro il limite massimo di euro 50.000,00 per ciascuna impresa.

Beneficiarie del contributo, concesso in regime de minimis, sono le PMI che risultano parti offese in un procedimento penale, anche in corso alla data di entrata in vigore della legge regionale n. 7 del 2016, a carico delle aziende debitrici imputate dei delitti di cui agli articoli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) del codice penale e di cui all’articolo 2621 del codice civile (false comunicazioni sociali).

La finalità dell'intervento, a cui è destinata una dotazione finanziaria pari a euro 1.000.000,00, consiste nel favorire la stabilità e la solidità delle PMI che risultano potenzialmente in crisi in quanto vittime di mancati pagamenti da parte di imprese debitrici attraverso operazioni di ripristino della liquidità; il contributo è volto a sostenere le imprese che sono state gravemente danneggiate da comportamenti illeciti che hanno messo a rischio la continuità aziendale, in un quadro reso complicato dall’attuale congiuntura economica.

Con deliberazione della Giunta regionale n. 384 del 28 marzo 2017 sono stati approvati i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione del suddetto contributo straordinario. Entro il 29 giugno 2017, termine ultimo di presentazione delle domande di concessione di contributo, sono pervenute alla Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi n. 13 domande, per una richiesta di contributi pari a complessivi euro 520.000,00; la dotazione finanziaria ancora disponibile risulta, pertanto, pari ad euro 480.000,00.

Considerato che alcune imprese hanno manifestato interesse all'iniziativa regionale di cui trattasi anche dopo la scadenza del termine di presentazione delle domande, si propone di autorizzare la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di contributo a partire dal 7 agosto 2017 sino a esaurimento delle risorse ancora disponibili e, comunque, non oltre il 15 settembre 2017.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO l’articolo 20 della legge regionale 23 febbraio 2016, n. 7, come modificato dall‘articolo 84 della legge regionale 30 dicembre 2016, n. 30,  recante misure urgenti per il credito delle aziende vittime di mancati pagamenti;

VISTO il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese;

VISTA la deliberazione della Giunta regionale n. 384 del 28 marzo 2017;

VISTO il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

VISTO l’articolo 2, comma 2 della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54;

delibera

  1. di considerare le premesse parte integrante del presente provvedimento;
  2. di autorizzare la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di contributo straordinario alle aziende vittime di mancati pagamenti, di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 384 del 28 marzo 2017, a partire dal 7 agosto 2017 sino a esaurimento delle risorse residue e, comunque, non oltre il 15 settembre 2017; 
  3. di incaricare la Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi dell’esecuzione del presente atto; 
  4. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell’articolo 26, comma 1, del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33; 
  5. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

Torna indietro