Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 13 del 03/02/2015
Scarica la versione firmata del BUR n. 13 del 03/02/2015
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 13 del 03 febbraio 2015


Materia: Cultura e beni culturali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2638 del 29 dicembre 2014

Azioni regionali per la valorizzazione del patrimonio culturale. Prima parte del programma per l'anno 2014. Art. 102 della l. r. 27 febbraio 2008, n. 1 ("Legge finanziaria regionale per l'esercizio 2008"). Conferma della DGR n. 167/CR del 27 novembre 2014.

Note per la trasparenza

A seguito dell'acquisizione del parere della commissione consiliare competente, la deliberazione conferma i contenuti della n. 167/CR del 27/11/2014, approvando in via definitiva la prima parte del programma per le attività di valorizzazione del patrimonio di beni culturali, ai sensi della legge regionale 1/2008, art. 102.

Estremi dei principali documenti dell'istruttoria:
Lettere prot. reg. n. 548055 del 23/12/2014 e prot. n. 548699 del 23/12/2014

Il Vicepresidente on. Marino Zorzato riferisce quanto segue.

Con Deliberazione n. 167/CR del 27 novembre 2014, la Giunta Regionale ha formulato la proposta per la prima parte del programma di attività di valorizzazione del patrimonio di beni culturali, ai sensi della legge regionale 1/2008, art. 102. Nella seduta del 23 dicembre 2014 la Sesta Commissione consiliare ha espresso in merito parere favorevole, ai sensi dell'art. 3, comma 2, della legge regionale 39/2013. Si tratta ora di confermare la suddetta proposta, i cui contenuti di seguito si riportano.

"L'art. 102 della legge regionale 27 febbraio 2008, n. 1 "Legge finanziaria regionale per l'esercizio 2008" prevede, con la finalità di valorizzazione del patrimonio culturale regionale, la promozione di iniziative di conoscenza e di comunicazione a livello nazionale e internazionale del patrimonio culturale regionale, anche per sviluppare un turismo culturale qualificato. A tal fine la Giunta regionale viene autorizzata ad elaborare programmi di ricerca e di attività di promozione, anche attivando accordi con soggetti pubblici e privati operanti nel settore dei beni culturali.

Seguendo una linea che era stata individuata già nel primo quadro programmatico scaturito dalle disposizioni della suddetta legge regionale, le risorse stanziate nelle ultime due annualità hanno dato copertura o sostegno a una serie di iniziative dedicate al tema della Grande Guerra nel territorio veneto, argomento che, in periodo di commemorazioni per il centesimo anniversario del primo conflitto mondiale, è sembrato opportuno considerare prioritario e di particolare richiamo per l'interesse sollevato dalla ricorrenza.

In continuità con l'indirizzo così delineato, si propone di destinare parte delle risorse stanziate a valere sulla medesima legge regionale, per proseguire nelle attività intraprese al fine di valorizzare il patrimonio di testimonianze storiche e promuovere la diffusione della conoscenza di memorie ed eventi relativi alla Grande Guerra in Veneto.

In particolare, con le Deliberazioni di Giunta regionale n. 2694 del 24 dicembre 2012, e n. 1208 del 16 luglio 2013, si è avviato un programma di attività di promozione, mirate a rendere partecipe il grande pubblico, a livello nazionale e internazionale, di quanto la Regione ha intrapreso per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio di luoghi e memorie della Grande Guerra, in vista delle celebrazioni per il Centenario, anche al fine di incoraggiare e incrementare una fruizione turistica di alcuni contesti monumentali e/o ambientali indicati come prioritari. Poiché tali attività si configurano nel loro insieme come una strategia di brand management, in riferimento a un 'prodotto' da promuovere, che nella fattispecie coincide con un patrimonio storico culturale e ambientale di primo livello in Veneto, importantissimo per le potenziali ricadute sul piano dello sviluppo, non soltanto sociale, ma anche economico, del territorio, si è ritenuto di affidare l'incarico a Veneto Promozione S.c.p.A., fra le cui competenze specifiche rientra questo tipo di iniziativa.

Veneto Promozione S.c.p.A. è una Società Consortile a partecipazione totalmente pubblica, partecipata dalla Regione del Veneto per il 50%, il cui statuto societario esclude la possibilità che privati o imprese private partecipino alla compagine societaria. Le modifiche statutarie approvate con Deliberazione di Giunta regionale n. 3514 del 30 dicembre 2010 hanno conformato le attività sociali ai principi dell'"in house providing", prevedendo da parte della Regione stessa un controllo sulla Società assimilabile a quello esercitato nei confronti dei propri servizi (c.d. controllo analogo); con la medesima Deliberazione sono stati inoltre approvati i patti parasociali tra il socio Regione del Veneto e il socio Unione regionale delle Camere di Commercio del Veneto, stipulati in data 30 giugno 2011. Ciò considerato, e verificato inoltre che, ai sensi dello Statuto, la Società strumentale svolge attività esclusivamente rivolta ai propri Soci, si è proceduto all'affidamento in house senza previsione di compensi a Veneto Promozione S.c.p.A. per la realizzazione delle iniziative promozionali sopra descritte.

La strategia promozionale, mirante ad incrementare la visibilità del patrimonio, in Italia e all'estero, si è finora concretizzata su più fronti. In particolare, è stato realizzato il sito internet regionale interamente dedicato al tema della Grande Guerra nel Veneto, con riferimento sia al patrimonio dei beni storici sia all'insieme delle iniziative di valorizzazione nel territorio, il tutto in quattro lingue (italiano, inglese, francese e tedesco); è stato inoltre approntato materiale promozionale a carattere turistico culturale, sempre nelle quattro lingue summenzionate, ed è stata organizzata la presenza della Regione in occasione di manifestazioni fieristiche specificamente mirate a promuovere la memoria della Grande Guerra con la ricorrenza del centenario (come la Borsa del Turismo della Grande Guerra di Gorizia, le manifestazioni in Villa Contarini, il Salone Europeo della Cultura di Venezia).

Si propone pertanto di dare continuità a tale attività, incaricandone, per le ragioni sopra esposte, la Società Consortile Veneto Promozione S.c.p.A. In particolare, Veneto Promozione curerà l'implementazione del portale internet regionale dedicato alla Grande Guerra www.venetograndeguerra.it, mediante la messa a punto di funzionalità specifiche e l'inserimento di testi nelle quattro lingue sopra menzionate, di immagini e altri contenuti di promozione e diffusione della conoscenza del patrimonio di memorie storiche; inoltre, compatibilmente con le contingenze, nelle occasioni che si presenteranno alla ricorrenza del centenario, potrà assicurare la presenza regionale nell'ambito di manifestazioni di alto profilo, nazionali o internazionali, specificamente intese alla valorizzazione del tema della Grande Guerra.

Per disciplinare i rapporti fra la Regione del Veneto e Veneto Promozione S.c.p.A., si predispone lo schema di convenzione in Allegato A, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, nel quale schema, all'articolo 4, la Società Veneto Promozione S.c.p.A. è chiamata a dar conto del rispetto delle direttive di cui alle Deliberazioni di Giunta regionale n. 2951 del 14 dicembre 2010 e n. 258 del 5 marzo 2013, allegato A, con particolare riferimento (lettera A) a quelle in materia di affidamento di lavori, forniture, servizi ed a quelle (lettera C) in materia di personale dipendente; nel rispetto della normativa, e delle direttive sopra richiamate, Veneto Promozione potrà fare fronte agli impegni assunti con la convenzione mediante personale interno, o soggetti esterni di comprovata esperienza e professionalità nel settore, laddove necessario. La convenzione definisce direttive, condizioni e tempi di attuazione del programma, nonché articolazione e modalità di pagamento e rendicontazione, in conformità a quanto indicato dalle linee guida attuative approvate con Deliberazione di Giunta regionale n. 340 del 6 marzo 2012. Per l'adempimento di tale incarico si propone di corrispondere a Veneto Promozione S.c.p.A. la somma di euro 50.000,00 onnicomprensivi.

Sempre nell'ambito della valorizzazione del patrimonio storico della Grande Guerra, con la Deliberazione di Giunta regionale n. 2427 del 20 dicembre 2013, che approvava azioni a valere sulle risorse stanziate per l'anno 2013 ai sensi della legge regionale 27 febbraio 2008, art. 102, e successivamente con la Deliberazione n. 1413 del 5 agosto 2014, si è individuata la sede di rappresentanza di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (Pd) come luogo particolarmente adatto a ospitare manifestazioni di grande risonanza dedicate alla memoria del primo conflitto mondiale in occasione del centenario, ritenendo che il prestigioso monumento potesse offrire un contesto d'eccellenza per l'evento iniziale di presentazione del programma di attività e per iniziative di commemorazione e valorizzazione del patrimonio delle testimonianze materiali e immateriali della Grande Guerra.

Tenuto conto che la gestione di Villa Contarini è in capo all'Immobiliare Marco Polo s.r.l., Società a partecipazione regionale totalitaria, il cui statuto societario esclude la possibilità che privati o imprese private partecipino alla compagine societaria; considerato altresì che le previsioni contenute nello statuto sociale configurano l'esistenza di un controllo da parte della Regione sulla Società assimilabile a quello esercitato nei confronti dei propri servizi; verificato che la società, in quanto società strumentale, ai sensi del proprio Statuto, svolge un'attività prevalentemente rivolta alla Regione del Veneto, si è proceduto all'affidamento in house senza previsione di compensi a favore dell'Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico di Venezia della realizzazione dell'evento dedicato al centenario della Grande Guerra.

Si propone di dare continuità anche a questa linea di valorizzazione, confermando l'opportunità di utilizzare gli spazi del prestigioso edificio storico come sede la più adeguata a ospitare manifestazioni ed eventi culturali, anche di grande richiamo, dedicati a valorizzare le testimonianze e a promuovere la memoria della prima guerra mondiale. In particolare, gli ambienti di Villa Contarini accoglieranno una delle manifestazioni annunciate nel corso della presentazione del programma regionale, ovvero l'esposizione temporanea di disegni dell'artista piemontese Giuseppe Cominetti, inviati dal Grappa e da altri luoghi del fronte italiano al quotidiano francese "Le Monde" come illustrazioni 'di prima linea', testimonianze crude e spesso agghiaccianti sugli orrori della guerra; oltre a ciò il complesso monumentale di Piazzola sul Brenta potrà ospitare eventuali altre iniziative di diffusione della conoscenza delle vicende storiche legate al primo conflitto mondiale. Per il solo allestimento della mostra in Villa Contarini si determina un costo massimo pari a euro 14.000,00, rientrando tale spesa fra le tipologie soggette a limitazioni ai sensi della l.r. 1/2011.

I rapporti tra la Regione e l'Immobiliare Marco Polo s.r.l. saranno regolati dalla convenzione di cui allo schema Allegato B alla presente, nel quale schema, all'articolo 3, la società Immobiliare Marco Polo è chiamata a dar conto del rispetto delle direttive di cui alle Deliberazioni di Giunta regionale n. 2951 del 14 dicembre 2010 e n. 258 del 5 marzo 2013, allegato A, con particolare riferimento a quelle (lett. A) in materia di affidamento di lavori, forniture e servizi ed a quelle (lett. C) in materia di personale dipendente.

L'affidamento diretto delle iniziative di valorizzazione del tema Grande Guerra presso Villa Contarini alla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico di Venezia è motivato dalla convenzione in essere tra questa e la Regione del Veneto, approvata con Deliberazione di Giunta regionale n. 1912 del 08 luglio 2008, che prevede che l'Immobiliare Marco Polo sia l'unica struttura a poter gestire in maniera integrata i servizi afferenti al complesso monumentale della Villa, e dalle Deliberazioni n. 1610 del 11 ottobre 2011 e n. 2036 del 3 novembre 2014, che dispongono l'affidamento a favore della Immobiliare Marco Polo della gestione dei servizi afferenti il complesso monumentale della Villa. Per l'adempimento di tale incarico si propone di corrispondere alla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico la somma di euro 50.000,00 onnicomprensivi. Una quota parte, fino al limite massimo di euro 30.000,00, potrà essere destinata a spese di pubblicità; si dà atto che dette spese per pubblicità non sono soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011, perché interamente previste nelle iniziative di valorizzazione dei beni della Grande Guerra contenute nel Progetto di comunicazione per l'anno 2014 approvato con Deliberazione di Giunta regionale n. 1191 del 15 luglio 2014."

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura proponente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

VISTO lo Statuto regionale;

VISTA la propria Deliberazione n. 258 del 5 marzo 2013 ad oggetto "Chiarificazioni e integrazioni alle direttive indirizzate alle società partecipate di cui alle D.G.R. n. 2951 del 14 dicembre 2010, n. 1075 del 26 luglio 2011 e n. 2790 del 24 dicembre 2012.", allegato A;

VISTO l'art. 2, co. 2 della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54;

VISTO l'art. 102 della legge regionale 27 febbraio 2008, n. 1;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 1912 del 8 luglio 2008;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 3514 del 30 dicembre 2010;

VISTE le Deliberazioni di Giunta regionale n. 2951 del 14 dicembre 2010;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 340 del 6 marzo 2012;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 2694 del 24 dicembre 2012;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 1208 del 16 luglio 2013;

VISTE le Deliberazioni di Giunta regionale n. 2427 del 20 dicembre 2013 e n. 1413 del 5 agosto 2014;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 1191 del 15 luglio 2014.

VISTE le Deliberazioni di Giunta regionale n. 1610 del 11 ottobre 2011 e n. 2036 del 3 novembre 2014;

TENUTO CONTO della sussistenza dei criteri richiesti per configurare le Società Veneto Promozione S.c.p.A. e Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico quali società in house della Regione del Veneto;

VISTO l'art. 3, comma 2, della legge regionale 24 dicembre 2013, n. 39;

delibera

1.      di approvare la proposta di una prima parte del programma relativo all'anno 2014 per la valorizzazione di beni culturali a valere sui fondi stanziati ai sensi della legge regionale 1/2008, art. 102, come dettagliato nella premessa, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2.      di procedere ad affidamento in house alla Società Veneto Promozione S.c.p.A. del prosieguo delle attività di valorizzazione e promozione dei beni e delle memorie storiche della Grande Guerra, come in premessa descritte, riconoscendo a tal fine alla medesima Società la somma omnicomprensiva di euro 50.000,00;

3.      di procedere ad affidamento in house alla Società Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico dell'organizzazione delle iniziative di valorizzazione di beni e memorie della Grande Guerra nella sede regionale di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta, come in premessa descritte, riconoscendo a tal fine alla medesima Società la somma omnicomprensiva di euro 50.000,00;

4.      di approvare l'Allegato A (Schema di convenzione tra la Regione del Veneto e la Società Veneto Promozione S.c.p.A. per attività di valorizzazione e promozione dei beni e delle memorie storiche della Grande Guerra), parte integrante del presente provvedimento, che precisa gli accordi tra le parti finalizzati alla realizzazione delle iniziative in oggetto;

5.      di approvare l'Allegato B (Schema di convenzione tra la Regione del Veneto e la Società Immobiliare Marco Polo s.r.l. a socio unico per l'organizzazione delle iniziative di valorizzazione di beni e memorie della Grande Guerra nel complesso monumentale di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta), parte integrante del presente provvedimento, che precisa gli accordi tra le parti finalizzati alla realizzazione dell'iniziativa in oggetto;

6.      di incaricare il Direttore della Sezione Beni Culturali dell'adozione di tutti i necessari provvedimenti attuativi, in particolare della sottoscrizione delle convenzioni che regolano i rapporti tra Regione e Veneto Promozione S.c.p.A., secondo lo schema Allegato A, e tra Regione e Immobiliare Marco Polo s.r.l., secondo lo schema Allegato B;

7.      di determinare in euro 100.000,00 l'importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Sezione Beni Culturali, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 101110 del bilancio 2014 "Azioni regionali per la valorizzazione del patrimonio culturale (art. 102, l.r. 27/02/2008, n. 1)", che presenta sufficiente disponibilità;

8.      di dare atto che una quota della spesa di cui si prevede l'impegno con il presente atto, pari a euro 14.000,00, concerne la seguente tipologia soggetta a limitazioni ai sensi della l.r. 1/2011: "mostre";

9.      di dare atto che una quota della spesa di cui si prevede l'impegno con il presente atto, fino al limite massimo di euro 30.000,00, concernente la tipologia "pubblicità", non è soggetta alle limitazioni di cui alla L.R. 1/2011, per le motivazioni esposte in premessa, da considerarsi parte integrante del presente provvedimento;

10.   di dare atto che la rimanente spesa di cui si prevede l'impegno con il presente atto non rientra fra le tipologie soggette a limitazioni ai sensi della l.r. 1/2011;

11.   di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'articolo 23 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

12.   di incaricare la Sezione Beni Culturali dell'esecuzione del presente atto;

13.   di trasmettere il presente atto alla Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti ai sensi dell'articolo 1, comma 173, della legge 23 dicembre 2005, n. 266;

14.   di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

2638_AllegatoA_289774.pdf
2638_AllegatoB_289774.pdf

Torna indietro