Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 94 del 05/11/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 94 del 05/11/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 94 del 05 novembre 2013


Materia: Servizi sociali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1875 del 15 ottobre 2013

Costituzione della Consulta per il servizio civile regionale - L.R. n. 18/2005

Note per la trasparenza:

Costituzione della Consulta regionale per il servizio civile come previsto dall'art. 11 della legge regionale n. 18/2005.

 

L'Assessore Remo Sernagiotto, riferisce quanto segue.

Per dare piena attuazione a quanto previsto dalla Legge Regionale n. 18 del 18 novembre 2005 che, con disposizioni che richiamano anche la legge nazionale (D.L. 77/2002), all'art. 11 prevede l'istituzione della Consulta per il servizio civile regionale, si intende costituire tale organo consultivo della Giunta regionale.

La Consulta esprime il proprio parere sul programma degli interventi relativi al servizio civile, sui progetti di impiego dei volontari, sull'assegnazione di contributi e finanziamenti al servizio civile regionale e attività connesse; essa è composta da non più di dieci membri rappresentanti degli enti e delle organizzazioni che impiegano giovani volontari in servizio civile o abbiano svolto attività significative di formazione connesse al servizio civile regionale volontario.

In base alla legge regionale (il richiamato art. 11 della L.R. n. 18/2005), i membri della Consulta sono individuati dalla Giunta regionale in maggioranza tra i rappresentanti degli enti e delle organizzazioni che impiegano volontari in servizio civile, o abbiano svolto attività significative e documentabili di formazione connesse al servizio civile regionale volontario. Si tratta quindi di criteri legati non solo all'impiego di volontari, ma anche alle attività correlate di sensibilizzazione, formazione di operatori e volontari, organizzazione eventi di promozione del servizio.

Si considera altresì la Consulta ulteriormente rappresentativa nella misura in cui sarà valorizzata la provenienza territoriale, il coinvolgimento di enti sia pubblici che privati e la varietà delle classi di accreditamento previste dalla normativa sul servizio civile.

A tal proposito la Direzione Servizi Sociali ha inviato una nota a tutti gli enti accreditati al servizio civile per far sì che chi ritenesse di possedere le caratteristiche sopraelencate potesse presentare la propria candidatura a membro della Consulta. In merito all'analisi delle candidature pervenute è stato richiesto parere al gruppo di lavoro misto servizio civile (previsto nella D.G.R. n. 2338 del 28 luglio 2009) che, come risulta da verbale datato 21 giugno c.a., dopo un'attenta analisi ha individuato i seguenti enti: Comitato d'intesa per le Associazioni volontaristiche della provincia di Belluno, Associazione Comuni della Marca Trevigiana, Federazione del Volontariato di Verona onlus, Associazione Polesine Solidale, Arci Servizio civile regionale Veneto, Città di Venezia, Comune di Padova, Anci Veneto, Veneto Insieme soc. coop. sociale consortile - Confcooperative e Università degli Studi di Padova.

Si ritiene pertanto con il presente provvedimento di procedere alla costituzione della Consulta del servizio civile regionale e di individuarne i componenti in carica per cinque anni. Ciascun componente potrà farsi sostituire da altro rappresentante a tal fine, di volta in volta, espressamente delegato; ogni sostituzione definitiva di componenti si rendesse necessaria potrà essere approvata con decreto del Dirigente della Direzione per i Servizi Sociali.

Infine, si ritiene opportuno porre termine all'esperienza del Gruppo di lavoro misto servizio civile, in quanto le relative competenze di afferenza, enunciate all'art. 5 dalla D.G.R. n. 2338/2009, rientrano in quelle previste dalla Consulta all'art. 11 della L.R. n. 18/2005.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione, ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine della compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

VISTA la legge n. 64/2001;

VISTO il D.L. n. 77/2002;

VISTA la L.R. n. 18/2005;

VISTA la D.G.R. n. 2338/2009;

VISTA la D.G.R. n. 2077/2010;

VISTO il parere del Gruppo di lavoro misto servizio civile.

delibera

1.   di costituire la Consulta per il servizio civile regionale ai sensi dell'art. 11 della legge regionale n. 18 del 18 novembre 2005 "Istituzione del servizio civile regionale volontario", così come riportato nell'Allegato A, che costituisce parte integrante della presente deliberazione;

2.   di sciogliere il Gruppo di lavoro misto servizio civile previsto dalla D.G.R. n. 2338/2009;

3.   di incaricare il Dirigente della Direzione regionale Servizi Sociali di provvedere con proprio provvedimento ad ogni successiva sostituzione di componente della Commissione che si rendesse necessaria;

4.   di incaricare la Direzione Servizi Sociali - U.C. Programmazione Terzo Settore e non autosufficienza dell'attuazione del presente provvedimento;

5.   di rinviare a successivo provvedimento della Giunta Regionale la disciplina riguardante il rimborso spese ai componenti della Consulta, come previsto dall'art. 11 della L.R. n. 18 del 18.11.2005;

6.   di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

1875_AllegatoA_260513.pdf

Torna indietro