Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 69 del 24 agosto 2010


Materia: Convenzioni

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1987 del 03 agosto 2010

Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS). Approvazione della convenzione tra Regione del Veneto e Veneto Strade S.p.A. e del relativo progetto.

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr) [

Note per la trasparenza:

Attivazione delle procedure per il cofinanziamento statale al Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS) ai sensi del Quarto e Quinto Programma del Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale (PNSS).

L'Assessore Renato Chisso riferisce quanto segue.

La Regione del Veneto ha assunto da tempo varie iniziative volte a favorire il raggiungimento di condizioni di maggior sicurezza per la circolazione sulla rete stradale regionale, sia con numerosi interventi di natura infrastrutturale, sia con iniziative rivolte all'educazione ed alla promozione di un corretto comportamento da parte delle varie componenti degli utenti della strada. I Programmi annuali di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale, approvati dal CIPE in attuazione dell'art. 32, comma 1 della L. 144/99, hanno previsto tra i campi d'intervento prioritari la creazione di centri per la pianificazione, programmazione, monitoraggio e gestione a livello regionale, provinciale e comunale che possano contribuire a migliorare la completezza, l'esattezza e la puntualità della rilevazione degli incidenti stradali, e contribuiscano altresì all'analisi dei fattori di rischio (cosiddetti "centri di monitoraggio").

Invero, con DGR n. 3957 del 10.12.2004 è stato istituito presso l'Assessorato alla Mobilità l'"Osservatorio regionale per la sicurezza stradale", organo di supporto all'attività di coordinamento per le azioni finalizzate a migliorare la sicurezza della circolazione sulle strade regionali, a cui partecipano i rappresentanti dei soggetti coinvolti nella gestione della rete viaria e nel controllo della circolazione.

Successivamente, con DGR n. 2449 del 09.08.2005, all'Osservatorio è stato affiancato il "Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale" (CRMSS), la cui gestione è stata affidata a Veneto Strade S.p.A., Società partecipata della Regione del Veneto che gestisce la rete viaria regionale.

In tale quadro, le Regioni e gli Enti locali hanno sempre manifestato l'esigenza di disporre delle informazioni rilevate dall'Istat assicurando la qualità scientifica dei dati statistici ufficiali e una tempestiva circolazione ufficiale degli stessi tra le pubbliche Amministrazioni a vario titolo interessate alla tematica; e ciò allo scopo precipuo di garantire un'efficace implementazione delle menzionate politiche programmatorie.

Infine, proprio nella consapevolezza che la tematica in esame può essere validamente affrontata solo a livello interistituzionale, in data 20.09.2007 ISTAT, Ministero dell'Interno - Servizio Polizia Stradale, Ministero della difesa - Arma dei Carabinieri, Ministero dei Trasporti, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, UPI e ANCI hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa per il coordinamento delle attività inerenti la rilevazione statistica sull'incidentalità stradale. Il Protocollo, elaborato nell'ambito delle azioni previste dai programmi di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale, prevede che la rilevazione sull'incidentalità stradale sia strutturata in modo organico e coerente attraverso il coinvolgimento e il contributo di tutti i soggetti istituzionali competenti nei diversi livelli territoriali di governo. Si prevede altresì che tale rilevazione possa essere condotta con modalità articolate secondo le diverse realtà territoriali e che ciascuna Regione aderente al Protocollo elabori un proprio progetto da sottoporre alla valutazione tecnica da parte del Comitato di Gestione istituito ai sensi dell'art. 4 del citato Protocollo.

Pertanto, la Regione ha recepito tale Protocollo d'Intesa con la DGR 1446 del 06.06.2008, prevedendo altresì di demandare alla Direzione Sistema Statistico Regionale il compito di costituire e coordinare un gruppo di lavoro per la redazione del progetto regionale, ai sensi dell'art. 2 del Protocollo. Tale gruppo di lavoro si è costituito in data 19.11.2008 e di esso hanno fatto parte rappresentanti della Direzione Sistema Statistico Regionale, della Direzione Infrastrutture, di Veneto Strade S.p.A. e delle Province del Veneto. I lavori si sono quindi conclusi nella seduta del 17.02.2010 con la redazione del "Progetto per la realizzazione del Sistema informativo della Regione Veneto inerente la rilevazione degli incidenti stradali" adottato con DGR 1192 del 23.03.2010. Inoltre, come elemento centrale e strategico del Progetto, si segnala l'istituzione dei Centri di Monitoraggio dati provinciali (CMP) e del Centro di Monitoraggio dati Regionale (CMR), del quale ultimo fanno parte la Direzione Sistema Statistico Regionale, la Direzione Infrastrutture, la Direzione Sistema Informatico e Veneto Strade S.p.A., nonché una rappresentanza delle Province del Veneto.

La DGR 1192/2010, nel suo allegato A, individua e affida a Veneto Strade S.p.A. specifiche attività quali: la gestione del database regionale sugli incidenti stradali attraverso il Centro di Monitoraggio dati Regionale (CMR), la predisposizione, fornitura, manutenzione ed aggiornamento del software per l'inserimento dei dati relativi agli incidenti stradali ad uso dei soggetti incaricati della rilevazione, ai Comuni e alle Province se richiesto, la ricognizione dei soggetti non informatizzati che necessitano del software in collaborazione con le Province, la formazione degli operatori che lavoreranno con il software, l'assistenza tecnica e collaborazione telefonica agli operatori degli Enti che decideranno di utilizzare il software, la verifica delle attività svolte dai Centri di Monitoraggio dati Provinciali (CMP) per garantire la continuità dei flussi di dati nel rispetto dei requisiti della completezza e qualità delle informazioni e il rispetto dei tempi previsti dal protocollo, la predisposizione di eventuali modifiche della struttura del database e del software in modo da accogliere le indicazioni e le integrazioni proposte dalle Province e comunque concordate in sede di Centro di Monitoraggio dati Regionale (CMR).

Oltre a ciò Veneto Strade S.p.A., in tema di infomobilità, ha progettato e realizzato il Sistema Integrato per il Monitoraggio del Traffico (SMIT) in grado di aggiornare, in tempo reale, la situazione della viabilità del Veneto, informando l'automobilista sullo stato della viabilità lungo la rete stradale in gestione a Veneto Strade S.p.A.. SMIT è costituito da centotrenta centraline di rilevazione, poste in punti cruciali della viabilità regionale e provinciale in gestione a Veneto Strade, e raccoglie i dati relativi al traffico, alla temperatura della strada e dell'aria tramite dei microcontrollori radar e li elabora attraverso algoritmi basati sulle reti neurali. I dati così raccolti vengono pubblicati in una apposita sezione del sito web di Veneto Strade S.p.A.. È stato inoltre realizzato un dispositivo, in dotazione al personale che opera su strada, che permette la segnalazione in tempo reale di tutte quelle situazioni di criticità, quali ad esempio incidenti stradali, cantieri, rallentamenti a causa di manifestazioni e scioperi, chiusura dei passi montani, che si verificano lungo la rete in gestione e che, per la particolare natura dell'evento stesso, sfuggono al controllo delle centraline. Anche tali segnalazioni vengono pubblicate sul sito internet di Veneto Strade S.p.A. nella sezione dedicata alla viabilità in tempo reale, attraverso la georeferenziazione sulla mappa e l'indicazione della corsia di marcia coinvolta, e su uno speciale pannello web dedicato alle emittenti radiofoniche regionali e prontamente divulgate.

Il sistema SMIT è stato ulteriormente potenziato nel corso del 2009 attraverso l'installazione di circa 40 webcam, alimentate con energia solare, posizionate in punti di particolare interesse per la viabilità, e per l'osservazione di specifiche condizioni di criticità atmosferica. Lo SMITCAM è dunque uno sviluppo del sistema precedentemente descritto ed è caratterizzato da un innovativo utilizzo di webcam sul territorio. In questa prima fase si è provveduto alla dislocazione di oltre 40 stazioni la cui collocazione è stata scelta rispondendo a molteplici esigenze del territorio stesso, in particolare: le webcam collocate in pianura rispondono all'esigenza di fornire all'utenza un sistema di monitoraggio in tempo reale, continuo e costante; le webcam di montagna, invece, consentono ai tecnici di Veneto Strade S.p.A. di poter utilizzare un prezioso strumento di verifica di particolari situazioni atmosferiche, ambientali e di traffico. A livello di strumentazione, con SMITCAM viene messa a punto una vera e propria centrale operativa, collegata con ognuna delle webcam dislocate lungo gli oltre 1.900 km della rete stradale di riferimento, che si trova presso la sede centrale di Veneto Strade S.p.A.. Una particolarità del sistema consiste nel fatto che le telecamere di pianura hanno una caratteristica originale: la prima webcam è orientata verso la sede stradale e monitora costantemente la situazione del traffico, mentre la seconda è diretta verso siti di particolare interesse turistico in modo tale da promuovere tutto il potenziale attrattivo, turistico e culturale della nostra Regione. Per quanto riguarda le webcam di montagna, l'utilizzo è in questo caso funzionale soprattutto al rilevamento in tempo reale delle precipitazioni atmosferiche, e soprattutto il loro grado di intensità, in modo da poter provvedere tempestivamente, in caso di particolari precipitazioni, all'invio dei mezzi più adeguati al fine di ripristinare, con prontezza, la normale situazione viaria e limitare, quanto più possibile, disagi agli automobilisti.

L'attività di infomobilità è stata successivamente potenziata attraverso l'implementazione di uno specifico pannello web, nella logica di fruizione di servizi "on-demand", dedicato agli utenti che utilizzano le applicazioni internet attraverso il cellulare. Tale applicativo permette di consultare in ogni momento lo stato del traffico, direttamente dal proprio cellulare, acquisendo immediatamente l'informazione circa eventuali situazioni in atto di particolare disagio, quali rallentamenti e intensificazioni.

Tutte le attività precedentemente descritte, rientrano pertanto tra i compiti del Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale "CRMSS". Per agevolare le attività dei centri di monitoraggio regionale, il Quarto ed il Quinto programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale prevedono l'assegnazione di cofinanziamenti per il triennio 2010-2012 alle Regioni che lo richiedano, ai sensi del punto sette della relazione illustrativa del Quarto ed il Quinto programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale. Per tali attività, la Regione del Veneto ha predisposto il progetto di cui all'Allegato B alla presente deliberazione da inviare, insieme alla domanda di cofinanziamento, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In tale progetto i costi previsti per lo svolgimento dei compiti attribuiti al Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale "CRMSS" sono stati determinati in € 150.000,00 annui per il triennio 2010-2012 per un totale di € 450.000,00. Tale somma sarà finanziata per € 270.000,00 con i fondi previsti dal Quarto ed il Quinto programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale e per € 180.000,00 con i fondi previsti dalla Legge Regionale 66/1987 sul capitolo 3428 del bilancio regionale.

Le attività sopra specificate e legate al funzionamento del Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale "CRMSS", saranno svolte dalla Veneto Strade S.p.A. come già stabilito dalla richiamata DGR n. 2449 del 09.08.2005.

Allo scopo si propone, pertanto, di approvare lo schema di convenzione, come riportato in Allegato A al presente provvedimento, che disciplina i rapporti tra Regione del Veneto e Veneto Strade S.p.A. relativamente alle attività connesse al Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS).

Si propone inoltre di riconoscere alla Società Veneto Strade S.p.A. l'importo di € 180.000,00 da impegnare sul capitolo 3428 del Bilancio Regionale 2010 denominato "Interventi per l'informazione e l'educazione in materia di sicurezza stradale" che presenta sufficiente disponibilità.

L'assunzione dell'impegno della suddetta spesa di € 180.000,00 a carico del bilancio regionale risulta necessaria per poter accedere al cofinanziamento statale di € 270.000,00 con i fondi previsti dai citati Quarto ed il Quinto programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale già attivati con DGR n. 1546 del 08.06.2010.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

  • Udito il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 33, secondo comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;
  • visto il D.Lgs. 06.09.1989, n. 322;
  • vista la L.R. 29.03.2002, n.8;
  • vista la L. 17.05.1999, n. 144, art. 32, comma 1;
  • vista la DGR n. 3957 del 10.12.2004;
  • vista la DGR n. 2449 del 09.08.2005;
  • vista la DGR n. 1446 del 06.06.2008;
  • vista la DGR n. 1192 del 23.03.2010;
  • vista la DGR n. 1546 del 08.06.2010;]

delibera

1. di approvare lo schema di convenzione tra Regione del Veneto e Veneto Strade S.p.A. di cui all'Allegato A, che fa parte integrante del presente provvedimento, atto a disciplinare i rapporti con la Società per lo svolgimento delle l'attività a supporto del Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS);

2. di prendere atto del progetto delle attività del Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS) di cui all'Allegato B, che fa parte integrante del presente provvedimento;

3. di impegnare per l'anno 2010 a favore di Veneto Strade S.p.A. l'importo complessivo di € 180.000,00 iva inclusa per le attività di cui al punto 1 e 2 sul capitolo 3428, denominato "Interventi per l'informazione e l'educazione in materia di sicurezza stradale" che presenta sufficiente disponibilità;

4. di delegare alla firma della convenzione di cui al precedente punto 1 l'Assessore alle Politiche della Mobilità e Infrastrutture, Renato Chisso;

5. di incaricare la Direzione Regionale Infrastrutture dei conseguenti adempimenti tecnico-amministrativi tra i quali la presentazione al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti della domanda di cofinanziamento statale del Centro Regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale (CRMSS) si sensi del Quarto e Quinto Programma del Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale (PNSS).


(seguono allegati)

1987_AllegatoA_226429.pdf
1987_AllegatoB_226429.pdf

Torna indietro