Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 4 del 07 gennaio 2020


Materia: Ambiente e beni ambientali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE AMBIENTE n. 659 del 23 dicembre 2019

FANIN DAVIDE Riqualificazione ambientale centro zootecnico. Comuni di localizzazione: Lozzo Atestino (PD) e Agugliaro (VI). Provvedimento autorizzatorio unico regionale ai sensi dell'art. 27-bis del D.Lgs. n. 152/2006 e della L.R. n. 4/2016. Rilascio del provvedimento favorevole di compatibilità ambientale.

Note per la trasparenza

Con il presente atto si rilascia il provvedimento favorevole di compatibilità ambientale per il progetto presentato dalla ditta FANIN DAVIDE relativo all'intervento di riqualificazione ambientale di un centro zootecnico situato nei Comuni di Lozzo Atestino (PD) e Agugliaro (VI). Estremi dei principali documenti dell'istruttoria: Istanza presentata dalla ditta FANIN DAVIDE con note prot. n. 157829 e n. 157830 del 27.04.2018 e successive integrazioni; Parere favorevole di compatibilità ambientale del Comitato Tecnico regionale V.I.A. n. 98 del 06.11.2019.

Il Direttore

Premesso che:

In data 27.04.2018 FANIN DAVIDE (P. IVA 02744980240), con sede legale in Via Bagnolo 21 a Castegnero (VI), ha presentato, per l’intervento in oggetto, domanda di Provvedimento autorizzatorio unico regionale comprensivo di V.I.A. e AIA, ai sensi dell’art. 27-bis del D.Lgs. n. 152/2006 e dell’art. 11 della L.R. n. 4/2016, acquisita al prot. regionale con n. 157829 e 157830 del 27.04.2018.

L’intervento rientra nelle seguenti tipologie progettuali della Parte II del D.Lgs. n. 152/2006:

per quanto riguarda la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale

  • Allegato III lett. ac) “Impianti per l’allevamento intensivo di pollame o di suini con più di:
  • 85.000 posti per polli da ingrasso, 60.000 posti per galline;…..”

per quanto riguarda la procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale

  • Allegato VIII punto 6.6. “Allevamento intensivo di pollame o di suini: a) con più di 40.000 posti pollame”.

Con nota prot. n. 176292 del 14.05.2018 gli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA hanno fatto richiesta al proponete di perfezionamento dell’istanza, ai fini della sua procedibilità.

Con nota acquista agli atti con prot. n. 205191 del 01.06.2018, il proponente ha inviato quanto richiesto ai fini del perfezionamento dell’istanza, unitamente a due documenti non inviati in precedenza.

Verificato quanto previsto dall’art 27-bis c. 2 del D.Lgs. n. 152/2006, la Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA, con propria nota prot. n. 228177 del 15.06.2018, ha comunicato a tutte le amministrazioni ed enti potenzialmente interessati e comunque competenti ad esprimersi sulla realizzazione e sull’esercizio del progetto, l’avvenuta pubblicazione della documentazione sul sito web ed ha contestualmente richiesto agli stessi di verifica la completezza e l’adeguatezza della documentazione presentata dal proponente.

Con nota prot. n. 244383 del 27.06.2018, la Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV, nell’ambito dell’iter endoprocedimentale, ha richiesto delle integrazioni in materia di valutazione di incidenza. Tale nota è stata trasmessa al proponente per opportuna conoscenza con nota prot. n. 269586 del 03.07.2018.

Con nota acquista agli atti con prot. n. 253273 del 02.07.2018, il Comune di Lozzo Atestino ha trasmesso il Certificato di Destinazione Urbanistica dell’area di intervento compresa nel territorio comunale.

Con nota acquista agli atti con prot. n. 285398 del 05.07.2018, il proponente ha comunicato che in data 11.07.2018 presso la Sala Civica “casetta” in località Lanzetta del Comune di Lozzo Atestino e presso l’oratorio di San Bortolo in Comune di Agugliaro, saranno effettuata le presentazione al pubblico dei contenuti del progetto e del SIA, ai sensi dell’art. 14 della L.R. n. 4/2016.

Nella seduta del Comitato Tecnico Regionale VIA del 11.07.2018 è avvenuta la presentazione, da parte del proponente, del progetto in questione, ed è stato nominato il gruppo istruttorio incaricato dell’esame dello stesso.

Nei termini previsti per la verifica dell’adeguatezza e completezza documentale di cui all’art. 27-bis, c. 3 del D.Lgs. n. 152/2006, sono pervenute agli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA richieste di documentazione integrativa da parte dei seguenti Enti ed Amministrazioni:

  • Regione del Veneto - Direzione Commissioni Valutazioni - U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV. Prot. n. 244383 del 27.06.2018;
  • Consorzio di Bonifica Adige Euganeo. Prot. n. 247872 del 28.06.2018;
  • Regione del Veneto – Direzione Operativa - U.O. Genio Civile di Padova. Prot. n. 251317 del 29.06.2018;
  • Provincia di Vicenza – Settore Ambiente. Prot. n. 277212 del 04.07.2018;
  • ARPAV – Direzione Tecnica – Servizio Coordinamento Istruttorie. Prot. n. 296075 del 12.07.2018;
  • Comune di Lozzo Atestino – Area Sviluppo Territoriale. Prot. n. 297891 del 13.07.2018;
  • Regione del Veneto – Direzione Agroambiente, Caccia e Pesca - U.O. Agroambiente. Prot. n. 297862 del 13.07.2018.

Con nota prot. n. 2999781 del 16.07.2018 gli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA hanno fatto richiesta al proponente di completamento della documentazione necessaria ai fini del rilascio del provvedimento unico regionale, allegando le richieste sopra elencate.

Con nota acquisita agli atti con prot. n. 336258 del 10.08.2018 il proponente ha fatto richiesta di proroga per la presentazione della documentazione richiesta.

Con nota prot. n. 344283 del 22.08.2018 gli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA hanno concesso formalmente la proroga richiesta ed hanno contestualmente trasmesso al proponente una ulteriore richiesta di documentazione integrativa pervenuta dalla Direzione Operativa – U.O. Genio Civile di Vicenza ed acquisita agli atti con prot. n. 309621 del 24.07.2018.

Con nota acquisita agli atti con prot. n. 375593 del 17.09.2018 il proponente ha trasmesso la documentazione integrativa richiesta.

Tutta la documentazione integrativa trasmessa con la nota di cui al paragrafo precedente, è stata tempestivamente pubblicata sul sito web, unitamente alle richieste pervenute dalle amministrazioni ed enti potenzialmente interessati e comunque competenti.

Conclusa la verifica dell’adeguatezza e completezza documentale prevista dall’art. 27-bis, c. 3 del D.Lgs. n. 152/2006 la Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA, con nota prot. n. 389676 del 26.09.2018, ha comunicato l’avvio del procedimento, provvedendo a pubblicare su sito web l’avviso al pubblico di cui all’art. 23, c.1 lett e), del D.Lgs. n. 152.2006.

Nella nota sopra citata è stato altresì illustrato l’iter procedimentale per il rilascio del Provvedimento autorizzatorio unico regionale ai sensi dell’art. 27-bis del D.lgs. n. 152/2006, così come delineato dalla DGR n. 568 del 30.04.2018.

Con nota assunta agli atti con prot. n. 410597 del 09.10.2018 il comune di Lozzo Atestino comunica che la Commissione comunale per il Paesaggio, riunitasi in data 04.10.2018, ha ritenuto di non attivare le procedure previste dall’art. 146 del D.Lgs. n. 42/2004 per il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica, trattandosi di un procedimento di competenza regionale.

Con nota prot. n. 484680 del 28.11.2018 gli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA hanno comunicato agi enti ed alle amministrazioni convolti nel procedimento i termini entro cui far pervenire eventuali richieste di integrazioni nel merito dei contenuti delle documentazione ed hanno contestualmente dato indicazioni sull’iter procedurale.

Nell’ambito del procedimento di cui all’art. 27-bis del D.Lgs. n. 152/2006 sono pervenuti i pareri formulati dai seguenti soggetti:

  1. Soprintendenza Archeologica, belle Arti e Paesaggio per le Province di Verona, Rovigo e Vicenza – Note prot. n. 290269 del 09.07.2018 e n. 401112 del 03.10.2018.
  2. Consorzio di Bonifica Adige Euganeo – Nota prot. n. 395827 del 01.10.2018.
  3. Azienda Ulss n. 8 Berica – Nota prot. n. 404155 del 04.10.2018.
  4. Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV – Nota prot. n. 421175 del 16.10.2018.
  5. Azienda Ulss n. 6 Euganea – Note prot. n. 435578 del 25.10.2018, n. 502570 del 10.12.2018 e n. 18491 del 16.01.2019.
  6. Ministero per i beni e le attività culturali – Segretariato Regionale per il Veneto – Nota prot. n. 439586 del 29.10.2018.
  7. Comune di Lozzo Atestino – Area Sviluppo Territoriale. Nota prot. n. 500572 del 07.12.2018 (parere e richiesta di integrazioni).
  8. Direzione operativa – U.O. Genio Civile di Padova – Nota prot. n. 517223 del 19.12.2018.
  9. AVEPA – Nota prot. n. 15580 del 15.01.2019.
  10. Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Padova. Nota prot. n. 103256 del 13.03.2019 (parere e richiesta di integrazioni).

Con nota acquisita al prot. con n. 16918 del 15.01.2019, la Provincia di Padova – Settore Ecologia comunica che per il progetto in esame non si ravvede alcuna materia di competenza che prevede il rilascio di propri provvedimenti.

Nell’ambito del procedimento art. 27-bis sono pervenute le richieste di integrazioni formulate dai seguenti soggetti:

  1. Azienda ULSS n. 6 Euganea. Nota prot. n. 414671 del 11.10.2018 con nota di riscontro da parte del proponente prot. n. 435577 del 25.10.2018.
  2. Comune di Lozzo Atestino – Area Sviluppo Territoriale. Nota prot. n. 500572 del 07.12.2018 (parere e richiesta di integrazioni).
  3. Provincia di Vicenza – Settore Ambiente. Nota prot. n. 514391 del 18.12.2018.
  4. Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Padova. Nota prot. n. 103256 del 13.03.2019 (parere e richiesta di integrazioni).

Entro i termini di cui all’art. 27-bis c. 4 del D.Lgs. n. 152/2006 non risultano pervenute osservazioni in materia di VIA, AIA e valutazione di incidenza.

Il progetto è stato sottoposto all’esame del Comitato Tecnico Regionale VIA nella seduta del 19.12.2018, allo scopo di discutere i contenuti della richiesta di integrazioni da formulare al proponente. In detta seduta si è deciso di rimandare la discussione ad una riunione successiva del Comitato per poter eseguire un supplemento di indagine in ordine ad alcuni punti della richiesta.

Il verbale della seduta del Comitato Tecnico regionale VIA del giorno 19.12.2018 è stato approvato nella seduta del Comitato del 21.01.2019.

Al fine dell’espletamento della procedura valutativa il gruppo istruttorio del Comitato Tecnico Regionale VIA, in data 10.01.2019 ha effettuato un sopralluogo presso l’area interessata dall’intervento con la partecipazione degli enti e delle amministrazioni interessate, preceduto da un incontro tecnico.

Il progetto è stato sottoposto all’esame del Comitato Tecnico Regionale VIA nella seduta del 21.01.2019, il quale ha preso atto e condiviso le valutazioni espresse dal gruppo istruttorio incaricato della valutazione ed ha quindi disposto di richiedere al proponente alcune integrazioni, anche sulla scorta delle richieste degli enti coinvolti nel procedimento di cui all’art. 27-bis, al fine della prosecuzione dell’istruttoria.

Il verbale della seduta del Comitato Tecnico regionale VIA del giorno 21.01.2019 è stato approvato nella seduta del Comitato del 30.01.2019.

Sulla base della valutazioni effettuate dal Comitato Regionale VIA nella seduta del 21.01.2019, con nota prot. n. 51183 del 06.02.2019 sono stati quindi richiesti, ai sensi dell’ art. 27-bis del D.Lgs. 152/2006, chiarimenti ed integrazioni in merito alla documentazione depositata.

Con nota acquisita agli atti con prot. n. 89118 del 04.03.2019 il proponente ha fatto richiesta di proroga di 120 giorni per la presentazione della documentazione richiesta.

Della ricezione di tale richiesta di proroga è stata data comunicazione al Comitato Tecnico Regionale V.I.A. nella seduta del 13.03.2019 il quale ne ha preso atto favorevolmente.

Il verbale della seduta del Comitato Tecnico regionale VIA del giorno 13.03.2019 è stato approvato nella seduta del Comitato del 17.04.2019.

Sulla base della comunicazione effettuata al Comitato Regionale VIA durante la seduta del 13.03.2019, con nota prot. n. 192618 del 16.05.2019 è stata comunicata al proponente la concessione della proroga richiesta per la trasmissione delle integrazioni. Nel contempo è stato richiesto alla società di tenere conto anche di quanto sollecitato con nota nel frattempo pervenuta dal Comando provinciale dei vigili del fuoco di Padova di prot. n. 103256 del 13.03.2019.

In data 05.07.2019 il proponente ha provveduto a trasmettere la documentazione integrativa richiesta, acquisita agli atti con note prot. n. 298150, n. 298155 e n. 298158 del 05.07.2019.

Con nota acquisita agli atti con prot. n. 316279 del 15.07.2019 il proponente ha infine trasmesso l’elenco aggiornato degli elaborati.

Con nota prot. n. 361566 del 14.08.2019 gli uffici della Direzione Commissioni Valutazioni – U.O. VIA hanno comunicato agi enti ed alle amministrazioni convolti nel procedimento l’avvenuta pubblicazione delle integrazioni pervenute al fine di acquisire eventuali ulteriori osservazioni o pareri. A seguito di tale nota non sono pervenuti nuovi pareri o osservazioni.

Vista la normativa in materia di valutazione di impatto ambientale ed in particolare:

  • la Dir. 13/12/2011 n. 2011/92/UE, concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, così come modificata dalla Dir. 16/42014 n. 2014/52/UE;
  • il D.Lgs. n.152/2006 “Norme in materia ambientale” ed in particolare la Parte Seconda del citato decreto rubricata “Procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione dell’impatto ambientale (VIA) e per l’autorizzazione integrata ambientale (IPPC)”;
  • il D.Lgs. n. 104/2017 “Attuazione della direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2011/92/UE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, ai sensi degli articoli 1 e 14 della legge 9 luglio 2015, n. 114”, che ha da ultimo riformato la Parte Seconda del D.Lgs. n. 152/2006;
  • l’art. 27-bis del D.Lgs. 152/06 rubricato “Provvedimento autorizzatorio unico regionale”;
  • la L.R. n. 4 del 18/02/2016 “Disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale e di competenze in materia di autorizzazione integrata ambientale” che ha riformato la disciplina regionale in materia di VIA, abrogando la previgente L.R. n.10 del 26 marzo 1999: ”Disciplina dei contenuti e delle procedure di valutazione d’impatto ambientale”;
  • la DGR n. 568/2018 con la quale la Giunta regionale ha provveduto, tra l’altro, a stabilire la disciplina attuativa della procedura di VIA di cui alla citata L.R. n. 4/2016.

Vista la L. n. 241/1990 “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”.

Vista la DGR n. 1400/2017 “Nuove disposizioni relative all'attuazione della direttiva comunitaria 92/43/Cee e D.P.R. 357/1997 e ss.mm.ii. Approvazione della nuova "Guida metodologica per la valutazione di incidenza. Procedure e modalità operative.", nonché di altri sussidi operativi e revoca della D.G.R. n. 2299 del 9.12.2014”.

Tenuto conto che ai sensi dell’art.10, c. 3 del D.Lgs. n. 152/2006 la procedura di VIA comprende la procedura di valutazione d’incidenza ambientale di cui all’art. 5 del DPR n. 357/1997.

Considerato che con nota prot. n. 467998 del 30.10.2019 è stata indetta la Conferenza di Servizi, di cui all’art. 14 della L. 241/1990, convocata ai sensi della D.G.R. n. 568/2018, per il rilascio del provvedimento di VIA, a valle dell’eventuale espressione del parere favorevole del Comitato Tecnico regionale V.I.A.

Visto il Parere n. 98 del 06.11.2019, Allegato A al presente provvedimento, con il quale il Comitato Tecnico Regionale VIA, nella seduta del 06.11.2019, ha espresso all’unanimità dei presenti, parere favorevole al rilascio del giudizio positivo di compatibilità ambientale sul progetto in esame, dando atto della non necessità della procedura per la valutazione di incidenza ambientale, conformemente alla Relazione Istruttoria Tecnica n. 220/2018 del 16.10.2018 della U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV, subordinatamente al rispetto delle prescrizioni/condizioni ambientali indicate nel medesimo parere.

Considerato che, a valle dell’espressione del parere favorevole di compatibilità ambientale del Comitato Tecnico Regionale VIA, di cui al parere n. 98 del 06.11.2019, Allegato A al presente provvedimento, la Conferenza di Servizi di cui all’art. 14 della L. n. 241/1990, convocata ai sensi della DGR n. 568/2018, nella medesima seduta del 06.11.2019, si è determinata favorevolmente, a maggioranza dei presenti, con voto contrario del Sindaco del Comune di Lozzo Atestino, in merito al rilascio del provvedimento di compatibilità ambientale del progetto in oggetto subordinatamente al rispetto delle prescrizioni/condizioni ambientali indicate nel medesimo parere.

Dato atto che il parere contrario del Comune di Lozzo Atestino viene motivato con la notevole apprensione dei cittadini della frazione di Lanzetta, preoccupati dai possibili impatti ambientali generati dal progetto.

Considerato che, il verbale della seduta del Comitato Tecnico regionale V.I.A. del giorno 08.05.2019, è stato approvato seduta stante.

Visti gli art. 25 e 26 del D.Lgs. n. 152/2006 ed in particolare, atteso che l’art. 26 stabilisce che il provvedimento di VIA è sempre integrato nell’autorizzazione e in ogni altro titolo abilitativo alla realizzazione dei progetti sottoposti a VIA.

Considerato pertanto che, ai sensi di quanto stabilito dalla DGR n. 568/2018, viene demandata alla Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione Ittica e Faunistico Venatoria (Area Sviluppo Economico) la chiusura del procedimento amministrativo di cui all’art. 27 bis del D.Lgs. n. 152/2006, con l’adozione del Provvedimento autorizzatorio unico regionale.

decreta

  1. che le premesse formano parte integrante del presente provvedimento;
  2. di prendere atto facendolo proprio del parere espresso dal Comitato Tecnico regionale V.I.A. n. 98 del 06.11.2019, Allegato A al presente provvedimento, di cui forma parte integrante e sostanziale, ai fini del rilascio del giudizio positivo di compatibilità ambientale sul progetto in esame, dando atto della non necessità della procedura per la valutazione di incidenza ambientale, conformemente alla Relazione Istruttoria Tecnica n. 220/2018 del 16.10.2018 della U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV, subordinatamente al rispetto delle prescrizioni/condizioni ambientali indicate nel medesimo parere;
  3. di prendere atto delle determinazioni della Conferenza di Servizi, di cui all’art. 14 della L. n. 241/1990, convocata ai sensi della DGR n. 568/2018, espresse nella seduta di Comitato Tecnico VIA del 06.11.2019;
  4. di rilasciare il provvedimento favorevole di compatibilità ambientale al Progetto di Riqualificazione ambientale centro zootecnico, presentato dalla ditta FANIN DAVIDE (C.F./P. IVA 02744980240), con sede legale in Via Bagnolo 21 a Castegnero (VI), subordinatamente al rispetto delle prescrizioni/condizioni ambientali indicate nel medesimo parere;
  5. di stabilire che, ai sensi e per gli effetti dell’art. 25 del D.Lgs. n. 152/2006, il provvedimento di VIA ha una validità temporale pari a cinque anni. Decorsa l’efficacia temporale, senza che il progetto sia stato realizzato, il procedimento di VIA dovrà essere reiterato, fatta salva la concessione, su istanza del proponente, di specifica proroga da parte dell’autorità competente;
  6. di trasmettere, ai sensi della DGR n. 568/2018, il presente provvedimento all’Area Sviluppo Economico - Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione Ittica e Faunistico Venatoria , ai fini del rilascio del provvedimento autorizzatorio unico regionale di cui all’art. 27-bis del D.Lgs. n. 152/2006, del progetto de quo;
  7. di trasmettere il presente provvedimento alla ditta FANIN DAVIDE, con sede legale in Via Bagnolo 21 a Castegnero (VI) (PEC: azdavidefanin@pec.it) e di comunicare l’avvenuta adozione del presente provvedimento a: Comune di Lozzo Atestino (PD); Comune di Agugliaro (VI); Provincia di Padova; Provincia di Vicenza; Direzione Generale dell’ARPAV; Azienda ULSS 6 EUGANEA - Dipartimento di Prevenzione; Azienda ULSS 8 BERICA - Dipartimento di Prevenzione; AVEPA di Padova; Acquevenete SpA; Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo per il Veneto; Soprintendenza, Archeologia, belle arti e paesaggio per l’Area Metropolitana di Venezia e le Province di Belluno Padova e Treviso; Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le Province di Verona, Rovigo e Vicenza, Consorzio di Bonifica Adige Euganeo; Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Padova; Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Vicenza; Direzione Difesa del Suolo - U.O. Genio Civile di Padova e U.O. Genio Civile di Vicenza; Direzione Ambiente - U.O. Ciclo dei Rifiuti e U.O. Tutela Atmosfera; Direzione Supporto Giuridico Amministrativo e Contenzioso - U.O. Commissioni VAS VINCA NUV.
  8. di dare atto che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) oppure in via alternativa al Presidente della Repubblica, nei termini e nelle modalità previste dal D.Lgs. n. 104/2010;
  9. di pubblicare integralmente il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto.

Loris Tomiato

(seguono allegati)

659_Allegato_DDR_659_23-12-2019_410593.pdf

Torna indietro