Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 17 del 15/02/2019
Scarica la versione firmata del BUR n. 17 del 15/02/2019
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 17 del 15 febbraio 2019


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI n. 125 del 23 novembre 2018

Interventi per l'eliminazione delle barriere architettoniche. Legge n. 13/89.

Note per la trasparenza

Il provvedimento ripartisce a Comuni del Veneto le risorse assegnate con decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e il Ministro dell’economia e delle finanze n. 67 del 27 febbraio 2018.

Il Direttore

La legge 9 gennaio 1989, n. 13 e s.m.i. recante “Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche” e, in particolare, l’articolo 10 prevede l’istituzione presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (già Ministero dei lavori pubblici) di un fondo speciale per l’eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati e la suddivisione annuale del medesimo fondo tra le Regioni richiedenti, in proporzione al fabbisogno indicato dalle stesse regioni che ripartiscono a loro volta le somme assegnate tra i comuni richiedenti.

La Regione del Veneto annualmente ha provveduto a richiedere ai Comuni il fabbisogno derivante dalle richieste dei cittadini di contributo ai sensi della legge n. 13/1989. Tale fabbisogno regionale è stato soddisfatto con trasferimenti derivanti dal fondo nazionale fino all’anno 2001, per poi essere sospesi tali trasferimenti per mancanza di risorse statali.

Con decreto interministeriale n. 67 del 27 febbraio 2018, sono state assegnate al fondo nazionale per l’eliminazione delle barriere architettoniche, le risorse pari a 180 milioni di euro per gli anni dal 2017 al 2020. Il riparto di tali risorse alle Regioni è stato effettuato sulla base dei criteri indicati dall’articolo 10 della legge 9 gennaio 1989, n. 13, in conformità a quanto previsto dall’Allegato A dello stesso decreto. Per la Regione del Veneto sono stati assegnati complessivamente € 8.487.572,07, così ripartite nelle annualità 2017 – 2020:

- quanto all’annualità 2017: € 943.063,56;

- quanto all’annualità 2018: € 2.829.190,69;

- quanto all’annualità 2019: € 1.886.127,13;

- quanto all’annualità 2020: € 2.829.190,69.

Con provvedimento n. 1468 dell’8 ottobre 2018, la Giunta regionale ha preso atto del riparto delle risorse di cui al decreto interministeriale citato, nelle entità sopra indicate, rinviando a successivo atto del Direttore della Direzione Servizi Sociali l’assegnazione ai Comuni, determinando in complessivi € 3.772.254,25 l’importo massimo dell’obbligazione di spesa relative alle annualità 2017-2018. Con l’atto citato è stato, inoltre, incaricata la Direzione Servizi Sociali dell’esecuzione della DGR citata.

Con bollette n. 021207 e n. 021208 del 20 giugno 2018, sono stati accreditati rispettivamente € 2.829.190,69 e € 943.063,56, per un ammontare complessivo pari a € 3.772.254,25, che con il presente provvedimento si provvede ad accertare.

Ritenuto di dover procedere, per quanto sopra esposto, all’accertamento in entrata di € 3.772.254,25, relativamente al credito regionale verso il Ministero delle Infrastrutture di Trasporti ai sensi art. 53 D. Lgs. 118 del 2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, a valere sul capitolo 101235 “Assegnazione statale per l’eliminazione delle barriere architettoniche (D.M. 27/02/2018, n. 67)”, del Bilancio di previsione 2018-2020, per l’esercizio 2018, codice P.d.C. V° livello E.4.02.01.01.001;

Considerata la necessità di procedere all’assegnazione ai Comuni impegnando la somma complessiva di € 3.772.254,25 al capitolo 103721 “Interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche – Contributi agli investimenti (D.M. 27/02/2018, n. 67)” del Bilancio di previsione 2018 – 2020, ripartita in rapporto al fabbisogno indicato dai Comuni stessi, come da Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto;

  • VISTA la L.R. n. 39 del 2001;
  • VISTA la L.R. n. 1 del 1997;
  • VISTO il D. Lgs. n. 118 del 2011 e s.m.i.;
  • VISTO il decreto interministeriale n. 67 del 27 febbraio 2018
  • VISTA la L.R. n. 54 del 2012 e s.m.i.;
  • VISTA la L.R. n. 19 del 2016;
  • VISTA la L.R: n. 47 del 2017 “Bilancio di previsione 2018-2020”;
  • VISTE le “Direttive per la Gestione del Bilancio di Previsione 2018 e Pluriennale 2018/2020”, DGR n. 81 del 26/01/2018;
  • VISTA la DGR n. 1468 del 2018;
  • VERIFICATA la regolarità del procedimento amministrativo e la compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

decreta

  1. di prendere atto di quanto espresso in premessa che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di procedere all’accertamento in entrata di € 3.772.254,25, relativamente al credito regionale verso il Ministero delle Infrastrutture di Trasporti (anagrafica 158783) ai sensi art. 53 D. Lgs. 118 del 2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, a valere sul capitolo 101235 “Assegnazione statale per l’eliminazione delle barriere architettoniche (D.M. 27/02/2018, n. 67)”, del Bilancio di previsione 2018-2020, per l’esercizio 2018, codice P.d.C. V° livello E.4.02.01.01.001;
  3. di dare atto che il credito di cui al punto 2. di cui dispone l’accertamento con il presente atto è giuridicamente perfezionato ed esigibile nel corrente esercizio;
  4. di impegnare ed assegnare le risorse ai Comuni come da Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento per complessivi € 3.772.254,25 al capitolo 103721 “Interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche – Contributi agli investimenti (D.M. 27/02/2018, n. 67)” del Bilancio di previsione 2018 – 2020, per l’esercizio 2018, art. 005, codice P.d.C. V° livello U.2.03.02.01.001, ripartita in rapporto al fabbisogno indicato dai Comuni stessi, come da Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto;
  5. di disporre che i Comuni di cui all’Allegato A provvedano a liquidare il contributo agli aventi diritto con le modalità indicate nella deliberazione di Giunta regionale n. 1468 del 8 ottobre 2018;
  6. di erogare le somme, come da Allegato A, ad esecutività del presente atto, in quanto obbligazione perfezionata ed esigibile nel corrente esercizio;
  7. di dare atto che la copertura finanziaria dell’obbligazione è assicurata con l’accertamento di cui al precedente punto 2.;
  8. di attestare che il programma dei pagamenti in argomento è compatibile con gli stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica;
  9. di dare atto che la spesa di cui si dispone l’impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011 e non ha natura di debito commerciale;
  10. di dare atto che la spesa di cui si dispone l’impegno con il presente atto fa riferimento all’obiettivo gestionale 12.02.01 – Favorire la domiciliarità delle persone con disabilità;
  11. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del Decreto legislativo 14/3/2013, n. 33;
  12. di comunicare ai soggetti beneficiari di cui al precedente punto 3., le informazioni previste dall’art. 56 , comma 7, del D.Lgs. n. 118/2011 e s.m.i.
  13. di pubblicare integralmente il presente decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto.

Fabrizio Garbin

(seguono allegati)

125_Allegato_DDR_125_23-11-2018_387884.pdf

Torna indietro