Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 30 del 18 marzo 2014


Materia: Acque

Decreto DEL DIRETTORE DELLA SEZIONE DIFESA IDROGEOLOGICA E FORESTALE DI BELLUNO n. 20 del 27 febbraio 2014

Concessione per l'utilizzo di un'area di mq. 7.875,00 come spazio di manovra automezzi, stoccaggio inerti e mantenimento vasca di sedimentazione in comune di Quero, loc. S. Maria su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico di pertinenza del fiume Piave (pratica n. C/0905). Domanda della ditta F.lli VIDORI S.R.L. in data 27.02.2012.

Note per la trasparenza
Ai sensi della normativa vigente la Sezione Difesa del Suolo e Forestale di Belluno istruisce le istanze per il rilascio delle Concessioni per l'utilizzo dei Beni del Demanio Idrico, sottoponendole all'esame della Commissione Tecnica Regionale Decentrata in materia di Lavori Pubblici. Estremi dei principali documenti per l'istruttoria: - istanza di concessione del 27.02.2012 ; - parere in data 13.03.2012 della CTRD con voto n. 70 ; - disciplinare obblighi e condizioni n. 3338 in data 18.02.2014 .

Il Direttore

VISTA  la domanda, in data 27.02.2012, con la quale la ditta F.lli VIDORI S.R.L. ha chiesto la concessione in oggetto; 

VISTO  il parere Favorevole con prescrizione espresso dalla C.T.R.D. in materia di Lavori Pubblici con voto n. 70, in data 13.03.2012, espresso anche nei riguardi del vincolo idrogeologico nonché in applicazione della DGR n. 3173 del 10.10.2006 relativamente alla Direttiva Comunitaria 92/43/CEE e DPR 357/1997 "Rete Natura 2000"; 

VISTA la nota di questo Ufficio prot. n. 162941 in data 5.04.2012; 

VISTO  il disciplinare, in data 18.02.2014, iscritto al n. 3338 di repertorio della Sezione Difesa Idrogeologica e Forestale di Belluno, contenente gli obblighi e le condizioni cui deve essere vincolata la concessione; 

VISTO il T.U. approvato con R.D. 25 luglio 1904, n. 523 e successive modificazioni;

VISTO il D.P.R. 24.7.1977 n. 616;

VISTA la L.R. 9.8.1988 n. 41;

VISTA la L. 6.1.1994 n. 37;

VISTI la L. 59/97 e il D.lgs. 112/98;

VISTA la L.R. 13.4.2001 n.11 e successive modifiche ed integrazioni;

VISTA la L.R. 7.11.2003 n. 27;

VISTA la D.G.R. 2509/2003;

VISTA la D.G.R. 418/2004;

VISTA la D.G.R. n. 1997/2004 e successive disposizioni; 

VISTA la D.G.R. n.179 del 11.02.2013; 

CONSIDERATO  che la ditta F.lli VIDORI S.R.L. ha costituito cauzione nei modi e forme di legge; 

RITENUTO  che la concessione richiesta è ammissibile nei riguardi della polizia idraulica;

decreta

1.   Fatti salvi i diritti dei terzi, è concesso, alla ditta F.lli VIDORI S.R.L. (Cod. Fiscale  02204540260 - Partita IVA 02204540260) l’utilizzo di un'area di mq. 7.875,00 come spazio di manovra automezzi, stoccaggio inerti e mantenimento vasca di sedimentazione in comune di Quero, loc. S. Maria su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico di pertinenza del fiume Piave ed approvata la procedura di valutazione di incidenza di cui alla DGR n. 3173 del 10.10.2006 relativamente alla Direttiva Comunitaria 92/43/CEE e DPR 357/1997 "Rete Natura 2000"; 

2.   La concessione è accordata per anni 6 (sei) successivi e continui decorrenti dalla data del presente decreto, subordinatamente all’osservanza degli obblighi e delle condizioni contenuti nel disciplinare in data 18.02.2014 iscritto al n. di rep. 3338, che si approva e verso il pagamento alla Regione Veneto del canone annuo di €. 2897,56 (duemilaottocentonovantasette/56) a valere per l'anno 2014; 

3.   Il canone, soggetto ad aggiornamento e modifica in ragione delle disposizioni che verranno emanate dalla Regione Veneto, dovrà essere versato sul c.c.p. n. 80658834 intestato a “Regione Veneto – Genio Civile di Belluno – Canoni demanio idrico – Servizio Tes.“ nel secondo trimestre dell’anno di riferimento, anche se il concessionario non voglia o non possa fare uso, in tutto o in parte, della concessione; 

4.   di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'art.23 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n.33; 

5.   di stabilire che il presente decreto venga pubblicato integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Tiziano Pinato

Torna indietro