Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 23 del 25 febbraio 2014


Materia: Acque

Decreto DEL DIRETTORE DELLA SEZIONE DIFESA IDROGEOLOGICA E FORESTALE DI BELLUNO n. 10 del 28 gennaio 2014

Annullamento parziale del decreto n. 200 del 28.10.2010, del dirigente responsabile dell'Unità di Progetto Genio Civile di Belluno, relativo alla concessione per l'utilizzo a scopo agricolo (prato) di un'area di mq 3.577,50, con sovrastante porzione di fabbricato adibito a deposito e/o ricovero attrezzi in comune di Pieve d'Alpago, loc. Schiucaz, su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico - di pertinenza del torrente Tesa (pratica n. C/0736), relativamente alla parte di area con sovrastante porzione di fabbricato. Ditta: De Pizzol Mauro.

Note per la trasparenza
Ai sensi della normativa vigente l'Ufficio del Genio Civile istruisce le istanze per il rilascio delle Concessioni per l'utilizzo dei Beni del Demanio Idrico. Il provvedimento annulla parzialmente la concessione in essere. Estremi dei principali documenti per l'istruttoria: - note in data 10.7.2012 e 19.11.2013 del sig. De Pizzol Mauro.

Il Direttore

VISTO il decreto n. 200 del 28.10.2010 del dirigente responsabile dell’Unità di Progetto Genio Civile di Belluno, relativo alla concessione rilasciata alla S.V. per l'utilizzo a scopo agricolo (prato) di un'area di mq 3.577,50, con sovrastante porzione di fabbricato adibito a deposito e/o ricovero attrezzi in comune di Pieve d'Alpago, loc. Schiucaz su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico - di pertinenza del torrente Tesa (pratica n. C/0736), regolata dal disciplinare, in data 15.10.2010, n. di rep. 3004; 

VISTA la segnalazione in data 10.07.2012 con la quale il sig. De Pizzol Mauro contestava “l’occupazione sine titulo della porzione di fabbricato oggetto di concessione” da parte del sig. Zanon Guerrino; 

ACCERTATO, che l’immobile sopraindicato costituisce un’unità indivisa che insiste in parte su suolo demaniale e in parte su suolo di proprietà del sig. Zanon; 

CONSIDERATO che, da informazioni assunte, risulta che il sig. Zanon gode di un pacifico possesso ultratrentennale, anche per la parte di manufatto che ricade su area demaniale; 

CONSIDERATO, altresì, che la concessione n. 200/2010 viene ad incidere sulla proprietà privata del sig. Zanon Guerrino; 

PRESO ATTO dell’avvio del procedimento, in data 24.10.2013, n. 458218; 

VISTA la comunicazione, del sig. De Pizzol Mauro, pervenuta in data 19.11.2013, in ordine all’avvio del procedimento per l’annullamento parziale del decreto di concessione; 

VISTI gli atti d’ufficio; 

VISTO il T.U. approvato con R.D. 25 luglio 1904, n. 523 e successive modificazioni;

VISTO il D.P.R. 24.7.1977 n. 616;

VISTA la L.R. 9.8.1988 n. 41;

VISTA la L. 6.1.1994 n. 37;

VISTI la L. 59/97 e il D.lgs. 112/98;

VISTA la L.R. 13.4.2001 n.11 e successive modifiche ed integrazioni;

VISTA la L.R. 7.11.2003 n. 27;

VISTA la D.G.R. 2509/2003;

VISTA la D.G.R. 418/2004;

VISTA la D.G.R. n. 1997/2004 e successive disposizioni;

decreta

1.   E’ annullato, parzialmente, il decreto n. 200 del 28.10.2010, del dirigente responsabile dell’Unità di Progetto Genio Civile di Belluno, inerente alla concessione per l'utilizzo a scopo agricolo (prato) di un'area di mq 3.577,50, con sovrastante porzione di fabbricato adibito a deposito e/o ricovero attrezzi in comune di Pieve d'Alpago, loc. Schiucaz, su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico - di pertinenza del torrente Tesa (pratica n. C/0736), relativamente alla parte di area con sovrastante porzione di fabbricato comprensiva dello spazio antistante l’ubicazione delle porte necessario all’accesso; 

2.   a modifica dell’art. 7 del disciplinare, in data 15.10.2010 iscritto al n. di rep. 3004, il canone annuo è rideterminato in €. 104,25 (centoquattro/25), a valere per l'anno 2014, in ragione dell’applicazione del canone minimo di € 85,00, oltre all’aggiornamento ISTAT, previsto per l’occupazione permanente di suolo con tipo d’uso agricolo-prato; 

3.   di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'art.23 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n.33; 

4.   di stabilire che il presente decreto venga pubblicato integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Il Direttore Vicario Sandro De Menech

Torna indietro