Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 56 del 09 luglio 2010


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Decreto DEL DIRIGENTE DELL' DIREZIONE FORMAZIONE n. 521 del 28 maggio 2010

POR Fse 2007-2013 - Ob. CRO - Reg. 1081/2006. Asse I Adattabilità. Dgr n. 1258 del 5/05/2009 - Formazione continua a voucher. Approvazione istruttoria assegnazione voucher - IX edizione.

Il Dirigente

(omissis)

Decreta

1. di finanziare 702 domande per un finanziamento pubblico pari a € 1.201.932,00 ripartite come nella tabella che segue:

Dispositivo

Domande finanziate - IX edizione

Categoria A

Categoria B

n. domande finanziate

per un contributo pubblico pari a

per un contributo privato pari a

n. domande finanziate

per un contributo pubblico pari a

per un contributo privato pari a

Voucher individuali (formativi)

341

€ 522.484,00

€ 35.342,00

107

€ 208.940,00

€ 411,00

Voucher aziendali e interaziendali (formativi e di accompagnamento)

13 Richieste interaziendali per 108 aziende, 254 lavoratori, 41 voucher di accompagnamento.

0 Richieste aziendali per 0 lavoratori, 0 voucher di accompagnamento.

€ 451.728,00

€ 157.345,50

Voucher di sostegno

57

€ 18.780,00

Totali

595 lavoratori

€ 974.212,00

€ 192.687,50

107 lavoratori

€ 227.720,00

€ 411,00

2. di provvedere a finanziare, per un importo complessivo di Euro 11.185,00, a valere sul Capitolo 72040, le domande di voucher di sostegno per gli importi corretti di cui all’Allegato G “Valori corretti voucher sostegno”;

3. di prendere atto che, considerato il riutilizzo dei residui come indicato in premessa, il finanziamento delle domande è così ripartito sui seguenti capitoli:
  • € 474.424,60 a valere sul Fse (capitolo di spesa 101319),
  • € 499.787,40 a valere sul FdR (capitolo di spesa 101318),
  • € 238.905,00 a valere su Fondi regionali (di cui € 139.900,00 sul capitolo di spesa 101167 ed € 99.005,00 sul capitolo di spesa 72040);

4. di tenere conto in corrispondenza della fase di liquidazione di spesa delle somme corrispondenti ai residui indicati in premessa già assegnati, i quali saranno dedotti ai fini del computo netto effettivo dell’erogazione;

5. di approvare le risultanze dell’istruttoria di cui in premessa e i cui risultati sono evidenziati nei seguenti allegati, parti integranti e sostanziali del seguente provvedimento:

  • Allegato A “Domande voucher individuale Categoria A pervenute”
  • Allegato A1 “Domande voucher individuale Categoria A non ammissibili”
  • Allegato A2 “Domande voucher individuale Categoria A ammissibili”
  • Allegato A3 “Domande voucher individuale Categoria A finanziate”
  • Allegato B “Domande voucher aziendali e interaziendali pervenute”
  • Allegato B1 “Domande voucher aziendali e interaziendali non ammissibili”
  • Allegato B2 “Domande voucher aziendali e interaziendali ammissibili”
  • Allegato B3 “Domande voucher aziendali e interaziendali finanziate”
  • Allegato C “Domande voucher individuale Categoria B pervenute”
  • Allegato C1 “Domande voucher individuale Categoria B non ammissibili”
  • Allegato C2 “Domande voucher individuale Categoria B ammissibili”
  • Allegato C3 “Domande voucher individuale Categoria B finanziate”
  • Allegato D “Tabella causali non ammissibilità - formazione individuale”
  • Allegato E “Tabella causali non ammissibilità - formazione aziendale e interaziendale”
  • Allegato F1 “Risorse derivanti da voucher non utilizzati”
  • Allegato F2 “Risorse derivanti da economie risultanti da voucher trasferiti”
  • Allegato G “Valori corretti voucher di sostegno”

6. di continuare a utilizzare, così come stabilito, le risorse a valere sul Capitolo 72040 non utilizzate per il finanziamento di voucher di sostegno (indennità di frequenza), per il finanziamento dei voucher formativi, prioritariamente verso la Categoria B, così come già stabilito dal Ddr n. 92 del 29/01/2010 e successivi.

Avverso i vizi del presente decreto è ammesso ricorso avanti il Tribunale Amministrativo regionale entro 60 giorni dell’avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, avanti il Capo dello Stato entro 120 giorni, salva rimanendo la competenza del Giudice Ordinario, entro i limiti prescrizionali, per l’impugnazione del provvedimento.

Santo Romano

Allegati (omissis)


Torna indietro