Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 80 del 10/08/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 80 del 10/08/2018
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 80 del 10 agosto 2018


Materia: Formazione professionale e lavoro

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1177 del 07 agosto 2018

Piano regionale dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale attivabili in offerta sussidiaria negli Istituti Professionali di Stato. Approvazione dell'Avviso pubblico e della Direttiva per la presentazione di percorsi di quarto anno per il diploma professionale in offerta sussidiaria, da realizzare presso gli Istituti Professionali di Stato nell'Anno Formativo 2018-2019. Decreto MIUR n. 4 del 18.1.2011 di recepimento dell'Intesa in Conferenza Unificata del 16.12.2010.

Note per la trasparenza

Il provvedimento approva l’Avviso pubblico e la Direttiva per la presentazione di percorsi di quarto anno di Istruzione e Formazione Professionale per il conseguimento del diploma professionale da avviare come offerta sussidiaria presso gli Istituti Professionali di Stato nell’Anno Formativo 2018-2019.
Il presente provvedimento non assume impegni di spesa.

L'Assessore Federico Caner per l'Assessore Elena Donazzan riferisce quanto segue.

A decorrere dall’Anno formativo 2011-2012, in seguito al riordino degli Istituti Professionali di Stato (IPS), intervenuto con DPR n. 87 del 15/03/2010, all’Intesa in Conferenza Stato Regioni del 16/12/2010, recepita con Decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) n. 4 del 18 gennaio 2011, e all’Accordo territoriale del 13/01/2011 tra la Regione del Veneto e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (USRV), la Regione del Veneto predispone il Piano regionale dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale  (IeFP) attivabili in offerta sussidiaria presso gli IPS.

Va evidenziato che il citato Accordo territoriale tra la Regione del Veneto e l’USRV prevede che gli IPS realizzino l’offerta sussidiaria di IeFP senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato e della Regione del Veneto e nel rispetto dei limiti e dei criteri di formazione degli organici definiti al Capo II, punto 4, delle linee guida allegate all’Intesa approvata in Conferenza Unificata il 16/12/2010.

In data 4 dicembre 2014 la Regione del Veneto e l’USRV hanno siglato un Accordo integrativo per la realizzazione di un’offerta sussidiaria di percorsi di quarto anno di IeFP, di cui agli artt. 17 e 18 del D.Lgs. n. 226 del 17/10/2005 negli IPS e per la definizione delle modalità di programmazione territoriale e articolazione didattica dei percorsi stessi.

L’articolazione didattica prevista nell’Accordo integrativo per il quarto anno in sussidiarietà costituisce un adeguamento alla struttura oraria degli Istituti Professionali del modello approvato nell’Allegato C alla DGR n. 1368 del 30 luglio 2013, definito in accordo con le Parti Sociali dal Tavolo Tecnico per il perfezionamento della qualità nella formazione iniziale, istituito con DGR n. 2891 del 28/12/2012.

In base all’art. 4 dello stesso Accordo, i percorsi di quarto anno per il rilascio del diploma professionale di tecnico di IeFP costituiscono la prosecuzione dei percorsi triennali per la qualifica professionale, in quanto strutturati su risultati di apprendimento che costituiscono lo sviluppo delle competenze raggiunte con la qualifica professionale.

Per le modalità di programmazione si fa riferimento all’Accordo Territoriale tra la Regione del Veneto e l’USRV, firmato in data 13 gennaio 2011, che all’art. 4 prevede che gli IPS accreditati possano presentare, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali in materia di definizione del Piano dell’offerta formativa, la propria candidatura presso la Regione del Veneto per attivare percorsi di IeFP configurati secondo la tipologia dell’offerta sussidiaria complementare, sulla base di specifico avviso regionale.

La tipologia dell’offerta sussidiaria complementare prevede l’attivazione di percorsi di IeFP in classi autonome, non integrate negli ordinari percorsi quinquennali degli IPS, che assumono gli standard formativi e la regolamentazione dell’ordinamento dei percorsi di IeFP, determinati dalla Regione nel rispetto dei livelli essenziali di cui al Capo III del D.Lgs. n. 226/2005.

Le figure di quarto anno, come quelle dei percorsi triennali di IeFP, fanno riferimento al “Repertorio nazionale dell’offerta di istruzione e formazione professionale” approvato con l’Accordo in Conferenza Stato Regioni del 27 luglio 2011, così come modificato e integrato dal successivo Accordo del 19 gennaio 2012.

Si precisa che l’attivazione di un percorso di quarto anno in sussidiarietà può essere richiesta da un IPS, “esclusivamente in continuità con un percorso triennale sussidiario di IeFP approvato e realizzato per la figura corrispondente, secondo la tabella riportata nell’Appendice 2” all’Accordo Integrativo e ai sensi dell’art. 1 comma 2 di tale Accordo, con la finalità di integrare e differenziare l’offerta di percorsi per il diploma professionale realizzati nello stesso territorio dagli Organismi Formativi Accreditati.

Una programmazione efficiente ed efficace dell’offerta formativa non deve prevedere infatti una presenza eccessiva della stessa tipologia di corso in realtà formative diverse dello stesso territorio, in quanto la sovrabbondanza di offerta può tradursi nell’impossibilità per tutti gli operatori di avviare gli interventi formativi approvati, a causa dell’impossibilità di raggiungere i numeri minimi richiesti per l’avvio, tanto più se si considera che l’accesso al quarto anno di IeFP è consentito solo a chi è già in possesso di una qualifica di terzo livello EQF (European Qualifications Framework) in una figura coerente.

Va ora segnalato che in attuazione della Legge 13 luglio 2015, n. 107, la cosiddetta “Buona Scuola”, è stato avviato un profondo processo di revisione dell’istruzione professionale che ha portato all’approvazione del D.Lgs. 13 aprile 2017, n. 61 “Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale nel rispetto dell'articolo 117 della Costituzione, nonché raccordo con i percorsi dell'istruzione e formazione professionale, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera d), della legge 13 luglio 2015, n. 107” e che avrà la sua prima applicazione a partire dai primi anni  del prossimo Anno Scolastico 2018/2019, lasciando invariato l’ordinamento per i percorsi quinquennali già avviati negli anni precedenti.

Anche il citato D.Lgs n. 61/2017 prevede comunque che, “al fine di realizzare l’integrazione, l’ampliamento e la differenziazione dei percorsi e degli interventi in rapporto alle esigenze e specificità territoriali, le istituzioni scolastiche che offrono percorsi di istruzione professionale possono attivare, in via sussidiaria, previo accreditamento regionale, percorsi di istruzione e formazione professionale per il rilascio della qualifica e del diploma professionale quadriennale, secondo modalità da definirsi con gli accordi di cui all’articolo 7, comma 2  del citato D. Lgs n. 61/2017. Tali percorsi vanno realizzati nel rispetto degli standard formativi definiti da ciascuna regione e secondo i criteri e le modalità definiti ai sensi dell’articolo 7, commi 1 e 2”.

Nel dettaglio si evidenza:

  • l’articolo 7, comma 2, del D.Lgs n. 61/2017 precisa che “le modalità realizzative dei percorsi di istruzione e formazione professionale erogati in via sussidiaria, sono definite a livello regionale attraverso appositi accordi tra la Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale, nel rispetto dell'esercizio delle competenze esclusive della Regione in materia di istruzione e formazione professionale”;
  • la tipologia dell’offerta sussidiaria presente nel D.Lgs n. 61/2017 prevede l’attivazione di percorsi di IeFP in classi autonome, non integrate negli ordinari percorsi quinquennali degli IPS, che assumono gli standard formativi e la regolamentazione dell’ordinamento dei percorsi di IeFP, determinati dalla Regione nel rispetto dei livelli essenziali di cui al Capo III del D.Lgs. n. 226/2005;
  • gli IPS per poter erogare IeFP sussidiaria devono essere accreditati regionalmente;
  • l’offerta sussidiaria sopra descritta è di fatto già erogata in Veneto a partire dall’Anno Formativo 2011/2012 con modalità similari tramite l’offerta sussidiaria complementare così come delineata nei termini previsti dall’Accordo territoriale del 13/01/2011 tra la Regione del Veneto e l’USRV per i percorsi triennali e dall’Accordo integrativo del 4/12/2014 per la realizzazione di un’offerta sussidiaria di percorsi di quarto anno di IeFP. 

Occorre inoltre far presente che alla data odierna, per dare attuazione al citato D.Lgs n. 61/2017, si è pervenuti alla sottoscrizione dei seguenti atti in  Conferenza Stato Regioni:

  • Intesa n. 249 del 21/12/2017: “Intesa ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61, sullo schema di regolamento, recante “Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale nel rispetto della Costituzione, nonché raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181 della legge 13 luglio 2015, n. 107”;
  • Intesa n. 64 dell’8/3/2018: “Intesa ai sensi dell’articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61, sullo schema di decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro dell’economia e delle finanze, recante criteri generali per favorire il raccordo tra il sistema dell’Istruzione Professionale e il sistema di Istruzione e Formazione Professionale e per la realizzazione, in via sussidiaria, di percorsi di istruzione e formazione professionale per il rilascio della qualifica e del diploma professionale quadriennale”;
  • Accordo n. 100 del 10/5/2018: “Accordo ai sensi dell’articolo 8, comma 2, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61 tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, per la definizione delle fasi dei passaggi tra i percorsi di istruzione professionale e i percorsi di istruzione e formazione professionale compresi nel repertorio nazionale dell’offerta di istruzione e formazione professionale di cui agli Accordi in conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 29 aprile 2010, del 27 luglio 2011 e del 19 gennaio 2012, e viceversa, in attuazione dell’articolo 8, comma 2, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61”. 

I provvedimenti ministeriali conseguenti gli Accordi e le Intese di cui sopra non sono stati ancora emanati e si ritiene che in loro assenza non si possa procedere a definire a livello regionale, attraverso apposito Accordo tra la Regione Veneto e l’USRV, le modalità di erogazione di percorsi di istruzione professionale in via sussidiaria presso le istituzioni scolastiche accreditate per il prossimo Anno Formativo.

Va precisato che l’art. 14 “Disposizioni transitorie e finali” del D.Lgs. n. 61/2017 testualmente recita: “Il Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 87, e successive modificazioni, continua ad applicarsi esclusivamente: a) per l’anno scolastico 2018/2019, per le classi dalla seconda alla quinta; b) per l’anno scolastico 2019/2020, per le classi dalla terza alla quinta; c) per l’anno scolastico 2020/2021, per le classi dalla quarta alla quinta; d) per l’anno scolastico 2021/2022, per le sole classi quinte”.

L’offerta formativa rappresentata dal quarto anno di IeFP per il conseguimento del diploma professionale presso gli IPS in sussidiarietà complementare, realizzabile solo in continuità con un precedente percorso di IeFP concluso nell’Anno Formativo 2017/2018, è funzionale ad assicurare la piena realizzazione al ciclo di IeFP. Per questa ragione, anche nelle more della emanazione dei provvedimenti ministeriali di cui sopra e dell’Accordo territoriale conseguente, si ritiene che la quarta annualità del percorso formativo di IeFP possa essere realizzata anche nell’Anno Formativo 2018/2019 negli IPS che ne hanno titolo ai sensi degli accordi territoriali in essere e del presente provvedimento.

Pertanto, al fine di non ritardare ulteriormente le fasi propedeutiche all’avvio dei corsi nei termini previsti dal calendario scolastico regionale 2018/2019, si ritiene di proporre all’esame della Giunta regionale l’approvazione dell’ Avviso pubblico e della Direttiva per la presentazione di nuovi percorsi di quarto anno per il diploma professionale in offerta sussidiaria, da realizzare presso gli IPS, accreditati, nell’Anno Formativo 2018/2019.

Per gli IPS accreditati che nei precedenti Anni Formativi hanno già ottenuto l’approvazione di uno o più percorsi sussidiari di quarto anno di IeFP, ed evidenziati nella mappatura di cui all’Allegato C al presente provvedimento, parte integrante e sostanziale  dello stesso, è prevista una modalità semplificata (domanda di attivazione), senza necessità di ripresentare il progetto.

Occorre comunque precisare che la presentazione delle domande, anche con la modalità domanda di attivazione, per i percorsi IeFP per il conseguimento del diploma da realizzare nell’Anno Formativo 2018/2019, non vincola l’Amministrazione regionale all’approvazione dei percorsi.

In particolare deve essere tenuto conto dell’Intesa n. 64 dell’8/3/2018 e delle prescrizioni in essa contenute in merito alle attività formative future.

L’avvio dei percorsi presentati con nuovi progetti o per i quali si richiede attivazione rimane pertanto subordinato:

  • alle condizioni che saranno previste nel prossimo Accordo territoriale qualora sottoscritto prima dell’avvio dell’Anno Formativo 2018/2019;
  • al mantenimento dell’accreditamento regionale in capo all’istituto proponente;
  • alle risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e nei limiti delle dotazioni organiche di personale docente previste dall’art 1, commi da 63 a 69, della Legge n. 107/2015 e delle dotazioni del personale A.T.A. (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario) di cui all’art. 19, comma 7, del D.L. n. 98 del 06/07/2011;
  • alla conferma da parte dell’USRV che l’avvio delle attività proposte dagli IPS risulta compatibile con le risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e nei limiti delle dotazioni organiche di personale docente previste dall’art. 1, commi da 63 a 69, della Legge n. 107/2015 e delle dotazioni A.T.A. di cui all’art. 19, comma 7, del D.L. n. 98 /2011. 

Ciò premesso, si propone di approvare, quali parti integranti e sostanziali del presente provvedimento:

  • l’Avviso pubblico per la presentazione di progetti  formativi o delle domande di attivazione riguardanti i percorsi di quarto anno di IeFP, da realizzare in via sussidiaria presso gli IPS nell’Anno Formativo 2018-2019, Allegato A;
  • la Direttiva per la presentazione dei progetti formativi e delle domande di attivazione, che include le disposizioni per la gestione dei percorsi, Allegato B;
  • la mappatura degli Istituti Professionali e delle figure di quarto anno attivabili, che include l’elenco dei corsi di quarto anno attivabili con domanda semplificata, Allegato C

Le domande di ammissione al Piano regionale dell’offerta sussidiaria di percorsi di quarto anno di IeFP negli IPS e i relativi allegati dovranno essere spedite esclusivamente a mezzo PEC con firma digitale del Dirigente scolastico all’indirizzo formazioneistruzione@pec.regione.veneto.it con le modalità e nei termini previsti dalla Direttiva, Allegato B, alla Giunta regionale del Veneto - Direzione Formazione e Istruzione, pena l’esclusione.

La valutazione dei progetti che perverranno sarà effettuata da una Commissione di valutazione appositamente nominata dal Direttore della Direzione Formazione e Istruzione con proprio provvedimento.

Si precisa che i termini e le modalità per la presentazione dei progetti o delle domande di attivazione per percorsi di terzo anno di Istruzione e Formazione da realizzare in via sussidiaria presso gli IPS saranno oggetto di successivo provvedimento.

L’intervento di cui al presente provvedimento rientra nell’obiettivo gestionale 15.02.02 “Sostenere la Formazione Professionale Iniziale” per il periodo 2018/2020, di cui al Decreto del Segretario Generale della Programmazione n. 2 del 25 gennaio 2018.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la Legge 28 marzo 2003, n. 53;

VISTO il Decreto Legislativo 15 aprile 2005, n. 76;

VISTO il Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, e s.m.i.;

VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 87;

VISTO il Decreto Interministeriale 15 giugno 2010 che recepisce l’Accordo 29 aprile 2010 tra il Ministro dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano riguardante il primo anno di attuazione - anno scolastico e formativo 2010-2011 - dei percorsi di istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 27, comma 2, del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;

VISTO il Decreto MIUR n. 4 del 18 gennaio 2011 che recepisce l’Intesa ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 approvata in data 16 dicembre 2010 tra il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, i Comuni, le Province e le Comunità Montane sull’adozione di linee guida per realizzare organici raccordi tra i percorsi degli istituti professionali e i percorsi di istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 13, comma 1-quinquies, della Legge 2 aprile 2007, n. 40;

VISTO il Decreto Interministeriale 11 novembre 2011 che recepisce l’Accordo 27 luglio 2011 tra il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, riguardante gli atti necessari per il passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di istruzione e formazione professionale di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;

RICHIAMATO l’Accordo territoriale sottoscritto in data 13/01/2011 tra la Regione del Veneto e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto per la realizzazione di un’offerta sussidiaria di percorsi di Istruzione e Formazione Professionale di cui agli artt. 17 e 18 del D.Lgs. n. 226/2005 negli Istituti Professionali di Stato;

RICHIAMATO l’Accordo integrativo per la realizzazione di un’offerta sussidiaria di percorsi di quarto anno di IeFP di cui agli artt. 17 e 18 del D.Lgs. n. 226/2005 negli Istituti Professionali di Stato, sottoscritto tra Regione del Veneto e Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in data 04/12/2014;

VISTO il Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 61;

VISTA l’Intesa n. 64 dell’8/3/2018;

VISTA la Legge Regionale n. 19 del 9 agosto 2002;

VISTA la Legge Regionale 31 marzo 2017, n. 8, come modificata con Legge Regionale 20 aprile 2018, n. 15;

VISTA la DGR n. 2120 del 30/12/2015 e ss.mm.ii.;

VISTO l’articolo 2, comma 2, della L.R. n. 54 del 31 dicembre 2012, come modificata con L.R. n. 14 del 17 maggio 2016;

delibera

  1. di stabilire che le premesse al presente dispositivo siano parti integranti e sostanziali del provvedimento;
  2. di approvare l’Avviso pubblico, Allegato A, e la Direttiva , Allegato B, per la presentazione di progetti o delle domande di attivazione per percorsi di quarto anno di Istruzione e Formazione Professionale da realizzare in via sussidiaria presso gli Istituti Professionali di Stato nell’Anno Formativo 2018-2019, che include le disposizioni per la gestione dei percorsi, parti integranti e sostanziali del presente provvedimento;
  3. di stabilire che la presentazione di progetti o delle domande di attivazione per percorsi di quarto anno di Istruzione e Formazione Professionale da realizzare in via sussidiaria presso gli Istituti Professionali di Stato nell’Anno Formativo 2018-2019 e i relativi allegati dovranno essere spediti esclusivamente a mezzo PEC con firma digitale del Dirigente scolastico all'indirizzo formazioneistruzione@pec.regione.veneto.it, con le modalità previste dalla Direttiva, Allegato B;
  4. di approvare la mappatura degli Istituti Professionali di Stato con le figure di quarto anno attivabili, che include l’elenco dei corsi di quarto anno attivabili con domanda semplificata, Allegato C, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  5. di affidare la valutazione dei progetti che perverranno ad una Commissione di valutazione che sarà appositamente nominata dal Direttore della Direzione Formazione e Istruzione con proprio provvedimento;
  6. di precisare che la presentazione dei progetti per percorsi di quarto anno di Istruzione e Formazione Professionale o delle domande di attivazione da realizzare in via sussidiaria presso gli Istituti Professionali di Stato nell’Anno Formativo 2018-2019 non vincola l’Amministrazione regionale all’approvazione dei percorsi e l’avvio rimane subordinato:
  1. alle condizioni che saranno previste nel prossimo Accordo territoriale qualora presente prima dell’avvio dell’Anno Formativo 2018/2019;
  2. al mantenimento dell’accreditamento regionale in capo all’istituto proponente;
  3. alle risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e nei limiti delle dotazioni organiche di personale docente previste dall’art. 1, commi da 63 a 69, della Legge 107/2015 e delle dotazioni del personale A.T.A. di cui all’art. 19, comma 7, del D.L. n. 98/2011;
  4. alla conferma da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto che l’avvio delle attività proposte dagli IPS risulta compatibile con le risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e nei limiti delle dotazioni organiche di personale docente previste dall’art. 1, commi da 63 a 69, della Legge n. 107/2015 e delle dotazioni A.T.A. di cui all’art. 19, comma 7, del D.L. n 98 /2011;
  1. di precisare che i termini e le modalità per la presentazione dei progetti o delle domande di attivazione per percorsi di terzo anno di Istruzione e Formazione Professionale da realizzare in via sussidiaria presso gli Istituti Professionali di Stato sono oggetto di altro provvedimento;
  2. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  3. di incaricare il Direttore della Direzione Formazione e Istruzione dell’esecuzione del presente atto nonché dell’adozione di ogni ulteriore atto che si rendesse necessario in relazione alle attività del presente provvedimento, anche dal sopravvenire di eventuali aggiornamenti normativi o da nuovi Accordi territoriali, compresa l’approvazione subordinata alle condizioni di cui al punto 6);
  4. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione nonché nel sito Internet della Regione del Veneto.

(seguono allegati)

1177_AllegatoA_375886.pdf
1177_AllegatoB_375886.pdf
1177_AllegatoC_375886.pdf

Torna indietro