Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 65 del 02/08/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 65 del 02/08/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 65 del 02 agosto 2013


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1278 del 16 luglio 2013

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013. Approvazione modifiche alle DGR n. 2470/2011 e DGR n. 2660/2012.

Note per la trasparenza:

Si procede alla correzione di un errore materiale occorso nella redazione della DGR n. 2470/2011 relativo al bando della misura 311 azione 3 nonché alla fissazione dei termini per l'integrazione documentale e la conclusione dell'istruttoria dei bandi delle misure 121, 123 e 311 di cui alla DGR n. 2660/2012.

L'Assessore Franco Manzato riferisce quanto segue.

Con Decisione C(2007) 4682 del 17 ottobre 2007, la Commissione Europea ha formalmente approvato il Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2007-2013, dando garanzia del cofinanziamento comunitario e l'ammissibilità delle spese a valere sulle risorse assegnate.

Con Deliberazione del 13 novembre 2007, n. 3560 la Giunta regionale ha pertanto confermato il testo vigente del PSR 2007 - 2013 che definisce la pianificazione finanziaria per anno, per asse e per misura, la classificazione dei comuni del Veneto ai fini dell'applicazione degli assi 3 e 4 del Programma e la delimitazione per comune delle aree montane del Veneto, ai sensi dell'articolo 50 del regolamento (CE) n.1698/2005.

Il Programma è stato poi oggetto di successive modifiche, da ultimo con Deliberazione della Giunta regionale n. 314 del 12/03/2013 "Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2007-2013. Approvazione delle modifiche proposte con Deliberazioni dell'11 settembre 2012, n. 91/CR e del 25 settembre 2012, n. , con la quale è stata approvata, sulla proposta di modifica inoltrata dalla Regione del Veneto nel dicembre 2012, l'ultima versione del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013, in virtù della Decisione di esecuzione C(2013) 378 del 25/01/2013 della Commissione europea e della nota Ares (2013) 170172 del 11/02/2013 dei Servizi della Commissione stessa.

Dal punto di vista attuativo, facendo seguito alle previste consultazioni della Quarta Commissione consiliare e del Comitato di Sorveglianza sullo sviluppo rurale, e di un ulteriore ampio confronto con il partenariato, la Giunta regionale ha approvato bandi generali e specifici su un gran numero di misure ed azioni, secondo modalità e procedure di attuazione sia singole che integrate, dettagliate negli stessi bandi a valere sulle misure dei tre assi del Programma di sviluppo rurale 2007-2013.

In particolare, con Deliberazione della Giunta regionale n. 795 del 31/05/2013 per alcune misure del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 sono state disposte l'integrazione delle risorse a bando e il differimento dei termini previsti per la conclusione delle iniziative finanziate attraverso le DGR n. 1037/2011, DGR n. 2472/2011, DGR n. 2470/2011, DGR n. 1604/2012, DGR n. 2660/2012.

Per quanto attiene il bando di cui all'Allegato D alla DGR n. 2470/2011 relativo alla misura 311 azione 3 Incentivazione della produzione di energia e biocarburanti da fonti rinnovabili, la Giunta regionale, con DGR n. 795/2013 ha accolto la richiesta di proroga presentata dalle OO.PP.AA. ed ha differito dal 26/07/2013 al 31/12/2013 i termini per la realizzazione degli interventi della citata misura 311 azione 3.

A causa di un errore materiale, tale termine non è stato riportato nel deliberato e quindi si rende necessario integrare le disposizioni della DGR n. 795/2013. Si evidenzia che il bando citato introduceva al paragrafo "4.4 Termini e scadenze" una specifica deroga rispetto alle disposizioni generali previste dal documento Indirizzi procedurali di cui all'allegato A alla DGR n. 1499/2011.

Peraltro, al fine di assicurare un univoco riferimento amministrativo, risulta opportuno sostituire il paragrafo "4.4 Termini e scadenze" del bando della misura 311 az. 3 dell'Allegato D alla DGR n. 2470/2011, rinviando ai termini indicati nel paragrafo "5.2.3 Qual è il periodo di eleggibilità delle spese?" del documento Indirizzi procedurali di cui all'Allegato A alla DGR n. 1499/2011. Le modifiche al testo del bando sono riportate nell'Allegato A al presente provvedimento.

 Per quanto attiene invece i bandi di cui agli allegati B e D alla DGR n. 2660/2012, relativi alla misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole, 123 Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e 311 Diversificazione in attività non agricole, l'organismo pagatore regionale Avepa ha segnalato, in riferimento alle istruttorie in corso, numerose difficoltà delle imprese a produrre, nei termini indicati dal bando (28 giugno 2013), la documentazione autorizzativa all'esecuzione delle opere (permesso di costruire, dichiarazione attestante che è trascorso, senza effetti, il periodo per l'eventuale comunicazione di diniego o di divieto di prosecuzione dell'attività da parte del Comune).

In particolare tra le domande di competenza delle varie sedi provinciali nonché della sede centrale, si rilevano circa quaranta casi in cui i richiedenti non sono stati in grado di produrre tale documentazione nei termini previsti dal bando per vari motivi, collegati principalmente all'acquisizione di pareri di Enti terzi.

Inoltre per alcuni di questi casi, è stata rilevata una disparità di valutazione da parte delle Amministrazioni comunali nel rilascio dei permessi laddove, in mancanza dei previsti pareri e precisamente in assenza del parere AIA, un Comune ha emesso il permesso condizionato, un altro Comune non ha emesso il permesso e un terzo Comune ha emesso il permesso senza porre condizioni.

In considerazione del fatto che la mancata presentazione nei termini è imputabile per lo più da ritardi causati da interpretazioni difformi della normativa da parte di Enti terzi, al fine di non penalizzare le aziende agricole si propone di fissare al 29 luglio 2013, a pena di decadenza della domanda, il termine ultimo per la presentazione della documentazione autorizzativa all'esecuzione delle opere (permesso di costruire; dichiarazione attestante che è trascorso, senza effetti, il periodo per l'eventuale comunicazione di diniego o di divieto di prosecuzione dell'attività da parte del Comune riguardo la dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) o la segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A)).

Di conseguenza, si propone di fissare al 2 agosto 2013 il nuovo termine entro il quale Avepa deve concludere l'istruttoria delle domande della misura 121, 123 e 311 di cui alla DGR n. 2660/2012.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

- UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

- VISTA la Legge regionale 10 gennaio 1997, n. 1 "Ordinamento delle funzioni e delle strutture della Regione";

- VISTO il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del 20 settembre 2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e le modifiche successivamente apportate, in particolare con il regolamento (CE) n. 74/2009;

- VISTO il Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori, e che modifica i regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 e abroga il regolamento (CE) n. 1782/2003;

- VISTO il Regolamento (CE) del Consiglio n. 1290 del 21 giugno 2005 relativo al finanziamento della politica agricola comune rurale e le successive modifiche apportate, da ultimo con Regolamento (CE) n.73/2009;

- VISTA la Decisione del Consiglio del 20 febbraio 2006 relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale (periodo di programmazione 2007-2013) e la successiva Decisione 2009/61/CE;

- VISTO il Regolamento (CE) n. 1974/2006 del 15 dicembre 2006 della Commissione recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 e le successive modifiche apportate, da ultimo con Regolamento (CE) n. 363/2009;

- VISTO il Regolamento (UE) n. 65/2011 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l'attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale;

- VISTO il Regolamento (CE) n. 1122/2009 della Commissione recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo nell'ambito dei regimi di sostegno diretto agli agricoltori di cui al medesimo regolamento e modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità nell'ambito del regime di sostegno per il settore vitivinicolo;

- VISTO il Regolamento (CE) n. 1320/2006 della Commissione, del 5 settembre 2006 recante disposizioni per la transizione al regime di sostegno alla sviluppo rurale istituito dal regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;

- VISTA la Decisione C(2007) 4682 del 17 ottobre 2007 e s.m.i. con la quale la Commissione Europea ha formalmente approvato il Programma, dando garanzia del cofinanziamento comunitario e dell'ammissibilità delle spese a valere sulle risorse assegnate;

- VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale del 24 giugno 2008 n. 1659 e s.m.i.;

- VISTA la Deliberazione della Giunta regionale del 12 marzo 2013 n. 314, che approva l'ultima versione del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007 - 2013, l'approccio strategico previsto, la ripartizione finanziaria approvata e le disposizioni tecnico-amministrative di attuazione, comprensive anche della conseguente gestione finanziaria;

- VISTA la DGR n. 2470/2011, con la quale la Giunta regionale ha aperto i termini di presentazione delle domande di contributo per alcune misure dell'Asse 1, 2 e 3 del PSR 2007-2013;

- VISTA la DGR n. 1604/2012 con la quale sono stati aperti i termini per la presentazione delle domande di contributo per alcune misure dell'Asse 1 e 2 del PSR 2007-2013;

- VISTA la DGR n. 2660/2012, la Giunta regionale ha aperto i termini di presentazione delle domande di contributo per alcune misure dell'Asse 1 e 3 del PSR 2007-2013;

- VISTO il verbale dell'incontro del Tavolo verde del 20 maggio 2013 con le Organizzazioni Professionali degli agricoltori;

- VISTO il Decreto del Presidente della Giunta Regionale del 29 maggio 2013, n. 69 con il quale si approvano tali integrazioni e proroghe termini;

- VISTA la DGR n. 795/2013 di ratifica del citato decreto, ai sensi della LR 10 dicembre 1973, n. 27 articolo 6, comma 1 lettera d);

- VISTA la DGR n. 1499/2011, ed in particolare l'Allegato A che definisce gli indirizzi procedurali generali da applicare alle domande di aiuto presentate nell'ambito dei bandi delle diverse misure del PSR 2007-2013;

- VISTA la nota n. 64097 del 12/07/2013 con la quale l'organismo pagatore regionale Avepa ha segnalato, in riferimento alle istruttorie in corso delle domande relative alla misura 121, 123 e 311 di cui alla DGR n. 2660/2012, alcune difficoltà delle imprese a produrre, nei termini indicati dal bando (28 giugno 2013), la documentazione autorizzativa all'esecuzione delle opere;

- DATO ATTO che il dirigente responsabile della Struttura competente ha verificato che le modifiche e integrazioni di cui al presente provvedimento non risultano pregiudizievoli per le posizioni giuridiche dei soggetti a vario titolo coinvolti nei procedimenti in corso;

- RAVVISATA l'opportunità di accogliere la proposta del relatore facendo proprio quanto esposto in premessa;

delibera

  1. di approvare l'Allegato A al presente provvedimento, che riporta le modifiche al bando della misura 311 az. 3 Incentivazione della produzione di energia e biocarburanti da fonti rinnovabili di cui all'Allegato D alla DGR n. 2470/2011;
  2. di fissare al 29 luglio 2013, a pena di decadenza della domanda, il termine ultimo per la presentazione della documentazione autorizzativa all'esecuzione delle opere (permesso di costruire; dichiarazione attestante che è trascorso, senza effetti, il periodo per l'eventuale comunicazione di diniego o di divieto di prosecuzione dell'attività da parte del Comune riguardo la dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) o la segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A)) delle domande relative alla misura 121, 123 e 311 di cui alla DGR n. 2660/2012;
  3. di fissare al 2 agosto 2013 il nuovo termine entro il quale Avepa deve concludere l'istruttoria delle domande della misura 121, 123 e 311 di cui alla DGR n. 2660/2012;
  4. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  5. di incaricare dell'esecuzione del presente atto la Direzione regionale Piani e Programmi settore primario, autorità di Gestione del Programma di sviluppo rurale;
  6. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'articolo 26 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  7. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

1278_AllegatoA_253777.pdf

Torna indietro