Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 88 del 26/10/2012
Scarica la versione firmata del BUR n. 88 del 26/10/2012
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 88 del 26 ottobre 2012


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2078 del 11 ottobre 2012

Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2007-2013. Modifiche e integrazioni relative ai bandi di apertura termini di cui alle DGR n. 199/2008, n. 2904/2008, n. 4083/2009, n. 745/2010, n. 3181/2010, n. 2470/2011, n. 1604/2012 e al documento "Indirizzi procedurali" di cui all'allegato A alla DGR n. 1499/2011.

Note per la trasparenza:

Vengono introdotte modifiche ed integrazioni ai bandi di apertura termini di cui alle DGR n. 199/2008, n. 2904/2008, n. 4083/2009, n. 745/2010, n. 3181/2010, n. 2470/2011 e n. 1604/2012 in conseguenza all'approvazione della DGR n. 1699/2012 che modifica il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013. Viene inoltre integrato il documento "Indirizzi Procedurali" relativo alle disposizioni generali di presentazione delle domande relative al Programma di Sviluppo Rurale 2007 - 2013, di cui alla deliberazione della Giunta regionale del 20 settembre 2011, n. 1499.

L'Assessore Franco Manzato riferisce quanto segue.

Con Decisione C(2007) 4682 del 17 ottobre 2007, la Commissione Europea ha formalmente approvato il Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2007-2013, confermando il cofinanziamento comunitario del Programma e l'ammissibilità delle spese a valere sulle risorse assegnate.

Con Deliberazione del 13 novembre 2007, n. 3560 la Giunta regionale ha pertanto confermato il testo vigente del PSR 2007 - 2013 che definisce la pianificazione finanziaria per anno, per asse e per misura, la classificazione dei comuni del Veneto ai fini dell'applicazione degli assi 3 e 4 del Programma e la delimitazione per comune delle aree montane del Veneto, ai sensi dell'articolo 50 del regolamento (CE) n. 1698/2005. Il Programma è stato poi oggetto di successive modifiche, da ultimo con Deliberazione della Giunta regionale del 7 agosto 2012 n. 1699, in relazione alle mutate condizioni economiche e produttive rispetto allo scenario iniziale in base al quale è stato elaborato il Programma.

Dal punto di vista attuativo, facendo seguito alle previste consultazioni della Quarta Commissione consiliare e del Comitato di Sorveglianza sullo sviluppo rurale, e di un ulteriore ampio confronto con il partenariato, la Giunta regionale, con successive deliberazioni ha approvato bandi generali e specifici su un gran numero di misure ed azioni, secondo modalità e procedure sia singole che integrate di attuazione dettagliate negli stessi bandi a valere sulle misure dei tre assi del Programma di sviluppo rurale 2007-2013.

In particolare con Deliberazioni n. 199/2008, n. 2904/2008, n. 4083/2009, n. 3181/2010 e n. 2470/2011 è stata disposta l'apertura dei termini per la presentazione delle domande a valere sulla misura 112 Insediamento di giovani agricoltori, che costituisce parte dell'aiuto erogato attraverso il cosiddetto Pacchetto Giovani (PGB) insieme alle misure 111, 114, 121 e 132.

Gli allegati B alle Deliberazioni n. 199/2008, n. 4083/2009 e n. 2470/2011 e gli allegati A alle Deliberazioni, n. 2904/2008 e n. 3181/2010, che definiscono nel dettaglio le procedure e le condizioni di accesso ai benefici per la misura 112, prevedono l'obbligo di frequenza da parte dei giovani agricoltori dei due corsi di formazione della durata di 25 ore ciascuno, entro e non oltre 36 mesi dalla data di adozione della decisione di concessione del sostegno.

A seguito dell'applicazione di tale disposizione, si è potuto verificare che, in relazione al soddisfacimento dell'obiettivo generale dell'insediamento del giovane in una azienda agricola e soprattutto ai limitati importi di contributo connessi alla partecipazione ai suddetti corsi rispetto al contributo totale accordabile per il pacchetto di aiuti del PGB, l'esclusione totale del finanziamento dell'intero pacchetto non sia proporzionata alla violazione dell'obbligo di frequenza ai due corsi obbligatori. Con il presente provvedimento si prevede perciò di ricondurre le fattispecie di violazione dell'obbligo di frequenza ai corsi all'applicazione delle riduzioni dell'aiuto previste dalla DGR 1659/2008, s.m.i., modificando quindi in tale senso i bandi che prevedevano originariamente l'esclusione totale del finanziamento dell'intero pacchetto.

Con Deliberazione n. 745/2010 la Giunta regionale ha disposto l'apertura dei termini per la presentazione delle domande per la misura 214j Pagamenti agroambientali - Sottomisura Adozione di metodi di produzione ecocompatibile per la coltivazione del tabacco. Al punto 3 della citata DGR n. 745/2010, si subordinava l'approvazione delle domande di aiuto eventualmente presentate nell'ambito di tale sottomisura all'esito del negoziato con i Servizi della Commissione europea sulla proposta di modifica del Programma di sviluppo rurale all'epoca notificata che prevedeva l'introduzione della nuova sottomisura 214j.

In tal senso, la medesima deliberazione, demandava al richiedente del sostegno l'impegno ad adeguarsi alle eventuali modifiche del bando conseguenti al negoziato con la Commissione, senza oneri o rivendicazioni future nei confronti dell'Amministrazione regionale e dell'Organismo pagatore Avepa.

Nel corso del lungo negoziato, i Servizi della Commissione europea hanno sollevato tali osservazioni e obiezioni rispetto alla sottomisura 214j che hanno alla fine indotto la Regione al ritiro della stessa e alla previsione di nuovi e diversi interventi nella sottomisura 214/i; il Programma di sviluppo rurale così riconfigurato dopo il negoziato con la Commissione è stato approvato dalla Giunta regionale con DGR n.1681 del 18/10/2011. Poiché il Programma, nella sua versione definitiva, non prevede più la sottomisura 214j e quindi gli interventi ad essa collegati, è necessario disporre la revoca del bando di applicazione della misura 214j e la conseguente decadenza delle domande presentate a valere sul medesimo, in applicazione di quanto previsto al punto 3 della citata deliberazione della Giunta regionale n.745/2010.

Con la Deliberazione n. 1604/2012 la Giunta regionale ha disposto l'apertura dei termini per la presentazione delle domande per alcune misure dell'Asse 1 e 2 del Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2007 - 2013.

Per quanto attiene alla sottomisura 123/F az. 1 Investimenti per la seconda lavorazione del legname e az. 2 Investimenti per la trasformazione e lo sfruttamento della biomassa forestale a fini energetici, si rendono necessarie alcune rettifiche al bando di apertura termini di cui all'Allegato B alla Deliberazione n.1604/2012, relativamente ai termini e scadenze per l'esecuzione degli investimenti a valere sulla medesima misura, al fine di coordinare le tempistiche previste dal bando a quelle stabilite dal Documento Indirizzi procedurali di cui all'Allegato A alla DGR 1499/2011.

Inoltre, per quanto riguarda i bandi delle misure 125 az. 1 Viabilità infrastrutturale, 226 az.2 Interventi preventivi, e 227 az. 1 Miglioramenti paesaggistico-ambientali, az. 2 Mitigazione degli effetti negativi dei cambiamenti climatici sulle foreste e az.3 Conservazione e incremento della biodiversità di cui agli allegati B e C alla DGR n. 1604/2012, le modifiche introdotte sono conseguenti all'approvazione della nuova versione del PSR 2007-2013, di cui alla DGR n. 1699/2012, e consentono di allineare i contenuti dei bandi con le modifiche approvate, in particolare per quanto riguarda l'elevazione dell'intensità di aiuto e l'introduzione delle teleferiche come interventi ammissibili.

A seguito di modifiche avvenute nella normativa comunitaria e nazionale, con Deliberazione n. 1499/2011 la Giunta regionale ha approvato il nuovo testo coordinato del documento "Indirizzi procedurali" e s.m.i., che stabilisce le norme aventi validità generale per tutte le domande di aiuto presentate sulle diverse misure/sottomisure ed azioni del PSR. Anche a seguito della visita ispettiva effettuata da parte della Commissione europea nel mese di marzo 2012 sulle misure dell'Asse 2, al fine di rafforzare la procedura prevista per il monitoraggio ed il controllo delle domande finanziate attraverso le risorse del PSR 2007-2013, si propone di introdurre un'ulteriore fase di verifica che si svolgerà attraverso una apposita riunione annuale tra l'Autorità di Gestione e l'Organismo pagatore Avepa e che prenderà in esame le risultanze dei controlli effettuati successivamente al finanziamento delle domande di aiuto.

Le modifiche, integrazioni e precisazioni relative agli allegati B alle Deliberazioni n. 199/2008, n. 4083/2009, n. 2470/2011, agli allegati A alle Deliberazioni n. 2904/2008 e n. 3181/2010 agli allegati B e C alla Deliberazione n. 1604/2012 di apertura termini per la presentazione delle domande a valere sul PSR 2007-2013 e all'Allegato A alla Deliberazione n. 1499/2011 di approvazione del documento "Indirizzi procedurali", vengono indicate nell'Allegato A al presente provvedimento.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

-          UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

-          VISTA la Legge regionale 10 gennaio 1997, n. 1 "Ordinamento delle funzioni e delle strutture della Regione";

-          VISTO il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del 20 settembre 2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e le modifiche successivamente apportate, in particolare con il regolamento (CE) n. 74/2009;

-          VISTO il Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori, e che modifica i regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 e abroga il regolamento (CE) n. 1782/2003;

-          VISTO il Regolamento (CE) del Consiglio n. 1290 del 21 giugno 2005 relativo al finanziamento della politica agricola comune rurale e le successive modifiche apportate, da ultimo con Regolamento (CE) n.73/2009;

-          VISTA la Decisione del Consiglio del 20 febbraio 2006 relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale (periodo di programmazione 2007-2013) e la successiva Decisione 2009/61/CE;

-          VISTO il Regolamento (CE) n. 1974/2006 del 15 dicembre 2006 della Commissione recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 e le successive modifiche apportate, da ultimo con Regolamento (CE) n. 363/2009;

-          VISTO il Regolamento (UE) n. 65/2011 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l'attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale;

-          VISTO il Regolamento (CE) n. 1122/2009 della Commissione recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo nell'ambito dei regimi di sostegno diretto agli agricoltori di cui al medesimo regolamento e modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità nell'ambito del regime di sostegno per il settore vitivinicolo;

-          VISTO il Regolamento (CE) n. 1320 della Commissione, del 5 settembre 2006 recante disposizioni per la transizione al regime di sostegno alla sviluppo rurale istituito dal regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;

-          VISTA la Decisione C(2007) 4682 del 17 ottobre 2007 con la quale la Commissione Europea ha formalmente approvato il Programma, dando garanzia del cofinanziamento comunitario e dell'ammissibilità delle spese a valere sulle risorse assegnate;

-          VISTA la Deliberazione della Giunta regionale del 7 agosto 2012 n. 1699, che approva l'ultima versione del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007 - 2013, l'approccio strategico previsto, la ripartizione finanziaria approvata e le disposizioni tecnico-amministrative di attuazione, comprensive anche della conseguente gestione finanziaria;

-          RAVVISATA la necessità di apportare alcune rettifiche ed integrazioni, relativi ai bandi di apertura termini di cui agli allegati B alle DGR n. 199/2008, n. 4083/2009, n. 2470/2011, agli allegati A alle DGR n. 2904/2008 e n. 3181/2010 e agli allegati B e C alla Deliberazione n. 1604/2012;

-          PRESO ATTO che, a seguito del negoziato con la Commissione europea, la Giunta regionale con DGR n.1681 del 18/10/2011 ha approvato le modifiche al Programma di sviluppo rurale, ritirando la proposta di inserimento della misura 214/j, riconfigurata negli interventi della sottomisura 214/i e che pertanto, si deve procedere alla revoca del relativo bando di cui alla DGR n. 745/2010;

-          VISTO l'allegato A alla DGR n. 1499/2011 e s.m.i. che approva il documento "Indirizzi procedurali" che stabilisce le norme aventi validità generale per tutte le domande di aiuto presentate in riferimento alle diverse misure/sottomisure ed azioni del PSR 2007-2013;

-          RAVVISATA la necessita di integrare il Documento "Indirizzi procedurali" di cui all'Allegato A alla DGR 1499/2011 prevedendo il rafforzamento della procedura di monitoraggio e di controllo;

-          VISTO l'articolo 37, comma 2, della Legge regionale 1/1991;

-          DATO ATTO che il dirigente responsabile della Struttura competente ha verificato che le modifiche, integrazioni e chiarimenti di cui al presente provvedimento non risultano pregiudizievoli per le posizioni giuridiche dei soggetti a vario titolo coinvolti nei procedimenti in corso;

-          RAVVISATA l'opportunità di accogliere la proposta del relatore facendo proprio quanto esposto in premessa;

delibera

1.       di approvare il documento Allegato A al presente provvedimento, relativo alle modifiche, integrazioni e rettifiche ai bandi di apertura termini di cui agli allegati B alle DGR n. 199/2008, n. 4083/2009 e n. 2470/2011, agli allegati A alle DGR n. 2904/2008 e n. 3181/2010, agli allegati B e C alla Deliberazione n. 1604/2012 ed al documento "Indirizzi procedurali" di cui all'Allegato A alla DGR 1499/2011;

2.       di revocare, ai sensi del punto 3 della deliberazione n. 745/2010, per le motivazioni esposte in premessa, il bando relativo alla misura 214/j Pagamenti agroambientali - Sottomisura Adozione di metodi di produzione ecocompatibile per la coltivazione del tabacco;

3.       di dare atto che la presente deliberazione non comporta ulteriore spesa a carico del bilancio regionale;

4.       di incaricare dell'esecuzione del presente atto la Direzione regionale Piani e Programmi Settore Primario, autorità di Gestione del programma di sviluppo rurale;

5.       di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

2078_AllegatoA_243197.pdf

Torna indietro