Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 69 del 17/07/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 69 del 17/07/2018
Scarica versione stampabile Decreto del Presidente della Giunta regionale

Bur n. 69 del 17 luglio 2018


Materia: Designazioni, elezioni e nomine

Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 77 del 10 luglio 2018

Nomina della Commissione Tecnica Regionale Ambiente a seguito dell'entrata in vigore della legge regionale 20 aprile 2018, n. 15 "Legge di semplificazione e di manutenzione ordinamentale 2018".

Note per la trasparenza

A seguito dell'entrata in vigore della legge regionale 20 aprile 2018, n. 15 "Legge di semplificazione e di manutenzione ordinamentale 2018 è stato modificato l'art. 12 della l.r. 33/1985 relativo alla composizione della Commissione Tecnica Regionale Ambiente ed è necessario pertanto procedere alla nomina dell'organo consultivo in argomento in conformità alle nuove previsioni normative.

Il Presidente

VISTO l’art. 28 della legge regionale 20 aprile 2018, n. 15 “Legge di semplificazione e di manutenzione ordinamentale 2018” che ha sostituito l'articolo 12 della legge regionale 16 aprile 1985, n. 33 “Composizione e funzionamento della Commissione tecnica regionale sezione ambiente”;

VISTO l’art. 12, comma 1, della l.r. 33/1985, così come modificato dalla l.r. 15/2018, che, nell’istituire la Commissione Tecnica Regionale sezione Ambiente, prevede che questa sia nominata con decreto del Presidente della Giunta regionale;

VISTO l’art. 12 comma 2, della l.r. 33/1985, così come modificato dalla l.r. 15/2018, ai sensi del quale la Commissione Tecnica Regionale Ambiente è composta da:

  1. direttore della struttura regionale competente in materia di ambiente con funzioni di presidente;
  2. direttore della struttura regionale competente in materia di lavori pubblici;
  3. direttore della struttura regionale competente in materia di urbanistica;
  4. direttore della struttura regionale competente in materia di agricoltura;
  5. direttore della struttura regionale competente in materia forestale;
  6. direttore della struttura regionale competente in materia di geologia;
  7. direttore della struttura regionale competente in materia di difesa del suolo;
  8. direttore generale dell’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto o da un suo delegato;
  9. direttore della struttura regionale decentrata in materia di difesa del suolo competente per territorio;
  10. sei laureati in discipline tecniche esperti in materie ambientali nominati dal Consiglio regionale per la durata della legislatura di cui quattro per la maggioranza e due per la minoranza;
  11. direttore generale dell’azienda sanitaria locale competente per territorio o da un suo delegato;
  12. sindaco della città metropolitana o da un suo delegato o dal presidente della provincia competente per territorio o da un suo delegato;
  13. sindaci dei comuni interessati o dai loro delegati.

VISTA la legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54, “Legge regionale per l'ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta regionale in attuazione della legge regionale statutaria 17 aprile 2012, n. 1 “Statuto del Veneto”, come novellata dalla legge regionale 17 maggio 2016, n. 14 che ha modificato la struttura organizzativa della Giunta regionale;

VISTE le DGRV n. 435/2016 n. 802/2016 e 803/2016 con le quali la Giunta regionale ha provveduto alla definizione dell'assetto organizzativo delle strutture in attuazione dell'art. 12 della l.r. 54/2012, come modificato dalla legge regionale 17 maggio 2016, n. 14;

VISTO il proprio decreto n. 67 del 15 giugno 2016 con il quale è stata nominata la Commissione Tecnica Regionale Ambiente per la corrente legislatura;

VISTA la DGRV n. 1557 del 10 ottobre 2016 che ha aggiornato le strutture regionali componenti la Commissione Tecnica Regionale Ambiente a seguito della riorganizzazione degli uffici della Giunta regionale;

VISTA la DGRV n. 2101 del 19 dicembre 2017 con la quale, nel ridefinire l'assetto delle strutture del Genio Civile, è stata stabilita la soppressione dell’Unità Organizzativa Genio Civile Litorale Veneto e disposto il trasferimento delle relative competenze alla Direzione Operativa dall'1 febbraio 2018;

RICHIAMATO il decreto del Presidente del Consiglio regionale n. 26 del 6 febbraio 2016, con il quale, ai sensi dell’art. 7, comma 3, della legge regionale 22 luglio 1997, n. 27, sono stati nominati, in via sostitutiva, sei esperti in materie ambientali;

DATO ATTO che i succitati componenti esperti di nomina consiliare durano in carica per l’intera legislatura secondo quanto disposto dall’art. 12 della l.r. 33/1985, anche come sostituito dall’art. 28 della l.r. 15/2018;

VISTA la legge regionale 10 giugno 1991, n. 12 che prevede all’art. 187 la corresponsione ai componenti esterni delle commissioni previste per legge, di un'indennità per ogni giornata di partecipazione alle sedute determinata con deliberazione della Giunta regionale ed il rimborso delle spese sostenute;

VISTA la DGRV n. 2099 del 29 luglio 2008 che adegua l'ammontare del gettone di presenza spettante ai componenti esterni della Commissione in oggetto fissandolo in € 100,00;

VISTA la DGRV n. 277 del 16 marzo 2018 ai sensi della quale non trova più applicazione la riduzione del 10% dell’importo dei gettoni corrisposti dalle pubbliche amministrazioni ai componenti di organi collegiali comunque denominati, prevista in precedenza dalla DGRV n. 742 del 7 giugno 2011;

CONSIDERATA la necessità di procedere alla nomina della Commissione Tecnica Regionale Ambiente secondo la nuova composizione stabilita dall’art. 12 della l.r. n. 33/1985 così come modificato dalla l.r. 15/2018;

DATO ATTO che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

decreta

  1. di ritenere le premesse parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di nominare la Commissione Tecnica Regionale Ambiente che è così composta:
  1. Direttore della Direzione Ambiente, per la struttura competente in materia di ambiente, con funzioni di Presidente;
  2. Direttore dell’Unità Organizzativa Lavori Pubblici, per la struttura competente in materia di lavori pubblici;
  3. Direttore dell’Unità Organizzativa Urbanistica, per la struttura competente in materia di urbanistica;
  4. Direttore dell’Unità Organizzativa Agroambiente, per la struttura competente in materia di agricoltura;
  5. Direttore dell’Unità Organizzativa Parchi e Foreste, per la struttura competente in materia forestale;
  6. Direttore della Unità Organizzativa Geologia, per la struttura competente in materia di geologia;
  7. Direttore della Direzione Difesa del Suolo, per la struttura competente in materia di difesa del suolo;
  8. Direttore generale dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto o da un suo delegato;
  9. Direttore dell'Unità Organizzativa Genio Civile competente per territorio per la struttura decentrata in materia di difesa del suolo competente per territorio o Direttore della Direzione Operativa per le competenze ex Genio Civile Litorale Veneto;
  10. da sei laureati in discipline tecniche esperti in materie ambientali nominati dal Presidente del Consiglio regionale con decreto n. 26 del 6 febbraio 2016 e di seguito elencati:
    • Roberto Basso, nato a Saluzzo (CN) il 14 maggio 1957;
    • Andrea Dal Bianco, nato a Padova il 21 agosto 1962;
    • Fabio Muraro, nato a Padova il 5 dicembre 1960;
    • Marco Stevanin, nato a Treviso il 10 aprile 1972; 
    • Ilaria Zampini, nata a Verona il 14 agosto 1967; 
    • Marco Zecchinato, nato a Arzignano (VI) il 3 febbraio 1976;
  11. Direttore generale dell'Unità Locale Socio Sanitaria competente per territorio o un suo delegato;
  12. Sindaco della Città metropolitana di Venezia o un suo delegato o Presidente della provincia competente per territorio o un suo delegato;
  13. Sindaci dei comuni interessati o loro delegati;
  1. di dare atto che, per le materie del servizio idrico integrato sono chiamati a far parte della Commissione, con voto deliberativo, i Presidenti dei Consigli di Bacino competenti, istituiti ai sensi della legge regionale 27 aprile 2012, n. 17, o loro delegati, in luogo dei Sindaci dei comuni interessati di cui al comma 2, lett. m), dell'art. 12 della legge regionale 16 aprile 1985, n. 33;
  2. di stabilire che il Presidente della Commissione Tecnica Regionale Ambiente, in caso di assenza o impedimento, è sostituito dal Direttore della Direzione Commissioni Valutazioni appartenente all’Area Tutela e Sviluppo del Territorio;
  3. di dare atto che, per quanto esposto nelle premesse, ai componenti esterni della Commissione Tecnica Regionale Ambiente, spetta un gettone di presenza determinato nella misura di Euro 100,00 ed il rimborso delle spese sostenute per la partecipazione alle riunioni ai sensi dell'art. 187 della L.R. n.12/1991"Organizzazione amministrativa e ordinamento del personale della Regione" e successive modifiche ed integrazioni a valere sul capitolo 003002 ("Spese per il funzionamento di consigli, comitati, collegi e commissioni, compresi i gettoni di presenza, le indennità di missione ed i rimborsi spese");
  4. di incaricare la Direzione Ambiente dell'esecuzione del presente atto;
  5. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

Per il Presidente Il Vicepresidente Gianluca Forcolin

Torna indietro