Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 60 del 13/05/2022
Scarica la versione firmata del BUR n. 60 del 13/05/2022
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 60 del 13 maggio 2022


Materia: Designazioni, elezioni e nomine

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE PREVENZIONE, SICUREZZA ALIMENTARE, VETERINARIA n. 17 del 26 aprile 2022

Istituzione del "Gruppo di Lavoro Regionale Ittico" in sostituzione ed aggiornamento del Gruppo di Lavoro della Regione del Veneto in materia di molluschicoltura istituito con D.G.R. n. 870 del 21 giugno 2011.

Note per la trasparenza

Con il presente atto si provvede ad istituire il “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico”, che sostituisce ed amplia le competenze del Gruppo di lavoro della Regione del Veneto in materia di molluschicoltura istituito con D.G.R. n. 870 del 21 giugno 2011, provvedendo al contempo alla nomina dei relativi componenti.

Il Direttore

PREMESSO CHE con Deliberazione della Giunta Regionale n. 870 del 21 giugno 2011 la Regione del Veneto ha recepito le Linee guida nazionali per l’applicazione del Regolamento (CE) 854/2004 e del Regolamento (CE) 853/2004 nel settore dei molluschi bivalvi vivi, di cui all’Intesa Stato-Regioni dell’8 luglio 2010 (Rep. Atti n. 79/CSR), adattandole al proprio contesto regionale;

CONSIDERATO CHE la Regione del Veneto, con la sovra citata D.G.R., ha inteso anche avviare un percorso di interventi volto a migliorare l’attività del controllo ufficiale in sinergia con gli enti deputati al controllo nel settore della molluschicoltura e con gli operatori del settore, istituendo a tal fine un Gruppo di lavoro Regionale in materia di molluschicoltura;

CONSIDERATO CHE con la D.G.R. in parola è stata incaricata l’allora Unità Complessa Sanità Animale e Igiene Alimentare (le cui competenze sono ora attribuite all’Unità Organizzativa Sicurezza Alimentare e all’Unità Organizzativa Salute animale e farmaco veterinario della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria) all’adozione di tutti i necessari atti conseguenti, nonché di tutte le eventuali modifiche ed integrazioni di carattere tecnico;

RAVVISATA la necessità di implementare il suddetto percorso volto a migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’attività del controllo ufficiale e delle altre attività ufficiali attraverso il coordinamento delle autorità competenti locali e con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie per le tematiche sanitarie che riguardano il settore ittico;

VISTO il verbale del 22 novembre 2021 della riunione dell’attuale Gruppo di lavoro Regionale in materia di molluschicoltura, agli atti dell’U.O. Sicurezza Alimentare della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria, con cui si propone l’aggiornamento dei componenti, nonché l’ampliamento delle materie di intervento dal settore dei “molluschi” al più ampio settore “ittico”;

RITENUTO che sussistano i presupposti per procedere all’aggiornamento della composizione del Gruppo di Lavoro succitato e per istituire a tal fine il “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico”, coordinato dalla U.O. Sicurezza Alimentare presso la Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria, quale gruppo di professionisti delle Aziende U.L.S.S. e dell’I.Z.S.Ve che si occupano di problematiche di sicurezza alimentare e di sanità animale degli animali acquatici, pescati ed allevati, compreso il controllo dei sottoprodotti e dei mangimi, nonché il benessere animale;

VISTA la nota regionale prot. n. 26971 del 20/01/2022 mediante la quale è stato chiesto alle Aziende U.L.S.S. e all’I.Z.S.Ve di individuare i propri referenti per la istituzione del suddetto “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico”;

VISTE le comunicazioni relative al personale individuato pervenute a seguito della citata nota del 20/01/2022;

CONSIDERATA la necessità di trasmettere il presente atto alle Aziende U.L.S.S. e all’I.Z.S.Ve. per le attività di competenza;

VISTO il Regolamento (UE) 2016/429 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016 relativo alle malattie animali trasmissibili (altrimenti denominato Animal Health Law - AHL), che modifica e abroga taluni atti in materia di sanità animale e che, tra gli altri animali oggetto di allevamento, prevede anche gli animali acquatici;

VISTO il Regolamento (UE) 2017/625 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 marzo 2017 relativo ai “Controlli ufficiali e alle altre attività ufficiali effettuati per garantire l’applicazione della legislazione sugli alimenti e sui mangimi, delle norme sulla salute e sul benessere degli animali, sulla sanità delle piante nonché sui prodotti fitosanitari, recante modifica dei regolamenti (CE) n. 999/ 2001, (CE) n. 396/2005, (CE) n. 1069/2009, (CE) n. 1107/2009, (UE) n. 1151/2012, (UE) n. 652/2014, (UE) 2016/429 e (UE) 2016/2031 del Parlamento europeo e del Consiglio, dei regolamenti (CE) n. 1/ 2005 e (CE) n. 1099/2009 del Consiglio e delle direttive 98/58/CE, 1999/74/CE, 2007/43/CE, 2008/119/ CE e 2008/120/CE del Consiglio, e che abroga i regolamenti (CE) n. 854/2004 e (CE) n. 882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, le direttive 89/608/CEE, 89/662/CEE, 90/425/CEE, 91/496/CEE, 96/23/CE, 96/93/CE e 97/78/CE del Consiglio e la decisione 92/438/CEE del Consiglio (regolamento sui controlli ufficiali)”; ed in particolare l’art. 5, paragrafo 5, secondo cui “se tra i servizi di un’autorità competente esiste più di un’unità preposta a eseguire i controlli ufficiali o le altre attività ufficiali, devono essere garantiti coordinamento e collaborazione efficienti ed efficaci tra le varie unità”;

VISTO il D.lgsl. n. 27 del 2 febbraio 2021 recante “Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/625 ai sensi dell’articolo 12, lettere a), b), c), d) ed e) della legge 4 ottobre 2019, n. 117”;

VISTA la L.R. n. 54 del 31/12/2012 e s.m.i.;

VISTA la D.G.R. n. 571 del 04/05/2021 “Adempimenti connessi all’avvio della XI legislatura e preordinati alla definizione dell’articolazione amministrativa della Giunta regionale: individuazione delle Direzioni e delle Unità Organizzative in attuazione dell’art. 9 della legge regionale n. 54 del 31/12/2012 e s.m.i.”;

VISTA la D.G.R. n. 715 dell’8/06/2021 “Adempimenti connessi all’avvio della XI legislatura e preordinati alla definizione dell’articolazione amministrativa della Giunta regionale: assestamento delle misure conseguenti all’adozione della DGR n. 571 del 4/5/2021”;

VISTA la D. G. R. n. 839 del 22/06/2021” Adempimenti connessi all'avvio della XI legislatura e preordinati alla definizione dell'articolazione amministrativa della Giunta regionale: conferimento dell'incarico di Direttore della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria incardinata nell'ambito dell'Area Sanità e Sociale ai sensi dell'art. 12 della Legge regionale n. 54/2012 e s.m.i.;

RITENUTA regolare e completa l’istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

decreta

  1. di prendere atto di quanto indicato in premessa, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
     
  2. di istituire, presso la Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria, il “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico”, in sostituzione del Gruppo di Lavoro Regionale in materia di molluschicoltura istituito con D.G.R. n. 870 del 21 giugno 2011, al quale è demandata la gestione di problematiche di sicurezza alimentare e di sanità animale degli animali acquatici, pescati ed allevati, compreso il controllo dei sottoprodotti e dei mangimi, nonché il benessere animale;
     
  3. il “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico” di cui al punto che precede, sulla base delle individuazioni pervenute dalle Aziende U.L.S.S. e dall’I.Z.S.Ve, considerando altresì la necessità di assicurare la presenza di tutte le competenze e l’esperienza maturata in materia, è così composto:
  • Alessandra Amorena (o persona delegata) U.O. Sicurezza Alimentare della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria
  • Michele Brichese (o persona delegata) U.O. Sanità Animale e Farmaci Veterinari della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria
  • Paolo Capovilla Azienda U.L.S.S. n. 1 Dolomiti
  • Gianluca Obaldi Azienda U.L.S.S. n. 1 Dolomiti
  • Massimo Maiorano Azienda U.L.S.S. n. 2 Marca Trevigiana
  • Carlo Rossi Azienda U.L.S.S. n. 2 Marca Trevigiana
  • Piero Tonon Azienda U.L.S.S. n. 2 Marca Trevigiana
  • Stefano Zelco Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Andrea Ristori Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Gianpietro Fornasiero Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Piero Vio Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Patrizia Buratti Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Irene Francescon Azienda U.L.S.S. n. 3 Serenissima
  • Denis Marchesan Azienda U.L.S.S. n. 4 Veneto Orientale
  • Marco Corazza Azienda U.L.S.S. n. 4 Veneto Orientale
  • Antonio Crepaldi Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana
  • Piergiorgio Fumelli Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana
  • Francesco Andreucci Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana
  • Ferdinando Salterini Azienda U.L.S.S. n. 6 Euganea
  • Afra La Cagnina Azienda U.L.S.S. n. 7 Pedemontana
  • Mario Simoncini Azienda U.L.S.S. n. 7 Pedemontana
  • Dario Pandolfo Azienda U.L.S.S. n. 8 Berica 
  • Stella Garbin Azienda U.L.S.S. n. 9 Scaligera 
  • Daniela Florio Azienda U.L.S.S. n. 9 Scaligera 
  • Giuseppe Arcangeli Istituto Zooprofiliattico Sperimentale delle Venezie
  • Laura Bille Istituto Zooprofiliattico Sperimentale delle Venezie
  • Manuela Dalla Pozza Istituto Zooprofiliattico Sperimentale delle Venezie
  • Amedeo Manfrin Istituto Zooprofiliattico Sperimentale delle Venezie

Le riunioni verranno indette a seconda delle necessità contingenti, si svolgeranno in presenza presso gli uffici regionali o in modalità telematica, e saranno invitati di volta in volta i componenti in base ai temi oggetto di discussione;

  1. di dare atto che, nel caso di impedimento dei suddetti soggetti individuati, le strutture di cui al punto 3 potranno comunque assicurare, per sostituzione e mediante specifico incarico, la presenza di propri rappresentanti alle riunioni del Gruppo di Lavoro Regionale Ittico;
     
  2. di dare atto che, in relazione alla necessità di affrontare problematiche e situazioni particolari, il Gruppo regionale in parola potrà essere aggiornato ed integrato con altri componenti con proprio apposito decreto;
  1. di dare atto che la partecipazione dei componenti ai lavori del “Gruppo di Lavoro Regionale Ittico” non dà diritto ad alcun emolumento a nessun titolo;
     
  2. di incaricare l’Unità Organizzativa Sicurezza Alimentare della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria all’esecuzione del presente atto;
     
  3. di trasmettere il presente atto alle Aziende U.L.S.S. e all’I.Z.S.Ve. per le attività di competenza;
     
  4. di dare atto che il presente Decreto non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
     
  5. di pubblicare il presente atto integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Francesca Russo

Torna indietro