Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 156 del 23/11/2021
Scarica la versione firmata del BUR n. 156 del 23/11/2021
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 156 del 23 novembre 2021


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA ADG ITALIA-CROAZIA n. 218 del 05 novembre 2021

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg V-A Italia-Croazia (CCI 2014TC16RFCB042). Asse 5 "Assistenza Tecnica". Procedura aperta telematica per l'affidamento del pacchetto di servizi per la comunicazione, ai sensi degli artt. 60 e 95 del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii e artt. 2 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020. CUP: H79B17000030007 - CIG: 8750161D46. Codice CUI: S80007580279201900092. Approvazione delle operazioni svolte sulla piattaforma SINTEL, delle risultanze istruttorie del RUP e aggiudicazione non efficace a favore di POMILIO BLUMM Srl, CF e P.IVA 01304780685 con sede in Pescara, Via Venezia n. 4.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si procede all'approvazione delle operazioni svolte sulla piattaforma SINTEL e delle risultanze istruttorie esplicitate dal RUP nonché all'aggiudicazione non efficace della procedura aperta telematica per l'affidamento del pacchetto di servizi per la comunicazione, ai sensi degli artt. 60 e 95 del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii e artt. 2 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020. CUP: H79B17000030007 - CIG: 8750161D46. Codice CUI: S80007580279201900092 a favore dell'operatore economico POMILIO BLUMM Srl, CF e P.IVA 01304780685, con sede con sede in Pescara, Via Venezia n. 4.

Il Direttore

PREMESSO che:

  • la Commissione europea ha adottato, con Decisione C(2015)9342 del 15 dicembre 2015, il Programma di Cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Croazia (di seguito: Programma) presentato dagli Stati membri Italia e Croazia, per il tramite dell’Autorità di Gestione, ruolo in capo alla Regione del Veneto; ha approvato le successive modifiche al Programma con Decisione C(2017)3705 del 31 maggio 2017, Decisione C(2018) 1610 del 12 marzo 2018, Decisione C(2019)277 del 23 gennaio 2019 e Decisione C(2020)3760 del 8 giugno 2020;
  • con Delibera n. 916 del 9 luglio 2020 la Giunta regionale ha preso atto dell’aggiornamento delle disposizioni di cui alla precedente Deliberazione n. 689 del 16 maggio 2017 approvando le necessarie modifiche procedurali ai fini di autorizzare l’acquisizione di un pacchetto di servizi per la comunicazione a favore del Programma, con il coordinamento del Direttore della Direzione Programmazione Unitaria, e a porre in essere gli atti e adempimenti necessari per l’espletamento di una procedura aperta telematica su piattaforma Sintel, ai sensi degli artt. 60 e 95 del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii (di seguito: Codice dei Contratti) e artt. 2 e 8 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020, per un importo a base d’asta pari a € 380.000,00 (IVA esclusa) con oneri della sicurezza per interferenza pari a zero;
  • con la citata DGR n. 916/2020 è stato confermato quale Responsabile Unico del Procedimento il Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia, rinviando allo stesso l’adozione degli atti per l’approvazione dei documenti di gara, tra cui il capitolato tecnico, il disciplinare di gara, il capitolato d’oneri e la relativa modulistica, nonché la nomina del seggio di gara e della Commissione giudicatrice, la presa d’atto delle risultanze della gara e l’aggiudicazione della stessa, le pubblicazioni di legge, gli impegni di spesa, la stipulazione del contratto in forma pubblico-amministrativa;
  • con DGR n.  n. 245 del 9 marzo 2021 “Approvazione del Programma biennale degli acquisti di Forniture e Servizi 2021-2022 dell'Amministrazione Regione del Veneto. DM 16 gennaio 2018, n. 14, art. 6” la Giunta regionale ha approvato il Programma biennale 2021-2022 e l’Elenco annuale 2020 di acquisizione dei Servizi e delle Forniture della Regione del Veneto ai sensi del DM 16 gennaio 2018, n. 14, ivi inclusa l’acquisizione del Servizio di in parola (Codice CUI S80007580279201900092);
  • con DGR n. 1335 del 16 settembre 2020 la Giunta regionale ha conferito, ai sensi dell’art. 14 del regolamento regionale n. 1 del 2016, l’incarico ad interim di Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia, Autorità di gestione del Programma, al dott. Pietro Cecchinato, Direttore della Direzione Programmazione Unitaria, nelle more della individuazione del nuovo titolare dell’Unità Organizzativa;
  • con DGR n. 868 del 22 giugno 2021 è stato attribuito alla dott.ssa Anna Flavia Zuccon, a decorrere dal 1° luglio 2021, l’incarico di Direttore di UO AdG Italia-Croazia;
  • con DDR n. 42 del 14 luglio 2021 il Direttore della Direzione Programmazione Unitaria ha confermato che rientra tra le competenze del Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia l’adozione di tutti gli atti e provvedimenti di gestione del Programma, inclusi quelli previsti dall’Asse 5 “Assistenza Tecnica” del medesimo Programma, nonché lo svolgimento di tutte le attività comunque necessarie al raggiungimento dei risultati per la Struttura di competenza, come declinate nelle Delibere della Giunta regionale n. 571 del 04/05/2021 e n. 715 del 08/06/2021;
  • il medesimo DDR ha confermato per le procedure di gara già indette e in corso di svolgimento al momento dell’adozione del decreto, afferenti alla U.O. AdG Italia-Croazia, il mantenimento della responsabilità del procedimento in capo al Direttore della Direzione Programmazione Unitaria, quale Direttore ad interim uscente della medesima UO;

ATTESO CHE:

  • tra gli Assi prioritari ricompresi nel Programma, l’Asse 5 “Assistenza Tecnica” è finalizzato al supporto all’attuazione del Programma nonché ad assicurare un adeguato sistema di gestione e controllo dello stesso e a garantire il supporto ai beneficiari per la realizzazione dei progetti;
  • ai fini dell’attuazione dell’Asse 5, in base a quanto definito con deliberazione della Giunta regionale n. 1790 del 7 novembre 2017, sono stati redatti, da ciascun Ente coordinatore per le attività di competenza, i rispettivi progetti per la realizzazione delle attività di Assistenza Tecnica del Programma, ed in particolare il progetto “PRO_MAN - Programme management” inerente le attività in capo all’Autorità di Gestione;
  • il piano finanziario del progetto “PRO_MAN - Programme management” prevede, fra l’altro, la categoria di spesa “EXTERNAL EXPERTISE”, che comprende anche la spesa da sostenersi per l’acquisizione del pacchetto di servizi per la comunicazione;
  • il pacchetto di servizi per la comunicazione a favore del Programma non rientra nell’elenco delle categorie merceologiche di cui all’art. 1 del DPCM del 24 dicembre 2015 e pertanto, per la presente acquisizione, non sussiste l’obbligo di approvvigionamento dall’UO Acquisti Centralizzati SSR-CRAV in funzione di Soggetto Aggregatore regionale secondo quanto previsto dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 1309 del 16 agosto 2016;
  • non risultano attive convenzioni CONSIP aventi ad oggetto la fornitura di servizi con caratteristiche uguali o comparabili a quelle oggetto della presente procedura di affidamento;
  • in conformità a quanto disposto dall’art. 1, comma 13, del D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla Legge 7 agosto 2012, n. 135, la Stazione Appaltante si riserva il diritto di recedere in qualsiasi tempo dal contratto che sarà stipulato, previa formale comunicazione all'appaltatore con preavviso non inferiore a quindici giorni e previo pagamento delle prestazioni già eseguite oltre al decimo delle prestazioni non ancora eseguite, nel caso in cui, tenuto conto anche dell’importo dovuto per le prestazioni non ancora eseguite, i parametri delle convenzioni stipulate da Consip S.p.A. ai sensi dell’art. 26, comma 1, della Legge 23 dicembre 1999, n. 488 successivamente alla stipula del predetto contratto siano migliorativi rispetto a quelli del contratto stipulato e l'appaltatore non acconsenta ad una modifica delle condizioni economiche tale da rispettare il limite di cui all’art. 26, comma 3, della citata Legge n. 488/1999;

VISTI gli articoli:

  • 60 del D.Lgs. n. 50/2016 e s.m.i. che disciplina le procedure aperte;
  • 40, c. 2 del D.Lgs. n. 50/2016 e s.m.i. il quale dispone che “a decorrere dal 18 ottobre 2018, le comunicazioni e gli scambi di informazioni nell’ambito delle procedure di cui al presente codice svolte dalle stazioni appaltanti sono eseguiti utilizzando mezzi di comunicazione elettronici”, nonché l’art. 52, c. 5 del medesimo D.Lgs. il quale rende necessario l’utilizzo di piattaforme elettroniche di negoziazione per lo svolgimento delle procedure di gara, onde assicurare che “l'integrità dei dati e la riservatezza delle offerte e delle domande di partecipazione siano mantenute”;
  • 2, c. 1 del D.Lgs. n. 76/2020 e s.m.i che stabilisce che al fine di incentivare gli investimenti pubblici nel settore delle infrastrutture e dei servizi pubblici, nonché al fine di far fronte alle ricadute economiche negative a seguito delle misure di contenimento e dell’emergenza sanitaria globale del COVID-19, si applicano le procedure di affidamento e la disciplina dell’esecuzione del contratto di cui a tale articolo qualora la determina a contrarre o altro atto di avvio del procedimento equivalente sia adottato entro il 30 giugno 2023. In tali casi, salve le ipotesi in cui la procedura sia sospesa per effetto di provvedimenti dell’autorità giudiziaria, l’aggiudicazione o l’individuazione definitiva del contraente avviene entro il termine di sei mesi dalla data di adozione dell’atto di avvio del procedimento. Il mancato rispetto dei termini di cui al periodo precedente, la mancata tempestiva stipulazione del contratto e il tardivo avvio dell’esecuzione dello stesso possono essere valutati ai fini della responsabilità del responsabile unico del procedimento per danno erariale e, qualora imputabili all’operatore economico, costituiscono causa di esclusione dell’operatore dalla procedura o di risoluzione del contratto per inadempimento che viene senza indugio dichiarata dalla stazione appaltante e opera di diritto;
  • 2, c. 2 del D.Lgs. n. 76/2020 e s.m.i. che dispone che le stazioni appaltanti procedono all’affidamento di servizi di importo pari o superiore alle soglie di cui all’articolo 35 del Decreto Legislativo n. 50 del 18 aprile 2016, tra le altre, mediante procedura aperta;

DATO ATTO che:

  • con Decreto del Direttore dell’UO AdG Italia-Croazia n. 120 del 9 giugno 2021 è stata indetta una gara tramite procedura aperta telematica su piattaforma Sintel ai sensi degli artt. 60 e 95 del Codice dei Contratti e art. 2 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020, per l’affidamento del pacchetto di servizi per la comunicazione a favore del Programma, da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, e sono stati approvati i documenti di gara;
  • il predetto Decreto ha individuato quale base di gara l’importo di Euro 380.000,00 con oneri di sicurezza pari a zero, stabilendo di attribuire il peso di 70/100 per la componente tecnica e di 30/100 per la componente economica;
  • il bando di gara è stato pubblicato sulla GUUE, sulla GURI, sul profilo del committente, nonché sulla piattaforma SINTEL (procedura id 141147404 del 15.06.2021) di ARCA Lombardia e, per estratto, su 2 quotidiani a diffusione nazionale e 2 a diffusione locale, stabilendo quale termine per la ricezione delle offerte il giorno 19 luglio 2021, ore 13.00;
  • alla scadenza del termine per la presentazione delle offerte, con DDR n. 150 del 20 luglio 2021, il Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia ha nominato il Seggio di gara per la verifica della documentazione amministrativa e con DDR n. 187 del 15 settembre 2021 ha nominato la Commissione giudicatrice per la valutazione delle offerte tecniche ed economiche;

ATTESO che:

  • nel rispetto del termine di scadenza fissati dal bando sono pervenute n. 2 (due) offerte da parte di:
    • POMILIO BLUMM Srl, CF e P.IVA 01304780685, quale operatore economico singolo;
    • PIRENE Srl, CF e P.IVA 04991070485, quale operatore economico singolo;
  • come da verbali n. 1 del 21 luglio 2021 e n. 2 del 29 luglio 2021, di cui all’Allegato A al presente Decreto, nelle sedute finalizzate all’apertura e verifica del contenuto della busta virtuale “Documentazione amministrativa”, rese previamente note agli operatori economici mediante il profilo del committente e la piattaforma SINTEL, il Seggio di gara, ha proceduto all’esame della busta virtuale amministrativa presentata dai due concorrenti, riscontrandone la correttezza formale e sostanziale rispetto alle prescrizioni previste dalla documentazione di gara e ammettendo i due concorrenti alla fase di esame dell’offerta tecnica;
  • come da verbale n. 1 del 20 settembre 2021, di cui all’Allegato B al presente Decreto, la Commissione ha proceduto, nella seduta resa nota agli operatori economici tramite il profilo del committente e la piattaforma SINTEL, all’apertura delle buste virtuali contenenti le offerte tecniche di tutti gli operatori ammessi e all’esame delle stesse sotto il profilo della mera regolarità e completezza della documentazione prodotta rispetto a quanto predeterminato dal Disciplinare di gara;
  • come da verbali di cui all’Allegato C al presente Decreto, nelle successive sedute nn. 2, 3, 4, rispettivamente del 28.09.2021, del 01.10.2021 e del 12.10.2021, la Commissione ha proceduto all’esame delle offerte tecniche dei concorrenti e all’attribuzione dei punteggi qualitativi discrezionali, proponendo l’esclusione dell’operatore PIRENE Srl sulla base della previsione di cui al paragrafo L del capitolato tecnico di gara per mancato raggiungimento della soglia tecnica di sbarramento;
  • con DDR n. 94 del 20.10.2021 il Direttore della Direzione Programmazione Unitaria, in qualità di RUP della gara, ha disposto l’esclusione dell’operatore economico PIRENE Srl dalla successiva fase di gara, di valutazione dell’offerta economica;
  • come da verbali di cui all’Allegato D al presente Decreto, nelle successive sedute nn. 5 e 6 rispettivamente del 25.10.2021 e 2.11.2021 rese note agli operatori economici tramite il profilo del committente e la piattaforma SINTEL, la Commissione ha provveduto a inserire i punteggi tecnici finali attribuiti ai due operatori sul portale, nonché all’apertura dell’offerta economica dell’unico operatore ammesso POMILIO BLUMM Srl prendendo atto del prezzo offerto pari a Euro 289.900,000;
  • dal verbale della seduta del 2.11.2021 della Commissione risulta che l’operatore POMILIO BLUMM Srl ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa conseguendo il punteggio riparametrato per l’offerta tecnica di 70 punti e per l’offerta economica di 30 punti per un punteggio complessivo pari a 100 punti; pertanto la Commissione ha formulato proposta di aggiudicazione a favore di detto operatore;

DATO ATTO che:

  • come indicato nel verbale del RUP del 03.11.2021; di cui all’Allegato E al presente Decreto, la piattaforma SINTEL consente materialmente al solo RUP, tramite il proprio profilo, di procedere con la proposta di aggiudicazione all’interno del portale e che pertanto il RUP, valutata la regolarità formale della procedura condotta dalla Commissione giudicatrice, ha provveduto a chiudere la proposta informatica di aggiudicazione all’interno del portale SINTEL disponendo la trasmissione degli atti al Direttore della dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia per l’adozione del provvedimento formale di aggiudicazione;

ATTESO che:

  • l’art. 23 del Disciplinare di gara prevede che la stazione appaltante, previa verifica della proposta di aggiudicazione, ai sensi degli artt. 32, c. 5 e 33, c. 1 del Codice dei Contratti, aggiudica l’appalto e che la stazione appaltante può aggiudicare l’appalto anche in presenza di una sola offerta valida e positivamente valutata;
  • l’aggiudicazione diventa efficace dopo la verifica del possesso dei requisiti dichiarati dall’operatore economico in sede di presentazione della documentazione amministrativa per l’ammissione alla procedura, ai sensi dell’art. 32, c. 7 del Codice dei Contratti;

RITENUTO:

  • di prendere atto delle risultanze delle operazioni di gara svolte sulla piattaforma SINTEL come descritte nei verbali di gara Allegato A, Allegato B, Allegato C, Allegato D, della Commissione giudicatrice, nonché di confermare le risultanze istruttorie riportate nel verbale Allegato E del RUP che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  • di aggiudicare la procedura aperta relativa al pacchetto di servizi per la comunicazione del Programma, ai sensi degli artt. 60 e 95 del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii e artt. 2 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020, con il  CUP: H79B17000030007 - CIG: 8750161D46 e Codice CUI: S80007580279201900092, a favore di POMILIO BLUMM Srl, CF e P.IVA 01304780685, con sede in Pescara, via Venezia n. 4, per un importo di Euro 289.900,00000, IVA esclusa;
  • di dare atto che la presente aggiudicazione avviene nel rispetto del termine di sei (6) mesi stabilito dall’art. 2, comma 1 del DL n. 76/2020 e s.m.i;
  • di dare atto che le verifiche sull’operatore economico aggiudicatario circa il possesso dei requisiti ai sensi dell’art. 32, comma 7, del Codice dei Contratti sono in corso, in quanto deve essere avviata la verifica relativa all'informazione antimafia, ai sensi dell’art. 91 del D.Lgs. n.159/2011 e che pertanto, l’efficacia della presente aggiudicazione è subordinata all’esito positivo di tale verifica;
  • di procedere con successivo provvedimento all’assunzione dell’impegno di spesa dando atto dell’efficacia dell’aggiudicazione, a seguito del completamento della verifica dei requisiti ai sensi dell’art. 32, c. 7 del Codice dei Contratti;
  • di procedere tempestivamente, divenuta efficace l’aggiudicazione, alla stipula del contratto con l’operatore economico aggiudicatario ai sensi dell’art. 2, c. 1 del D.L. n. 76/2020 e s.m.i., fermo restando il rispetto del termine di cui all’art. 32, comma 8, del Codice dei Contratti, a norma del quale la stipulazione del contratto di appalto deve avere luogo entro i successivi sessanta (60) giorni  dall’intervenuta efficacia dell’aggiudicazione, salvo diverso termine previsto nel bando o nell’invito ad offrire, ovvero l’ipotesi di differimento espressamente concordata con l’aggiudicatario, purché comunque giustificata dall’interesse alla sollecita esecuzione del contratto;
  • di dare atto che ai fini della stipula del contratto, si applica il termine dilatorio di cui all’art. 32, c. 9 del Codice dei contratti (c.d. termine dilatorio di stand still);
  • di dare atto che la stipula sarà preceduta dall’acquisizione dall’impresa aggiudicataria della garanzia definitiva prevista dall’art. 103 del Codice dei Contratti e dall’art. 23 del Disciplinare di gara in favore della Stazione appaltante;
  • di procedere, ai sensi dell’art. 76, c. 5, lett. a) del Codice dei Contratti, in conformità alla previsione di cui all’art. 19 del Disciplinare di gara, alla comunicazione, entro un termine non superiore a cinque (5) giorni, del presente provvedimento, all'aggiudicatario e al concorrente escluso;
  • di dare atto che avverso il presente provvedimento è possibile proporre ricorso nei termini e con le modalità previste dall’art. 120 del Codice del Processo Amministrativo (D. Lgs. n. 104/2010) e che l’organismo responsabile delle procedure di ricorso è il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, con sede in Venezia;

VISTI:

  • il D.L. n. 76 del 16 luglio 2020 e s.m.i.;
  • il D. Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 e s.m.i.;
  • il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 e s.m.i;
  • il D.lgs. n. 118 del 23 giugno 2011 e s.m.i;
  • la DGR n. 916 del 9 luglio 2020;
  • la DGR n. 1335 del 16 settembre 2020;
  • la DGR n. 868 del 22 giugno 2021;
  • il DDR n. 120 del 9 giugno 2021 del Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia;
  • il DDR n. 42 del 14 luglio 2021 del Direttore della Direzione Programmazione Unitaria;
  • i DDR n. 150 del 20 luglio 2021 e n. 187 del 15 settembre 2021 del Direttore dell’Unità Organizzativa AdG Italia-Croazia;
  • il DDR n. 94 del 20 ottobre 2021 del Direttore della Direttore Programmazione Unitaria;
  • i verbali delle sedute di gara della Commissione giudicatrice, il verbale del RUP e la documentazione agli atti;

decreta

  1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di prendere atto le risultanze delle operazioni di gara svolte sulla piattaforma SINTEL come descritte nei verbali di gara Allegato A, Allegato B, Allegato C, Allegato D, della Commissione giudicatrice, nonché di confermare le risultanze istruttorie riportate nel verbale Allegato E del RUP che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  3. di aggiudicare la procedura aperta telematica per l’affidamento del pacchetto di servizi per la comunicazione, ai sensi degli artt. 60 e 95 del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii e art. 2 del D.L. n. 76/2020 come convertito in L. n. 120/2020, con il CUP: H79B17000030007 - CIG: 8750161D46 e il Codice CUI: S80007580279201900092, a favore dell’operatore economico POMILIO BLUMM Srl, CF e P.IVA 01304780685, con sede in Pescara, via Venezia n. 4, il quale ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 95, comma 6 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. per l’importo di Euro 289.900,00000, IVA esclusa;
  4. di dare atto che le verifiche sull’operatore economico aggiudicatario circa il possesso dei requisiti ai sensi dell’art. 32, comma 7, del Codice dei Contratti sono in corso in quanto deve essere avviata la verifica relativa all'informazione antimafia ai sensi dell’art. 91 del d.lgs. 159/2011 e che pertanto, l’efficacia della presente aggiudicazione è subordinata all’esito positivo di tale verifica;
  5. di dare atto che ai sensi dell’art. 32, c. 9 del Codice dei Contratti, ai fini della stipula del contratto, si applica il c.d. termine dilatorio di stand still;
  6. di procedere con successivo provvedimento all’assunzione dell’impegno di spesa dando atto dell’efficacia dell’aggiudicazione;
  7. di dare atto che la stipula sarà preceduta dall’acquisizione dall’impresa aggiudicataria della garanzia definitiva prevista dall’art. 103 del Codice dei Contratti e dall’art. 23 del Disciplinare di gara in favore della Stazione appaltante;
  8. di procedere, ai sensi dell’art. 76, c. 5, lett. a) del Codice dei Contratti, alla comunicazione, entro un termine non superiore a cinque (5) giorni, del presente provvedimento, all'aggiudicatario e al concorrente escluso in conformità alla previsione di cui all’art. 19 del Disciplinare di gara;
  9. di dare atto che avverso il presente provvedimento è possibile proporre ricorso nei termini e con le modalità previste dall’art. 120 del Codice del Processo Amministrativo (D. Lgs. n. 104/2010) e che l’organismo responsabile delle procedure di ricorso è il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, con sede in Venezia;
  10. di pubblicare il presente provvedimento ai sensi dell’art. 29, c.1 del Codice dei Contratti nella sezione “Amministrazione Trasparente” del sito regionale, sotto sezione Bandi Avvisi Concorsi, nonché sulla piattaforma SINTEL e sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;
  11. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione nella Sezione Amministrazione Trasparente, ai sensi dell’art. 23 del D. Lgs. n. 33/2013;
  12. di pubblicare il presente atto integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto con esclusione dei suoi allegati.

Anna Flavia Zuccon

Allegati (omissis)

Torna indietro