Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 124 del 14/09/2021
Scarica la versione firmata del BUR n. 124 del 14/09/2021
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 124 del 14 settembre 2021


Materia: Formazione professionale e lavoro

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE LAVORO n. 746 del 27 agosto 2021

L.R. 13 marzo 2009, n.3 - art. 25 "Accreditamento" - DGR n. 2238 del 20/12/2011 e s.m.i. Revoca dell'accreditamento ai Servizi per il Lavoro e conseguente cancellazione dall'elenco regionale dell'ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107).

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si dispone la revoca dell'accreditamento dell'ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107) e la conseguente cancellazione dall'elenco regionale degli operatori accreditati ai servizi per il lavoro. Note prot. reg. n. 281335 del 22/06/2021 e n. 318441 del 15/07/2021, istanza telematica SIA id. 7686 del 28/06/2021.

Il Direttore

  • Visto il D.Lgs n. 276/2003, “Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30” e, in particolare, l’articolo 7 che ha previsto che le Regioni istituiscano appositi elenchi per l'accreditamento degli operatori pubblici e privati che erogano servizi per il lavoro nel proprio territorio;
  • Vista la L.R. n. 3/2009 “Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro” e s.m.i. e, in particolare, l’articolo 25 che ha disciplinato il sistema di accreditamento per il riconoscimento dell’idoneità dei soggetti pubblici e privati ad erogare servizi per il lavoro;
  • Vista la L.R. n. 54/2012 "Legge regionale per l'ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta regionale in attuazione della legge regionale statutaria 17 aprile 2012, n. 1 ‘Statuto del Veneto’”;
  • Vista la DGR n. 2238/2011 (come modificata dalla DGR n. 1656/2016) “Approvazione del sistema di accreditamento allo svolgimento dei Servizi per il lavoro nel territorio della Regione Veneto (art. 25 legge regionale 13 marzo 2009 n. 3)”;
  • Visto il DDR n. 219/2012 con cui è stato approvato l’avviso pubblico e lo schema di domanda di accreditamento ai servizi per il lavoro;
  • Visto il DDR n. 192/2016 che ha stabilito quale requisito di accreditamento l’adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme al D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 e approvato il documento recante le linee guida relative agli adempimenti;
  • Visto il DDR n. 164/2015 “Approvazione della Guida per la presentazione per la telematica delle domande di accreditamento ai servizi per il lavoro e la gestione delle variazioni alla domanda” che stabilisce la nuova procedura di accreditamento;
  • Visto il DDR n. 911 del 26/07/2012 con cui l’ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107) è stato accreditato ai servizi per il lavoro;
  • Vista la nota prot. reg. n. 281335 del 22/06/2021 con la quale la Regione del Veneto comunicava, ai fini del mantenimento dell’accreditamento, la necessità di inviare, entro il 25/07/2021, il modulo “ISTANZA DI RINNOVO DELL’ACCREDITAMENTO SERVIZI AL LAVORO” tramite il gestionale SIA;
  • Considerato che, in risposta alla comunicazione di cui sopra, tramite il suddetto gestionale SIA, da parte dell’ente ECO STUDIO SRL, è stata presentata istanza del 28/06/2021 con allegato il modulo sopra citato che presenta la mancata erogazione di attività coerenti con l’accreditamento per i servizi per il lavoro;
  • Visto il riscontro alla medesima istanza avvenuto in data 06/07/2021 tramite comunicazione telematica del SIA con la quale si informava che il modulo sopra citato presentava attività incompatibili con il triennio di accreditamento 2018-2021 nonché attività di cui l’ufficio non aveva avuto riscontro nei sistemi gestionali regionali;
  • Richiamata la DGR n. 2238/2011, come modificata dalla DGR n.1656/2016, nella parte in cui prevede la revoca dell’accreditamento - art. 7, comma 7, lettera d) - per il mancato esercizio delle attività di cui all’accreditamento per la durata e validità triennale dello stesso;
  • Vista la nota prot. reg. n. 318441 del 15/07/2021 con la quale la Regione del Veneto comunicava l’avvio del procedimento di revoca dell’accreditamento all’ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107), assegnando - ai sensi della L. n. 241/90 e s.m.i. – un termine perentorio di 30 giorni, decorrenti dal ricevimento della comunicazione, per la presentazione di memorie scritte e documenti;
  • Considerato che non risulta pervenuto alcun riscontro alla nota prot. reg. n318441 del 15/07/2021, né è stata presentata apposita istanza tramite applicativo SIA;
  • Ritenuto, pertanto, di concludere il procedimento avviato con la nota prot. n. 281335 del 22/06/2021 con la revoca dell’accreditamento dell’ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107) con gli effetti previsti dall’art. 7 punti 13-14 della DGR n. 2238/2011, come modificato dalla DGR n. 1656/2016;
  • Visto il D.Lgs n. 276/2003;
  • Vista la Legge n. 241/1990 e s.m.i.;
  • Viste le LL.RR. n. 3/2009 e s.m.i. e n. 54/2012;
  • Viste la DGR n. 2238/2011 e s.m.i.;
  • Visti i DDDR n. 219/2012, n. 911/2012, n. 164/2015 e n. 192/2016;

decreta

1. di revocare, ai sensi dell’art 7, comma 7, lettera d), dell’Allegato A alla Dgr 2238/2011 come modificata dalla Dgr 1656/2016, l’accreditamento dell’ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107); 

2. di modificare l’elenco regionale degli operatori accreditati ai servizi per il lavoro mediante la cancellazione dell’ente ECO STUDIO SRL (c.f. 01153620297, codice L107) ai sensi e con gli effetti previsti dalla DGR n. 2238/2011 e s.m.i. (art. 7, commi 12, 13 e 14);

3. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell’articolo 23 del D.Lgs. n.33/2013;

4. di pubblicare per intero il presente decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Avverso i vizi del presente Decreto è ammesso ricorso avanti al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dell’avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, avanti il Capo dello Stato entro 120 giorni, salva rimanendo la competenza del Giudice Ordinario, entro i limiti prescrizionali, per l’impugnazione del provvedimento.

Alessandro Agostinetti

Torna indietro