Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 13 del 05 febbraio 2019


Materia: Veterinaria e zootecnia

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE n. 81 del 30 novembre 2018

Elenco regionale dei laboratori non annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell'ambito delle procedure di autocontrollo, o annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell'ambito delle procedure di autocontrollo per conto di altre imprese alimenti facenti capo a soggetti giuridici diversi. Aggiornamento novembre 2018.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si intende procedere all’aggiornamento dell’elenco regionale in materia, di cui all’Allegato A al Decreto del Direttore dell’Unità Organizzativa Veterinaria e Sicurezza Alimentare n. 47 del 9 luglio 2018.
 

Il Direttore

PREMESSO CHE la legge n. 88 del 7 luglio 2009 “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – Legge Comunitaria 2008”, all’art. 40, comma 2, stabilisce che i laboratori non annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo, o annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo per conto di altre imprese alimentari facenti capo a soggetti giuridici diversi devono essere accreditati, secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, per singole prove o gruppi di prove, da un organismo di accreditamento riconosciuto ed operante ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011;

PREMESSO CHE con D.M. 22 dicembre 2009 “ACCREDIA” è stato designato quale unico organismo nazionale italiano a svolgere attività di accreditamento;

VISTO l’Accordo sancito, ai sensi dell’art. 40, comma 3, della Legge 7 luglio 2009, n. 88, tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano sul documento relativo alle “Modalità operative di iscrizione, aggiornamento, cancellazione dagli elenchi regionali dei laboratori e modalità per l’effettuazione di verifiche ispettive uniformi per la valutazione della conformità dei laboratori – Rep. Atti n. 78/CSR dell’8 luglio 2010”;

PREMESSO CHE con Deliberazione n. 871 del 21 giugno 2011, la Giunta Regionale ha recepito il suddetto Accordo ed ha individuato le modalità operative per l’iscrizione, l’aggiornamento e la cancellazione dei laboratori dall’elenco regionale, demandando, in esecuzione della stessa, al Dirigente dell’Unità Complessa Sanità Animale e Igiene Alimentare l’adozione di eventuali ulteriori provvedimenti che si rendessero necessari;

PRESO ATTO del proprio precedente Decreto n. 47 del 9 luglio 2018, con il quale è stato aggiornato l’elenco regionale dei laboratori che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo

PRESO ATTO della richiesta di iscrizione nell’elenco regionale dei laboratori non annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo, o annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo per conto di altre imprese alimentari facenti capo a soggetti giuridici diversi, pervenuta dal laboratorio “LA.CHI.VER LABORATORI SRL”, con sede legale e operativa in Via Cà di Mazzè, 21 – Verona (VR), in data 30 ottobre 2018;

PRESO ATTO della comunicazione pervenuta in data 19 novembre 2018 dal laboratorio “LABORATORIO AGROALIMENTARE DI VERONA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE”, con sede legale e operativa in Viale del Lavoro, 5 – Verona, nella persona del liquidatore civile dott. Nonfarmale Francesco, avente ad oggetto la richiesta di cancellazione del laboratorio dall’Elenco regionale ove lo stesso risulta iscritto al n. 48;

PRESO ATTO, pertanto, della necessità di provvedere all’aggiornamento dell’elenco regionale dei laboratori di analisi di cui all’Allegato A del proprio precedente Decreto n. 47/2018, con il quale era stato precedentemente aggiornato tale elenco;

VISTO il Regolamento CE n. 178/2002 e relative modifiche ed integrazioni;

VISTI i Regolamenti CE nn. 852-853-854-882 del 2004 e loro modifiche ed integrazioni;

VISTO il D.L.gs. n. 193/2007 recante “Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore”;

VISTA la D.G.R. n. 871/2011 che recepisce l’Accordo “Modalità operative di iscrizione, aggiornamento, cancellazione dagli elenchi regionali dei laboratori e modalità per l’effettuazione di verifiche ispettive uniformi per la valutazione della conformità dei laboratori – Rep. Atti n. 78/CSR dell’8 luglio 2010” e che definisce le modalità per l’iscrizione, l’aggiornamento e la cancellazione dei laboratori dal registro regionale, demandando, in esecuzione della stessa, al Dirigente dell’Unità Complessa Sanità Animale e Igiene Alimentare, l’adozione di ulteriori provvedimenti che si rendessero necessari;

VISTA la D.G.R. n. 400 dell’08 febbraio 2000, con la quale vengono definiti i provvedimenti regionali;

VISTA la L.R. 54 del 31 dicembre 2012 e s.m.i., che demanda al Direttore responsabile della struttura organizzativa di competenza l’adozione dei provvedimenti finali nell’esercizio dei compiti di gestione tecnica, amministrativa e finanziaria;

VISTA la D.G.R. n. 802 del 27 maggio 2016 “Organizzazione amministrativa della Giunta regionale: istituzione delle Direzioni in attuazione dell’art. 12 della Legge Regionale n. 54 del 31/12/2012, come modificato dalla legge regionale 17 maggio 2016, n. 14”, con la quale si è istituita la Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria;

VISTA la D.G.R. n. 803 del 27 maggio 2016 “Organizzazione amministrativa della Giunta regionale: istituzione delle Unità Organizzativa nell’ambito delle Direzioni in attuazione dell’art. 17 della Legge Regionale n. 54 del 31/12/2012, come modificato dalla legge regionale 17 maggio 2016, n. 14”, con la quale si è istituita l’Unità Organizzativa Veterinaria e Sicurezza Alimentare;

VISTA la D.G.R. n. 1081 del 29 giugno 2016 “Conferimento dell’incarico di Direttore della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria ai sensi dell’art. 12 della Legge regionale n. 54/2012 e s.m.i.”;

VISTA la D.G.R. n. 1105 del 29 giugno 2016 “Conferimento degli incarichi dei Direttori delle Unità Organizzative nell’ambito dell’Area Sanità e Sociale ai sensi dell’art. 17 della Legge regionale 54/2012 e s.m.i.”;

VISTO il Decreto del Direttore Generale dell’Area Sanità e Sociale n. 150 del 29 dicembre 2016, pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 9 del 20 gennaio 2017 ad oggetto: “Organizzazione dell’Area Sanità e Sociale. Legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54 come modificata con legge regionale 17 maggio 2016, n. 14”;

VISTA la D.G.R. n. 79 del 27 gennaio 2017 “Organizzazione amministrativa della Giunta Regionale ricognizione delle strutture e delle relative attribuzioni nelle quali si articolano le Aree di Coordinamento. Legge Regionale 31 dicembre 2012, n. 54 e s.m.i.”;

VISTO il Decreto del Direttore della Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria n. 16 del 7 marzo 2017 “Regolamento regionale 31 maggio 2016, n. 1, art. 5 ‘Individuazione degli atti e dei provvedimenti amministrativi di competenza del Direttore dell’Unità Organizzativa Veterinaria e Sicurezza Alimentare, afferente alla Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinarià ”;

RITENUTA regolare e completa l’istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale.
 

decreta

1.  di aggiornare, per le ragioni in premessa esposte, l’elenco regionale dei laboratori non annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo, o annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo per conto di altre imprese facenti capo a soggetti giuridici diversi;

2.  che l’Allegato A al presente provvedimento sostituisce l’Allegato A del proprio precedente decreto n. 47 del 9 luglio 2018;

3.  di richiamare l’obbligo, per i laboratori iscritti, di comunicare alla Regione del Veneto, per il tramite della competente Azienda ULSS, ogni aggiornamento a seguito di:

  • richieste di ampliamento o riduzione del numero e della tipologia delle prove accreditate o in corso di accreditamento;
  • affidamento di determinate prove ad altro laboratorio accreditato;
  • esiti di verifiche effettuate dagli organismi di accreditamento;
  • cambio di ragione sociale e variazione di indirizzo della sede legale e/o sede operativa;

4.  di informare che avverso al presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al T.A.R. entro 60 giorni decorrenti dalla comunicazione del provvedimento o, alternativamente, ricorso amministrativo straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni decorrenti dall’anzidetta comunicazione;

5.  di pubblicare il presente atto integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Michele Brichese

(seguono allegati)

81_Allegato_387391.pdf

Torna indietro