Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 121 del 07/12/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 121 del 07/12/2018
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 121 del 07 dicembre 2018


Materia: Difesa del suolo

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA GENIO CIVILE ROVIGO n. 480 del 21 novembre 2018

Incameramento a favore della Regione del Veneto del deposito cauzionale in numerario relativo alla concessione di bene demaniale ad uso sfalcio prodotti erbosi e taglio di prodotti legnosi nelle aree del demanio idrico relative al lotto n. 1, situate nelle scarpate e nelle banchine arginali a fiume in destra e sinistra idraulica del Fiume Canalbianco tra il sostegno Bussari in Comune di Arquà Polesine e il ponte Passo in Comune di Rovigo per un totale di Ha 11.02.27 (Pratica CB_SF00043).

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento il Direttore della U.O. Genio Civile Rovigo dispone l'incameramento mediante liquidazione a favore della Regione Veneto a valere sul capitolo di uscita 102327 della somma versata a fronte di Deposito Cauzionale richiesto dalla U.O. Genio Civile Rovigo a garanzia della concessione in oggetto rilasciata al Sig. Zerbetto Tiziano a parziale copertura del debito della stessa nei confronti della Regione Veneto per mancato pagamento dei canoni demaniali per le annualità 2015-2016-2017-2018.

Estremi dei principali documenti dell'istruttoria: Disciplinare n. 3506 del 08.04.2014; Decreto n. 217 del 30.04.2014.

Il Direttore

PREMESSO che con il decreto n. 217 del 30.04.2014 e relativo disciplinare Rep. n. 3506 del 08.04.2011 veniva rilasciata al Sig. Zerbetto Tiziano (omissis) con sede a (omissis) la concessione descritta in oggetto;

VISTO che il Sig. Zerbetto Tiziano - Ditta concessionaria - non ha provveduto al pagamento del dovuto canone demaniale per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018, per un importo complessivo pari a € 919,10 richiesti da questo Ufficio con nota Prot. n° 065107 del 20.02.2018 e successivamente diffidata con nota Prot. n° 378635 del 18.09.2018;

VISTE l’istanza di rinuncia del Sig. Zerbetto Tiziano Tiziano in data 16.11.2017 prot. nr. 480057 e il nulla osta idraulico alla rinuncia in data 09.02.2018;

VISTA l’istanza del Sig. Zerbetto Tiziano Tiziano (C.F. omissis  e P.I. 0215890287) (omissis) del 16.10.2018 di Prot. n.420295 di incamerare il Deposito Cauzionale come compensazione dei canoni di concessione demaniale degli anni 2015-2018;

CONSIDERATO che ad oggi la Ditta concessionaria non ha provveduto al versamento del dovuto;

VISTO il deposito cauzionale di importo complessivo di Euro 330,00 (Euro trecentotrenta/00) costituito, a fronte della concessione di cui all’oggetto, dal Sig. Zerbetto Tiziano (omissis) con sede a (omissis) (anagrafica n. 00091111), con reversale n. 012794/2015 nel capitolo di entrata in partite di giro 100772 “Costituzione di Depositi Cauzionali o Contrattuali di Terzi” - P.d.C. V^ livello 9.02.04.01.001 e relativo impegno n. 2015/10769 nel capitolo di uscita in partite di giro 102327 “Restituzione di Depositi Cauzionali o Contrattuali di Terzi” - Art. 011 - P.d.C. 7.02.04.02.001;

CONSIDERATO che per effettuare l’incameramento del deposito cauzionale è necessario effettuare la variazione del beneficiario a favore della Regione del Veneto nell’impegno n. 2015/10769 nel capitolo di uscita in partite di giro 102327 “Restituzione di Depositi Cauzionali o Contrattuali di Terzi” - Art. 011 - P.d.C. 7.02.04.02.001;

RITENUTO di procedere all’incameramento, a seguito delle verifiche effettuate dall’Ufficio, a favore della Regione del Veneto del deposito cauzionale a titolo di riduzione del debito del Sig. Zerbetto Tiziano Tiziano , per le motivazioni di cui sopra;

VISTA la L.R. n.47 del 29.12.2017 “Bilancio di previsione 2018-2020”;

VISTA la D.G.R. n. 81 del 26.01.2018 “Direttive per la gestione del Bilancio di Previsione 2018/20;

VISTO il D.Lgs 126/2014 integrativo e correttivo del D. Lgs. 118/2011;

VISTA la L.r. n. 54 del 31/12/2012;

VISTI i Decreti Dirigenziali n. 5 del 11.08.2016 e n. 15 del 01.09.2016 del Direttore della Direzione Operativa ad oggetto: “Individuazione degli atti e dei provvedimenti amministrativi di competenza dell’Unità Organizzativa Genio Civile Rovigo – L.R. 54/2012, art. 18”

decreta

  1. di dare atto che le premesse formano parte integrante del presente decreto
  2. di disporre l’incameramento del deposito cauzionale come indicato in premessa a favore della Regione del Veneto;
  3. di imputare all’impegno n. 2015/00010769 per l’importo di € 330,00, l’anagrafica n. 00074413 intestata alla Regione del Veneto, in sostituzione dell’anagrafica n. 00091111 intestata al Sig. Zerbetto Tiziano (omissis) con sede a (omissis) a seguito della disposizione di incameramento a titolo di copertura parziale del credito vantato dall’Amministrazione Regionale per mancato introito dei canoni demaniali per gli anni 2015-2018, come previsto all’art. 6 del Disciplinare di concessione n. 3506 di Rep. del 08.04.2014;
  4. di incamerare la somma di Euro 330,00 (Euro trecentotrenta/00) mediante liquidazione a favore della Regione del Veneto a valere sull’impegno n. 2015/00010769 assunto sul capitolo di uscita in partite di giro 102327 “Restituzione di Depositi Cauzionali o Contrattuali di Terzi” Art. 011 - P.d.C. 7.02.04.02.001;
  5. di accertare per competenza la somma di Euro 330,00 (Euro trecentotrenta/00) sul capitolo di entrata 100898 “Introiti provenienti dalla gestione del demanio idrico P.d.C. 3.01.03.01.002 “Canone occupazione spazi e aree pubbliche – “canoni e fitti da altri soggetti” del bilancio di previsione 2018-2020, relativa all’incameramento del deposito cauzionale a parziale ristoro del mancato versamento dei canoni demaniali per gli anni 2015-2018;
  6. di liquidare a favore della Regione del Veneto la somma di Euro 330,00 (Euro trecentotrenta/00), a valere sull’impegno n. 10769/2015, vincolando il mandato a reversale di pari importo sull’accertamento n. 914/2018 assunto con Ddr n. 101 del 27.03.2018 della Direzione Operativa sul capitolo 100898 “Introiti provenienti dalla gestione del demanio idrico (art. 83, L.r. 13/04/2001, n. 11 - art. 39, L.r. 27/02/2008, n. 1 - art. 24, L.r. 16/02/2010, n. 11)” P.d.C. 3.01.03.01.002 “Canone occupazione spazi e aree pubbliche”;
  7. di inviare il presente decreto alla Direzione Bilancio e Ragioneria per le necessarie operazioni contabili;
  8. di dare atto che la spesa di cui si dispone la liquidazione con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011 e non ha natura di debito commerciale;
  9. di pubblicare integralmente il presente decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione ai sensi della L.R. n.29 del 27/12/2011 e della DGR 14/05/2013 n. 677, e nella sezione “Amministrazione trasparente” della Regione Veneto con le modalità previste dall’art. 23 del D.lgs. n. 33/2013 e s.m.i. relativo ai provvedimenti amministrativi adottati dai dirigenti.

Giovanni Paolo Marchetti

Torna indietro