Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 117 del 27/11/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 117 del 27/11/2018
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 117 del 27 novembre 2018


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI n. 108 del 31 ottobre 2018

DGR n. 814 del 08.06.2018 avente ad oggetto "Approvazione Avviso pubblico per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, iscritte ai Registri regionali (L.R. 40/1993, art. 4 e L.R. 27/2001, art. 43). Attuazione dell'art. 72 del D. Lgs. 117/2017 Codice del Terzo settore". Accertamento in entrata, impegno di spesa ed erogazione.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si dispongono l’accertamento in entrata, l’impegno di spesa e l’erogazione dei finanziamenti relativi alle progettualità presentate dalle organizzazioni di volontariato e dalle associazioni di volontariato, iscritte ai relativi Registri regionali, ai sensi della LR 40/1993 e LR 27/2001, art. 43, sulla base dei criteri e delle modalità definite dalla DGR n. 814 del 08.06.2018, in attuazione dell’accordo di programma sottoscritto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in data 17.11.2017.

Il Direttore

Vista la Legge 6 giugno 2016, n. 106 recante “Delega al Governo per la Riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale” e, in particolare, l’articolo 9, comma 1 lettera g), che prevede l’istituzione presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, di un Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale di cui all'articolo 4, comma 1, lettera b);

visto il D. Lgs. 3 luglio 2017, n. 117 e s.m.i. avente ad oggetto il Codice del terzo settore e, in particolare, l’art. 72, comma 1, il quale prevede che il Fondo in argomento sia destinato a sostenere lo svolgimento di attività di interesse generale di cui all’art. 5 del Codice stesso, costituenti oggetto di iniziative e progetti promossi da organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni del terzo settore, iscritti nel Registro unico nazionale del terzo settore;

dato atto che ai sensi dell’art. 101 del citato D. Lgs. 117/17 il requisito di iscrizione al Registro unico nazionale del terzo settore, nelle more dell’istituzione del Registro medesimo, si intende soddisfatto attraverso l’iscrizione delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale nei Registri attualmente previsti dalle normative di settore;

visto l’Atto di indirizzo del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 13 novembre 2017 che ha individuato, per l’anno 2017, gli obiettivi generali, le aree prioritarie di intervento e le linee di attività finanziabili e ha quantificato in € 26.000.000,00 il sostegno economico alle iniziative e ai progetti di rilevanza locale;

richiamato inoltre il comma 2 dell’articolo 72 sopra citato, laddove prevede che le iniziative e i progetti di cui al comma 1 del medesimo articolo possono essere finanziati anche in attuazione di accordi sottoscritti, ai sensi dell’art. 15 della L. 241/1990, dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali con le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1 comma 2, del D. Lgs. 165/2001;

preso atto che il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, con proprio decreto n. 539 del 29.12.2017 approva gli accordi di programma sottoscritti con le singole Regioni e le Province autonome, impegna la somma complessiva di € 26.000.000,00, destinando alla Regione Veneto un finanziamento pari a € 2.034.128,57;

dato atto che in attuazione all’art. 5 dell’Accordo di programma, la Direzione Servizi sociali, in data 16.04.2018 adotta, con proprio atto n. 31, il piano operativo, ove vengono definiti gli obiettivi perseguiti, le aree prioritarie di intervento prescelte nonché le modalità e la tempistica delle operazioni da effettuare e lo trasmette al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali;

dato atto altresì che ai sensi dell’articolo 6 del citato Accordo, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si impegna ad erogare alla Regione Veneto l’acconto di € 1.627.302,86, corrispondente all’80% del finanziamento medesimo, ad avvenuta acquisizione del piano operativo e il saldo di € 406.825,71 ad avvenuta acquisizione della relazione finale e della rendicontazione;

visto l’art. 12 della L. 7.08.1990, n. 241, e successive modificazioni ed integrazioni, il quale subordina l’adozione dei provvedimenti attributivi di vantaggi economici alla predeterminazione ed alla pubblicazione da parte delle amministrazioni procedenti dei criteri e delle modalità cui le amministrazioni stesse devono attenersi;

vista la DGR n. 814 del 08.06.2018 avente ad oggetto l’avviso pubblico per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale iscritte ai Registri regionali di cui alla LR 40/1993, art. 4 e alla LR 27/2001, art. 43;

dato atto che la citata deliberazione:

-  definisce i requisiti di partecipazione, i criteri e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti nonché le cause di inammissibilità;

-  ammette a riparto le progettualità che hanno conseguito un punteggio di almeno 60 punti e richiesto un contributo pari o inferiore all’80% del costo complessivo del progetto, comunque nei limiti minimi e massimi stabiliti dal punto 5 dell’Allegato A alla DGR n. 814/2018;

-  riconosce alle iniziative che prevedono una percentuale di cofinanziamento maggiore al 20% e a quelle che documentano una continuità futura, non vincolata al solo contributo regionale, un punteggio aggiuntivo di cinque punti a requisito, a titolo di premialità;

-  fissa al 16.07.2018 il termine perentorio entro il quale presentare le istanze, ovvero decorsi 30 giorni dalla data di pubblicazione della DGR n. 814/2018;

tenuto conto che il suddetto provvedimento prevede, per la valutazione delle iniziative e dei progetti, la presenza di un’apposita commissione interna, regolarmente nominata con Decreto direttoriale n. 91/2018;

considerato che le richieste di finanziamento pervenute alla Direzione Servizi sociali sono n. 64;

preso atto che la commissione interna ha verificato le condizioni di ammissibilità delle domande pervenute e valutato le proposte progettuali, in ossequio ai principi di trasparenza, imparzialità, partecipazione e parità di trattamento, assegnandone il punteggio in conformità a quanto previsto dalla DGR n. 814/2018;

preso atto che gli esiti delle valutazioni effettuate dalla commissione di cui al DDR 91/2018, riassunte nel relativo verbale, agli atti della Direzione regionale, hanno determinato l’esclusione di n. 15 progetti, evidenziati nell’Allegato B, per la motivazione a fianco di ciascuno indicata e l’ammissione a riparto di n. 49 progetti, individuati nell’Allegato A, dei quali n. 37 sono ritenuti finanziabili per aver conseguito un punteggio pari o superiore a 60 punti;

dato atto nell’Allegato A le progettualità ammesse a riparto sono state graduate in ordine decrescente di punteggio ottenuto e, per quelle ammesse al finanziamento, evidenziate nel medesimo allegato, è stato indicato a fianco di ciascuna il contributo assegnato, per una spesa complessiva pari a € 2.024.026,26;

considerato che l’erogazione del contributo regionale avverrà secondo le seguenti modalità:

-  un acconto pari all’80% dell’importo del finanziamento concesso, su acquisizione via PEC della comunicazione di avvio attività, redatta sull’apposito modulo di cui all’Allegato C, sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto proponente o capofila e corredata da tutta la documentazione ivi elencata, da trasmettersi entro 15 giorni dalla pubblicazione del presente provvedimento;

-  il saldo, pari al 20% del finanziamento, a conclusione del progetto, che dovrà avvenire entro e non oltre il 31.10.2019, a seguito di acquisizione via PEC della rendicontazione finale di cui al punto 13 dell’Avviso, attestante l’avvenuta attuazione di tutte le attività progettuali ammesse a finanziamento, accompagnata dalla relazione illustrativa delle modalità di attuazione delle stesse e dei risultati qualitativi e quantitativi raggiunti e dall’elenco analitico delle spese complessivamente sostenute - comprensivo degli estremi della documentazione fiscale, da redigersi in corrispondenza al Piano finanziario e distinto per macro voci di riferimento - da trasmettersi entro e non oltre il 15.12.2019;

tenuto conto che alla comunicazione di avvio di attività di cui al paragrafo precedente dovrà essere allegata anche la fidejussione bancaria o la polizza fideiussoria assicurativa, di cui all’Allegato D;

che la liquidazione del contributo assegnato a ciascun beneficiario sarà subordinata all’effettiva erogazione alla Regione delle risorse ministeriali di cui all’art. 6 dell’Accordo di programma sottoscritto digitalmente in data 27.12.2017;

visto il D. Lgs. del 23/06/2011 n. 118 come modificato e integrato con il D. Lgs. del 10/08/2014 n.126, art. 53 “Accertamenti” che definisce elementi essenziali, principi e modalità per la registrazione contabile ed imputazione a bilancio delle obbligazioni giuridicamente perfezionate attive;

atteso che l’importo complessivo della spesa relativa alle progettualità ammesse a riparto risulta essere inferiore di € 10.102,31 rispetto al finanziamento che il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, con proprio decreto n. 539 del 29.12.2017, ha riconosciuto alla Regione Veneto;

ritenuto pertanto di dover procedere, per quanto sopra esposto, all’accertamento in entrata di € 2.024.026,26, relativamente al credito regionale verso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali – Direzione Generale del Terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese - ai sensi dell’art. 53 D. Lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, a valere sul capitolo n. 101215 “Assegnazione statale per il sostegno alle attività di interesse generale da parte delle organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale (Accordo tra Regione e Ministero del Lavoro 27/12/2017)” del bilancio regionale 2018/2020, codice conto All.to 6/1 D. Lgs. 118/2011 e s.m.i. E.2.01.01.01.001 “Trasferimenti correnti da Ministeri”, come segue:

-  € 1.627.302,86, corrispondente alla quota in acconto pari all’80% del finanziamento, a seguito della trasmissione al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali del piano operativo di all’art. 5 dell’Accordo di programma, avvenuta in data 16.04.2018, a carico del corrente esercizio, in quanto credito perfezionato ed esigibile nell’anno 2018;

-  € 396.723,40, a titolo di saldo, ad avvenuta acquisizione della relazione finale e rendicontazione, a carico dell’esercizio 2019, in quanto credito perfezionato ed esigibile nell’esercizio 2019;

considerato che si rende necessario assumere l’impegno di spesa pari ad € 2.024.026,26, da assegnare e liquidare ai beneficiari evidenziati nell’Allegato A, a carico del capitolo n. 103695 "Sostegno alle attività di interesse generale da parte delle organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale (Accordo tra Regione e Ministero del Lavoro 27/12/2017)” del bilancio regionale 2018/2020, art. 013 (Trasferimenti correnti a istituzioni sociali private) - P.d.C. V° livello U.1.04.04.01.001, imputando la spesa suddetta come segue:

-  € 1.619.221,01, pari all’acconto del 80% del finanziamento concesso, a carico dell’esercizio 2018, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nel corrente esercizio;

-  € 8.081,85, pari alla differenza della quota assegnata in acconto dal Ministero e la somma di cui sopra, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nell’esercizio 2019, con istituzione a copertura del Fondo pluriennale vincolato per l’esercizio 2019;

-  € 396.723.40, a carico dell’esercizio 2019, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nell’esercizio 2019;

dato atto che le obbligazioni con cui si dispongono l’accertamento e l’impegno con il presente atto sono giuridicamente perfezionate;

visto il D. Lgs. n. 126/2014 integrativo e correttivo del D. Lgs. n. 118/2001;

vista la L.R. n. 54/2012 in ordine ai compiti e alle responsabilità di gestione attribuiti ai dirigenti;

vista la L.R. n. 47 del 29.12.2017 “Bilancio di previsione 2018-2020”;

decreta

1.  di accertare in entrata, per quanto espresso in premessa, parte integrante e sostanziale del presento Decreto, la somma di € 2.024.026,26, relativamente al credito regionale verso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali – Direzione Generale del Terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese - ai sensi dell’art. 53 D. Lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, a valere sul capitolo n. 101215 “Assegnazione statale per il sostegno alle attività di interesse generale da parte delle organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale (Accordo tra Regione e Ministero del Lavoro 27/12/2017)” del bilancio regionale 2018/2020, codice conto All.to 6/1 D. Lgs. 118/2011 e s.m.i. E.2.01.01.01.001 “Trasferimenti correnti da Ministeri”, come segue:

a.  € 1.627.302,86, corrispondente alla quota in acconto pari all’80% del finanziamento, ad acquisizione da parte dello stesso Ministero del piano operativo di all’art. 5 del citato Accordo di programma, a carico dell’esercizio 2018, in quanto credito perfezionato ed esigibile nel corrente esercizio;

b.  € 396.723,40, a titolo di saldo, ad avvenuta acquisizione della relazione finale e rendicontazione, a carico dell’esercizio 2019, in quanto credito perfezionato ed esigibile nell’esercizio 2019;

2.  di richiamare interamente le disposizioni contenute nell’Avviso pubblico di cui alla DGR n. 814/2018;

3.  di approvare, per quanto espresso in parte motiva, gli Allegati A, B, C e D, parti integranti del presente atto;

4.  di ammettere a riparto le n. 49 progettualità, individuate nell’Allegato A, graduate in ordine decrescente di punteggio conseguito e di finanziarne n. 37, evidenziate nel medesimo Allegato, per aver ottenuto un punteggio pari o superiore a 60 punti, con il contributo a fianco di ciascuna indicato, per una spesa complessiva pari a € 2.024.026,26;

5.  di escludere dal finanziamento le n. 15 progettualità, meglio individuate nell’Allegato B, per la motivazione a fianco di ciascuna indicata;

6.  di impegnare, in attuazione della D.G.R. n. 814 del 8 giugno 2018, per l’esercizio finanziario 2018, l’importo € 2.024.026,26 da assegnare e liquidare ai n. 37 beneficiari evidenziati nell’Allegato A, a carico del capitolo n. 103695 "Sostegno alle attività di interesse generale da parte delle organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale (Accordo tra Regione e Ministero del Lavoro 27/12/2017)” del bilancio regionale 2018/2020, art. 013 (Trasferimenti correnti a istituzioni sociali private) - P.d.C. V° livello U.1.04.04.01.001, imputando la spesa suddetta come segue:

a1.  € 1.619.221,01, pari all’acconto del 80% del finanziamento concesso, su acquisizione via PEC della comunicazione di avvio attività, redatta sull’apposito modulo di cui all’Allegato C, sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto proponente o capofila e corredata da tutta la documentazione ivi elencata, inclusa la fidejussione di cui all’Allegato D, da trasmettersi entro 15 giorni dalla pubblicazione del presente provvedimento, a carico dell’esercizio 2018, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nel corrente esercizio;

a2.  € 8.081,85, pari alla differenza della quota assegnata in acconto dal Ministero e la somma di cui sopra, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nell’esercizio 2019, con istituzione a copertura del Fondo pluriennale vincolato per l’esercizio 2019;

b.  € 396.723.40, a carico dell’esercizio 2019, in quanto corrispondente ad obbligazioni già perfezionate ed esigibili nell’esercizio 2019, a seguito di acquisizione via PEC della rendicontazione finale di cui al punto 13 dell’Avviso, attestante l’avvenuta attuazione di tutte le attività progettuali ammesse a finanziamento, accompagnata dalla relazione illustrativa delle modalità di attuazione delle stesse e dei risultati qualitativi e quantitativi raggiunti e dall’elenco analitico delle spese complessivamente sostenute - comprensivo degli estremi della documentazione fiscale, da redigersi in corrispondenza al Piano finanziario e distinto per macro voci di riferimento - da trasmettersi entro e non oltre il 15.12.2019;

7.  di dare atto che la copertura finanziaria degli impegni suddetti è assicurata dagli accertamenti in entrata di cui al precedente punto 1. del dispositivo ed, in particolare, la copertura degli impegni a1. e a2 dall’accertamento a. e quella dell’impegno b. dall’accertamento b.;

8.  di liquidare gli importi assegnati ai n. 37 beneficiari evidenziati nell’Allegato A, secondo le modalità stabilite dalla DGR n. 814/2018, richiamate al punto 6. del dispositivo, subordinatamente all’effettiva erogazione alla Regione delle risorse ministeriali di cui all’art. 6 dell’Accordo di programma richiamato in premessa;

9.  di dare atto che la copertura finanziaria dell’obbligazione è assicurata con l’accertamento di cui al precedente punto

10.  di riservarsi la facoltà di svolgere controlli sulla documentazione presentata e conservata in originale dai beneficiari, nonché sulla realizzazione delle attività previste dai progetti ammessi a finanziamento di cui al punto 4 del dispositivo;

11.  di attestare che il programma dei pagamenti in argomento è compatibile con gli stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica;

12.  di dare atto che la spesa di cui si dispone l’impegno con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011 e non ha natura di debito commerciale;

13.  di informare che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale (T.A.R.) del Veneto o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente entro 60 e 120 giorni dall’avvenuta conoscenza;

14.  di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli artt. 26 e 27 del Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

15.  di pubblicare integralmente il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;

16.  di provvedere entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente atto a trasmettere alla Direzione generale Terzo settore e responsabilità sociale delle imprese del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali l’individuazione dei soggetti attuatori, in conformità alle disposizioni contenute nelle Linee guida ministeriale al punto 5.

Fabrizio Garbin

(seguono allegati)

108_Allegato_A_DDR_108_31-10-2018_382886.pdf
108_Allegato_B_DDR_108_31-10-2018_382886.pdf
108_Allegato_C_DDR_108_31-10-2018_382886.pdf
108_Allegato_D_DDR_108_31-10-2018_382886.pdf

Torna indietro