Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 113 del 13/11/2018
Scarica la versione firmata del BUR n. 113 del 13/11/2018
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 113 del 13 novembre 2018


Materia: Acque

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA GENIO CIVILE BELLUNO n. 235 del 30 ottobre 2018

Concessione per canalizzazione interrata nell'ambito dei lavori di bonifica agraria in Comune di Belluno, loc. "Prà Mat - Col di Roanza" su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico - di pertinenza del rio Prà Ma a rinnovo della medesima di cui al di cui al decreto n.154 in data 4.09.2008 (pratica n. C/0440/2). Ditta Bortoluzzi Celeste S.r.l.

Note per la trasparenza

Ai sensi della normativa vigente la Struttura Regionale Genio Civile di Belluno rilascia le Concessioni per l'utilizzo dei Beni del Demanio Idrico, acquisita l'Autorizzazione Idraulica della competente Unità Organizzativa Forestale.

Estremi dei principali documenti per l'istruttoria: - Autorizzazione Idraulica n. 382237 in data 20.09.18 emessa dalla U.O. Forestale Est sede di Belluno; - disciplinare obblighi e condizioni n. 3851 in data 23.10.2018 .

Il Direttore

VISTO il decreto n.154 in data 04.09.2008, del direttore dell’Ufficio Periferico Genio Civile di Belluno, con il quale è stata rilasciata alla ditta Bortoluzzi Celeste srl fino al 3.09.2018 la concessione idraulica, regolata dal disciplinare obblighi e condizioni n. 2761 del 26.08.2008, per realizzare e mantenere una canalizzazione interrata con m.20,00.- di tubazione in calcestruzzo con diametro mm.800, nell'ambito dei lavori di bonifica agraria, in comune di Belluno, loc. “Prà Mat - Col di Roanza“, area di pertinenza del rio Prà Mat;

VISTA l’Autorizzazione Idraulica n. 382237 in data 20.09.18 emessa dalla U.O. Forestale Est sede di Belluno relativa al rinnovo della concessione per i lavori in oggetto specificati;

VISTO il disciplinare, in data 23.10.2018, iscritto al n. 3851 di repertorio dell’Unità Organizzativa – Genio Civile di Belluno contenente gli obblighi e le condizioni cui deve essere vincolato il rinnovo della concessione;

VISTO il T.U. approvato con R.D. 25 luglio 1904, n. 523 e successive modificazioni;

VISTO il D.P.R. 24.7.1977 n. 616;

VISTA la L.R. 9.8.1988 n. 41;

VISTA la L. 6.1.1994 n. 37;

VISTI la L. 59/97 e il D.lgs. 112/98;

VISTA la L.R. 13.4.2001 n.11 e successive modifiche ed integrazioni;

VISTA la L.R. 7.11.2003 n. 27;

VISTA la D.G.R. 2509/2003;

VISTA la D.G.R. 418/2004;

VISTA la D.G.R. n. 1997/2004 e successive disposizioni;

RITENUTO che la concessione richiesta è ammissibile nei riguardi della polizia idraulica;

decreta

1. Fatti salvi i diritti dei terzi, è concesso, alla ditta Bortoluzzi Celeste S.r.l. (Cod. Fiscale 00252290259 - Partita IVA 00252290259) il rinnovo della concessione di cui al decreto n.154 in data 4.09.2018, relativo alla canalizzazione interrata (20,00 m di tubazione in calcestruzzo diametro 80 cm) nell'ambito dei lavori di bonifica agraria in Comune di Belluno, loc. “Prà Mat - Col di Roanza“ su area di proprietà del D.P.S. - ramo idrico - di pertinenza del rio Prà Mat;

2. La concessione sarà rinnovata per anni 10 (dieci) successivi e continui decorrenti dal 04.09.2018, subordinatamente all’osservanza degli obblighi e delle condizioni contenuti nel disciplinare in data 23.10.2018 iscritto al n. di rep. 3851, che si approva con il presente atto e verso il pagamento del canone annuo di €. 210,91.- (ducentodieci/91.-.) a valere per l'anno 2018;

3. Il canone, soggetto ad aggiornamento e modifica in ragione delle disposizioni che verranno emanate dalla Regione Veneto, dovrà essere versato nel secondo trimestre dell’anno di riferimento, anche se il concessionario non voglia o non possa fare uso, in tutto o in parte, della concessione;

4. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'art.23 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n.33;

5. di stabilire che il presente decreto venga pubblicato integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Roberto Dall'Armi

Torna indietro