Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 18 del 17/02/2017
Scarica la versione firmata del BUR n. 18 del 17/02/2017
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 18 del 17 febbraio 2017


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI n. 149 del 22 dicembre 2016

Approvazione delle assegnazioni dei contributi ai Comuni di residenza, relativi ai Buoni Famiglia a favore delle famiglie beneficiarie individuate ai sensi della D.G.R. n. 2111/2015 e D.G.R. 2907/2013.Impegno di spesa e scadenza dell'obbligazione.

Note per la trasparenza

Con il presente atto si approva l’elenco delle famiglie beneficiarie del Buono Famiglia ai sensi delle D.G.R. n. 2111 del 30 dicembre 2015 e D.G.R. n. 2907 del 30 dicembre 2013 nonché la suddivisione dei contributi assegnati in funzione dei Comuni di residenza delle famiglie medesime, in virtù della regolare frequenza ai servizi Nido in Famiglia riconosciuti e attivi nel territorio della Regione del Veneto, nonché l’impegno di spesa e la scadenza dell’obbligazione.

Il Direttore

VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 2907 del 30.12.2013 “Nidi in Famiglia: criteri e disposizioni per la richiesta dei Buoni Famiglia, ai sensi delle D.G.R. n. 4252/2008 e n. 1502/2011, annualità 2013-2014” con la quale la Giunta Regionale ha determinato le disposizioni attuative e i relativi criteri per la richiesta dei “Buoni Famiglia” da parte delle famiglie i cui figli hanno frequentato il Nido in Famiglia (D.G.R. n. 674/08 e D.G.R. n.1502/11);

RICORDATO la D.G.R. n. 4252/08 definisce i criteri di assegnazione del Buono Famiglia, criteri che si sono rivelati efficaci e congruenti con le esigenze sociali ed in sintonia con il Sistema dei Servizi per la prima infanzia presenti nel territorio regionale;

VISTA la D.G.R. 2111/2015 la quale, nel rispetto dei criteri definiti dalla D.G.R. n. 4252/2008 e confermati dalla D.G.R. n. 2907/2013, dispone le assegnazioni ai singoli comuni di residenza delle famiglie i cui figli hanno frequentato i Nidi in Famiglia nel periodo gennaio-dicembre 2014 e nel periodo gennaio-luglio 2015;

RICORDATO che per la compilazione delle domande da parte delle famiglie e per la loro validazione da parte del Dipartimento Regionale Servizi Sociosanitari e Sociali, Settore minori giovani e famiglia, ora Direzione Servizi Sociali – Unità Organizzativa Famiglia, Minori, Giovani e Servizio Civile - ai sensi della D.G.R. n. 2907/2013, è stata adottata la procedura informatizzata per la quale si è richiesta la collaborazione della Sezione Controlli Governo e Personale SSR, che ha espresso parere favorevole;

RICORDATO inoltre che la D.G.R. n. 2907/2013, in relazione al “Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2013 (Art. 20, L.8/11/2000, n. 328 - Art. 80, c. 17, L. 23/12/2000, n. 388)” UPB U0156, cap. 102039, destinava € 2.200.000,00 per il pagamento dei buoni famiglia annualità 2013-2014;

VERIFICATO che con successivo Decreto Dirigenziale dell’allora Direzione Regionale Servizi Sociali n. 260/2014 della suddetta somma sono stati impegnati € 709.940,00 determinando quindi una disponibilità di € 1.490.060,00 per far fronte al pagamento dei buoni famiglia riferiti al periodo gennaio-dicembre 2014 e al periodo gennaio-luglio 2015;

DATO ATTO che con D.G.R. n. 2111/2015, a valere sul Fondo Nazionale per le Politiche Sociali per l’anno 2015, riconosciuto alla Regione del Veneto per un importo complessivo di € 20.586.278,52, è stato disposto dalla Giunta regionale di destinare un’ulteriore quota per il pagamento dei buoni famiglia per i bambini che hanno frequentato i servizi alla prima infanzia tipologia nido in famiglia, per un importo pari ad € 500.000,00, così come comunicato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con nota prot. n. 401274 del 7 ottobre 2015 dall’Assessore Regionale alle Politiche Sociali;

CONSIDERATO inoltre che la medesima Deliberazione di Giunta Regionale ha incaricato il Direttore dell’allora Direzione Regionale Servizi Sociali all’adozione degli atti di approvazione riguardanti il riparto e l’impegno di spesa, la graduatoria delle famiglie beneficiarie, l’assegnazione e la liquidazione dei contributi alle famiglie per il tramite dei Comuni di residenza delle stesse, sino alla concorrenza massima degli importi resisi disponibili, ovvero € 1.490.060,00 di cui alla D.G.R. 2907/2013 e DDR 260/2014 a cui si aggiungono € 500.000,00 di cui alla D.G.R. 2111/2015;

CONSIDERATO che, in prima battuta, la raccolta delle domande tramite il sistema on line ha comportato un considerevole aumento del numero delle medesime in quanto numerose famiglie hanno compilato anche più domande per lo stesso bambino o hanno inserito dati diversi. Il sistema calcolava comunque le domande sino ad arrivare al n. 2198;

RICORDATO che la D.G.R. 2111/2015 riportava n. 2198 domande inoltrate dalle famiglie, e di quest’ultime, per quanto sopra indicato, solo n. 1892 presentano i requisiti indispensabili per essere considerate valutabili;

PRESO ATTO dell’avvenuta regolare istruttoria, la cui documentazione è agli atti della Direzione competente e riguarda n. 1892 domande pervenute;

RITENUTO che delle n. 1892 domande pervenute, n. 1.824 sono ammissibili, mentre n. 68 domande, risultano non ammissibili, con presente il atto si approva la graduatoria delle famiglie ammesse a contributo con la relativa assegnazione dell’importo a ciascuna spettante, indicato mediante l’indicazione del numero di codice utilizzato all’atto dell’inoltro della richiesta per mezzo del sistema informatico;

PRESO atto che l’ammontare delle quote relative alle n. 1.824 domande corrisponde a € 1.982.670,00;

RITENUTO pertanto di dare attuazione a quanto disposto dalla D.G.R. n. 2907 del 30 dicembre 2013 e dalla D.G.R. 2111 del 30 dicembre 2015, si intendono approvare:

  • L’Allegato A che riporta, in relazione all’annualità 2013-2015, nell’ordine: nome/cognome Organizzatore, nome del nido in famiglia, provincia e Comune di residenza del genitore richiedente, codice identificativo della domanda della famiglia beneficiaria e l’importo assegnato;
  • L’Allegato B così composto: codice fiscale, provincia e denominazione del Comune e l’importo totale assegnato ad ogni Comune, in riferimento al totale delle assegnazioni, così come dettagliate nell’Allegato A;
  • L’Allegato C inerente alle n. 68 domande non idonee, in relazione all’annualità 2013-2015, che riporta nell’ordine: numero/codice identificativo della domanda, nome del nido in famiglia, nome/cognome Organizzatore;

RITENUTO pertanto di disporre la copertura finanziaria della spesa complessiva di € 1.982.670,00 finanziata dalle entrate vincolate accertate, assumendo il correlativo impegno di spesa a carico del capitolo 102039 “Fondo Nazionale per le Politiche Sociali (art.20, L.08/11/2000, n. 328 art. 80, c.17, L. 23/12/2000 n. 388)” del bilancio di previsione 2016-2018, per l’esercizio 2016, articolo 002, codice SIOPE 1.05.03.1535, codice P.d.C. V° livello U.1.04.01.02.003, a favore dei Comuni indicati nell’Allegato B;

RILEVATO che la Direzione Servizi Sociali - Unità Organizzativa Famiglia, Minori, Giovani e Servizio Civile, provvederà alla liquidazione in unica soluzione degli importi all’esecutività del presente atto e ad inviare, ad ogni Comune, i dati indispensabili per identificare i beneficiari associati ai codici domanda riportati nell’Allegato A;

DATO ATTO che successivamente, come previsto nella D.G.R. 2907/13, i Comuni erogheranno i contributi alle famiglie beneficiarie identificate;

  • VISTE la DGR n. 674/08, DGR n. 4252/08, la DGR n. 1502/11, D.G.R. n. 2907/13;
  • VISTA la L.R. n. 8 del 24/2/2016 “Bilancio di previsione 2016-2018”;
  • VISTA la L.R. n. 54/2012;
  • VISTO il D. Lgs n. 126/2014 integrativo e correttivo del D. Lgs. n. 118/2011;

decreta

  1. di approvare, per quanto espresso in parte motiva:
  • l’ Allegato A, contenente l’elenco delle n. 1824 famiglie beneficiarie del “Buono Famiglia”, identificate tramite il codice identificativo della domanda, con i corrispondenti importi spettanti, per un totale di € 1.982.670,00;
  • l’Allegato B, così composto: codice fiscale, provincia e denominazione del Comune e l’importo totale assegnato ad ogni Comune, in riferimento al totale delle assegnazioni, così come dettagliate nell’Allegato A;
  • l’Allegato inerente alle n. 68 domande non idonee, in relazione all’annualità 2013-2015, che riporta nell’ordine: numero/codice identificativo della domanda, nome del nido in famiglia, nome/cognome Organizzatore;
  1. di impegnare l’importo di € 1.982.670,00 a favore dei Comuni delle famiglie ammesse al contributo, di cui all’Allegato B, sul capitolo 102039 “Fondo nazionale per le politiche sociali” del Bilancio di Previsione Regionale 2016-2018, per l’esercizio 2016, articolo 002, codice siope 1.05.03.1535, P.d.C. V° livello U.1.04.01.02.003;
  2. di dare atto che la spesa, di cui si dispone l’impegno con il presente atto, non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011 e non riveste natura di debito commerciale;
  3. di dare atto che l’obbligazione di cui si dispone l’impegno con il presente atto è giuridicamente perfezionata ed esigibile nell’esercizio finanziario 2016;
  4. di attestare che il programma dei pagamenti in argomento è compatibile con gli stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica;
  5. di dare atto dell’avvenuta riscossione della correlata posta in entrata al capitolo 1623/E (reversale n. 5742), accertamento n.1357 del 2013;
  6. di comunicare ai Comuni beneficiari del contributo di cui al punto 2., le informazioni previste dall’art. 56, comma 7, del D. Lgs. n. 118/2011 e s.m.i.;
  7. di rammentare che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente entro 60 e 120 giorni dalla notifica;
  8. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli artt. 26 e 27 del Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  9. di pubblicare integralmente il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Per il Direttore Il Direttore Vicario Fabrizio Garbin

(seguono allegati)

149_Allegato_A_DR_149_22-12-2016-_340005.pdf
149_Allegato_B_DDR_149_22-12-2016-_340005.pdf
149_Allegato_C_DDR_149_22-12-2016-_340005.pdf

Torna indietro