Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Atto di Enti Vari

Bur n. 91 del 09 luglio 2021


Materia: Protezione civile e calamità naturali

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018

Decreto n. 973 del 9 giugno 2021

O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 5 del 2.4.2019 (Assegnazioni delle risorse di cui all'art. 1 comma 1028 della Legge n. 145/2018 - annualità 2019). «Lavori di rialzo argine sinistro e adeguamento quote arginali del Fiume Piave in Comune di Ponte di Piave (TV)». Codice GCTV_016 (INT. 953). Importo complessivo Euro 2.100.000,00. CUP: H33H19000080001. LIQUIDAZIONE pagamento Euro 40.695,26 per SALDO COMPETENZE a Veneto Strade S.p.A. per le attività di indizione e gestione della gara di appalto.

IL  SOGGETTO  ATTUATORE

PER  IL  SETTORE  RIPRISTINO  IDRAULICO  E  IDROGEOLOGICO  AREA  DI  TREVISO

PREMESSO CHE:

  • nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
  • con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei Ministri, ai sensi dell’art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
  • con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione, Commissario delegato, per fronteggiare l’emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
  • con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al superamento dell’emergenza;
  • con l’Ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario Delegato Dott. Luca Zaia, ai sensi dell’art. 1 comma 2 dell’O.C.D.P.C. n. 558/2018, ha individuato tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali sono stati affidati i diversi settori di intervento;
  • con l’Ordinanza Commissariale n. 2/2018 è stato nominato, tra l’altro, un ulteriore Soggetto attuatore, avente comprovata professionalità ed esperienza, nella figura dell’ing. Alvise Luchetta – Direttore dell’Unità Organizzativa Genio Civile di Treviso per il “Settore Ripristino Idraulico e Idrogeologico Area di Treviso” al fine di garantire il ripristino idraulico e idrogeologico, la riduzione degli effetti dei fenomeni alluvionali verificatisi, la mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle risorse finanziarie a essi destinati;
  • con Ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 559/2018, n. 560/2018 e n. 601/2019 sono state impartite ulteriori disposizioni urgenti di Protezione Civile;
  • con Delibera del Consiglio dei Ministri in data 21.11.2019 è stato prorogato di 12 mesi lo “stato di emergenza” dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri dell’8.11.2018;
  • con Legge 27.11.2020 n. 159, di conversione del D.L. 7.10.2020 n. 125, pubblicata in G.U. n. 300 del 3.12.2020, è stato prorogato per ulteriori 12 mesi lo stato di emergenza sopraccitato;
  • che con OCDPC n. 769 del 16 aprile 2021 il Capo Dipartimento della Protezione Civile a seguito richiesta rappresentata dal Presidente della Regione Veneto con nota prot. n. 141792 del 29.3.2021 ha disposto la sostituzione del Commissario con l’arch. Ugo Soragni;
  • che a decorrere dal 5 maggio 2021 è mutata la denominazione della Contabilità Speciale intestata al nuovo Commissario Delegato, la quale, da “C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18”, è divenuta “C.D.R. VENETO - O.558 - 18 E 769 – 21”;

DATO ATTO che:

  • con Ordinanza Commissariale n. 5 in data 2.4.2019 sono stati, tra l’altro, approvati gli elenchi del Piano degli Interventi di cui all’art. 1 comma 1028 della L. n. 145/2018 relativi all’OCDPC n. 558/2018 per l’Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;
  • tra gli interventi di cui all’Ordinanza Commissariale n. 5/2019, Allegato A interventi afferenti al settore Idrogeologico, è ricompreso anche l’intervento denominato «Lavori di rialzo argine sinistro e adeguamento quote arginali del Fiume Piave in Comune di Ponte di Piave (TV)» Codice GCTV_016 (INT. 953), per l’importo complessivo di € 2.100.000,00;
  • la suddetta somma, come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5 del 2.4.2019, è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a “C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18” ora “C.D.R. VENETO - O.558 - 18 E 769 – 21”;

PRESO  ATTO che per l’intervento in argomento era stata manifestata la volontà di affidare a Veneto Strade S.p.A. le attività di indizione e gestione della gara di appalto;

VISTO:

  • il decreto n. 109 in data 25.6.2019 con il quale il Commissario Delegato ha approvato lo schema di convenzione tra il medesimo e Veneto Strade S.p.A., nella qualità di soggetto attuatore, per la progettazione, appalto, direzione lavori, collaudo di opere stradali di ripristino e per l’indizione e gestione delle procedure di aggiudicazione di opere diverse da quelle stradali;
  • l’art. 13 punto 5 del citato schema di convenzione nel quale è individuata la documentazione da acquisire dai soggetti attuatori che intendono affidare a Veneto Strade S.p.A. le attività di indizione e gestione della gara di appalto;
  • l’art. 13 punto 3 dove è previsto che nel quadro economico si doveva evidenziare una voce per “oneri per procedure di gara” nel limite del 2%;

VISTA la Convenzione Rep. Ufficiale Rogante VE n. 39, sottoscritta con firma digitale in data 26.6.2019, con la quale è stato formalizzato l’incarico di cui sopra;

VISTO il Decreto n. 280 del 26.7.2019 con il quale il Soggetto Attuatore Ing. Alvise Luchetta ha approvato il progetto esecutivo redatto dallo Studio COLLESELLI & Partners per l’importo complessivo di € 2.100.000,00;

PRESO ATTO che nel relativo quadro economico tra le Somme a disposizione è prevista la voce per “Oneri per procedure di gara” per l’importo di € 42.000,00 (2% su importo totale compresa IVA 22%);

CONSIDERATO, pertanto, che Veneto Strade S.p.A. per i lavori in argomento ha esperito la gara d’appalto in data 12.9.2019;

CONSIDERATO che con contratto d’appalto repertorio Ufficiale Rogante VE n. 542, sottoscritto con firma digitale in data 27.9.2019 e 30.9.2019, i lavori relativi a «Lavori di rialzo argine sinistro e adeguamento quote arginali del Fiume Piave in Comune di Ponte di Piave (TV)» sono stati aggiudicati alla Ditta Impresa Coletto s.r.l. con sede a San Biagio di Callalta (TV) per un importo netto contrattuale di € 1.151.896,734, comprensivo degli oneri di sicurezza;

VISTA la documentazione trasmessa da Veneto Strade S.p.A. con nota pervenuta al protocollo regionale in data 12.1.2021 n. 9126, con la quale, per l’espletamento delle funzioni di indizione e gestione della gara d’appalto in merito all’intervento in argomento, è stata trasmessa la rendicontazione mediante riepiloghi attestanti i costi diretti e indiretti sostenuti da Veneto Strade S.p.A. e riconducibili alle attività sostenute per l’espletamento delle funzioni di cui all’art. 14 della succitata Convenzione;

PRESO ATTO, pertanto, che il Soggetto Attuatore Ing. Alvise Luchetta con nota inviata a Veneto Strade S.p.A. in data 31.3.2021 prot. 145141 ha preso atto di quanto attestato e ha invitato la Società a produrre la fattura per il rimborso dei costi dichiarati per l’importo di € 33.356,77 + IVA 22% per un totale complessivo pari a € 40.695,26;

VISTA la comunicazione pervenuta al protocollo regionale al n. 214925 in data 11.5.2021, con la quale Veneto Strade S.p.A. comunica la propria esenzione della presentazione della comunicazione per la “Tracciabilità dei flussi finanziari” ai sensi della L. 136/2010;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento a favore della Società Veneto Strade S.p.A., per il SALDO delle competenze spettanti per le attività di indizione e gestione della gara di appalto in merito ai lavori in argomento:

  • Convenzione Rep. Ufficiale Rogante VE n. 39, sottoscritta con firma digitale in data 26.6.2019,
  • Fattura Elettronica n. 80 del 29.4.2021,
  • Dichiarazione in merito “Tracciabilità flussi finanziari” ai sensi della L. 136/2010,
  • DURC;

RITENUTO, pertanto, di provvedere:

  • alla liquidazione alla Società Veneto Strade S.p.A., con sede in Mestre Venezia – Via Baseggio n. 5 (C.F. e P. IVA 03345230274) dell’importo di € 33.356,77 pari all’imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
  • di versare all’Erario l’IVA pari ad € 7.338,49, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e ss.mm.ii.;

VISTA l’O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 5/2019;

VISTO l’art. 6 punto 2 dell’ordinanza commissariale n. 4 del 21.4.2020 dove viene previsto che i Soggetti Attuatori, già individuati nominalmente con O.C. n. 1/2018, 2/2018, 5/2019 e 9/2019 per i “Settori Ripristino Idraulico e Idrogeologico” delle aree di Belluno, Treviso, Padova, Rovigo, Venezia, Verona, Vicenza, sono sostituiti dai Direttori delle medesime strutture regionali, competenti territorialmente, che mantengono le medesime attribuzioni già formalizzate con le precedenti Ordinanze Commissariali;

PRESO ATTO che dal 6 maggio 2021 l’Ing. Sandro De Menech svolge le funzioni di Direttore dell’Unità Organizzativa del Genio Civile di Treviso e, pertanto, anche di Soggetto Attuatore per il “Settore Ripristino Idraulico e Idrogeologico Area di Treviso”;

DECRETA

  1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
  2. di quantificare in € 40.695,26 la somma necessaria per il SALDO competenze alla Società Veneto Strade S.p.A., con sede in Mestre Venezia – Via Baseggio n. 5 (C.F. e P. IVA 03345230274), per le attività di indizione e gestione della gara di appalto relativamente ai «Lavori di rialzo argine sinistro e adeguamento quote arginali del Fiume Piave in Comune di Ponte di Piave (TV)» Codice GCTV_016 (INT. 953), di cui all’Ordinanza Commissariale n. 5/2019 Allegato A.
  3. di liquidare la fattura n. 80 del 29.4.2021 dell’importo complessivo di € 40.695,26 mediante la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:
    - di € 33.356,77 a favore della Società Veneto Strade S.p.A., con sede in Mestre Venezia – Via Baseggio n. 5 (C.F. e P. IVA 03345230274) per la quota relativa all’imponibile;
    - di € 7.338,49 a favore dell’Erario, per la quota relativa all’IVA.
  1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a “C.D.R. VENETO - O.558 - 18 E 769 – 21”, che presenta sufficiente disponibilità.
  2. di trasmettere all’Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF denominata GEOCOS.
  3. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto nell’apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO AREA DI TREVISO Sandro DE MENECH

Torna indietro