Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Ordinanza

Bur n. 14 del 30 gennaio 2024


Materia: Acque

Ordinanza DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA GENIO CIVILE VERONA n. 7 del 17 gennaio 2024

Ordinanza di ammissione ad istruttoria della domanda del Colorificio Feroni S.p.A. per concessione di derivazione d'acqua pubblica da falda sotterranea mediante pozzo esistente (foglio 45 mappale 127 ex 400) in Comune di Oppeano (VR) in via Quaiotto n. 18, ad uso antincendio. Pratica N. D/10293.

Note per la trasparenza

Provvedimento emesso al fine di acquisire eventuali osservazioni/opposizioni alla concessione d'acqua.

Estremi dei principali documenti di istruttoria:
Istanza di rinnovo concessione del 01/07/2014 prot.n. 280803 e successiva integrazione per variante del 29/05/2019 prot.n. 208441
Avviso di deposito della domanda prot.n. 625311 del 22/11/2023 pubblicato sul BUR n. 156 del 01/12/2023;
Valutazione ex ante predisposta dal Genio Civile di Verona prot.n. 625318 del 22/11/2023;
Dichiarazione Acque Veronesi s.c. a r.l.
Atto soggetto al decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33, art. 23.

Il Direttore

VISTA la domanda di rinnovo in data 01/07/2014 prot.n. 280803, successivamente aggiornata con la variante il 29/05/2019 prot.n. 208441, del Colorificio Feroni S.p.A. della concessione alla derivazione di acque pubbliche mediante n. 1 pozzo esistente nel Comune di Oppeano (VR), nel terreno catastalmente ubicato sul foglio 45 mappale 127 (ex 400), per il prelievo di medi e massimi moduli 0,08 (l/s 8) ad uso antincendio ed industriale in Comune di Oppeano (VR) in via Quaiotto n. 18;

VISTA la comunicazione del 30/10/2023 prot.n. 587648 con la quale il richiedente riformula l’istanza esclusivamente per il solo uso antincendio per il prelievo di medi e massimi moduli 0,08 (l/s 8);

VISTO l’avviso di deposito della domanda pubblicato sul BUR n.156 del 01/12/2023 a seguito del quale non sono pervenute domande concorrenti;

VISTE la dichiarazione di Acque Veronesi s.c. a r.l. prot.n. 28899 del 12/12/2023 con la quale comunica che il colorificio è titolare di un contratto di fornitura ad uso artigianale e commerciale con consumo di circa 2.900,00 mc, che allo stato attuale non è in grado di fornire l’uso antincendio per i richiesti medi e massimi l/s 8 e che non sono presenti opere di derivazione e captazione di acque destinate al consumo umano gestite da Acque Veronesi nel raggio di 200 m dal sito di interesse;

CONSIDERATO che:

  • con Deliberazione del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino del Fiume Po (ora Distretto Idrografico Padano) n. 8 del 17.12.2015 è stata adottata la c.d. “Direttiva Derivazioni” che nello specifico ridefinisce modalità e competenze per il rilascio del sopra citato parere tecnico vincolante ex art. 96 comma 1 D.Lgs. n. 152/2006;
  • l’Accordo Interdistrettuale del 6 luglio 2018 ha individuato modalità omogenee di tutela e gestione dei corpi idrici sotterranei del Veneto situati a scavalco fra le aree di competenza dei Distretti idrografici del Po e delle Alpi Orientali e secondo il quale la valutazione delle captazioni dall’acquifero sotterraneo nella Regione del Veneto viene posta in essere con la metodologia contenuta nella Direttiva Derivazioni del Distretto Idrografico delle Alpi Orientali anche per le derivazioni ricadenti in territorio di competenza del Distretto Idrografico Padano.
  • con Circolare prot. n. 477550 del 13/10/2022 la Regione Veneto - Area Tutela e Sviluppo - Direzione Uffici Territoriali per il Dissesto Idrogeologico – U.O. Genio civile Venezia ha stabilito la procedura con la quale la U.O. Genio Civile territorialmente competente procede in autonomia a valutare le nuove domande di concessione e quelle di variante applicando la metodologia descritta al punto 5 dell’approccio metodologico per la Valutazione Ambientale Ex Ante delle derivazioni idriche, stabilita nel volume 6/c Direttiva Derivazioni del Piano di Gestione delle Acque, aggiornamento 2022-2027 allegato alla Delibera n. 2 della Conferenza Istituzionale Permanente del Distretto Idrografico delle Alpi Orientali del 20/12/2021;

VISTO l’esito della Valutazione ex ante predisposta dal Genio Civile di Verona prot.n. 625318 del 22/11/2023 che rileva una classe di impatto “TRASCURABILE” unitamente ad un rischio ambientale “BASSO” con conseguente AMMISSIBILITA’ dell’istanza in oggetto;

VISTI il R.D. 1775/33 e ss. mm. ii. Testo Unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici, il D.Lgs.n.112/98, la D.C.R.V. 107/2009 e s.m.i. e le D.G.R.V. nn. 694/2013 e 1628/2015;

ordina

  1. Che la domanda di cui sopra, corredata degli elaborati di progetto, venga depositata presso la sede dell’Ufficio Gestione Risorse Idriche della Unità Organizzativa Genio Civile di Verona in Piazzale Cadorna n. 2 – 37126 – Verona, per 30 (trenta) giorni consecutivi a decorrere dalla data di affissione della presente all’Albo, a disposizione di chiunque intenda prenderne visione nelle ore d’apertura dell’ufficio.
  2. Che copia della presente ordinanza venga inviata al Comune di Oppeano (VR) perché venga affissa all’Albo Pretorio comunale per 30 giorni consecutivi.
  3. Che eventuali osservazioni/opposizioni, in merito alla richiesta di concessione, potranno essere presentate alla Unità Organizzativa Genio Civile di Verona, oppure al Comune di Oppeano (VR) entro e non oltre 30 gg. dalla data di pubblicazione della presente ordinanza.
  4. Che copia della medesima ordinanza venga inviata inoltre a tutti gli Enti/Uffici interessati dal procedimento.
  5. Che ai sensi della DGR Veneto n. 642 del 22/03/2002, la visita locale d’istruttoria venga omessa essendo l’Ufficio a conoscenza della tipologia dell’opera da eseguirsi nonché dei luoghi di ubicazione della derivazione.
  6. Che al termine della pubblicazione il Comune provveda alla trasmissione del referto di pubblicazione segnalando l’avvenuto deposito di osservazioni/opposizioni.
  7. Di pubblicare integralmente la presente ordinanza nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto ai sensi della legge regionale 27 dicembre 2011 n. 29 e della DGR 14 maggio 2013 n. 677.

Domenico Vinciguerra

Torna indietro