Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 10 del 19 gennaio 2024


Materia: Agricoltura

Deliberazione della Giunta Regionale n. 12 del 16 gennaio 2024

Approvazione dello schema di Accordo Quadro tra la Regione del Veneto, l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l'Agenzia Veneta per l'innovazione nel Settore primario.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si intende autorizzare la stipula di un accordo quadro tra la Regione del Veneto, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario per l'avvio di una collaborazione finalizzata alla promozione, allo sviluppo e al consolidamento di iniziative volte a supportare il progetto sulle Piccole Produzioni Locali di cui alla D.G.R. n. 1173 del 24 agosto 2021.

Il Presidente Luca Zaia riferisce quanto segue.

Il progetto della Regione del Veneto sulle Piccole Produzioni Locali è iniziato nel 2007 con un percorso sperimentale a supporto della produzione e della vendita, da parte degli imprenditori agricoli e ittici, di piccoli quantitativi di prodotti alimentari, primari e trasformati, ottenuti a partire da produzioni aziendali. Tali prodotti sono riconoscibili dalle indicazioni presenti in etichetta che riportano il logo del progetto e la dicitura "PPL venete". Nell'ambito del progetto sperimentale, la Regione del Veneto, in collaborazione con le Aziende ULSS, l'Istituto Zooprofilattico delle Venezie (IZSVe) e le associazioni di categoria del settore primario, ha indirizzato gli operatori all'applicazione di forme di autocontrollo semplificato, supportato da documenti e manuali di buone pratiche all'uopo predisposti e dalla specifica formazione per gli operatori che aderiscono al progetto.

Con la D.G.R. n. 2016 del 3 luglio 2007 erano stati stabiliti i principi della disciplina e, dopo una serie di aggiornamenti avvenuti nel corso degli anni, da ultimo con la D.G.R. n. 1248 dell’1 settembre 2020 e la D.G.R. n. 1173 del 24 agosto 2021 è stata riorganizzata la disciplina regionale in maniera sistematica: in particolare, sono stati ampliati il paniere dei prodotti oggetto del progetto e la platea degli operatori del settore alimentare (OSA) che possono aderirvi, è stata aggiornata la procedura di iscrizione al progetto mediante il sito web dedicato ed è stato aggiornato il percorso formativo previsto per gli operatori.

Tutto ciò premesso, con il presente provvedimento si intende avviare una collaborazione istituzionale tra la Regione del Veneto, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (di seguito denominato “l’Istituto”), il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali (di seguito denominato “il Consorzio”) e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario (di seguito denominata “l’Agenzia”), rilevato l'indubbio beneficio che lo stesso apporterebbe allo sviluppo del progetto “PPL venete” nel territorio regionale.

Va infatti ricordato che la Regione del Veneto ha, tra le proprie finalità statutarie, quella di assicurare il diritto alla salute nonché il riconoscimento della libera iniziativa economica, individuale e collettiva e favorire lo svolgimento dell'iniziativa privata con particolare riguardo alle piccole e medie imprese, la tutela e la valorizzazione degli aspetti tipici e caratteristici delle produzioni venete.

L’Istituto nell’ambito del progetto “PPL venete” fornisce già il supporto tecnico alla Regione del Veneto e alle Aziende ULSS per le attività di valutazione del rischio, la formazione degli operatori, lo sviluppo degli applicativi e del sito web dedicato. L’Istituto inoltre, tra i propri compiti statutari, ha l’attività di accertamento dello stato sanitario degli animali e di salubrità degli alimenti nonché di ricerca scientifica sperimentale.

L’Agenzia ha tra le proprie finalità: la ricerca applicata e la sperimentazione finalizzate al collaudo e alla diffusione in ambito regionale delle innovazioni tecnologiche e organizzative volte a migliorare la competitività delle imprese e delle filiere  produttive, […] nei comparti agricolo, agroalimentare, forestale e della pesca;  la diffusione, il supporto e il trasferimento al sistema produttivo delle innovazioni tecnologiche, organizzative, di processo e di prodotto, […] di diversificazione delle attività, volte a migliorare la competitività delle imprese e la sostenibilità ambientale nei comparti, agricolo […]; la salvaguardia e la tutela delle biodiversità vegetali e animali di interesse agrario, naturalistico e ittico […] sulla base delle linee di indirizzo approvate dalla Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare. Inoltre ha la funzione di promozione e organizzazione dell’attività di certificazione, che svolge attraverso la partecipata CSQA.

Il Consorzio, infine, riunisce aziende che hanno aderito al progetto “PPL venete” della Regione del Veneto ed ha quale scopo fondante la valorizzazione e la promozione della produzione, della trasformazione e della vendita – direttamente da parte degli imprenditori agricoli/ittici – di piccoli quantitativi di prodotti alimentari, primari o trasformati, ottenuti esclusivamente da produzioni aziendali effettuate nel rispetto dei principi di salubrità, marginalità, ristrettezza e specificità, stagionalità, localizzazione delle produzioni così come anche definiti dall’Allegato A alla D.G.R. n. 1173/2021 e s.m.i.

Alla luce delle positive esperienze maturate nell’ambito del progetto “PPL venete”, la Regione del Veneto, l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario, hanno condiviso l'opportunità di dare avvio ad una strategica forma di collaborazione tra le parti.

Il raggio d'azione dell'accordo quadro in argomento sarà volutamente esteso, in modo da garantire un’ampia sinergia operativa tra le parti sottoscrittici dello stesso.

Nello specifico, rinviando al contenuto dell'accordo quadro per una più precisa individuazione dei singoli ambiti di intervento e delle clausole regolatrici dello stesso, si possono richiamare:

  1. supporto, anche tecnico-sanitario, alla produzione e alla vendita delle Piccole Produzioni Locali di cui alla D.G.R. n. 1173/2021 e s.m.i.
  2. pianificazione di azioni volte a rendere sempre più competitive le aziende di cui alla lettera a);
  3. eventuale messa a disposizione di materiali, attrezzature, personale e risorse finanziarie per il sostegno alle suddette iniziative, con particolare riguardo alle attività di natura igienico sanitaria;
  4. predisposizione di specifici protocolli operativi tra le Parti, per le finalità di cui al presente accordo quadro; 
  5. definizione e applicazione di strategie per la garanzia della sicurezza alimentare delle produzioni;
  6. realizzazione di azioni volte all’eventuale conseguimento dei requisiti necessari per la certificazione di qualità dei prodotti delle PPL; 
  7. collaborazioni su temi specifici anche in sinergia con altri enti, in coerenza con le finalità del presente accordo quadro;
  8. attività di analisi a supporto di problematiche di interesse comune, da realizzarsi anche attraverso la sistematicità degli scambi delle informazioni utili;
  9. predisposizione e aggiornamento di manuali operativi per categorie di prodotti;
  10. promozione della formazione necessaria a tutti gli operatori del settore coinvolti.

Al fine di coordinare le azioni da intraprendere, stabilendone priorità e tempistica e per garantire una efficace attuazione delle attività dirette al perseguimento delle finalità del presente accordo quadro, è prevista l'istituzione di una Cabina di Regia così composta: fino a due rappresentanti ciascuno del Consorzio, dell’Istituto, dell’Agenzia e della Regione del Veneto, che provvederà alla convocazione, una volta designati i componenti.

E' demandata al Segretario Generale della Programmazione l'individuazione dei due rappresentanti regionali partecipanti alla citata Cabina di Regia.

L'Accordo ha durata di tre anni a decorrere dalla data di stipula e potrà essere rinnovato sulla base di un accordo scritto approvato dagli organi competenti delle Parti. Lo stesso non comporta oneri a carico delle Parti.

Tutto ciò premesso, la nuova forma di collaborazione tra la Regione del Veneto, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario, potrà avvenire secondo lo schema di accordo quadro contenuto nell'Allegato A al presente provvedimento, di cui costituisce parte integrante e sostanziale.

Si autorizza sin d'ora il Presidente della Giunta regionale o un suo delegato alla sottoscrizione dell’accordo quadro e i Direttori delle strutture regionali competenti alla stipula degli specifici accordi attuativi dell’accordo medesimo.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la Legge n. 30 del 1 aprile 2022 “Norme per la valorizzazione delle piccole produzioni agroalimentari di origine locale.”

VISTA la D.G.R. n. 2016 del 3 luglio 2007 avente ad oggetto “Applicazione Regolamenti CE nn.852, 853, 854 e 882/2004, e successive modifiche e integrazioni, per piccole realtà produttive” e s.m.i.;

VISTA la D.G.R. n. 1248 dell’1 settembre 2020 avente ad oggetto “Progetto Piccole Produzioni Locali - PPL Venete: riordino della disciplina regionale relativa al progetto. Modifica della D.G.R. n. 2162/2017”;

VISTA la D.G.R. n. 1173 del 24 agosto 2021 avente ad oggetto “Riordino delle disposizioni relative al Progetto “Piccole Produzioni Locali – PPL Venete”;

VISTO l'art. 2, comma 2, lett. o) della legge regionale n. 54 del 31 dicembre 2012;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare lo schema di accordo quadro tra la Regione del Veneto, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario, per l'avvio di una collaborazione finalizzata alla promozione, allo sviluppo e al consolidamento di iniziative volte a supportare il progetto sulle Piccole Produzioni Locali di cui alla D.G.R. n. 1173 del 24 agosto 2021 avente ad oggetto “Riordino delle disposizioni relative al Progetto “Piccole Produzioni Locali – PPL Venete”, e analiticamente descritte nell'accordo stesso, secondo lo schema contenuto nell' Allegato A al presente provvedimento, del quale costituisce parte integrante e sostanziale;
  3. di incaricare il Presidente della Giunta regionale o un suo delegato alla sottoscrizione dell'accordo quadro di cui al precedente punto 2., autorizzando fin d'ora eventuali modifiche e/o adattamenti aventi carattere formale e non sostanziale che si rendessero necessari;
  4. di demandare a successivi specifici accordi attuativi, da stipularsi tra le competenti Strutture regionali, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, il Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e l’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario, la concreta attuazione dell'accordo quadro;
  5. di demandare al Segretario Generale della Programmazione  l'individuazione dei due rappresentanti regionali  partecipanti alla Cabina di regia, costituita con altrettanti rappresentanti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, del Consorzio PPL Venete - Piccole Produzioni Locali e dell’Agenzia Veneta per l’innovazione nel Settore primario;
  6. di incaricare la Direzione Prevenzione, Sicurezza alimentare, Veterinaria, dell'esecuzione della presente deliberazione;
  7. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  8. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

Dgr_12_24_AllegatoA_521121.pdf

Torna indietro