Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 159 del 07 dicembre 2023


Materia: Viabilità e trasporti

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1493 del 04 dicembre 2023

Approvazione del riparto dei finanziamenti straordinari destinati a sostenere il settore del trasporto pubblico locale nell'esercizio 2023. L.R. n. 28 del 10.11.2023.

Note per la trasparenza

Il presente provvedimento approva il riparto dei finanziamenti straordinari stanziati con L.R. n. 28 del 10.11.2023 e destinati a sostenere il settore del trasporto pubblico locale nell’esercizio 2023. 

Il Vicepresidente Elisa De Berti riferisce quanto segue.

Con Legge regionale n. 28 del 10.11.2023 è stata approvata la prima variazione generale al bilancio di previsione 2023-2025 prevedendo il finanziamento complessivo di 14,7 milioni di Euro a favore del comparto del trasporto pubblico locale.

Tale scelta è conseguente alla valutazione delle pesanti difficoltà finanziarie del settore del trasporto pubblico locale, che tuttora risente degli effetti delle crisi intervenute negli ultimi anni.

Il calo dei ricavi da traffico e le misure di tutela adottate nel periodo dell’emergenza pandemica, il rincaro dei prodotti energetici (carburante ed energia elettrica) in un contesto di aumento generale dei costi di produzione dei servizi, l’insufficiente dotazione del Fondo nazionale per il trasporto pubblico locale hanno reso difficile per gli Enti affidanti mantenere l’equilibrio finanziario dei contratti di servizio.

In tale situazione di difficoltà finanziaria, gli Enti di governo dei bacini del trasporto pubblico locale hanno approvato nell’estate del 2023 manovre tariffarie che hanno portato all’incremento del prezzo applicato all’utenza dei principali titoli di viaggio (biglietti ed abbonamenti), con percentuali che hanno raggiunto un valore percentuale del 33%.  Ciononostante, la situazione di copertura dei costi di produzione dei servizi minimi rimane gravemente deficitaria per la persistente minore domanda di mobilità espressa dal territorio e per gli effetti dell’aumento dei costi di produzione dei servizi.

Alla situazione di criticità sopra descritta si è aggiunta la recente carenza di personale di guida che ha messo a rischio la copertura dei turni lavorativi e dei servizi programmati, costringendo Enti ed aziende ad interventi di riorganizzazione e razionalizzazione di percorsi e frequenze.

I finanziamenti consentiranno di integrare quanto già assegnato con DGR n. 642 del 30.05.2023, in modo tale da assicurare l’equilibrio dei contratti di servizio sottoscritti tra Enti affidanti ed aziende affidatarie e limitare il rischio di ulteriori manovre di rialzo delle tariffe applicate all’utenza.

Si ritiene pertanto di procedere con il presente atto ad assegnare le risorse rese disponibili dalla L.R. n. 28 del 10.11.2023, e complessivamente ammontanti a 14.700.000,00 Euro agli Enti affidanti per l’esercizio dei servizi minimi di trasporto pubblico locale, ad integrazione di quanto già assegnato con DGR n. 642/2023, come dettagliato nell’Allegato A al presente provvedimento, quale sua parte integrante e sostanziale.

I finanziamenti in argomento sono assegnati agli Enti affidanti per l’esercizio in corso, a titolo di incremento percentuale dei corrispettivi unitari, in proporzione dei valori a suo tempo stabiliti con la DGR n. 794 del 31.05.2013, secondo quanto riportato nell’Allegato A alla presente deliberazione, e devono considerarsi al netto dell’IVA.

Detti stanziamenti integrativi, come peraltro i finanziamenti che saranno allocati nei prossimi esercizi finanziari, salvo diverse disposizioni adottate dalla Giunta regionale, soggiacciono alle medesime disposizioni dettate con la predetta DGR n. 642/2023 per quanto attiene alla facoltà, lasciata agli Enti di Governo, nell’ambito della loro competenza pianificatoria e gestionale, di riconoscere una flessibilità massima nelle percorrenze, entro il limite del 5% rispetto al livello di servizio fissato con il citato provvedimento, senza tuttavia determinare riduzioni dei corrispettivi totali a livello di ciascun bacino.

Inoltre, con il presente provvedimento si dispone che è altresì facoltà degli enti/aziende utilizzare, a titolo di anticipazione, parte dell'importo assegnato di cui all'Allegato A, a copertura dei servizi resi per effetto delle misure di tutela e riorganizzazione dei servizi applicate nel periodo di emergenza sanitaria.

Le suddette somme potranno essere recuperate nei limiti degli stanziamenti che sono stati riconosciuti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e nelle more dei futuri trasferimenti erariali.
Come già previsto negli atti di riparto approvati dalla Giunta regionale per i precedenti esercizi, l’attribuzione alle singole aziende della quota ad esse spettante dei presenti finanziamenti resta in carico ai singoli Enti di Governo, sulla base della presente ripartizione e tenendo conto di eventuali necessità di diversa distribuzione dei servizi purché coerenti con le indicazioni già formulate dalla Regione circa trasferimenti/scambi di percorrenze all’interno dei singoli bacini.

In sede di chiusura dei Bilanci dell’esercizio 2023 e di monitoraggio dei dati consuntivi, gli enti affidanti provvederanno alla verifica degli equilibri contrattuali dei rispettivi contratti, al fine di accertare l’assenza di eventuali forme di sovracompensazione, e all’eventuale conseguente restituzione delle somme percepite in eccedenza. Nell’effettuazione della predetta verifica di sovracompensazione, da effettuarsi secondo i criteri già utilizzati per gli esercizi precedenti, ciascun ente affidante terrà conto di tutte le assegnazioni a valere sull’esercizio 2023 a copertura dei costi di esercizio.

Il Direttore della Direzione Infrastrutture e Trasporti provvederà con propri atti all’assunzione dei conseguenti adempimenti di spesa, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo di spesa a finanziamento regionale del Bilancio di previsione 2023-2025 n. 045770 denominato “Interventi per far fronte agli oneri derivanti dall'effettuazione dei servizi minimi automobilistici e lagunari (artt. 20, 32, l.r. 30/10/1998, n.   25)”.

Si dà atto infine che, relativamente al presente provvedimento, il Direttore della Direzione Infrastrutture e Trasporti è autorizzato ad apportare, con propri atti, le modifiche che si rendessero necessarie per ovviare ad eventuali errori materiali di calcolo o di arrotondamento.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

Visto il D.Lgs. n. 422/97 "Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59" e successive modificazioni;

Visto il D.Lgs. n. 118/2011;

Vista la L.R. n. 25/1998 e successive modificazioni e integrazioni;

Vista la L.R. n. 39/2001;

Vista la L.R. n. 28/2023;

Vista la D.G.R. n. 794/2013;

Vista la D.G.R. n. 53/2023;

Vista la D.G.R. n. 642/2023;

Visto il decreto n. 71/2022 del Direttore dell’Area Risorse Finanziarie, Strumentali, ICT ed Enti Locali;

Visto il decreto n. 1/2023 del Segretario Generale della Programmazione;

Visto l'art. 2, comma 2 lett. a) e b) della legge regionale n. 54 del 31.12.2012 e ss.mm.ii.;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare il riparto per l'anno 2023 dei finanziamenti previsti dalla Legge regionale n. 28 del 10.11.2023 pari a 14.700.000,00 Euro a valere sulle risorse stanziate in bilancio regionale, da destinare agli Enti affidanti servizi di trasporto pubblico locale per l’esercizio dei servizi minimi di trasporto pubblico locale, come dettagliato nell’Allegato A al presente provvedimento, quale sua parte integrante e sostanziale;
  3. di stabilire che detti stanziamenti integrativi, come peraltro i finanziamenti che saranno allocati nei prossimi esercizi finanziari, salvo diverse disposizioni adottate dalla Giunta regionale, soggiacciono alle medesime disposizioni di cui alla DGR n. 642 del 30.05.2023 per quanto attiene alla facoltà, lasciata agli Enti di Governo, nell’ambito della loro competenza pianificatoria e gestionale, di riconoscere una flessibilità massima nelle percorrenze, entro il limite del 5% rispetto al livello di servizio fissato con il citato provvedimento, senza tuttavia determinare riduzioni dei corrispettivi totali a livello di ciascun bacino;
  4. di determinare in 14.700.000,00 Euro l’importo massimo delle obbligazioni di spesa relative al riparto di cui al precedente punto 2. alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Infrastrutture e Trasporti entro il corrente esercizio, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo di spesa n. 45770 denominato “Interventi per far fronte agli oneri derivanti dall'effettuazione dei servizi minimi automobilistici e lagunari (artt. 20, 32, l.r. 30/10/1998, n.25)” del Bilancio di previsione 2023-2025;
  5. di dare atto che la Direzione Infrastrutture e Trasporti alla quale è stato assegnato il capitolo di spesa di cui al precedente punto 4 ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza;
  6. di incaricare la Direzione Infrastrutture e Trasporti dell’esecuzione del presente atto;
  7. di incaricare il Direttore della Direzione Infrastrutture e Trasporti ad apportare con propri atti le modifiche all’Allegato A del presente provvedimento, quale sua parte integrante e sostanziale, che si rendessero necessarie per ovviare ad eventuali errori materiali di calcolo o di arrotondamento;
  8. di informare che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale avanti il Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’avvenuta conoscenza, ovvero, alternativamente, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni;
  9. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;
  10. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

Dgr_1493_23_AllegatoA_518114.pdf

Torna indietro