Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 152 del 24 novembre 2023


Materia: Edilizia abitativa

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1355 del 15 novembre 2023

Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell'Abitare (PINQuA). Stato di attuazione delle iniziative finanziate. Legge 27.12.2019, n. 160, art. 1, commi 437 e seguenti. Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali n. 395 del 16.09.2020.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento la Giunta regionale prende atto dello stato di attuazione delle iniziative che sono in fase di progettazione da parte dei Soggetti attuatori A.T.E.R di Padova e Comune di Este (PD) per le iniziative in Comune di Este (PD) ed U.L.S.S. 7 “Pedemontana” di Bassano del Grappa (VI) per l’iniziativa in Comune di Marostica (VI) e provvedere ad incaricare le strutture regionali per le necessarie verifiche con il Servizio Centrale del PNRR.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

L’art. 1, comma 437, della Legge 27.12.2019, n. 160 recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2020)” ha promosso il Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare, nel seguito indicato come "PINQuA", finalizzato a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio – economico, a incrementare l’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, nonché a migliorare la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini.

Con Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 395 del 16.09.2020, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze e con il Ministro per i Beni Culturali e per il Turismo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 285 del 16.11.2020, sono state approvate le procedure per la presentazione delle proposte, i criteri per la valutazione e le modalità di erogazione dei finanziamenti per l'attuazione del PINQuA.

A seguito della ricognizione delle proposte avanzate dalle Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale quali enti strumentali della Regione in materia di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.), nonché da altri Enti del territorio, con D.G.R. n. 273 del 09.03.2021 la Regione del Veneto ha proposto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (M.I.T.) le iniziative ritenute maggiormente idonee alla rigenerazione di tessuti e ambiti urbani particolarmente degradati e carenti di servizi non dotati di adeguato equipaggiamento strutturale e ne ha assunto la regia ai fini della presentazione al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (M.I.T.).

Le tre iniziative individuate sono le seguenti:

  • A.T.E.R di Padova, con l’intervento di rigenerazione di ambiti urbani degradati nel Centro storico o attigui ad esso del Comune di Este (PD), con interventi eseguiti dall’Azienda medesima, dal Comune di Este (PD) e da soggetti privati, attraverso specifiche convenzioni/protocolli;
  • U.L.S.S. 7 “Pedemontana”, con la riqualificazione di alcuni edifici facenti parte del Centro Socio Sanitario denominato “Prospero Alpino” nel Comune di Marostica (VI);
  • A.T.E.R. di Verona, con l’intervento di rigenerazione dell’ex area PEEP in località “Casette” nel Comune di Legnago (VR).

Nella graduatoria dell’Alta Commissione, alla quale il Decreto Ministeriale n. 395/2020 ha affidato la valutazione delle proposte e i cui lavori si sono conclusi in data 20.07.2021, le richiamate iniziative si sono classificate come di seguito riportato:

  • posizione n. 50 – Intervento realizzato dall’A.T.E.R. di Padova e dal Comune di Este (PD), con un finanziamento assentito pari ad Euro 15.000.000,00;
  • posizione n. 124 – Intervento realizzato dell’U.L.S.S. 7 Pedemontana, con un finanziamento assentito pari ad Euro 11.830.000,00;
  • posizione n. 160 – Intervento dell’A.T.E.R. di Verona, con un finanziamento assentito pari ad Euro 15.000.000,00.

Successivamente, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (M.I.M.S.) con Decreto n. 383 del 07.10.2021, ha finanziato la graduatoria nazionale di progetti PINQuA con l’assegnazione complessiva pari ad Euro 2.821.193.349,00 di cui Euro 2.800.000.000,00 con lo stanziamento delle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) nell’ambito della “M5C2” (Missione 5, Componente 2, Investimento 2.3).

Conseguentemente, la valutazione che l’utilizzo di risorse provenienti dal PNRR in luogo di quelle ministeriali comporta un orizzonte temporale di utilizzo delle medesime nel periodo 2021-2026 ponendo il problema della ridefinizione delle tempistiche, dal momento che l’originario termine di cui al Decreto Ministeriale n. 395/2020 per la realizzazione delle proposte era fissato al 31.12.2033, mentre il nuovo termine imposto dal PNRR scade il 31.03.2026.

Con successivo Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 166 del 6.12.2021, ratificato con D.G.R. n. 1756 del 09.12.2021, è stato confermato l’interesse della Regione del Veneto ad accedere alle risorse stanziate nell’ambito del PINQuA a favore dei richiamati interventi ammessi a finanziamento, che devono realizzati dall’A.T.E.R. di Padova e dal Comune di Este (PD), dall’U.L.S.S. 7 “Pedemontana” e dall’A.T.E.R. di Verona e con note prot. 571695, 571704 e 571715 del 06.12.2021 della Unità Organizzativa Edilizia si è provveduto a trasmettere al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili le tre accettazioni dei contributi con allegati i nuovi cronoprogrammi assentiti dai Soggetti attuatori medesimi.

Successivamente con nota prot. n. 2363 del 21.02.2022 il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha comunicato alla Regione del Veneto l’avvenuta pubblicazione in data 11.02.2022 del Decreto direttoriale del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili n. 804 del 20.01.2022, a seguito della registrazione da parte degli Organi di controllo, e sono stati inviati gli schemi di Convenzione da sottoscrivere entro il 01.03.2022, relativamente alle iniziative ammesse a finanziamento di cui all’Allegato “A” – Progetti Ordinari del medesimo Decreto direttoriale n. 804/2022.

Si tratta degli interventi che devono essere realizzati dall’A.T.E.R. di Padova ed dal Comune di Este (PD) (Soggetti attuatori dell’iniziativa ID-358) e dall’U.L.S.S. 7 Pedemontana (Soggetto attuatore dell’iniziativa ID-359) previa convenzione tra il medesimo Ministero e la Regione del Veneto, individuata quale Soggetto beneficiario dei finanziamenti PINQuA, la quale provvederà a sua volta alla stipula di appositi atti con i Soggetti attuatori su indicati per dare completa e regolare attuazione all’iniziativa.

Si precisa che delle richiamate n. 3 iniziative non è stato invece ammesso a finanziamento il programma d’intervento dell’A.T.E.R. di Verona in Comune di Legnago (VR), in quanto non collocato in posizione utile di graduatoria.

L’Amministrazione regionale (Soggetto beneficiario) ha quindi sottoscritto in data 09.03.2022 con il competente Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili apposita Convenzione che disciplina i rapporti e gli adempimenti previsti. In particolare, all’art. 6 (Termini di attuazione della proposta, durata e importo della convenzione) il comma 1 prescrive che le azioni della proposta dovranno essere portate materialmente a termine e completate entro la scadenza indicata per il conseguimento del target associato all’intervento PNRR di riferimento (M5C2-20), fissata al 31.03.2026.

Della citata Convenzione, si richiama in particolare l’art. 8 (Obblighi del soggetto beneficiario PINQuA), sesta alinea, che riporta: “…Omissis…dare piena attuazione alla proposta, ammessa a finanziamento dall’Amministrazione responsabile garantendo l’avvio tempestivo delle attività progettuali per non incorrere in ritardi attuativi e concludere il progetto nella forma, nei modi e nei tempi previsti, nel rispetto della tempistica prevista dal relativo cronoprogramma e dei milestone e target associati all’intervento PNRR di riferimento…Omissis…”.

Inoltre, si fa presente quanto previsto all’art. 12 della medesima Convenzione (Casi di riduzione o revoca dei contributi e risoluzione della convenzione) punto 1, lettera b) che riporta: “…Omissis…Qualora l'attuazione della proposta dovesse procedere in sostanziale difformità dalle modalità, dai tempi, dai contenuti, dalle finalità e dagli obblighi sanciti e prescritti dalla normativa comunitaria e nazionale applicabile alla presente Convenzione e dal PNRR, ovvero, qualora si individuino eventuali scostamenti e disallineamenti rispetto a quanto programmato, l’Amministrazione responsabile titolare dell’intervento PNRR valuta, congiuntamente con il Servizio Centrale per il PNRR, la portata e la natura delle variazioni e il loro impatto su elementi sostanziali della proposta (come i tempi di realizzazione, i costi stimati, gli indicatori di realizzazione) ed adotta tutte le iniziative necessarie a correggere e sanzionare le irregolarità, ovvero avvia le più opportune forme di riduzione o revoca dei contributi, come previsto dall’art. 8 del DL 77/2021…Omissis…”.

Da ultimo, con nota congiunta prot. n. 919 del 27.10.2023 del Ministero per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di coesione e il PNRR e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, acquisita al protocollo regionale n. 587191 del 30.10.2023, è stato richiesto alla Regione del Veneto sia l’aggiornamento nel sistema di monitoraggio ReGiS dei dati relativi alle citate iniziative PINQuA ID-358 e ID-359 già in capo ai Soggetti attuatori ai sensi di quanto previsto dalle disposizioni normative ed attuative del PNRR, sia la compilazione di una “Scheda di Ricognizione” in merito allo stato di attuazione delle trattate iniziative da restituire entro il 03.11.2023.

Tenuto conto che entro il richiamato termine del 03.11.2023 l’A.T.E.R. di Padova e l’U.L.S.S. 7 Pedemontana hanno trasmesso la “Scheda di Ricognizione” debitamente compilata mentre il Comune di Este (PD) ha trasmesso una “Scheda di Ricognizione” fortemente incompleta, il Direttore dell’Area Infrastrutture, Trasporti, Lavori Pubblici e Demanio, con nota prot. n. 597139 del 03.11.2023, ha dato riscontrato ai competenti Ministeri trasmettendo la tabella compilata sulla base delle informazioni fornite dai richiamati Soggetti attuatori, riservandosi tuttavia di trasmettere le integrazioni a seguito della trasmissione dei dati dal Comune di Este (PD).

Con nota prot. n. 44571 del 09.11.2023 il Comune di Este (PD) ha provveduto ad inviare la citata “Scheda di Ricognizione” completa ed è così stato possibile da parte della Direzione Lavori Pubblici ed Edilizia predisporre una scheda cumulativa con le informazioni fornite da tutti i Soggetti attuatori di cui alle iniziative ID-358 ed ID-359, come riportate nell’Allegato A che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto.

Per tale Programma innovativo (PINQuA) il cronoprogramma procedurale prevede che - entro il termine intermedio del 05.12.2023 per l’iniziativa ID-358 realizzata congiuntamente dall’A.T.E.R. di Padova e Comune di Este (PD) e dell’11.12.2023 per l’iniziativa ID-359 realizzata dall’U.L.S.S. 7 Pedemontana, come previsto dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 01.08.2023 - i richiamati Soggetti attuatori provvedano alla trasmissione della documentazione di cui al comma 3, art. 3 del Decreto ministeriale n. 804/2022, ed in particolare all’invio della “Determina a contrarre, o atto equivalente, dal quale si evincano: il livello di progettazione posto a base di gara, la validazione del progetto e la modalità di affidamento”, oltre al rispetto del termine finale del 31.03.2026 per l’ultimazione degli interventi ammessi a finanziamento con il PNRR.

Dalle informazioni fornite dai Soggetti attuatori si rileva che solo l’iniziativa che sarà realizzata dall’U.L.S.S. 7 Pedemontana (ID-359) potrà rispettare il citato termine intermedio dell’11.12.2023, mentre per l’iniziativa ID-358, congiuntamente in capo ai Soggetti attuatori A.T.E.R. di Padova e Comune di Este (PD), non se ne prevede il rispetto e se ne indica il posticipo a non prima del mese di giugno 2024.

Tutto ciò premesso, si propone di incaricare l’Assessore al Territorio - Cultura - Sicurezza – Flussi migratori - Caccia e pesca di trasmettere ai Ministeri competenti, in riscontro alla citata nota pervenuta il 30.10.2023, la “Scheda di Ricognizione” definitiva, così come riportato nell’Allegato A del presente provvedimento.

Si propone, altresì, di incaricare la Direzione Lavori Pubblici ed Edilizia ad avviare le iniziative necessarie, secondo quanto previsto dall’art. 12 della Convenzione del 09.03.2022 tra la Regione del Veneto ed il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, per valutare congiuntamente al Servizio Centrale per il PNRR le più opportune azioni da assumere in relazione all’andamento dei cronoprogrammi degli interventi, così come rappresentati dai Soggetti attuatori.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTA la Legge 27.12.2019, n. 160, art. 1, commi 437 e seguenti;

VISTA la Deliberazione di Giunta regionale n. 273 del 09.03.2021;

VISTO il Decreto ministeriale del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili n. 804 del 20.01.2022;

VISTA la Convenzione sottoscritta in data 09.03.2022 tra la Regione del Veneto ed il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili;

VISTA la Legge regionale 31.12.2012, n. 54;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  1. di prendere atto dello stato di attuazione delle iniziative che sono in fase di progettazione da parte dei Soggetti attuatori A.T.E.R di Padova e Comune di Este (PD) per le iniziative in Comune di Este (PD) ed U.L.S.S. 7 “Pedemontana” di Bassano del Grappa (VI) per l’iniziativa in Comune di Marostica (VI), a valere sul Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare (PINQuA) e sue successive integrazioni, come riportato nella “Scheda di Ricognizione” Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  1. di incaricare l’Assessore al Territorio - Cultura - Sicurezza – Flussi migratori - Caccia e pesca di trasmettere al Ministero per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di coesione e il PNRR e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in quanto competenti, in riscontro alla nota del 27.10.2023, la “Scheda di Ricognizione”, così come riportato nell’Allegato A del presente provvedimento;
  1. di incaricare la Direzione Lavori Pubblici ed Edilizia ad avviare le iniziative necessarie, secondo quanto previsto all’art. 12 della Convenzione sottoscritta il 09.03.2022 tra la Regione del Veneto ed il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, per valutare congiuntamente al Servizio Centrale per il PNRR le più opportune azioni da adottare in relazione all’andamento dei cronoprogrammi degli interventi, così come rappresentati dai Soggetti attuatori;
  1. di incaricare la Direzione Lavori Pubblici ed Edilizia dell’esecuzione del presente atto;
  1. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spese a carico del bilancio regionale;
  1. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

Dgr_1355_23_AllegatoA_517124.pdf

Torna indietro