Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 149 del 14 novembre 2023


Materia: Cultura e beni culturali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1315 del 30 ottobre 2023

Partecipazione della Regione del Veneto al Consorzio Verona Accademia per l'Opera Italiana. Assegnazione della quota di partecipazione regionale per l'esercizio finanziario 2023. Legge regionale 16 febbraio 2010 n. 11, art. 41.

Note per la trasparenza

La Regione del Veneto dal 2010 ha aderito in qualità di ente sostenitore al Consorzio Verona Accademia per l’Opera Italiana, che si occupa della promozione di giovani artisti specializzati nel settore del Teatro dell’opera e della produzione di spettacoli. Con il presente provvedimento si dispone la partecipazione regionale per l’anno 2023.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

In considerazione della prestigiosa tradizione che il Veneto vanta in ambito musicale, la Regione del Veneto promuove la diffusione della cultura e della musica, anche in collaborazione con soggetti pubblici e privati, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare la ricca tradizione italiana e veneta, anche attraverso la sperimentazione di nuovi linguaggi artistici dovuti all’innovazione tecnologica e alle opportunità determinate dai mutamenti degli scenari economici e culturali, nazionali ed internazionali, a partire dalle vocazioni artistiche e formative dei singoli contesti territoriali.

La Regione del Veneto ha sottoscritto un protocollo d’intesa in data 21 gennaio 2008 con il Ministero dell’Università e della Ricerca, il Conservatorio di Musica “E.F. Dall’Abaco” e la Fondazione Arena di Verona, l’Accademia Nazionale di Danza e l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma, l’Università degli Studi e l’Accademia di Belle Arti di Verona, il Comune e la Provincia di Verona per la creazione di un Polo nazionale artistico di alta specializzazione sul teatro musicale e coreutico e in data 26 maggio 2008 è stato costituito il Consorzio denominato “Verona Accademia per l’Opera Italiana”, promosso e sostenuto dalle istituzioni firmatarie del Protocollo d’intesa.

Con tali finalità l’art. 41 della Legge regionale 16 febbraio 2010 n. 11 “Legge finanziaria regionale per l’esercizio 2010” ha previsto la partecipazione della Regione al Polo Nazionale Artistico di Alta Specializzazione sul Teatro Musicale e Coreutico – Verona Accademia per l’Opera Italiana e con propria deliberazione n. 2515 del 2/11/2010 la Giunta regionale ha disposto di aderire al Consorzio in qualità di ente sostenitore.

Tra i compiti previsti dallo Statuto del Consorzio rientrano: l’organizzazione di Master di perfezionamento post-lauream nei “mestieri” del teatro d’opera, lo svolgimento di attività di ricerca filologica sulle opere italiane del passato, la promozione della cultura artistico-teatrale musicale, l’indizione di concorsi per giovani artisti, la realizzazione di spettacoli in collegamento operativo con i teatri del territorio e la stipula di convenzioni internazionali per la diffusione dell’opera italiana. Lo Statuto prevede inoltre i seguenti organi: l’Assemblea generale, il Direttore, il Presidente onorario, il Consiglio direttivo, il Comitato tecnico-scientifico, il Revisore dei Conti.

Il Direttore del Consorzio ha trasmesso, con nota acquisita al protocollo regionale n. 446870 del 21/08/2023, il bilancio consuntivo dell’esercizio 2022, il bilancio di previsione dell’esercizio 2023 e la Nota integrativa al bilancio al 31/12/2022 e, con successiva nota prot. n. 539348 del 05/10/2023, il verbale dell’Assemblea dei Consorziati n. 39 del 26/04/2023 con cui sono stati approvati i citati documenti contabili.

All’Assemblea dei Consorziati del 26/04/2023 ha partecipato anche la Regione del Veneto, secondo quanto disposto con Deliberazione della Giunta regionale n. 463 del 18/04/2023.

La documentazione trasmessa, conservata agli atti della Direzione Beni Attività culturali e Sport, presenta un bilancio consuntivo anno 2022 con ricavi per Euro 179.851,00 e costi per Euro 196.737,00 con un risultato d’esercizio negativo di Euro 16.886,00. Tale perdita è dovuta al fatto che, prudenzialmente, non è stato inserito il contributo MUR 2022 di Euro 40.000,00 fra le voci di entrata, in quanto non era stato versato alla data di approvazione del bilancio.

Si evidenzia che, come dichiarato dal Consorzio nel verbale dell’Assemblea del 26/04/2023, in corso di approvazione del bilancio, al netto della perdita di Euro 16.886,00 il fondo di dotazione del Consorzio è positivo per oltre Euro 105.000,00 e quindi le risorse finanziarie sono più che capienti per coprire anche ulteriori eventuali perdite.

Per quanto riguarda l’esercizio 2023, il bilancio preventivo 2023 riporta i seguenti dati di sintesi - Entrate e Spese - che risultano così costituite:

ENTRATE da tasse iscrizione e frequenza, Istituzioni consorziate e altri contributi     Euro  236.550,00
SPESE per costi investimento, costi di gestione e offerta formativa, oneri/contributi           Euro  234.338,00

Ricorrono pertanto le condizioni affinché la Regione possa disporre la partecipazione al Consorzio Verona Accademia per l’Opera Italiana, per l’esercizio 2023, in qualità di ente sostenitore, per una quota pari a Euro 45.000,00 stanziata e disponibile al cap. 101475 “Polo Nazionale Artistico di Alta Specializzazione sul Teatro Musicale e Coreutico di Verona (Art. 41, L.R. 16/02/2010, n. 11)” del Bilancio di previsione 2023/2025 con imputazione al bilancio 2023.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

Visto l’art. 41 della Legge regionale 16/02/2010 n. 11;

VISTA la Deliberazione della Giunta regionale n. 2515 del 02/11/2010;

VISTI il Bilancio Consuntivo per l’esercizio 2022, il Bilancio di Previsione per l’esercizio 2023 e la Relazione del Revisore legale, presentati dal Consorzio Verona Accademia per l’Opera Italiana con nota acquisita al protocollo regionale n. 446870 del 21/08/2023;

VISTO il verbale dell’Assemblea dei Consorziati n. 39 del 26/04/2023 con cui sono stati approvati i citati documenti contabili, acquisito al protocollo regionale n. 539348 del 05/10/2023;

VISTO l’art. 2 co. 2 della Legge regionale 31 dicembre 2012, n. 54 e ss.mm.ii.;

VISTO il D.lgs. n. 118/2011 modificato e integrato dal D.lgs. n. 126/2014;

VISTA la Legge regionale 29 novembre 2001, n. 39 “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione;

VISTA la Legge regionale 23 dicembre 2022, n. 30 “Legge di stabilità regionale 2023”;

VISTA la Legge regionale 23 dicembre 2022, n. 31 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2023”;

VISTA la Legge regionale 23 dicembre 2022, n. 32 “Bilancio di previsione 2023-2025”;

VISTA la DGR n. 1665 del 30 dicembre 2022 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento al bilancio di previsione 2023-2025”;

VISTO il Decreto del direttore di Area Risorse Finanziarie, Strumentali, ICT ed Enti Locali n. 71 del 30/12/2022 “Bilancio finanziario gestionale 2023-2025”;

VISTA la DGR n. 60 del 26 gennaio 2023 “Direttive per la gestione del bilancio di previsione 2023-2025”;

VISTA la documentazione agli atti della Direzione Beni Attività Culturali e Sport;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  1. di disporre la partecipazione regionale al Consorzio Verona Accademia per l’Opera Italiana, per l’esercizio 2023, in qualità di ente sostenitore, ai sensi dell’art. 41 della Legge regionale 16/02/2010 n. 11, destinando a tal fine la somma di Euro 45.000,00;
  1. di determinare in Euro 45.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport, entro il corrente esercizio, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul cap. n. 101475 “Polo Nazionale Artistico di Alta Specializzazione sul Teatro Musicale e Coreutico di Verona (Art. 41, L.R. 16/02/2010, n. 11)” del Bilancio di previsione 2023/2025, con imputazione all’esercizio 2023;
  1. di dare atto che la Direzione Beni Attività Culturali e Sport, a cui è stato assegnato il capitolo di cui al precedente punto, ha attestato che il medesimo presenta sufficiente capienza;
  1. di incaricare la Direzione Beni Attività Culturali e Sport dell’esecuzione del presente provvedimento;
  1. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm.ii.;
  1. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Torna indietro