Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 144 del 31 ottobre 2023


Materia: Enti regionali o a partecipazione regionale

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1289 del 30 ottobre 2023

Adeguamento degli statuti di Veneto Sviluppo S.p.A. e di Veneto Innovazione S.p.A. alle previsioni di cui alla l.r. 14/2023. Art. 16 l.r. 14/2023. Deliberazione/CR n. 106 del 5/10/2023

Note per la trasparenza

Sono approvati dalla Giunta regionale i testi degli statuti di Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A. in adeguamento alle previsioni di cui alla l.r. 14/2023.

L'Assessore Francesco Calzavara, di concerto con l'Assessore Roberto Marcato, riferisce quanto segue.

La Legge regionale 4 luglio 2023, n. 14 recante "Riordino di partecipazioni societarie regionali in un unico gruppo. Modifiche alla legge regionale 3 maggio 1975, n. 47 "Costituzione della Veneto Sviluppo S.p.A." e alla legge regionale 6 settembre 1988, n. 45 "Costituzione di una società a partecipazione regionale per lo sviluppo dell'innovazione e collaborazione con il CNR per studi e ricerche in materie di interesse regionale" ed ulteriori disposizioni" ha disposto la riorganizzazione, il riordino delle funzioni e l’accorpamento in un unico gruppo delle  società Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A..

Le operazioni previste da detta legge si possono sinteticamente descrivere come segue:

  • riduzione del capitale sociale mediante acquisto di azioni proprie e loro successivo annullamento per consentire l’uscita dei soci privati dalla compagine societaria di Veneto Sviluppo S.p.A.,
  • conferimento alla Veneto Sviluppo S.p.A. delle partecipazioni azionarie detenute dalla Regione in Veneto Innovazione S.p.A. e in FIN.EST. S.p.A.,
  • trasferimento, a titolo di conferimento o di cessione, a Veneto Innovazione S.p.A. del ramo d’azienda afferente gli strumenti finanziari  in gestione a Veneto Sviluppo S.p.A., anche al fine di semplificare e ottimizzare la gestione degli strumenti agevolativi regionali.

Scopo ultimo delle operazioni sopra descritte è far sì che Veneto Sviluppo S.p.A. diventi soggetta al controllo analogo della Regione ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. c), del D.Lgs. 19 agosto 2016 n. 175 (TUSP), e possa così godere stabilmente dei requisiti per far ricevere ad altra società del gruppo da essa controllato – Veneto Innovazione S.p.A. - previo suo assoggettamento a controllo analogo a cascata – affidamenti diretti in house (ai sensi degli artt. 2, comma 1, lett. o), e 16, comma 1, TUSP) da parte della Regione per lo svolgimento di attività di finanza agevolata, al contempo mantenendo la possibilità di esercitare (o di controllare ulteriori società che esercitino) attività di finanza di impresa, nei limiti degli scopi istituzionali fissati dall’art. 2, e delle attività istituzionali fissate all’art. 3, della Legge regionale istitutiva del 3 maggio 1975, n. 47, come modificata dalla L.R. n. 14/2023, e consentite ai sensi dell’art. 26, comma 2 del TUSP.

Per raggiungere tale scopo l’art. 16, comma 1, della citata L.R. n. 14/2023 stabilisce inoltre che  “Le Società Veneto  Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A. adeguano il proprio statuto conformandolo alle previsioni della presente legge entro sessanta giorni dalla sua entrata in vigore, nel rispetto della disciplina prevista per le società in house dal decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175 “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”, ai fini dell’approvazione da parte della Giunta regionale, previo parere della Commissione consiliare competente che si esprime entro quindici giorni, periodo trascorso il quale si prescinde dal parere.

In data 22.09.2023, giusta DGR 1136/2023, l’Assemblea dei soci di Veneto Sviluppo S.p.A. ha autorizzato l’organo amministrativo all’acquisto, ai sensi dell’art. 2357 c.c., delle azioni proprie detenute dai soci privati ed al loro successivo annullamento. In attuazione di quanto deliberato, la Regione del Veneto è divenuta socio unico di Veneto Sviluppo S.p.A..

Si rende, quindi,  necessario adeguare gli statuti rispettivamente di Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A. alle previsioni della L.R. n. 14/2023 e dunque alla riorganizzazione delle loro funzioni, e al riordino di tali società in un unico gruppo, secondo quanto previsto dal comma 1 dell’art. 16 della L.R. 14/2023.

La LR n. 14/2023 ha modificato infatti le LR n. 47/1975 e n. 45/1988, leggi istitutive rispettivamente di Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A., dando la competenza della gestione degli strumenti agevolativi regionali non più alla prima ma alla seconda società, andando quindi a incidere sugli oggetti sociali delle medesime.

Con riferimento allo statuto di Veneto Sviluppo S.p.A., l’adeguamento alla normativa intervenuta comporta anche l’inserimento di meccanismi atti a configurare il controllo analogo da parte della Regione.

Come già rappresentato, le modifiche statutarie introdotte sono volte a consentire l’affidamento diretto della gestione degli strumenti agevolativi regionali (attualmente in capo a Veneto Sviluppo S.p.A. ai sensi dell’art. 7 della L.R. 31/2022) a favore di Veneto Innovazione S.p.A. in regime di “in house providing indiretto” o “a cascata”.

Per tale ragione, viene previsto il controllo analogo indiretto della Regione del Veneto su Veneto Innovazione S.p.A. tramite Veneto Sviluppo S.p.A. (ai sensi del comma 1 lett. c) dell’art. 2 del TUSP).

In ragione di quanto rappresentato, Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A. hanno elaborato le proposte di modifica dei propri statuti, anche con l’ausilio dei competenti uffici regionali, e in attuazione di quanto previsto dal comma 1 dell’art. 16 della L.R. n. 14/2023.

Con deliberazione/CR n. 106 del 5 ottobre 2023 la Giunta regionale ha dato atto dell'avvenuta trasmissione delle proposte di statuto di Veneto Sviluppo S.p.A. e di Veneto Innovazione S.p.A. e con la medesima  deliberazione la Direzione Partecipazioni societarie ed Enti Regionali ha attestatodi di aver valutato i contenuti degli stessi e la loro compatibilità rispetto alla normativa vigente anche in ordine alle modifiche introdotte dalla Legge regionale 4 luglio 2023, n. 14.

Nel medesimo provvedimento è stato altresì precisato che le proposte di statuto di  Veneto Sviluppo S.p.A. e Veneto Innovazione S.p.A. avrebbero potuto subire eventuali modifiche di carattere non sostanziale e/o richieste dal notaio al momento dell'approvazione degli statuti da parte delle rispettive Assemblee straordinarie.

In data 6 ottobre 2023, la deliberazione\CR n. 106/2023 è stata trasmessa al Consiglio regionale per l’acquisizione del parere della competente Commissione consiliare.  

La Prima Commissione Consiliare nella seduta del 25.10.2023 ha espresso all'unanimità parere favorevole ai testi presentati (Parere n. 315/2023), "con invito alla Giunta regionale a verificare la conformità del testo degli Statuti di Veneto Sviluppo S.p.A. e di Veneto Innovazione S.p.A. con la legge regionale 4 luglio 2023, n. 14 recante “Riordino di partecipazioni societarie regionali in un unico gruppo. Modifiche alla legge regionale 3 maggio 1975, n. 47 ‘Costituzione della Veneto Sviluppo S.p.A.’ e alla legge regionale 6 settembre 1988, n. 45 ‘Costituzione di una società a partecipazione regionale per lo sviluppo dell’innovazione e collaborazione con il CNR per studi e ricerche in materie di interesse regionale’ ed ulteriori disposizioni”.

In particolare dalla discussione è emersa l'esigenza di richiamare espressamente nello statuto di Veneto Sviluppo S.p.A. le disposizioni di cui all'art. 2, comma 1 bis (Per le finalità di cui al comma 1, lo Statuto della Veneto Sviluppo S.p.A. deve prevedere che i proventi derivanti dalle attività svolte dalla Società siano destinati allo sviluppo dell’economia del territorio e a realizzare le finalità istituzionali di cui alla presente legge) e di cui all'art. 7, comma 5, relativamente al conflitto di interesse (Lo statuto stabilisce le modalità organizzative e di funzionamento della società, ivi compresa la disciplina sulle situazioni di conflitto di interesse, nel rispetto delle norme sulle società contenute nel Codice civile e delle norme generali di diritto privato e nel rispetto del decreto legislativo n. 175 del 2016), della L.R. n. 47/1975.

Per tali ragioni si è provveduto ad integrare il testo della proposta di statuto di Veneto Sviluppo S.p.A. inserendo il comma 9 all'art. 16 e integrando il comma 2 dell'art. 28.

La Commissione ha espresso altresì "l’auspicio ad una revisione dei compensi degli Amministratori che compongono gli organi delle società, in coerenza con il quadro normativo vigente e la sua evoluzione."

In proposito si rappresenta come attualmente, in assenza del decreto attuativo previsto dal comma 6 dell'art. 11 del TUSP, in ragione del richiamo effettuato dal comma 7 del medesimo articolo, ai compensi degli organi amministrativi delle società a controllo pubblico si debbano applicare  le disposizioni di cui all'art. 4, comma 4, secondo periodo, del D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla L. 7 agosto 2012, n. 135, e successive modificazioni, che prevedono che "il costo annuale sostenuto per i compensi degli amministratori di tali società, ivi compresa la remunerazione di quelli investiti di particolari cariche, non può superare l'80 per cento del costo complessivamente sostenuto nell'anno 2013".

Per quanto rappresentato, si propone di approvare la proposta di nuovo statuto di Veneto Sviluppo S.p.A. (Allegato A) e la proposta di nuovo statuto di Veneto Innovazione S.p.A. (Allegato B).

Si fa, ad ogni modo, presente che i testi qui allegati potrebbero subire eventuali modifiche di carattere non sostanziale e/o richieste dal notaio al momento dell'approvazione degli statuti da parte delle rispettive Assemblee straordinarie.

Si propone, infine, di incaricare la Direzione Partecipazioni societarie ed Enti Regionali dell’esecuzione del presente provvedimento nonché della trasmissione del medesimo agli organi amministrativi delle due società affinché gli stessi provvedano alla convocazione delle rispettive Assemblee straordinarie.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO il D.Lgs. 19.08.2016, n. 175 “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica” e s.m.i.;

VISTA la L.R. 3 maggio 1975, n. 47 “Costituzione della Veneto sviluppo S.p.A.”;

VISTA la L.R. 6 settembre 1988, n. 45 “Costituzione di una società a totale partecipazione regionale per l’innovazione, lo sviluppo e la competitività del sistema produttivo veneto”;

VISTO l’art. 2, comma 2, L.R. 31.12.2012, n. 54 “Legge regionale per l'ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta regionale in attuazione della legge regionale statutaria 17.04.2012, n. 1 "Statuto del Veneto"”;

VISTA la L.R. 24.12.2013, n. 39 “Norme in materia di società regionali”;

VISTA la L.R. 23.12.2022, n. 31 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2023”;

VISTA la L.R. 4.07.2023, n. 14 “Riordino di partecipazioni societarie regionali in un unico gruppo. Modifiche alla legge regionale 3 maggio 1975, n. 47 "Costituzione della Veneto Sviluppo S.p.A." e alla legge regionale 6 settembre 1988, n. 45 "Costituzione di una società a partecipazione regionale per lo sviluppo dell'innovazione e collaborazione con il CNR per studi e ricerche in materie di interesse regionale" ed ulteriori disposizioni”;

VISTA la D.G.R. 19.09.2023, n. 1136 “Approvazione dello schema di accordo quadro con i soci privati di Veneto Sviluppo S.p.A. per la loro uscita dalla compagine sociale, attraverso un’operazione di riduzione del capitale, in esecuzione di quanto previsto dalla L.R. 4 luglio 2023, n. 14”;

VISTO l’articolo 16, comma 1, della L.R. 04.07.2023, n. 14;

VISTA la propria deliberazione/CR n. 106 del 5/10/2023;

VISTO il parere della Prima Commissione consiliare rilasciato in data 25.10.2023;

delibera

  1. di approvare le premesse, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare le proposte di adeguamento alla L.R. n. 14/2023 degli statuti di Veneto Sviluppo S.p.A. (Allegato A) e di Veneto Innovazione S.p.A. (Allegato B), in conformità alle indicazioni della Prima Commissione Consiliare che nella seduta del 25 ottobre 2023 ha reso parere favorevole;
  3. di incaricare la Direzione Partecipazioni societarie ed Enti Regionali dell’esecuzione del presente provvedimento nonché della trasmissione del medesimo agli organi amministrativi delle due società affinché gli stessi provvedano alla convocazione delle rispettive Assemblee straordinarie;
  4. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  5. di pubblicare la presente deliberazione, ad esclusione degli allegati, nel Bollettino ufficiale della Regione e nel sito internet regionale.

Allegati (omissis)

(seguono allegati)

Dgr_1289_23_AllegatoA_515403.pdf  (omissis)
Dgr_1289_23_AllegatoB_515403.pdf  (omissis)

Torna indietro