Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 132 del 04 ottobre 2023


Materia: Enti regionali o a partecipazione regionale

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1171 del 28 settembre 2023

Approvazione dei criteri generali di riparto e di assegnazione del contributo "riserva" del 10% agli ESU per l'esercizio 2023. Art. 37, comma 2, L.R. 7 aprile 1998, n. 8. Deliberazione n. 93/CR del 04/09/2023.

Note per la trasparenza

Si approvano i criteri generali di riparto e di assegnazione del contributo regionale riserva dieci per cento del Fondo regionale per le spese di funzionamento per l'anno 2023 agli ESU-ARDSU del Veneto.

L'Assessore Elena Donazzan riferisce quanto segue.

L’art. 37, comma 3, della legge regionale 7 aprile 1998, n. 8 Norme per l’attuazione del diritto allo studio universitario prevede che sul Fondo regionale per le spese di funzionamento degli Enti Studi Universitari - Aziende Regionali per il Diritto allo Studio Universitario (ESU-ARDSU) di cui al comma 1, lettera d), sia costituita una riserva del dieci per cento da ripartire ed assegnare agli ESU-ARDSU a cura della Giunta regionale per l’attuazione degli interventi inerenti al Diritto allo Studio Universitario (DSU).

Al comma 2, l’art. 37 prevede che la Commissione consiliare competente in materia di istruzione esprima parere in ordine ai criteri generali che presiedono all’assegnazione della suddetta riserva tra gli ESU-ARDSU.

Per l’anno 2023 l’importo della riserva del dieci per cento è pari ad euro 1.000.000,00.

Nel capitolo di spesa n. 071204 denominato Spese per il funzionamento degli ESU-ARDSU (art. 18, L.R. n. 8/1998) del Bilancio regionale di previsione 2023-2025, approvato con L.R. 23/12/2022, n. 32, sussiste attualmente, per l’esercizio 2023, la disponibilità di competenza e di cassa di euro 1.000.000,00.

In continuità con gli esercizi finanziari precedenti e tenuto conto che la riserva del dieci per cento ha la finalità di garantire l’attuazione degli interventi per il Diritto allo Studio Universitario, si propone di ripartire ed assegnare la riserva in questione, pari ad euro 1.000.000,00, in base agli stessi criteri già approvati con DGR n. 875 del 19.7.2022 Approvazione del Piano Regionale Annuale degli interventi di attuazione del Diritto allo Studio Universitario e dello schema di Convenzione tra la Regione e le Università del Veneto. Anno Accademico 2022-2023. L.R. 07/04/1998, n. 8, articolo 37, comma 1.

Tali criteri, applicati per il riparto e l’assegnazione del 90% (euro 9.000.000,00) del Fondo regionale 2023 destinato alle spese di funzionamento degli ESU-ARDSU, sono i seguenti:

  1. numero complessivo degli studenti iscritti alle Università, alle Istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica (ai corsi del periodo superiore) ed alle Scuole Superiori per Mediatori Linguistici del Veneto al 31/01/2023: peso ponderale 65%;
  2. numero dei pasti erogati dagli ESU-ARDSU nel 2022: peso ponderale 10%;
  3. numero dei posti-alloggio erogati dagli ESU-ARDSU nell’Anno Accademico 2021/2022: peso ponderale 10%;
  4. spesa sostenuta dagli ESU-ARDSU per ulteriori servizi per il DSU nel 2022 (orientamento, consulenza psicologica, attività culturali, contributi per la mobilità internazionale, contributi sostitutivi dell’alloggio, etc…): peso ponderale 15%.

Le risorse della riserva del dieci per cento verranno destinate dagli ESU-ARDSU di Padova, di Venezia e di Verona alle attività di funzionamento programmate per il 2023.

Con precedente deliberazione n. 93/CR del 04/09/2023, la Giunta regionale ha adottato i criteri di riparto stabiliti con il Piano regionale annuale di attuazione del DSU.

La Sesta Commissione Consiliare, nella seduta del 13 settembre 2023,  ha espresso parere favorevole  a maggioranza all'approvazione da parte della Giunta regionale della proposta di provvedimento di cui alla DGR n. 93/CR del 04/09/2023.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO il D.Lgs. 23/06/2011, n. 118 Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42”, art. 57;

VISTA la L.R. 7 aprile 1998, n. 8 Norme per l’attuazione del diritto allo studio universitario;

VISTA la L.R. 29 novembre 2001, n. 39 Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione;

VISTA la L.R. 23 dicembre 2022, n. 32 Bilancio di previsione 2023-2025;

VISTA la DGR n. 1665 del 30.12.2022 Approvazione del documento tecnico di accompagnamento al Bilancio di previsione 2023-2025;

VISTO il decreto del Direttore dell’Area Risorse Finanziarie, Strumentali, ICT ed Enti locali n. 71 del 30.12.2022 Bilancio Finanziario Gestionale 2023-2025;

VISTA la DGR n. 60 del 26.1.2023 Direttive per la gestione del Bilancio di previsione 2023-2025;

VISTA la DGR n. 875 del 19.7.2022 Approvazione del Piano Regionale Annuale degli interventi di attuazione del Diritto allo Studio Universitario e dello schema di Convenzione tra la Regione e le Università del Veneto. Anno Accademico 2022-2023. L.R. 07/04/1998, n. 8, articolo 37, comma 1;

VISTO il decreto del Direttore della Direzione Formazione e Istruzione n. 959 del 6.6.2023 Impegno e liquidazione di spesa ai sensi degli artt. 56, 57 del D.Lgs. 118/2011 e art. 44 della L.R. 39/2001 e ss.mm.ii, in relazione alla concessione del contributo regionale per le spese di funzionamento (Fondo 90%) degli ESU-Aziende Regionali per il Diritto allo Studio Universitario di Padova, di Venezia e di Verona. Esercizio 2023. [L.R. 07/04/1998, n. 8 (articolo 18; art. 37, comma 1, lett. d)];

VISTO l’art. 37, comma 2, della L.R. 7 aprile 1998, n. 8 Norme per l’attuazione del diritto allo studio universitario;

VISTA la propria Deliberazione n. 93/CR del 4.9.2023;

VISTO il parere della Sesta Commissione Consiliare n. 306 rilasciato in data 13.09.2023;

VISTO l’art. 2, comma 2, lett. f), della L.R. 31 dicembre 2012, n. 54.

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di approvare i seguenti criteri di riparto e di assegnazione agli ESU-ARDSU della riserva del dieci per cento, pari ad euro 1.000.000,00, del Fondo regionale 2023 per le spese di funzionamento in base all’attuale disponibilità di competenza e di cassa del capitolo di spesa n. 071204:
  1. numero complessivo degli studenti iscritti alle Università, alle Istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica (ai corsi del periodo superiore) ed alle Scuole Superiori per Mediatori Linguistici del Veneto al 31/01/2023: peso ponderale 65%;
  2. numero dei pasti erogati dagli ESU-ARDSU nel 2022: peso ponderale 10%;
  3. numero dei posti-alloggio erogati dagli ESU-ARDSU nell’Anno Accademico 2021/2022: peso ponderale 10%;
  4. spesa sostenuta dagli ESU-ARDSU per ulteriori servizi per il DSU nel 2022 (orientamento, consulenza psicologica, attività culturali, contributi per la mobilità internazionale, contributi sostitutivi dell’alloggio, etc…): peso ponderale 15%;
  1. di determinare in euro 1.000.000,00 l’importo massimo delle obbligazioni di spesa, aventi natura non commerciale, alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Direzione Formazione e Istruzione, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo 071204 Spese per il funzionamento degli ESU-ARDSU (art. 18, L.R. n. 8/1998) del Bilancio Regionale di previsione 2023-2025, approvato con L.R. 23 dicembre 2022, n. 32;
  2. di stabilire che le risorse di cui sopra vengano destinate dagli ESU-ARDSU di Padova, di Venezia e di Verona alle attività di funzionamento programmate per il 2023;
  3. di dare atto che nel capitolo di spesa n. 071204, di cui al punto 3, sussiste attualmente la necessaria disponibilità di competenza e di cassa di euro 1.000.000,00;
  4. di incaricare la Direzione Formazione e Istruzione dell'esecuzione del presente atto;
  5. di informare che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale avanti il Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall'avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni;
  6. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'articolo 26, comma 1, del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33;
  7. di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

Torna indietro