Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 94 del 14 luglio 2023


Materia: Protezione civile e calamità naturali

Deliberazione della Giunta Regionale n. 818 del 04 luglio 2023

Assegnazione di attrezzature destinate al completamento del Posto di Assistenza socio-sanitario al Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (C.R.E.U.) del Sistema Sanitario Regionale, per il potenziamento della Colonna Mobile di Protezione Civile del Veneto.

Note per la trasparenza

Il provvedimento dispone l’assegnazione di attrezzature destinate al completamento del Posto di Assistenza socio-sanitario (P.A.S.S.), per il potenziamento della Colonna Mobile di Protezione Civile del Veneto, al Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (C.R.E.U.) del Sistema Sanitario Regionale Veneto.

L'Assessore Gianpaolo E. Bottacin, di concerto con l'Assessore Manuela Lanzarin, riferisce quanto segue.

La Legge regionale 01 giugno 2022, n. 13, autorizza la Giunta Regionale a dotarsi di attrezzature, macchine, mezzi ed equipaggiamenti di soccorso, rilevamento e telecomunicazione al fine di costituire una dotazione permanente di risorse, parte integrante del Sistema di Protezione civile, utilizzabile nelle attività di soccorso nonché di previsione, prevenzione, esercitazione, didattica e informazione.

In questa logica, anche l'organizzazione dei soccorsi sanitari da parte delle strutture di Protezione Civile, essendo uno degli aspetti più complessi nella gestione di un’emergenza, deve poter garantire una risposta rapida, fin dalle prime ore, per dare soccorso al maggior numero possibile di persone, mettendo in campo risorse umane, mezzi efficientemente attrezzati, attrezzature innovative e tecnologicamente avanzate.

Alla luce di questa necessaria sinergia tra Protezione Civile e ambito sanitario, trova riscontro anche l’art. 3 co. 3 lett. b della succitata Legge, “la Regione, per lo svolgimento delle proprie funzioni, si avvale della struttura regionale competente in materia di protezione civile, che opera mediante l'esercizio delle funzioni tecniche e amministrative di competenza regionale previste ……(omissis) …… anche in concorso con il Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (C.R.E.U.) del Sistema Sanitario Regionale ...” il quale, tra gli altri, ha anche il compito di sviluppare iniziative regionali per promuovere adeguamenti tecnologici ed operativi omogenei nell'area dell'emergenza/urgenza anche in sinergia con gli Enti e Istituti statali e regionali, ai fini di contribuire al coordinamento delle iniziative comuni nel campo dell'emergenza/urgenza sanitaria.

L’inserimento del CREU nella citata Legge Regionale trova la sua ratio nel fatto che  al Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza, afferente all’'Area Sanità e Sociale, sono state attribuite dalla Giunta regionale, con diversi atti, su tutti la D.G.R. n. 534 del 27 aprile 2021, specifici compiti in ambito sanitario, come:

  • verificare l'omogeneità di risposta all'emergenza delle Centrali Operative SUEM 118 secondo protocolli regionali condivisi e riconosciuti;
  • sviluppare iniziative regionali per promuovere adeguamenti tecnologici ed operativi omogenei nell'area dell'emergenza/urgenza;
  • incrementare la capacità di risposta e l'integrazione delle strutture sanitarie coinvolte nell'emergenza territoriale;
  • rapportarsi con gli Enti e Istituti statali e regionali, ai fini di contribuire al coordinamento delle iniziative comuni nel campo dell'emergenza/urgenza sanitaria;
  • progettare nuovi modelli tesi alla riduzione e controllo della richiesta impropria di prestazioni sanitarie urgenti;
  • coordinare il lavoro di gruppi di studio tecnici sull'emergenza- urgenza;
  • monitorare il livello di risposta complessivo del Sistema regionale di emergenza/urgenza, verificandone i risultati [...].

Inoltre in tale Deliberazione è indicato che rientra nelle competenze del Direttore del C.R.E.U. il coordinamento dell’Area Sistema SUEM.

Con nota del Dipartimento Nazionale della Protezione civile D.C.D.P.C. del 31.12.2021 ascritto al protocollo regionale n. 611169 del 31.12.2021, in esito alla positiva istruttoria effettuata, veniva accolta la proposta progettuale che autorizzava l’acquisto, tra l’altro, di dotazione ed equipaggiamenti tecnologicamente avanzati per l’implementazione degli asset di Colonna Mobile Regionale, in particolare l'acquisizione di dotazioni necessarie a completare il Posto di Assistenza socio-sanitaria (P.A.S.S.) in dotazione e gestito dal Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica (S.U.E.M.), spesa confermata in sede di rimodulazione del progetto approvata con D.C.D.P.C. del 31.12.2021.

Con nota della Direzione Protezione Civile, Sicurezza e Polizia locale di cui al protocollo n. 556076 del 26.11.2021, indirizzata al Direttore dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto, è stato richiesto lo svolgimento delle procedure volte all'acquisizione delle dotazioni di completamento del P.A.S.S., individuando nell'U.O.C. C.R.A.V. di Azienda Zero, in qualità di Soggetto Aggregatore e Stazione Unica Appaltante, la struttura più qualificata ed esperta per espletare le necessarie attività, trattandosi di dotazioni che afferiscono prevalentemente all'ambito sanitario.

In seguito, con nota di cui al protocollo n. 561333 del 30.11.2021, il Direttore Generale dell'Area Sanità e Sociale invitava Azienda Zero ad attivare per il tramite dell'U.O.C. C.R.A.V. la procedura di acquisizione delle dotazioni a completamento del modulo P.A.S.S., così come concordate in sinergia con la Direzione Protezione civile, Sicurezza e Polizia locale.

In vista delle procedure di cui sopra, l'U.O.C. C.R.A.V. ha evidenziato le dotazioni da implementare nel progetto sopra descritto e come di seguito indicate:

  • n. 2 moduli monoblocco zincati e coibentati;
  • n. 2 monitor multiparametrici con defibrillatore semiautomatico;
  • n. 1 ecografo portatile;
  • n. 4 defibrillatori semiautomatici;
  • n. 2 monitor multiparametrici semimodulari.

Di conseguenza, con Deliberazione del Direttore generale dell'U.O.C. C.R.A.V. n. 270 del 27.10.2022 veniva stabilito ai sensi del combinato disposto dell'art. 36 comma 2 lett. a) del D.lgs. n. 50/2016 ss.mm.ii. e dell'art. 1 comma 2 lett. a) del D.L. 76/2020 ss.mm.ii l'affidamento per l'importo di € 92.660,60=Iva esclusa per l'acquisizione di varie dotazioni per il potenziamento della Colonna mobile Regionale, come completamento del Posto di Assistenza Socio-Sanitario del S.U.E.M., e disposta la formale trasmissione dei riscontri degli affidamenti in oggetto all'Unità organizzativa Volontariato, Logistica e Formazione della Direzione Protezione civile, Sicurezza e Polizia locale della Regione del Veneto.

Con Decreto del Direttore della Direzione Protezione Civile, Sicurezza e Polizia locale n. 655 del 05.12.2022 è si preso atto della Deliberazione del Direttore generale di Azienda Zero n. 270 del 27.10.2022 di affidamento diretto ai sensi del combinato disposto dell'art. 36 comma 2 lett. a) del D.lgs. n. 50/2016 ss.mm.ii. e dell'art. 1 comma 2 lett. a) del D.L. 76/2020 ss.mm.ii., delle forniture di attrezzature per il completamento del Posto di Assistenza socio-sanitaria del S.U.E.M., nell'ambito del progetto di potenziamento della Colonna mobile di Protezione Civile del Veneto (CUP H19D18000060001, CIG ZEF381CB4F; CIG Z22381CDE7; CIG Z63381CEC1; CIG ZF8381CBC6; CIG ZF6381CC37) provvedendo altresì all'impegno di spesa complessivo di € 102.811,83=Iva inclusa a favore degli Operatori economici individuati in sede di gara.

Con il medesimo D.D.R. 655/2022 inoltre si dava atto che, con successivi provvedimenti del Direttore della Direzione Protezione civile, Sicurezza e Polizia locale, i beni di nuova acquisizione sarebbero stati assegnati a titolo gratuito per le attività della Colonna Mobile Regionale di Protezione Civile agli uffici competenti della Sanità Veneta.

Le dotazioni di cui sopra saranno quindi messe a disposizione dal C.R.E.U. al SUEM di riferimento affinchè ne assicuri il costante mantenimento in efficienza e la pronta disponibilità qualora si rivelasse necessario l'intervento del P.A.S.S. in emergenze di Protezione Civile regionali, nazionali o internazionali.

La fornitura dei beni in parola è stata in gran parte eseguita e solo di alcuni articoli è stato chiesto il differimento della consegna da parte degli operatori economici affidatari.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO il D.Lgs n. 1 del 2 gennaio 2018;

VISTA la Legge regionale n. 58 del 27 novembre 1984 e successive modificazioni e integrazioni;

VISTI gli artt. 1803 e segg. del codice civile;

VISTA la L.R. n. 54 del 31 dicembre 2012;

VISTA la D.G.R. n. 7300 del 23.12.1986;

VISTA la D.G.R. n. 2161 del 12.04.1988;

VISTA la D.G.R. n. 502 del 14.04.2017;

VISTO l'art. 2, comma 2 della L.R n. 54/2012 e successive modificazioni e integrazioni;

VISTA la documentazione agli atti;

delibera

  1. di approvare le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
     
  2. di assegnare, per le attività di Colonna Mobile Regionale di Protezione Civile, al Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (C.R.E.U.) del Sistema Sanitario Regionale le seguenti dotazioni necessarie al completamento del Posto di Assistenza Socio-Sanitaria (P.A.S.S.):
  • n. 2 moduli monoblocco zincati e coibentati;
  • n. 2 monitor multiparametrici con defibrillatore semiautomatico;
  • n. 1 ecografo portatile;
  • n. 4 defibrillatori semiautomatici;
  • n. 2 monitor multiparametrici semimodulari.
  1. di dare atto, ai sensi D.G.R. n. 534/2021, che il Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (C.R.E.U.) del Sistema Sanitario Regionale, successivamente, assegnerà le nuove dotazioni, di cui al punto 2, al SUEM di riferimento, tenendo conto che tutto il sistema P.A.S.S. (Posto di Assistenza Socio-Sanitaria) costituisce a tutti gli effetti parte integrante della Colonna Mobile Regionale di Protezione Civile e che quindi deve essere tenuto in pronta disponibilità qualora si rivelasse necessario in emergenze regionali, nazionali o internazionali;

  2. di indicare, per le motivazioni di cui al precedente punto 2, il C.R.E.U. quale soggetto a cui spetta oltre che la custodia, la gestione e il corretto mantenimento in efficienza di tutte le attrezzature afferenti il P.A.S.S.;
     
  3. di incaricare il Direttore della Direzione Protezione Civile, Sicurezza e Polizia Locale dell’esecuzione del presente provvedimento;
     
  4. di dare atto che il presente provvedimento non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
     
  5. .di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Torna indietro