Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 15 del 02/02/2021
Scarica la versione firmata del BUR n. 15 del 02/02/2021
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 15 del 02 febbraio 2021


Materia: Acque

Decreto n. 2 del 12 gennaio 2021

R.D. 523/1904 Concessione per l'occupazione, ad uso agricolo seminativo, di terreno demaniale lungo le pertinenze del fiume Adige, in sx idraulica, della superficie complessiva di ha. 11.58.30, catastalmente identificato al foglio 16, mappali n. 84 ed 85, e foglio 22, mappale n. 10, nel comune di Terrazzo (VR). Ditta: Azienda agricola La Villa di Morandi Sofia Pratica n. 11412

Note per la trasparenza

Estremi dei principali documenti dell'istruttoria: - decreto del Direttore della Sezione Bacino idrografico Adige Po Sezione di Verona n. 418 del 17/09/2015; - verbale di aggiudicazione concessione prot. n. 467445 del 17/11/2015; - decreto del Direttore dell'U.O. Genio civile Verona n. 40 del 26/02/2020; - nota prot. n. 296456 del 27/07/2020; - disciplinare d'uso Rep. n. 879 dell'11 gennaio 2021. . Atto soggetto a pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto, ai sensi della L.R. n. 29 del 27/12/2011 e della D.G.R. 14/05/2013 n. 677, e nella sezione "Amministrazione trasparente" della Regione Veneto con le modalità previste dall'art.23 del Dlgs n.33/2013 e s.m.i.

PREMESSO CHE con Decreto del Direttore della Sezione Bacino idrografico Adige Po – Sezione di Verona n. 418 del 17/09/2015 è stato approvato l’Avviso pubblico riservato ai giovani imprenditori agricoli per la manifestazione di interesse alla concessione amministrativa per l’occupazione, ad uso agricolo – seminativo, del bene demaniale lungo le pertinenze del fiume Adige, della consistenza complessiva di ha. 11.58.30, catastalmente identificato al foglio 16, mappali n. 84 ed 85, e foglio 22, mappale n. 10 nel comune di Terrazzo (VR);

PREMESSO CHE in data 17/11/2015, con prot. n. 467445 si è proceduto all’aggiudicazione mediante sorteggio pubblico;

PREMESSO CHE con decreto n. 123 del 10/03/2016 è stata rilasciata, al primo sorteggiato, la concessione per l’occupazione del bene demaniale sopra identificato; 

PREMESSO CHE con Decreto del Direttore della U.O. Genio Civile Verona n. 40 del 26/02/2020, è stata dichiarata la cessazione della concessione, a seguito di formale rinuncia da parte del concessionario;

PRESO ATTO dell’accettazione dell’Azienda agricola “La villa” di Morandi Sofia, in quanto seconda classificata per l’assegnazione della concessione del bene demaniale in oggetto; 

CONSIDERATO CHE la ditta concessionaria ha costituito polizza fidejussoria nei modi e forme di legge ed in data 11 gennaio 2021 con Rep. n. 879 è stato sottoscritto dalle parti interessate il disciplinare d’uso contenente gli obblighi e le condizioni a cui la ditta concessionaria dovrà attenersi;

VISTO il R.D. 523/1904;

VISTO il D.Lgs. 112/1998;

VISTO il D.Lgs 228/2001, art. 6, comma 4)bis;

VISTA la L.R. 41/1988;

VISTA la L.R. 11/2001;

VISTA la DGR n. 1997/2004;

VISTA la D.G.R. n. 869 del 19/06/2019;

VISTO il Decreto del Direttore della Direzione Difesa del suolo n. 308 del 02/09/2019,

VISTO il verbale di aggiudicazione prot. n. 467445 del 17 novembre 2015,

decreta

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale al presente atto;

2. Nei limiti delle disponibilità dell’Amministrazione concedente, salvi quindi ed impregiudicati i diritti dei terzi, di rilasciare all’Azienda agricola La Villa (P.Iva: omissis), con sede in (omissis), in persona del legale rappresentante Morandi Sofia (C.F.: omissis), nata a (omissis) il (omissis), la concessione per l’occupazione, ad uso agricolo - seminativo, di terreno demaniale lungo le pertinenze del fiume Adige, in sx idraulica, della superficie complessiva di ha. 11.58.30, catastalmente identificato al foglio 16, mappai n. 84 ed 85 e foglio 22, mappale n. 10, nel comune di Terrazzo (VR).

3. Le condizioni di utilizzo della concessione ora rilasciata sono contenute nel disciplinare di questa U.O. Genio Civile di Verona, Rep. n° 879 dell’11 gennaio 2021, che forma parte integrante del presente decreto, e al pagamento del canone di €. 4.000,78 (euro quattromila/78), oltre l’aggiornamento Istat 2021 in attesa di pubblicazione, e fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi, privati cittadini od Enti, nonché tutti gli ulteriori provvedimenti autorizzativi eventualmente necessari ai fini della legittima esecuzione dell’intervento in argomento.

4. La presente concessione scadrà in data 31/12/2025. Essa potrà, tuttavia, essere revocata in ogni momento, a giudizio insindacabile dell’Amministrazione concedente, quando sia ritenuto necessario a tutela dei superiori interessi idraulici, e dell’interesse pubblico generale. La revoca della concessione comporterà l’obbligo, per il Concessionario, di ripristinare, a loro carico, entro il termine che sarà assegnato, i luoghi oggetto della concessione senza procurare alcun diritto ad indennizzi.

5. In caso di violazione delle norme di polizia idraulica di cessione dell’uso del bene da parte dei Concessionari, l’Amministrazione può promuovere la decadenza, nei modi previsti dall’art. 6 del disciplinare, del diritto al godimento del bene demaniale con l’obbligo della riduzione in pristino allo stato originario dello stesso a cure e spese del Concessionario stesso.

6. Il presente decreto dovrà essere esibito dal Concessionario ad ogni richiesta del personale addetto alla vigilanza sulle condizioni idrauliche e demaniali.

7. Di pubblicare integralmente il presente decreto, ad eccezione dell’allegato disciplinare di concessione, nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto, ai sensi della L.R. n. 29 del 27/12/2011 e della D.G.R. 14/05/2013 n. 677, e nella sezione “Amministrazione trasparente“ della Regione Veneto con le modalità previste dall’art.23 del Dlgs n. 33/2013 e s.m.i relativo ai provvedimenti amministrativi adottati dai dirigenti.

Ai sensi dell’art. 3 - comma 4° della Legge n° 241 del 1990 si rende noto che contro il presente provvedimento può essere presentato ricorso al Tribunale competente entro i termini previsti per legge.

Allegato (omissis

Torna indietro