Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 93 del 29/09/2017
Scarica la versione firmata del BUR n. 93 del 29/09/2017
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 93 del 29 settembre 2017


Materia: Sport e tempo libero

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1545 del 25 settembre 2017

Azioni regionali per la promozione della pratica sportiva. Parziale modifica criteri per la concessione di contributi a favore delle iniziative di promozione della pratica sportiva attraverso l'organizzazione di manifestazioni sportive. Anno 2017. L.R. 11 maggio 2015, n. 8, art. 12. DGR n. 774 del 29 maggio 2017.

Note per la trasparenza

In linea con le disposizioni del Piano esecutivo annuale per lo sport 2017, la Giunta regionale ha approvato il bando per l’assegnazione di contributi a favore della pratica sportiva attraverso l’organizzazione di manifestazioni sportive, individuando i criteri e le modalità di accesso ai finanziamenti e di rendicontazione delle attività svolte. Con il presente provvedimento si intende disporre una parziale modifica dei criteri approvati dal bando al fine di soddisfare nella maniera più ampia possibile, compatibilmente con le risorse destinate dal bilancio, i fabbisogni rilevati in ambito di associazionismo sportivo.

L'Assessore Cristiano Corazzari riferisce quanto segue.

La legge regionale 11 maggio 2015, n. 8, “Disposizioni generali in materia di attività motoria e sportiva”, nel riconoscere il valore sociale, formativo ed educativo della pratica motoria e sportiva, attraverso l’attività di programmazione e pianificazione individua i fabbisogni ed interviene di conseguenza mediante forme di sostegno, anche finanziario, a favore della promozione della pratica sportiva.

In particolare, l’art. 12, della suddetta L.R. 8/2015 prevede il sostegno finanziario della Regione in favore della partica sportiva a tutti i livelli, secondo le modalità di cui all’art. 10, comma 1, lettere a) e b) della medesima norma.

Con deliberazione n. 588 del 28 aprile 2017, in forza del parere favorevole espresso dalla III^ Commissione consiliare nella seduta del 19 aprile 2017, la Giunta regionale ha approvato il Piano esecutivo annuale per lo sport 2017 con cui sono state previste le linee di spesa e le relative risorse economiche necessarie alla realizzazione degli interventi da porre in essere per il corrente anno, ammontanti ad Euro 160.000,00 a valere sul capitolo 102512 – “Azioni regionali per la promozione della pratica sportiva” (art. 12 L.R. 11 maggio 2015, n. 8).

Ai sensi dell’art. 10, comma 1, lettera a) della L.R. 8/2015, con deliberazione n. 774 del 29 maggio 2017, è stato approvato il bando per l’assegnazione di contributi a favore delle iniziative di promozione della pratica sportiva attraverso l’organizzazione di manifestazioni sportive, il quale individua i criteri e le modalità di accesso ai finanziamenti e di rendicontazione delle attività svolte, istituendo a tale proposito una specifica commissione tecnica di valutazione qualitativa delle istanze.

La competente Direzione Beni Attività Culturali e Sport, tenuto anche conto delle indicazioni tecniche  espresse dalla commissione sopracitata, con decreto n. 551 del 13 settembre 2017 ha approvato gli esiti istruttori determinando l’ammissibilità di n. 214 istanze su n. 266 complessivamente pervenute.

L’elevato numero di domande risultate ammissibili, in rapporto alle risorse economiche a disposizione da ripartire nelle singole graduatorie istituite per ciascuna delle 7 province del Veneto, determina la necessità di ridefinire i parametri per la distribuzione dei finanziamenti.

In particolare risulta opportuno riconsiderare la necessità di prevedere una soglia minima di Euro 1.000,00 così come precedentemente previsto con DGR n. 774/2017 e di procedere pertanto in analogia a quanto già applicato con  DGR n. 699/2017, relativa alla concessione di contributi a favore della pratica sportiva degli atleti con disabilità, con specifico riferimento alla determinazione del contributo spettante.

Pertanto, al fine di soddisfare nella misura più ampia i bisogni emersi dal mondo dell’associazionismo sportivo in materia di promozione della pratica sportiva, con il presente provvedimento si propone di ripartire le risorse disponibili fra tutti i soggetti risultati ammissibili, in deroga al limite minimo indicato nella precedente DGR n. 774/2017 secondo il seguente schema di calcolo:

risorse disponibili / punteggio complessivo risultante (dato dalla sommatoria dei punteggi assegnati alle singole domande nella medesima graduatoria) = valore in Euro per ogni punto.

Le istanze verranno finanziate sulla base del punteggio acquisito, sino ad esaurimento delle stesse, in ogni singola graduatoria provinciale.

Per ragioni di equità e considerata la limitata disponibilità di risorse economiche, si ritiene opportuno prevedere, per ciascun soggetto richiedente, la possibilità di finanziare, in caso di molteplici istanze non escluse in fase istruttoria, esclusivamente quella contraddistinta dal punteggio più elevato, ovvero finanziare un’unica istanza per soggetto richiedente, nonché di assimilare le manifestazioni internazionali (non espressamente previste nel bando) a quelle nazionali e/o regionali.

Per quanto sopra rappresentato, si propone di incaricare il Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport di disporre il conseguente riparto, assegnando il contributo spettante a tutti i soggetti risultati ammissibili, senza tener conto del limite imposto dalla soglia minima di contributo concedibile e/o liquidabile pari ad Euro 1.000,00.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTI gli artt. 10 e 12 della legge regionale 11 maggio 2015, n. 8;

VISTO l’art. 2, comma 2 della legge regionale n. 54 del 31 dicembre 2012 e successive modifiche ed integrazioni;

VISTI gli articoli 26 e 27 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33;

VISTA la DGR n. 588 del 28 aprile 2017 di approvazione del Piano esecutivo annuale per lo sport 2017;

VISTA la DGR n. 774 del 29 maggio 2017 di approvazione del bando per la concessione di contributi a favore delle iniziative di promozione della pratica sportiva attraverso l’organizzazione di manifestazioni sportive;

VISTO il decreto dirigenziale n. 551 del 13 settembre 2017;

DATO ATTO che il Direttore della Direzione competente ha verificato che le modifiche ed integrazioni di cui al presente provvedimento non risultano pregiudizievoli per le posizioni giuridiche dei soggetti a vario titolo coinvolti nei procedimenti in corso;

delibera

  1. di approvare, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, quanto riportato in premessa;
  2. di approvare, per i motivi indicati in premessa, la deroga a quanto previsto con DGR n. 774/2017 in relazione all’individuazione di una soglia minima di contributo concedibile e/o liquidabile pari ad Euro 1.000,00 e nell’implementazione delle rettifiche rappresentate nelle premesse;
  3. di incaricare il Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport dell’esecuzione del presente atto, e dell’adozione di ogni ulteriore conseguente atto che si renda necessario in relazione alle attività oggetto del presente provvedimento, anche determinato dal sopravvenire di eventuali aggiornamenti normativi;
  4. di dare atto che il presente provvedimento non comporta spese a carico del bilancio regionale;
  5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 26 e 27 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33;
  6. di informare che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale avanti al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni;
  7. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Torna indietro