Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 55 del 02/07/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 55 del 02/07/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 55 del 02 luglio 2013


Materia: Programmazione

Deliberazione della Giunta Regionale n. 942 del 18 giugno 2013

Istituzione del Tavolo di Partenariato per la Programmazione POR FESR 2014-2020.

Note per la trasparenza:

Per l'avvio delle consultazioni sulla nuova Programmazione POR FESR 2014-2020 viene istituito il Tavolo di consultazione del Partenariato regionale.


L'Assessore Roberto Ciambetti riferisce quanto segue.

Il documento di lavoro dei servizi della Commissione "Il principio di partenariato nell'attuazione dei Fondi del quadro strategico comune - elementi per un codice di condotta europeo sul partenariato" del 24 aprile 2012 costituisce una sintesi dei principi che dovrebbero guidare i paesi dell'UE nell'organizzare la partecipazione dei partner più rappresentativi nelle diverse fasi dell'attuazione del Quadro strategico comune per i fondi UE.

In esso si gettano le basi di un Codice europeo di condotta per il partenariato (ECCP) che stabilirà i requisiti minimi cui le amministrazioni nazionali e regionali sono tenute ad adeguarsi per la costituzione del proprio partenariato.

In particolare, la Commissione ha il potere di adottare atti delegati per fornire un codice di condotta europeo, al fine di sostenere e agevolare gli Stati membri per l'organizzazione del partenariato. La Preparatory Fiche n.1 "Atto delegato per il codice di condotta europeo sul partenariato" del 18 gennaio 2013 costituisce la proposta di struttura e di contenuti del futuro Atto che sarà adottato dalla Commissione.

La definizione del partenariato rappresenta uno dei principi chiave per l'attuazione dei Fondi del Quadro Strategico Comune (Fondi del QSC) dell'Unione europea. Il principio di partenariato comporta una stretta collaborazione negli Stati membri tra le autorità pubbliche a livello nazionale, regionale e locale, come pure con il settore privato e il terzo settore.

La proposta della Commissione per i fondi del QSC, sulla base dell'articolo 5 del progetto di regolamento "disposizioni comuni" (come da Accordo Politico sulla Programmazione Strategica del 19 dicembre 2012), afferma che:

1. Ogni Stato membro organizza, rispettivamente per l'accordo di partenariato e per ciascun programma e conformemente alle norme e alle prassi nazionali, un partenariato con le autorità locali e regionali competenti. Il partenariato includerà anche i seguenti partner:

(a) le autorità cittadine e le altre autorità pubbliche competenti;

(b) le parti economiche e sociali; e

(c) gli organismi interessati che rappresentano la società civile, compresi i partner ambientali, le organizzazioni non governative e gli organismi di promozione dell'inclusione sociale, della parità di genere e della non discriminazione.

Anche la Regione del Veneto, nella fase di consultazione ai fini della redazione del POR FESR 2014-2020, è tenuta a rispettare tali requisiti nella selezione del partenariato. Si propone, pertanto, di avviare il percorso di selezione partenariale, partendo dai seguenti partenariati già istituiti e consultati a livello regionale:


a) Il PATTO PER IL VENETO 2020

- DGR n. 1949 del 27 luglio 2010 - "Istituzione del Tavolo regionale per lo sviluppo del Veneto" che istituisce il Tavolo regionale, dalle parti sociali rappresentative del Veneto, con l'obiettivo di cogliere fin da subito gli elementi di crescita dell'economia, per lo sviluppo della Regione

- DGR n. 940 del 5 giugno 2012 - "Deliberazione di Giunta Regionale n. 1949 del 27 luglio 2010: "Istituzione del Tavolo regionale per lo sviluppo del Veneto" - Integrazione della composizione del Tavolo.


b) TAVOLO DI CONCERTAZIONE

- DGR n. 358 del 1 marzo 2002 - "Protocollo di intesa tra la Regione del Veneto, parti sociali e autonomie per l'istituzione e la disciplina del tavolo della concertazione regionale"


c) TAVOLO DI PARTENARIATO FESR 2007-2013

- DGR n. 40 del 18 gennaio 2011 All. D - POR Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione" (CRO) parte FESR (2007-2013). Individuazione delle Autorità, delle Strutture Responsabili di Azione e della composizione del Comitato di Sorveglianza e del Tavolo di Partenariato a seguito del nuovo assetto organizzativo delle strutture della Giunta Regionale.


d) COMITATO DI SORVEGLIANZA FESR 2007-2013

- DGR n. 40 del 18 gennaio 2011 All. C - POR Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione" (CRO) parte FESR (2007-2013). Individuazione delle Autorità, delle Strutture Responsabili di Azione e della composizione del Comitato di Sorveglianza e del Tavolo di Partenariato a seguito del nuovo assetto organizzativo delle strutture della Giunta Regionale.

Per l'avvio delle consultazioni si propone quindi di partire, quale partenariato di base ai fini della nuova programmazione FESR 2014-2020, dall'elenco di cui all'Allegato A, parte sostanziale e integrante del presente provvedimento, che tiene conto delle categorie identificate dall'articolo 5 del progetto di regolamento "disposizioni comuni" e della composizione dei partenariati di cui si avvale la Regione del Veneto.

L'individuazione dei partner potrà subire integrazioni a seguito della valutazione di eventuali ulteriori candidature che potranno pervenire e che dovranno corrispondere ai requisiti di rappresentanza previsti dal Codice di Condotta Europeo. Le eventuali integrazioni verranno recepite con ulteriore delibera di Giunta regionale prima della chiusura della proposta di Programma Operativo.

 

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'articolo 53, comma 4, dello Statuto, il quale dà atto che la Struttura competente ha attestato l'avvenuta istruttoria della pratica, in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

VISTA la DGR n. 358 del 1 marzo 2002;

VISTAla DGR n. 1949 del 27 luglio 2010;

VISTA la DGR n. 40 del 18 gennaio 2011;

VISTA la DGR n. 940 del 5 giugno 2012.

Ravvisata l'opportunità di accogliere la proposta del relatore facendo proprio quanto esposto in premessa.

delibera

1.       le premesse sono parte integrante del presente atto;

2.       di istituire il Tavolo di Partenariato del POR FESR 2014-2020 con la composizione di cui all'Allegato A, parte sostanziale e integrante del presente provvedimento;

3.       di demandare, a successiva deliberazione di Giunta, l'eventuale integrazione della composizione del Tavolo di Partenariato del POR FESR 2014-2020, a seguito della valutazione di eventuali ulteriori candidature che potranno pervenire e che dovranno corrispondere ai requisiti di rappresentanza previsti dal Codice di Condotta Europeo;

4.       di dare atto che la spesa prevista con il presente atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011;

5.       di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto.

(seguono allegati)

942_AllegatoA_251582.pdf

Torna indietro