Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 11 del 29/01/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 11 del 29/01/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 11 del 29 gennaio 2013


Materia: Sanità e igiene pubblica

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2980 del 28 dicembre 2012

L.R. n. 5 del 9 febbraio 2001, art. 15. Ricerca Sanitaria Finalizzata. Attuazione programma annuale. Valutazione progetti pluriennali di ricerca per l'anno 2012.

Note per la trasparenza:

Recepimento delle valutazioni delle ricerche sanitarie finalizzate presentate in base al Bando 2012 di cui alla DGR 1925/2012.

L'Assessore Luca Coletto riferisce quanto segue.

Con deliberazione n.1925 del 25 settembre 2012 la Giunta Regionale, ai sensi dell'art. 15 della L.R. n. 5 del 9 febbraio 2001, ha approvato il "Bando di Concorso pubblico per la realizzazione dei progetti pluriennali di Ricerca Sanitaria Finalizzata per l'anno 2012" individuando le Aree ed i Settori di intervento, di specifico interesse regionale, a cui ricondurre la Ricerca Sanitaria Finalizzata per il 2012.

In particolare nella Deliberazione citata si sono individuate le seguenti Aree:

AREA DI RICERCA FINALIZZATA BIOMEDICA - Settori:

1)    PRODUZIONE DI EVIDENZE SCIENTIFICHE AGGIUNTIVE SU PATOLOGIE AD ELEVATO IMPATTO SULLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE DELLA REGIONE VENETO, con particolare riferimento a studi di fase 3 e 4;

2)    APPROCCI INNOVATIVI NELL'APPLICAZIONE DI BIOTECNOLOGIE, TECNOLOGIE MEDICHE E CHIRURGICHE PER LA SALUTE, con particolare riferimento alle attività di banking, medicina rigenerativa e terapia cellulare;

AREA DI RICERCA FINALIZZATA SANITARIA - Settori:

3)    PROPOSTE INNOVATIVE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO CONTINUO DEI MODELLI EROGATIVI DEI SERVIZI SANITARI con particolare riferimento a sperimentazioni gestionali ospedale-territorio e alla centralizzazione di prestazioni di nicchia;

È stato specificato che i progetti di ricerca non afferenti a nessuna delle aree citate, non sarebbero stati presi in considerazione.

Per l'insieme dei progetti pluriennali presentati ed approvati per ciascuna delle aree sopra indicate per la Ricerca Sanitaria Finalizzata per l'anno 2012 si è stabilito un finanziamento complessivo pari a € 2.000.000,00 afferenti al Capitolo di Bilancio n. 60047 (UPB U0140) e al Capitolo di Bilancio n. 101547 (UPB U0140) "Ricerca Sanitaria finanziata con la quota del 5 per mille dell'IRPEF (art. 1, c. 1234, lett. C, L. 27/12/2006, n. 296)" da impegnare ed erogare in un periodo di tempo pluriennale.

Per quanto concerne le modalità ed i termini di presentazione delle domande e lo svolgimento dei progetti di ricerca, il Bando per l'anno 2012 allegato alla DGR n.1925 del 25/09/2012, pubblicato sul BURV n. 82 del 05/10/2012, ha, in particolare, fissato che:

ART. 2 - Soggetti che possono presentare progetti di Ricerca Sanitaria Finalizzata

Possono presentare progetti di ricerca tutti i soggetti pubblici e privati operanti nel territorio regionale nel campo della ricerca sanitaria o di interesse sanitario, esclusivamente tramite le Aziende U.L.S.S, le Aziende Ospedaliere e gli IRCCS esistenti sul territorio regionale, ossia l'Istituto Oncologico Veneto - IOV, la Fondazione Ospedale San Camillo IRCCS e l'IRCCS "Eugenio Medea" - La Nostra Famiglia - polo regionale veneto.

I progetti di ricerca, presentati dai singoli ricercatori, nonché dai soggetti di cui al precedente comma, saranno ammessi solo se viene documentata la disponibilità di idonee strutture di ricerca proprie o di enti o istituti con i quali intendono operare, correlati dalle firme dei loro legali rappresentanti, con sede legale nella Regione Veneto.

Ogni Azienda ULSS può presentare non più di due progetti, propri o di altri soggetti pubblici e/o privati operanti nel territorio regionale, nel campo della ricerca sanitaria o di interesse sanitario; le Aziende Ospedaliere di Padova e Verona non più di quattro progetti, di cui due propri e/o di altri soggetti pubblici e privati, operanti nel territorio regionale, nel campo della ricerca sanitaria o di interesse sanitario e due delle Università; gli IRCCS non più di due progetti, propri o di altri soggetti pubblici e/o privati operanti nel territorio regionale, nel campo della ricerca sanitaria o di interesse sanitario.

ART. 3 - Modalità e termini di presentazione dei progetti

Il progetto di ricerca, da redigersi in carta semplice e in tre copie, di cui una in originale, secondo lo schema allegato, dovrà essere trasmesso alla Giunta Regionale del Veneto - Segreteria per la Sanità, San Polo 2514 - 30125 Venezia entro il termine perentorio di giorni 60 dalla data di pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto.

Ciascuna Azienda o IRCCS dovrà inviare i progetti, nel limite massimo consentito dal Bando, con lettera di accompagnamento del Direttore Generale (con raccomandata con avviso di ricevimento, e a tal fine farà fede il timbro dell'Ufficio Postale accettante), oppure mediante consegna presso gli Uffici della Segreteria per la Sanità, San Polo 2514 - 30125 Venezia, entro il termine prescritto.

I progetti pervenuti oltre i termini sopra indicati, o con diverse modalità di spedizione, non saranno presi in considerazione.

ART. 10 - Durata dei Progetti di Ricerca

I progetti di ricerca sanitaria finalizzata devono avere durata massima di anni 2. Solo in via del tutto eccezionale e per motivate e riconosciute cause di forza maggiore, la ricerca potrà essere prorogata al massimo per altri 18 mesi, per una sola volta previa richiesta da far pervenire alla Regione da parte del responsabile scientifico prima della scadenza del termine fissato per la conclusione della ricerca stessa.

Per l'anno 2012 sono pervenute da parte delle Aziende U.L.S.S, delle Aziende Ospedaliere e degli IRCCS esistenti sul territorio regionale complessivamente n. 48 domande di cui all'Allegato A, che forma parte integrante del presente provvedimento.

Vengono esclusi dalla valutazione i progetti:

"Realizzazione di una biobanca da campioni fecali per lo studio del microbiota intestinale in condizioni fisiologiche e patologiche" e "Analisi delle regioni maggiormente mutate nei geni BRCA 1 e 2: diagnosi di suscettibilità ai carcinomi della mammella e dell'ovaio", presentati rispettivamente dall'Ospedale San Camillo Treviso e dai Laboratori Clodia S.a.S. perché non rispondenti ai criteri di presentazione previsti dall'articolo 2 del Bando;

"La retinografia digitale non midriatica nello screening della retinopatia e del rischio cardiovascolare da diabete nei centri diabetologici e nella medicina territoriale" progetto inviato dall'Ulss n. 9 come terzo e dunque non rispondente ai criteri previsti dall'articolo 2 del Bando.

In totale si sono considerati non valutabili n. 3 progetti.

Come previsto dagli artt. 6 e 7 del Bando, il Gruppo di Lavoro del Programma per la Ricerca l'Innovazione e Health Technology Assessment (PRIHTA), nominato con DSR n. 75 del 13.07.2011 ha quindi valutato complessivamente n. 45 progetti, secondo le modalità previste dall'art. 6 del Bando.

L'ammontare complessivo richiesto dai progetti inviati dalle Aziende Sanitarie e considerati ammissibili a valutazione è di € 12.563.738,85 a fronte di un finanziamento massimo regionale di € 2.000.000,00.

I progetti che hanno ottenuto valutazione positiva da parte del Gruppo di Lavoro, e che sono dunque risultati finanziabili, con un importo rimodulato rispetto a quello richiesto, sono di seguito riportati, come evidenziato in Allegato A, che è parte integrante e sostanziale del presente provvedimento:

PROPONENTE

RESPONSABILE SCIENTIFICO

FINANZIAMENTO ASSEGNATO

ULSS

21

UMBERTO BASSO

260.000,00

AOUI

VERONA

ALDO SCARPA

215.000,00

AOUI

VERONA

SILVANO ADAMI

165.000,00

ULSS

6

PAOLO FORTUNA

235.000,00

AOUI

VERONA

GIUSEPPE APRILI

255.000,00

ULSS

4

DIEGO PONZIN

235.000,00

AO

PADOVA

CRISTINA BASSO

215.000,00

AO

PADOVA

FEDERICO REA

235.000,00

ULSS

9

PAOLO PAULETTO

185.000,00

In totale, dunque, sono approvati ed ammessi a finanziamento, per un ammontare complessivo di €. 2.000.000,00, n. 9 progetti elencati nell'Allegato A che forma parte integrante della presente deliberazione.

Gli altri progetti riportati nell'Allegato A risultano pertanto non finanziabili.

Tutto ciò premesso, si propone, in applicazione di quanto previsto dal Bando per la Ricerca Sanitaria Finalizzata - anno 2012 - di procedere alle ammissioni ed esclusioni di cui all'Allegato A.

Considerato che i progetti di ricerca si svolgeranno in un periodo di tempo pluriennale (poiché la durata massima di due anni è prorogabile con richiesta motivata del responsabile scientifico per una sola volta per un massimo di altri 18 mesi) ed inizieranno nel prossimo anno successivamente alla stipula della convenzione di cui all'Allegato B, che è parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, si prevede di demandare l'assegnazione del finanziamento a successivi atti del Segretario regionale per la Sanità che saranno adottati nell'esercizio finanziario 2013 per un importo complessivo di € 2.000.000,00 afferenti al Capitolo 60047 "Quota del fondo sanitario regionale parte corrente in gestione accentrata presso la regione - realizzazione azioni strumentali - L.23/12/1978, n. 833 - art. 15 L.R. 9/2/2001, n. 5" e al Capitolo n. 101547 ad oggetto "Ricerca Sanitaria finanziata con la quota del 5 per mille dell'IRPEF (art. 1, c. 1234, lett. C, L. 27/12/2006, n. 296)" a favore dei beneficiari che hanno ottenuto il finanziamento e indicati nell'Allegato A.

La somma verrà erogata a ciascun beneficiario secondo le modalità stabilite nell'art. 4 dello schema di convenzione di cui all'Allegato B.

I progetti di ricerca approvati dal Gruppo di Lavoro sono conservati agli atti dei competenti uffici regionali e indicano gli obiettivi della ricerca e le modalità di attuazione della stessa, in conformità a quanto stabilito nel Bando approvato con DGR n. 1925 del 25/09/2012. Per quanto riguarda in particolare le modalità di spesa del finanziamento concesso ad ogni singolo progetto, si richiama quanto espressamente previsto dall'art. 9 del Bando e si propongono per l'approvazione le "Linee guida per la gestione del finanziamento regionale - Bando Ricerca Sanitaria Finalizzata anno 2012" di cui all'Allegato C che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

I responsabili scientifici dei progetti allegati, i legali rappresentanti delle strutture che propongono la ricerca ed amministrano il finanziamento concesso ed il Segretario regionale per la Sanità, competente per materia, firmeranno apposita convenzione, secondo la bozza di cui all'Allegato B al presente provvedimento per la disciplina dei rapporti giuridici ed economici tra Regione del Veneto - Responsabile scientifico - Azienda ULSS, Ospedaliera o IRCCS.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

Udito il relatore incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la legislazione regionale e statale;

Vista la L.R. n. 39 del 29/11/2001 "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione";

Vista la L.R. 9/2/2001, n. 5, art. 15 "Ricerca Sanitaria Finalizzata";

Vista la DGRV n. 2187 del 08/08/2008;

Vista la DGRV n. 1523 del 31/07/2012;

Vista la DGRV n. 1925 del 25/09/2012;

Visto il DSR n. 75 del 13/07/2011; 

delibera

1.       di ritenere le premesse parti integranti e sostanziali della presente deliberazione;

2.       di escludere dalla valutazione, perché non rispondenti ai criteri di presentazione previsti dall'articolo 2 del Bando, i progetti indicati di seguito:

-          "Realizzazione di una biobanca da campioni fecali per lo studio del microbiota intestinale in condizioni fisiologiche e patologiche" presentato dall'Ospedale San Camillo Treviso;

-          "Analisi delle regioni maggiormente mutate nei geni BRCA 1 e 2: diagnosi di suscettibilità ai carcinomi della mammella e dell'ovaio", presentato dai Laboratori Clodia S.a.S.;

-          "La retinografia digitale non midriatica nello screening della retinopatia e del rischio cardiovascolare da diabete nei centri diabetologici e nella medicina territoriale" presentato dall'Ulss n. 9;

3.       di approvare, per le motivazioni espresse in premessa, le valutazioni del Gruppo di Lavoro del Programma per la Ricerca, l'Innovazione e l'Health Technology Assessment (PRIHTA) e di ritenere pertanto ammissibili a finanziamento i seguenti progetti e relativi importi rimodulati così come riportato nell'Allegato A che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento:

PROPONENTE

RESPONSABILE SCIENTIFICO

FINANZIAMENTO ASSEGNATO

ULSS

21

UMBERTO BASSO

260.000,00

AOUI

VERONA

ALDO SCARPA

215.000,00

AOUI

VERONA

SILVANO ADAMI

165.000,00

ULSS

6

PAOLO FORTUNA

235.000,00

AOUI

VERONA

GIUSEPPE APRILI

255.000,00

ULSS

4

DIEGO PONZIN

235.000,00

AO

PADOVA

CRISTINA BASSO

215.000,00

AO

PADOVA

FEDERICO REA

235.000,00

ULSS

9

PAOLO PAULETTO

185.000,00

4.       di determinare che a ciascuno dei progetti di durata pluriennale di cui all'Allegato A ed elencati al precedente punto 3., verrà assegnato il finanziamento rimodulato per un importo totale di € 2.000.000,00, da liquidare ai corrispondenti beneficiari secondo le modalità definite all'art. 8 del Bando;

5.       di delegare il Segretario regionale per la Sanità a sottoscrivere le convenzioni di cui all'art. 7 del Bando, per la disciplina dei rapporti giuridici ed economici relativi allo svolgimento delle ricerche secondo lo schema di convenzione di cui all'Allegato B che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

6.       di approvare le "Linee guida per la gestione del finanziamento regionale - Bando Ricerca Sanitaria Finalizzata anno 2012" di cui all'Allegato C, che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

7.       di demandare l'assegnazione del finanziamento di cui al punto precedente al Segretario regionale per la Sanità, che provvederà con propri atti da adottarsi nell'esercizio 2013;

8.       di incaricare la Segreteria regionale per la Sanità dell'esecuzione del presente atto;

9.       di dare atto che la spesa di cui si prevede di assumere l'impegno nell'esercizio finanziario 2013 non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011;

10.   di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

2980_AllegatoA_245156.pdf
2980_AllegatoB_245156.pdf
2980_AllegatoC_245156.pdf

Torna indietro