Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 164 del 19 dicembre 2023


Materia: Ambiente e beni ambientali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE VALUTAZIONI AMBIENTALI, SUPPORTO GIURIDICO E CONTENZIOSO n. 89 del 06 dicembre 2023

Inerti San Valentino S.r.l., con sede legale in Località Cà Nova Tacconi 37012 Bussolengo (VR) C.F. e P.IVA 02028830236. Cava denominata "Ca' Nova Tacconi", nel Comune di Bussolengo (VR) Ampliamento. Comune di localizzazione: Bussolengo (VR). Istanza di proroga di validità del provvedimento di VIA (art. 25, c. 5 del D.Lgs n. 152/2006, L.R. n. 4/2016, D.G.R. n. 94/2017). Codice progetto: 102/2016. Proroga di validità temporale del provvedimento di VIA rilasciato con Decreto del Direttore della Direzione Regionale Commissioni Valutazioni (ora Direttore della Direzione Regionale Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso) n. 66 del 03/08/2018 (pubblicato sul BUR n. 85 del 21/08/2018), fino al 21/08/2035.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento viene rilasciata una proroga fino al 21/08/2035 della validità del provvedimento di VIA di cui al Decreto del Direttore della Direzione Commissioni Valutazioni, ora Direttore della Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso, n. 66 del 03/08/2018, per il progetto presentato dalla Inerti San Valentino S.r.l., relativo all'ampliamento di una cava di sabbia e ghiaia denominata "Ca' Nova Tacconi", sita nel Comune di Bussolengo (VR).

Il Direttore

PREMESSO che il progetto “Ampliamento della cava denominata “Ca’ Nova Tacconi” sito in Comune di Bussolengo (VR), presentato da Inerti San Valentino S.r.l. con sede legale in Località Cà Nova Tacconi – 37012 Bussolengo (VR) C.F. e P.IVA 02028830236, è stato oggetto di procedura di autorizzazione unica regionale (ai sensi dell’art. 27-bis del D.Lgs. n. 152/2006, della L.R. n. 4/2016 e ss.mm.ii e della D.G.R. n. 568/2018), conclusasi con:

  • l’espressione da parte del Comitato Tecnico Regionale V.I.A. del parere favorevole al rilascio del giudizio positivo di compatibilità ambientale n. 32 del 04/07/2018, a cui è seguito il rilascio del provvedimento favorevole di compatibilità ambientale con Decreto del Direttore della Direzione Commissioni Valutazioni (ora Direttore della Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso) n. 66 del 03/08/2018, valido fino al 21/08/2023;
  • la Determinazione del Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio (ora Direttore dell’Area Tutela e Sicurezza del Territorio) n. 43 del 29/09/2020, che ha fatto proprio il succitato parere del Comitato Tecnico Regionale V.I.A., ed il parere della C.T.R.A.E. n. 4 del 21/05/2019, di autorizzazione dei lavori di coltivazione della cava (estrazione e sistemazione ambientale) che si dovevano concludere entro il 29/09/2035;

VISTA la scadenza dell’autorizzazione di cava che prevede la conclusione dei lavori di coltivazione (estrazione e sistemazione ambientale) entro il 29/09/2035;

VISTA la L.R. n. 4 del 18/02/2016 “Disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale e di competenze in materia di autorizzazione integrata ambientale” ed in particolare quanto stabilito all’art. 5, comma 5, della legge citata, che prevede che la Giunta regionale provveda alla definizione delle procedure per l’esame delle istanze di proroga del provvedimento di VIA;

VISTA la D.G.R. n. 94 del 31/01/2017 con la quale la Giunta regionale, in attuazione al citato art. 5, comma 5, della L.R. n. 4/2016, ha provveduto a disciplinare le “Modalità procedurali per la proroga di validità dei provvedimenti di VIA”, prevedendo che: “Per istanze di proroga di provvedimenti di VIA riferite di competenza regionale, l'autorità competente si pronuncia con decreto del Direttore della struttura regionale competente per la VIA, ad oggi individuata nella Direzione Commissioni Valutazioni. E' facoltà dell'autorità competente per la VIA acquisire preventivamente un parere del Comitato Tecnico VIA in ordine all'istanza di proroga presentata, ferma e impregiudicata la possibilità di acquisire informazioni e aggiornamenti dalle strutture regionali direttamente interessate dalla realizzazione della tipologia progettuale per la quale è stata attivata la richiesta di proroga”;

CONSIDERATO che il Comitato Tecnico regionale VIA, nella seduta del 11/07/2018, ha ritenuto opportuno che “le istanze di proroga di validità del provvedimento di VIA riferite a progetti per i quali i lavori risultino già in corso, o comunque per i quali i lavori risultino già affidati con l’esperimento della gara d’appalto, tenuto conto della prioritaria necessità di concludere i lavori una volta avviati, potranno essere riscontrate d’ufficio, sulla base delle valutazioni istruttorie degli uffici dell’U.O. VIA e degli uffici regionali competenti per la tipologia progettuale oggetto di valutazione, senza necessità di un ulteriore pronunciamento da parte del Comitato...(omissis)… Fatto salva l’eventuale concessione della proroga della validità temporale del provvedimento di VIA, vengono demandate ai soggetti competenti le determinazioni in ordine alla proroga dell’autorizzazione della realizzazione dell’intervento”;

VISTA la D.G.R. n. 568/2018, con la quale la Giunta regionale, ha provveduto a regolare, tra le altre, la disciplina attuativa della procedura di VIA, stabilendo che il provvedimento di VIA è adottato dal Direttore della struttura competente in materia per quanto concerne la compatibilità ambientale dell’intervento;

VISTA l’istanza formulata da Inerti San Valentino S.r.l. (con sede legale in Località Cà Nova Tacconi – 37012 Bussolengo (VR) C.F. e P.IVA 02028830236), acquisita al protocollo regionale 243751, 243759 in data 08/05/2023, successivamente perfezionata dal Proponente con nota 269824 in data 18/05/2023, in cui si chiede la proroga della validità temporale del provvedimento di VIA rilasciato con D.D.R. n. 66 del 03/08/2018 del Direttore della Direzione Commissioni e Valutazioni (pubblicato sul BUR n. 85 del 21/08/2018), fino al 21/08/2035;

RICHIAMATA la nota in data 07/08/2023 – protocollo regionale 423707, con la quale gli uffici della Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso - U.O. V.I.A. hanno provveduto ad inviare, ai sensi della L.R. n. 4/2016 e della D.G.R. n. 94 del 31/01/2017, la comunicazione di avvio del procedimento, comunicando altresì l’avvenuta pubblicazione della documentazione depositata dal proponente sul sito web dell’Unità Organizzativa V.I.A. della Regione Veneto;

VISTA la comunicazione pervenuta dal Comune di Bussolengo (VR), acquisita al protocollo regionale 448623 in data 22/08/2023;

VISTA la nota della società Inerti San Valentino S.r.l. acquisita al protocollo regionale 487065 in data 08/09/2023;

VISTO che ai sensi dell’art.10, comma 3, del D.Lgs. n. 152/2006 la procedura di VIA comprende le procedure di valutazione d'incidenza di cui all'articolo 5 del D.P.R. n. 357/1997;

CONSIDERATO che il progetto in oggetto è già stato sottoposto con esito favorevole (con prescrizioni) alla procedura di valutazione di incidenza, come risulta dalla Relazione Istruttoria n. 43/2018 del 21/02/2018 della U.O. Commissioni VAS VINCA NUVV (ora U.O. VAS, VINCA, Capitale Naturale e NUVV), acquista dagli Uffici dall’Unità Organizzativa V.I.A al protocollo 74782 in data 28/02/2018, si ritiene che l’istanza di proroga in argomento possa essere compresa nei casi di non necessità della Valutazione di Incidenza, ai sensi del par. 2.2 dell’Allegato A alla D.G.R. n. 1400/17, punto 4 “rinnovo di autorizzazioni e concessioni rilasciate per progetti e interventi già sottoposti con esito favorevole alla procedura di valutazione di incidenza”;

VISTA la Dichiarazione di non necessità di Valutazione di Incidenza ai sensi della DGR n. 1400/2017, presentata dal Proponente, allegata all’istanza di rinnovo;

VISTA la relazione Istruttoria Tecnica per la valutazione di incidenza n. 254/2023 in data 02/11/2023, della U.O. VAS, VINCA, Capitale Naturale e NUVV, dalla quale si evince che:

sulla base del principio di precauzione e ai fini esclusivi della tutela degli habitat e delle specie di cui alle Direttive comunitarie 92/43/Cee e 09/147/Ce, si propone all’Autorità competente di dare atto che è ammessa l’attuazione degli interventi della presente istanza qualora:

  1. non sia in contrasto con i divieti e gli obblighi fissati dal D.M. del MATTM n. 184/2007 e ss.mm.ii., e dalle misure di conservazione (DD.G.R. n. 2371/2006, n. 786/2016, 1331/2017, 1709/2017 e nel rispetto delle prescrizioni in materia di valutazione di incidenza previste dal Decreto n. 66/2018;
  2. ai sensi dell’art. 12, c.3 del D.P.R. 357/97 e ss.mm.ii. per gli impianti in natura delle specie arboree, arbustive ed erbacee siano impiegate esclusivamente specie autoctone e ecologicamente coerenti con la flora locale e non si utilizzino miscugli commerciali contenenti specie alloctone;

e dichiarare per la richiesta di proroga del giudizio di compatibilità ambientale per gli interventi in oggetto una conclusione positiva della procedura di valutazione di incidenza (art. 5 del D.P.R. n. 357/97 e ss.mm.ii.) a seguito del verificato rispetto dei requisiti di cui al paragrafo 2.2 dell’allegato A alla D.G.R. 1400/2017 e dell’osservanza delle prescrizioni previste dal Decreto n. 66/2018 del direttore della Direzione Commissioni Valutazioni;

CONSIDERATA la documentazione presentata dal proponente in allegato all’istanza di proroga, ai sensi della D.G.R. n. 94/2017;

RICHIAMATO l’esito delle valutazioni istruttorie svolte dalle preposte strutture regionali, le quali hanno tenuto conto: 

  • del riepilogo dell’iter amministrativo del progetto;
  • della relazione sullo stato di attuazione del progetto;
  • delle motivazioni contenute nell’istanza finalizzata all’ottenimento della proroga di validità del provvedimento di VIA per consentire al Proponente di completare i lavori relativi alla coltivazione della cava in oggetto;
  • della relazione di aggiornamento del SIA, la quale non evidenzia elementi ulteriori rispetto a quelli già considerati nell’ambito della precedente valutazione (conclusati con l’espressione da parte del Comitato Tecnico Regionale VIA del parere favorevole di compatibilità ambientale n. 32 del 04/07/2018);

RITENUTO di prorogare la validità del provvedimento di VIA al fine di consentire la conclusione dei lavori di coltivazione (estrazione e sistemazione ambientale) autorizzativi con la Determinazione del Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio (ora Direttore dell’Area Tutela e Sicurezza del Territorio) n. 43 del 29/09/2020;

RITENUTO di non aggiornare o integrare le prescrizioni/condizioni ambientali di cui al parere n. 32 del 04/07/2018 del Comitato Tecnico Regionale VIA (fatto salvo quanto già ottemperato), considerato che non sono intervenute modifiche normative tali da variare le caratteristiche tecnico-progettuali precedentemente valutate;

PRESO ATTO che l’intervento non ricade in alcun ambito a pericolosità idraulica, zona di attenzione, aree fluviali, aree a rischio così come individuate perimetrate dal vigente Piano di Gestione del Rischio da Alluvioni (P.G.R.A.);

VISTA la comunicazione pervenuta dal Comune di Bussolengo (VR), acquisita al protocollo regionale 448623 in data 22/08/2023, con la quale l’Amministrazione comunale chiede che venga valutata, vista la durata temporale residua dell’attività estrattiva e per una maggiore sicurezza della circolazione stradale, la realizzazione di una rotatoria tra l’innesto della strada di accesso alla cava ed il mercato ortofrutticolo con Via Molinara (S.P. n. 26).

La medesima Amministrazione riferisce che a tale proposito sono stati già presi accordi preliminari con la società Inerti San Valentino S.r.l.;

VISTA la disponibilità della Società proponente a partecipare economicamente alle spese correlate alla realizzazione del succitato adeguamento stradale (come da nota di Inerti San Valentino S.r.l. acquisita al protocollo regionale 487065 in data 08/09/2023);

DATO ATTO che, in relazione alla richiesta del Comune di Bussolengo (VR), si evidenza che con il procedimento in questione si provvede esclusivamente a concedere la proroga del provvedimento di VIA rilasciato per l’intervento in oggetto con Decreto del Direttore della Direzione Commissioni Valutazioni (ora Direttore della Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso);

SI RITIENE che non sussistano motivi ostativi alla concessione della proroga fino al 21/08/2035 del provvedimento di VIA rilasciato per l’intervento in oggetto con Decreto del Direttore della Direzione Regionale Commissioni Valutazioni (ora Direttore della Direzione Regionale Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso) n. 66 del 03/08/2018 (pubblicato sul BUR n. 85 del 21/08/2018) ai sensi della D.G.R. n. 94/2017 e della D.G.R. n. 568/2018, subordinatamente al rispetto delle prescrizioni di cui al parere n. 32 del 04/07/2018 del Comitato Tecnico Regionale V.I.A., per quanto non già ottemperato;

decreta

  1. che le premesse formano parte integrante del presente provvedimento;
     
  2. di dare atto che la validità del provvedimento di VIA, relativo all’intervento “Cava denominata “Ca’ Nova Tacconi”, nel Comune di Bussolengo (VR) – Ampliamento.”, sito in Comune di Bussolengo (VR), rilasciato con Decreto del Direttore della Direzione Commissioni Valutazioni (ora Direttore della Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso) n. 66 del 03/08/2018 (pubblicato sul BUR n. 85 del 21/08/2018), e prorogata fino al 21/08/2035 ai sensi della D.G.R. n. 94/2017 e della D.G.R. n. 568/2018, subordinatamente al rispetto delle prescrizioni/condizioni ambientali di cui al parere n. 32 del 04/07/2018 del Comitato Tecnico Regionale V.IA.;
     
  3. che avverso il presente provvedimento, è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) oppure in via alternativa al Presidente della Repubblica, nei termini e nelle modalità previste dal Decreto Legislativo n. 104/2010;
     
  4. di trasmettere il presente provvedimento alla società Inerti San Valentino S.r.l. (con sede legale in Località Cà Nova Tacconi – 37012 Bussolengo (VR) C.F. e P.IVA 02028830236 - PEC: inertisanvalentino@legalmail.it) e di comunicare l’avvenuta adozione dello stesso alla Provincia di Verona, al Comune di Bussolengo (VR), alla Direzione Generale di ARPAV, alla Direzione Difesa del suolo e della costa - U.O. Servizio geologico e attività estrattive, alla Direzione Valutazioni Ambientali, Supporto Giuridico e Contenzioso - U.O. VAS, VINCA, Capitale Naturale e NUVV, agli Uffici Territoriali per il Dissesto Idrogeologico - Genio civile Verona, al Consorzio di Bonifica Veronese, alla ULSS 9 Scaligera;
     
  5. di demandare alle Direzioni Regionali competenti ed alla Provincia di Verona ogni eventuale ulteriore determinazione in ordine alla proroga dell’autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio delle attività;
     
  6. di pubblicare integralmente il presente decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Cesare Lanna

Torna indietro