Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Concorso

Bur n. 150 del 17 novembre 2023


AZIENDA ZERO

Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per l'attribuzione di un incarico quinquennale di Direttore dell'Unità Operativa Complessa "GOVERNO CLINICO" di Azienda Zero.

In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale n. 688 del 10/11/2023 è indetto un avviso pubblico, per titoli e colloquio, per l’attribuzione di un incarico quinquennale di:

Direttore dell’Unità Operativa Complessa “GOVERNO CLINICO” di Azienda Zero

La figura professionale ricercata sarà collocata alle dipendenze di Azienda Zero, ente per il governo della sanità della Regione del Veneto.

La procedura si svolgerà con modalità che ne garantiscano l’imparzialità, l’efficienza, l’efficacia nel soddisfare i fabbisogni dell’Amministrazione procedente e la celerità di espletamento, ricorrendo anche all’ausilio di sistemi automatizzati.

La procedura si conforma ai principi e alla normativa attualmente vigente, per quanto applicabile, in merito al conferimento di incarichi di struttura complessa nel S.S.N. e nel S.S.R., tra cui:

  • Reg. U.E. n. 679/2016, recante disposizioni in merito al trattamento dei dati personali;
  • L. n. 241/1990, recante disposizioni generali in merito al procedimento amministrativo;
  • D.Lgs. n.  502/1992, recante disposizioni generali in materia sanitaria, il cui art. 15, in particolare, reca disposizioni inerenti la direzione di struttura complessa;
  • D.Lgs. n. 82/2005, recante disposizioni in merito al processo di digitalizzazione della P.A., il cui art. 12, in particolare, prevede che la P.A. debba utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nei rapporti con i privati per realizzare gli obiettivi di efficienza, efficacia, economicità, imparzialità, trasparenza, semplificazione, partecipazione e non discriminazione, nonché per conseguire l’effettivo riconoscimento dei diritti di cui al medesimo decreto;
  • D.P.R. n. 484/1997, recante disposizioni in merito al conferimento degli incarichi di struttura complessa alla dirigenza sanitaria del S.S.N. (limitatamente agli artt. 4, 5, 10, 11, 12, 13 e 15, in conformità alle disposizioni di cui alla D.G.R.V. n. 1096/2022);
  • D.P.R. n. 445/2000, recante disposizioni in materia di documentazione amministrativa, il cui art. 38, c. 2, in particolare, prevede che le domande per la partecipazione a selezioni e concorsi per l'assunzione, a qualsiasi titolo, presso la P.A. debbano considerarsi valide se presentate secondo le modalità telematiche previste dall'art. 65 del D.Lgs. n. 82/2005;
  • D.M. del 30/1/1998, recante disposizioni relative alle discipline equipollenti ai fini della partecipazione alle procedure per il conferimento dell’incarico di direzione di struttura complessa relativamente al personale del ruolo sanitario del S.S.N.;
  • C.C.N.L. relativo all’area dirigenziale della sanità, siglato in data 19/12/2019, nonché le disposizioni della precedente contrattazione collettiva ancora vigenti ai sensi dell’art. 123 di tale contratto collettivo;
  • D.G.R.V. n.1096/2022 recante linee di indirizzo per il conferimento degli incarichi di struttura complessa alla dirigenza sanitaria del S.S.R..

Inoltre, la procedura è disciplinata dalle ulteriori norme e disposizioni riportate nel presente avviso, il quale costituisce lex specialis della procedura stessa in quanto atto amministrativo generale.

La procedura garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne, nonché l’assenza di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione o alla lingua nell’accesso al lavoro presso la P.A..

CONTESTO DI RIFERIMENTO E PROFILO RICERCATO


CONTESTO AZIENDALE

Con la L.R. n. 19/2016 è stata istituita Azienda Zero, ossia l’Azienda per il governo della sanità della Regione del Veneto, volta alla razionalizzazione, all’integrazione e all’efficientamento dei servizi sanitari, socio sanitari e tecnico-amministrativi del S.S.R. e, contestualmente a tale istituzione, è stato ridefinito l’assetto organizzativo delle Aziende ed Enti afferenti al S.S.R.

Tra i principi fondamentali che hanno condotto alla suddetta riforma, basata su una logica di sistema e di rete volta all’ottimizzazione delle risorse organizzative e finanziarie del S.S.R., ha assunto rilevante importanza il “governo clinico”, ossia la definizione e l’utilizzo di un sistema di standard, sostenuto dalla letteratura e dall’applicazione sul campo, che permetta di programmare e monitorare l’organizzazione dei servizi, dei processi, delle performance, delle risorse umane, della tecnologia e dei risultati di salute del S.S.R..

La costituzione di Azienda Zero, quindi, risponde sia all’esigenza di accentrare una parte delle attività tecnico-amministrative prima replicate presso tutte le aziende del S.S.R. sia all’esigenza di operare una forte semplificazione e razionalizzazione del S.S.R., consentendo alla Regione del Veneto di delegare ad Azienda Zero le attività di natura gestionale e, conseguentemente, di ricondurre le proprie alla precipua funzione di programmazione e vigilanza.

Per conseguire tali finalità, che si realizzano anche attraverso l’adozione di politiche di attuazione del “governo clinico”, con l’atto aziendale adottato con D.D.G. 30/2023 in conformità alle linee guida di cui alla D.G.R.V. 1025/2022, è stata istituita l’U.O.C. “Governo Clinico” di Azienda Zero.

Pertanto, mediante la presente procedura selettiva, si intende individuare il Direttore di tale U.O.C..

STRUTTURA DI RIFERIMENTO

L’U.O.C. “Governo Clinico” è la struttura che effettua valutazioni di coerenza clinico-organizzativa delle attività assistenziali, identificando standard organizzativi di riferimento e proponendo obiettivi di miglioramento.

Tale struttura effettua il monitoraggio sulla rete assistenziale con particolare riferimento all’aderenza tra le prestazioni erogate e il ruolo assegnato alla struttura dalla programmazione regionale, fornendo il proprio apporto tecnico-scientifico alle attività dell’Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto.

L’U.O.C. contribuisce, altresì, al governo regionale delle tecnologie sanitarie intese come farmaci, dispositivi medici, ausili e sistemi diagnostici, con particolare attenzione all’introduzione di quelle innovative e alla dismissione di quelle obsolete.

Essa esercita la sua attività tramite processi strutturati di valutazione e monitoraggio (anche con il coinvolgimento dei portatori di interesse), la ricerca delle migliori evidenze cliniche ed economiche, l’approccio multidisciplinare e il rispetto dei principi di equità e trasparenza al fine di introdurre, nella pratica clinica, delle tecnologie più sicure, efficaci, efficienti ed economicamente sostenibili.

L’U.O.C. “Governo Clinico” assicura in particolare le seguenti attività:

  1. proprie:
  • analisi di monitoraggio e valutazione dell’appropriatezza prescrittiva e d’uso;
  • analisi e valutazioni a supporto del coordinamento regionale “Health Technology Assessment” (H.T.A.), delle commissioni e gruppi di lavoro regionali e delle commissioni aziendali mediante la produzione di istruttorie per l’individuazione dei centri prescrittori dei farmaci, report di H.T.A., linee di indirizzo E.B.M. (Evidence Based Medicine);
  • supporto al coordinamento regionale “Health Technology Assessment” (H.T.A.) nelle proposte, sviluppo e monitoraggio di indicatori di consumo, appropriatezza, sostenibilità e di interventi finalizzati al miglioramento dell’appropriatezza;
  • supporto per gli aspetti di competenza alle procedure di gara;
  • monitoraggio nuovi farmaci/indicazioni rimborsati;
  • analisi e gestione del registro AIFA e dei registri regionali;
  • supporto all’informatizzazione dei percorsi prescrittivi, nonché formazione e informazione degli utilizzatori;
  1. a coordinamento regionale:
  • supporto tecnico alla direzione regionale competente per la programmazione economica annuale (“tetti di costo”), nonché monitoraggio sistematico del loro rispetto e dell’andamento dei consumi di beni sanitari anche mediante tecniche di analisi degli scostamenti;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nella esecuzione di studi finalizzati alla valutazione dell’impatto delle nuove tecnologie nella pratica clinica;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nella produzione, aggiornamento e monitoraggio di linee di indirizzo inerenti le attività di vigilanza sulle procedure di conservazione, distribuzione dei farmaci nelle farmacie di comunità, grossisti, farmacie ospedaliere e reparti dei presidi ospedalieri pubblici e privati, R.S.A. e altre strutture assistenziali di comunità;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nella stesura, aggiornamento e monitoraggio di indirizzi e procedure inerenti la preparazione, allestimento e distribuzione dei farmaci, con particolare riferimento all’allestimento di farmaci oncologici, radiofarmaci e preparazioni galeniche e magistrali;
  • supporto tecnico scientifico alla direzione regionale competente nelle analisi degli usi sperimentali e delle attività dei comitati etici per la sperimentazione;
  • supporto alla direzione regionale competente nello sviluppo e monitoraggio di progettii;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nella gestione degli avvisi di ritiri, revoche e sospensioni dal mercato di farmaci;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nel definizione di standard di impiego di principio attivo, monitoraggio dell’appropriatezza prescrittiva e degli utilizzi ospedalieri e territoriali;
  • supporto tecnico-scientifico alla direzione regionale competente nella vigilanza sui dispositivi medici, mediante analisi e monitoraggio degli incidenti segnalati dagli operatori sanitari e predisposizione di reportistica, gestione degli avvisi di sicurezza e dei reclami, approfondimenti sui temi di sicurezza relativi ai dispositivi medici, incluse le attrezzature;
  • supporto tecnico-scientifico alla definizione di protocolli e/o documenti di indirizzo in tema di appropriatezza sia clinica che organizzativa e monitoraggio degli stessi;
  • supporto alla revisione periodica delle linee guida di codifica della scheda di dimissione ospedaliera (S.D.O.) e agli aggiornamenti di codifica del nomenclatore della specialistica ambulatoriale;
  • monitoraggio dell’attività sui flussi informativi correnti e supporto all’aggiornamento delle reti cliniche;
  • monitoraggio delle attività dei vari setting assistenziali delle strutture accreditate;
  • implementazione, monitoraggio e supporto ai coordinatori delle reti cliniche all’aggiornamento dei Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (P.D.T.A.) regionali;
  • supporto alle attività in indagini epidemiologiche in tema di infezioni correlate all'assistenza.

PROFILO RICERCATO

In relazione alle funzioni istituzionalmente assegnate all’U.O.C. “Governo Clinico”, il profilo ricercato deve essere necessariamente in possesso di competenze professionali e manageriali, nonché di conoscenze scientifiche e di attitudini ritenute necessarie all’assolvimento dell’incarico oggetto del presente avviso, come di seguito elencate:

  • organizzazione delle reti cliniche secondo il D.M. 70/2015;
  • organizzazione dei servizi sanitari con identificazione di standard organizzativi di riferimento con particolare riferimento al contesto della Regione del Veneto;
  • definizione di linee guida e di elaborazione dei processi di revisione delle stesse al fine di assicurare il massimo grado di appropriatezza clinica e organizzativa;
  • predisposizione e aggiornamento di Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (P.D.T.A.) interdisciplinari attraverso la definizione di obiettivi, ruoli, tempi e ambiti d'intervento;
  • conoscenza del D.M. 70/2015;
  • adeguato livello di conoscenza delle metodologie di analisi volte al monitoraggio e valutazione dell’appropriatezza prescrittiva e d’uso di farmaci e dispositivi medici;
  • adeguato livello di conoscenza degli indicatori di consumo di farmaci e dispositivi medici, sostenibilità finalizzati all’appropriatezza;
  • adeguato livello di conoscenza degli elementi di programmazione economica (“tetti di spesa”) per finalità di monitoraggio;
  • conoscenza dei metodi di monitoraggio di procedure inerenti la vigilanza in ambito farmaci nei diversi setting assistenziali;
  • conoscenza dei principi relativi all’H.T.A.;
  • adeguata conoscenza del D.M. n. 77 del 23/5/2022;
  • adeguato livello di conoscenza di elementi di diritto amministrativo, penale e sanitario;
  • approfondita conoscenza del quadro normativo di riferimento nazionale e regionale in materia di organizzazione e di programmazione sanitaria;
  • approfondita conoscenza del quadro normativo di riferimento in materia di P.D.T.A. (Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali), e di L.E.A. (Livelli Essenziali di Assistenza);
  • specifica formazione, conoscenza e gestione della disciplina in oggetto comprovata da un curriculum professionale, e consolidata esperienza pluriennale maturata in strutture analoghe qualificate e in grado di svolgere tutte le attività citate nel profilo oggettivo;
  • capacità di inserire la propria struttura all’interno di network professionali e di ricerca, nonché di consolidare rapporti di collaborazione con le aziende ed enti regionali e nazionali;
  • conoscenza della lingua inglese.

Al Direttore dell’U.O.C. “Governo Clinico” competono, altresì, tutte le attività elencate al punto 6) dello schema tipo di contratto di lavoro dei direttori di U.O.C. della dirigenza medica e veterinaria di cui alla D.G.R.V. n. 342/2013, la cui applicazione è stata confermata dalla D.G.R.V. n. 1096/2022.

REQUISITI GENERALI PER L’AMMISSIONE


Ai fini dell’ammissione alla procedura, a pena di esclusione, il candidato deve essere necessariamente in possesso di tutti i seguenti requisiti generali entro la data di scadenza della presentazione delle domande:

  1. a)  cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno degli Stati appartenenti all'U.E.;

    b)  ai sensi dell'art. 38, c. 1, del D.Lgs. n. 165/2001, i familiari dei cittadini degli Stati appartenenti all’U.E. possono iscriversi alla procedura qualora, pur non avendo la cittadinanza di uno degli Stati appartenenti all’U.E., siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente (per la definizione di “familiare” si rinvia all’art. 2 del D.Lgs. n. 30/2001): tali candidati devono necessariamente allegare nella procedura di iscrizione, a pena di esclusione, idonea documentazione comprovante i requisiti richiesti;

    c)  ai sensi dell’art. 38, c. 3-bis, del D.Lgs. n. 165/2001 e dell’art. 25, c. 2, del D.Lgs. n. 251/2007, possono iscriversi alla procedura anche i cittadini titolari del permesso di soggiorno U.E. per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria: tali candidati devono necessariamente allegare nella procedura di iscrizione, a pena di esclusione, idonea documentazione comprovante i requisiti richiesti;
  1. idoneità alle mansioni specifiche del profilo professionale ricercato: l'accertamento di tale requisito, con l'osservanza delle norme in tema di categorie protette, sarà effettuato a cura dell’Azienda, attraverso la visita preventiva all’assunzione ed eseguita, pertanto, prima dell'immissione in servizio, ai sensi dell’art. 41, c. 2, del D.Lgs. n. 81/2008;
  1. età inferiore a quella prevista dall’ordinamento vigente per il collocamento a riposo d’ufficio;
  1. adeguata conoscenza della lingua italiana, la quale verrà accertata dalla commissione esaminatrice contestualmente alla valutazione delle prove d’esame;
  1. godimento dei diritti civili e politici: per i candidati non cittadini italiani e non titolari dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria, il godimento dei diritti civili e politici è riferito allo Stato di cittadinanza;

Non possono accedere all’impiego coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo, nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una P.A. per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, nonché coloro che siano stati licenziati a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo.

REQUISITI SPECIFICI PER L’AMMISSIONE


Ai fini dell’ammissione alla procedura e unitamente ai suddetti requisiti generali, a pena di esclusione, il candidato deve necessariamente essere in possesso di tutti i seguenti requisiti specifici entro la data di scadenza di presentazione delle domande:

  1. laurea magistrale appartenente alla classe di laurea “LM-41 MEDICINA E CHIRURGIA” di cui al D.M. n. 270/2004;

    ovvero, in alternativa:

    titolo di studio equiparato alla suddetta classe di laurea ai sensi del D.I. del 9/7/2009;
  1. iscrizione all’albo professionale dei medici-chirurghi in Italia;

    ovvero, in alternativa:

    iscrizione al corrispondente albo professionale in uno degli stati appartenenti all’U.E.: il candidato ha l’obbligo di iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio;
  1. anzianità di servizio di 7 anni, di cui 5 nella disciplina di “IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITÀ PUBBLICA” o in una disciplina equipollente, unitamente al possesso della specializzazione nella disciplina di cui sopra o in una disciplina equipollente

    ovvero, in alternativa:

    anzianità di servizio di 10 anni nella disciplina di “IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITÀ PUBBLICA”;

    Nella compilazione della domanda di iscrizione, tutti i periodi di servizio svolti dal candidato devono essere riportati in ordine cronologico e le informazioni relative ai servizi svolti devono essere precise ed esaustive, poiché su di esse verrà effettuata la verifica del possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione all’avviso, nonché la valutazione dei titoli.

    L’anzianità di servizio deve essere maturata in conformità alle disposizioni di cui agli artt. 10, 11 e 12 del D.P.R. n. 484/1997.

    Per quanto attinente al servizio prestato all’estero, si fa riferimento dell’art. 13 del D.P.R. n. 484/1997.
  1. curriculum professionale che presenti i contenuti previsti dall’art. 6 dell’allegato “A” della D.G.R.V. n. 1096/2022;
  1. attestato di formazione manageriale di cui all’art. 5, c. 1, lett. d), del D.P.R. n. 484/1997: ove già in possesso, il candidato è tenuto ad allegare tale attestato alla domanda di iscrizione.

    Ai sensi dell’art. 15, c. 8, del D.Lgs. n. 502/1992, l'attestato di formazione manageriale deve essere conseguito dai dirigenti con incarico di direzione di struttura complessa entro un anno dall'inizio dell'incarico; il mancato superamento del primo corso, attivato dalla regione successivamente al conferimento dell'incarico, determina la decadenza dall'incarico stesso. I dirigenti sanitari con incarico quinquennale alla data di entrata in vigore del D.Lgs. 229/1999, sono tenuti a partecipare al primo corso di formazione manageriale programmato dalla regione, i dirigenti confermati nell'incarico sono esonerati dal possesso dell'attestato di formazione manageriale.

I candidati che hanno conseguito titoli di studio all’estero e/o che hanno prestato servizio all’estero dovranno allegare, alla domanda di iscrizione, idonea documentazione attestante il riconoscimento di tali titoli e/o servizi richiesti ai fini dell’ammissione, in conformità alla normativa vigente.

PRESENTAZIONE CANDIDATURE


La domanda di partecipazione all’avviso dovrà essere prodotta a pena di esclusione tramite la specifica procedura telematica descritta di seguito entro il 30° giorno successivo alla data di pubblicazione, per estratto, del presente avviso nella G.U. della Repubblica Italiana, connettendosi al sito istituzionale di Azienda Zero ed accedendo alla piattaforma tramite il link “https://azeroveneto.concorsismart.it” presente nella sezione “Concorsi e Avvisi”.

Sarà esclusa ogni altra forma di presentazione e trasmissione della domanda: eventuali domande pervenute con differenti modalità saranno inammissibili e, conseguentemente, non verranno prese in considerazione.

La procedura telematica di iscrizione sarà attiva a partire dal giorno successivo alla pubblicazione, per estratto, del presente avviso nella G.U. della Repubblica Italiana e verrà automaticamente disattivata alle ore 18:00 del giorno di scadenza: il termine sarà perentorio e dopo tale termine non sarà più possibile provvedere alla compilazione della domanda, né sarà ammessa la produzione di altri titoli o documenti a corredo della stessa, né tantomeno sarà più possibile effettuare aggiunte o rettifiche.

La compilazione della domanda potrà essere effettuata 24 ore su 24 (salvo momentanee interruzioni per manutenzione del sito) da un terminale connesso alla rete internet e dotato di un motore di ricerca aggiornato e ricompreso tra quelli di maggiore diffusione (si consiglia l'utilizzo di “Google Chrome” aggiornato alle versioni più recenti): sarà possibile accedere alla piattaforma telematica anche da dispositivi mobili, quali smartphone e tablet.

Si consiglia di effettuare la compilazione della domanda con un congruo anticipo onde evitare un sovraccarico del sistema per il quale Azienda Zero non si assume alcuna responsabilità.

Per la presentazione delle domande i candidati devono attenersi scrupolosamente alle istruzioni operative contenute nella sezione dedicata alla procedura del sito istituzionale di Azienda Zero.

Per la modifica e la variazione di eventuali informazioni erroneamente inserite o mancanti, il candidato potrà effettuare la riapertura della domanda dalla sezione “riepilogo domanda” della piattaforma telematica, selezionando il tasto “annulla invio domanda”: una volta effettuate le modifiche, il candidato dovrà inviare nuovamente la domanda di partecipazione cliccando il tasto “invia domanda” presente nella sezione “conferma e invio”.

Si invitano i candidati a compilare la domanda con precisione ed accortezza, prestando particolare attenzione ad effettuare la scelta corretta nel caso in cui la piattaforma telematica offra una serie di opzioni tra cui scegliere e si precisa, altresì, che il contenuto della domanda dovrà essere dichiarato conforme al vero, sotto la propria responsabilità e nella consapevolezza delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000 per l’ipotesi di falsità in atti e di dichiarazioni mendaci.

Il candidato deve inserire tutti i dati personali necessari per la presentazione della domanda e rilasciarne necessariamente l’autorizzazione al trattamento, ai sensi del Reg. U.E. n. 679/2016 e del D.Lgs. n. 196/2003 (limitatamente alle disposizioni ancora vigenti).

CODICE IDENTIFICATIVO PERSONALE

Successivamente alla trasmissione della domanda, la procedura telematica invierà automaticamente, alla mail indicata dal candidato, il riepilogo della domanda di iscrizione contenente un codice identificativo alfanumerico riconducibile esclusivamente alla specifica candidatura: sarà onere del candidato conservare tale codice identificativo, il quale verrà utilizzato nelle successive fasi della procedura per identificare il candidato in luogo del suo cognome e nome, ad eccezione della graduatoria finale di merito.

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE

La trasmissione della domanda di partecipazione alla presente procedura costituisce dichiarazione sostitutiva di certificazione di cui al D.P.R. n. 445/2000 e, pertanto, il candidato dovrà allegare esclusivamente la seguente documentazione:

  1. per il candidato non avente cittadinanza italiana o di uno degli Stati appartenenti all’U.E. (a pena di esclusione): idonea documentazione, conforme alla normativa attualmente vigente, che consenta la partecipazione alla procedura;
  2. per il candidato in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero (se inserito ai fini dell’ammissione, la mancata documentazione costituisce causa di esclusione): idonea documentazione, conforme alla normativa attualmente vigente, attestante il riconoscimento del titolo;
  3. per il candidato che abbia svolto servizio all’estero: idonea documentazione, conforme alla normativa attualmente vigente, attestante il riconoscimento del servizio;
  4. per il candidato che intenda allegare pubblicazioni alla domanda di iscrizione: massimo 10 pubblicazioni edite a stampa attinenti al profilo professionale ricercato e ritenute dal candidato maggiormente rilevanti, nelle quali sia espressamente riportato il suo nominativo tra gli autori.
  5. curriculum professionale del candidato da pubblicare nel sito istituzionale di Azienda Zero ai sensi dell’art. 7, c. 2, dell’allegato “A” della D.G.R.V. n. 1096/2022 (le informazioni contenute in tale curriculum e non inserite nella domanda telematica di iscrizione non saranno oggetto di valutazione);
  6. attestato di formazione manageriale, ove già in possesso del candidato;
  7. idonea documentazione relativa alla tipologia e alla quantità delle prestazioni effettuate dal candidato. Le casistiche devono essere riferite al decennio precedente alla data di pubblicazione dell’avviso, per estratto, nella G.U. della Repubblica Italiana e devono essere certificate dal Direttore Sanitario sulla base delle attestazioni del Direttore del competente dipartimento o dell’unità operativa di appartenenza: in caso di assenza di tale documentazione, la tipologia delle attività effettuate dal candidato stesso non potrà essere valutata;
  8. idonea documentazione relativa alla tipologia delle istituzioni in cui sono allocate le strutture presso le quali il candidato ha svolto la propria attività professionale e alla tipologia di prestazioni erogate dalle strutture medesime: in caso di assenza di tale documentazione, la tipologia delle istituzioni non potrà essere valutata;

Il caricamento della documentazione elencata nei suddetti punti dovrà essere effettuato nella sezione “allegati” della piattaforma telematica di iscrizione, cliccando l’icona “allega” nei limiti della dimensione massima prevista nel format, nonché dei formati supportati dalla stessa.

Si precisa che, ai sensi dell’art. 49, c. 1, del D.P.R. n. 445/2000, i certificati medici e sanitari non possono essere sostituiti da autocertificazione.

Le esperienze professionali e di studio del candidato verranno desunte da quanto dichiarato dallo stesso nelle apposite voci della domanda di iscrizione e, pertanto, il candidato dovrà allegare solamente la documentazione elencata nei punti sopra riportati.

ASSISTENZA APPLICATIVO

È consultabile e scaricabile, nella piattaforma telematica di iscrizione, il “manuale d’uso” contenente ulteriori informazioni specifiche oltre a quelle presenti nella fase di compilazione.

Per informazioni o assistenza tecnica relative alla compilazione della domanda è possibile utilizzare la chat cliccando sul tasto “contattaci” oppure inviare una mail agli indirizzi “concorsismart@dromedian.com” o “assistenza@concorsismart.it”: gli operatori saranno disponibili dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 18:00 (le richieste pervenute fuori dall’orario lavorativo saranno evase il prima possibile).

L’U.O.C. Gestione Risorse Umane – Ufficio Concorsi di Azienda Zero potrà essere contattata telefonicamente, il lunedì ed il giovedì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, ai seguenti numeri: 049.877.8175 – 8407 – 8105 – 8191 – 8126 (sarà data risposta esclusivamente alle richieste di informazioni inerenti la procedura selettiva e non relative alla compilazione della domanda).

AMMISSIONE ED ESCLUSIONE


L’ammissione e l’esclusione dei candidati saranno disposte con Deliberazione del Direttore Generale.

L’elenco dei candidati ammessi ed esclusi sarà comunicato esclusivamente mediante pubblicazione nella sezione dedicata alla procedura del sito istituzionale di Azienda Zero tramite il codice identificativo personale.

L’esclusione dalla partecipazione alla procedura sarà altresì notificata singolarmente ai candidati non ammessi tramite P.E.C. o raccomandata con avviso di ricevimento entro 30 giorni dalla pubblicazione del provvedimento di esclusione.

COMMISSIONE ESAMINATRICE


La commissione esaminatrice sarà nominata con Deliberazione del Direttore Generale e sarà costituita da quattro commissari, ossia dal Direttore Sanitario di Azienda Zero e da tre direttori di struttura complessa nella medesima disciplina dell’incarico da conferire, dei quali almeno due responsabili di strutture complesse in Regioni diverse dalla Regione del Veneto.

I suddetti direttori di struttura complessa saranno sorteggiati dall’elenco nazionale istituito con l’art. 1 dell’Accordo del 26/9/2013 della Conferenza Unificata tra i nominativi presenti nel profilo e nella disciplina di cui al presente avviso.

Qualora dovesse essere sorteggiato più di un direttore di struttura complessa della Regione del Veneto, sarà nominato componente titolare il primo sorteggiato e si proseguirà con il sorteggio fino ad individuare almeno altri due direttori che prestino servizio in Regioni diverse dalla Regione del Veneto.

Se all'esito del sorteggio la metà dei direttori non risulterà di genere diverso, si proseguirà con il sorteggio fino ad assicurare, ove possibile, l'effettiva parità di genere nella composizione della commissione esaminatrice, fermo restando il rispetto del criterio territoriale sopra esposto.

Per ogni componente titolare andrà sorteggiato un componente supplente: la medesima composizione (almeno due componenti di Regioni diverse dalla Regione del Veneto con garanzia, ove possibile, della parità di genere) dovrà essere garantita in caso di indisponibilità del componente titolare e di consequenziale chiamata del componente supplente.

Le operazioni di sorteggio sono pubbliche: la data e il luogo del sorteggio saranno comunicati mediante pubblicazione nel sito istituzionale di Azienda Zero almeno 15 giorni prima della data stabilita per il sorteggio medesimo.

Assumerà le funzioni di presidente della commissione esaminatrice il componente con maggiore anzianità di servizio tra i tre direttori sorteggiati (per anzianità di servizio si intende quella maturata come direttore di struttura complessa) e, in caso di parità nelle deliberazioni della commissione esaminatrice, prevarrà il voto del presidente.

Il segretario ed il suo supplente saranno individuati fra il personale in servizio presso l’U.O.C. “Gestione Risorse Umane” di Azienda Zero.

TITOLI


Ai sensi dell’art. 6 dell’allegato “A” della D.G.R.V. n. 1096/2022, la valutazione del curriculum professionale (massimo 50 punti) sarà compiuta dalla commissione esaminatrice prima del colloquio che il candidato dovrà sostenere e si compirà con specifico riferimento:

  • alla tipologia delle istituzioni in cui sono allocate le strutture presso le quali il candidato ha svolto la sua attività e alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime (massimo punti 5): in caso di assenza di documentazione allegata alla procedura di iscrizione da parte del candidato, la tipologia delle istituzioni non potrà essere valuta;
  • alla posizione funzionale del candidato nelle strutture ed alle sue competenze con indicazione di specifici ambiti di autonomia professionale con funzioni di direzione (massimo punti 15);
  • alla tipologia ed alla quantità delle prestazioni effettuate dal candidato: le casistiche devono essere riferite al decennio precedente alla data di pubblicazione dell’avviso per estratto nella G.U. e devono essere certificate dal Direttore Sanitario sulla base delle attestazioni del direttore del competente dipartimento o unità operativa di appartenenza (massimo punti 20): in caso di assenza di documentazione allegata alla procedura di iscrizione da parte del candidato, la tipologia e la quantità delle prestazioni effettuate dal candidato non potranno essere valutate;
  • all’attività didattica presso corsi di studio per il conseguimento di diploma di laurea o di specializzazione con indicazione delle ore annue di insegnamento (massimo punti 3);
  • ai soggiorni di studio o di addestramento professionale per attività attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o estere di durata non inferiore a un anno con esclusione dei tirocini obbligatori nonché alla partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari, anche effettuati all'estero, valutati secondo i criteri dell'art. 9 del D.P.R. n. 484/1997 (massimo punti 2);
  • alla produzione scientifica strettamente pertinente alla disciplina, pubblicata su riviste italiane o straniere, caratterizzate da criteri di filtro nell'accettazione dei lavori, nonché il suo impatto sulla comunità scientifica (massimo punti 5).

 

CONVOCAZIONE


I candidati ammessi verranno convocati per il colloquio non meno di 15 giorni prima del giorno fissato.

La data e la sede del colloquio saranno pubblicate nella sezione dedicata alla procedura del sito istituzionale di Azienda Zero: nessuna comunicazione verrà inviata ai candidati, pertanto gli stessi saranno tenuti a monitorare frequentemente il sito istituzionale.

COLLOQUIO


I candidati verranno ammessi a sostenere il colloquio previa verifica di un valido documento di riconoscimento: i candidati che non si presenteranno a sostenere il colloquio nel giorno, nell’ora e nella sede stabilita saranno dichiarati rinunciatari all’avviso, qualunque sia la causa dell’assenza, anche se non dipendente dalla volontà dei singoli concorrenti.

Il colloquio (massimo 30 punti), che si svolgerà in un’aula aperta al pubblico, è diretto alla valutazione delle capacità professionali del candidato nella specifica disciplina di cui al presente avviso, con riferimento altresì alle esperienze professionali documentate, nonché all’accertamento delle capacità gestionali, organizzative e di direzione in relazione all’incarico da svolgere.

Il superamento del colloquio è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30: in caso di parità di voto nelle deliberazioni della commissione esaminatrice, prevale il voto del presidente.

GRADUATORIA


Sulla base dell’analisi comparativa dei curricula, dei titoli professionali posseduti, avuto anche riguardo alle necessarie competenze organizzative e gestionali, dei volumi dell’attività svolta, dell’aderenza del profilo ricercato e degli esiti del colloquio, la commissione esaminatrice attribuisce a ciascun candidato il punteggio complessivo.

Al termine dei colloqui, quindi la commissione esaminatrice formula la graduatoria dei candidati esaminati, con l’indicazione del punteggio complessivo per ciascuno di essi.

La graduatoria, il profilo professionale del dirigente da incaricare, i curricula dei candidati e la relazione della commissione esaminatrice, redatta in forma sintetica, verranno pubblicati nella sezione dedicata alla procedura del sito istituzionale di Azienda Zero prima della nomina del candidato che ha conseguito il miglior punteggio.

Verranno pubblicati nel sito istituzionale i curricula di tutti i candidati che si sono presentati al colloquio.

NOMINA


Il candidato che ha conseguito il miglior punteggio è nominato vincitore mediante Deliberazione del Direttore Generale: a parità di punteggio prevale il candidato più giovane di età.

In caso di dimissioni o decadenza del dirigente incaricato, Azienda Zero procederà alla sua sostituzione nei due anni successivi alla data di conferimento dell’incarico al suddetto dirigente, conferendo l’incarico mediante scorrimento della graduatoria dei candidati.

CONTRATTO INDIVIDUALE


Il candidato che ha conseguito il miglior punteggio sottoscriverà il contratto individuale conforme allo schema tipo di contratto adottato con la D.G.R.V. n. 342/2013, la cui applicazione è stata confermata dalla D.G.R.V. n. 1096/2022.

Il candidato al quale verrà conferito l’incarico sarà invitato a produrre, nel termine di 30 giorni dalla data di comunicazione e sotto pena di decadenza, i documenti comprovanti il possesso dei requisiti generali e specifici richiesti per il conferimento dell’incarico.

L’incarico di Direttore è soggetto a conferma al termine di un periodo di prova di 6 mesi, prorogabile di altri 6, a decorrere dalla data di nomina a detto incarico, sulla base della valutazione di cui all’art. 15, co. 5, del D.Lgs. n. 502/1992: la conferma al termine del periodo di prova, l’eventuale proroga dell’incarico, nonché l’esito definitivo saranno disposti dal Direttore Generale sulla base di una relazione del Direttore Sanitario redatta sulla base degli elementi di valutazione previsti dall’art. 15, co. 5, del D.Lgs. n. 502/1992.

L’incarico avrà durata pari a 5 anni e potrà essere rinnovato secondo la normativa vigente.

L’assegnatario dell’incarico assicurerà la propria presenza in servizio per garantire il normale funzionamento della struttura cui è preposto ed organizzerà il proprio tempo libero, articolandolo in modo flessibile per correlarlo a quello dei propri collaboratori, ai fini dell’espletamento dell’incarico affidato.

L’assegnatario dell’incarico sarà sottoposto alle verifiche previste dalla normativa vigente.

Al rapporto di lavoro che verrà costituito con l’assegnatario dell'incarico sarà applicato il C.C.N.L. vigente relativo all’area dirigenziale della sanità, anche con riguardo al trattamento economico.

VARIAZIONE DI DOMICILIO O RECAPITO


Il candidato dovrà comunicare le eventuali variazioni di domicilio, recapito o indirizzo P.E.C. che si verifichino durante la procedura selettiva all’indirizzo P.E.C. “protocollo.azero@pecveneto.it”, oppure inviando una mail a “concorsi@azero.veneto.it, precisando gli estremi dell’avviso di interesse.

L'Amministrazione declina sin d'ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte degli aspiranti, o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi non imputabili a colpa dell'Amministrazione stessa o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

DISPOSIZIONI FINALI


La presente procedura si concluderà con provvedimento del Direttore Generale entro il termine massimo di 12 mesi decorrenti dalla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande.

Con la partecipazione alla presente procedura è implicita, da parte dei concorrenti, l’accettazione senza riserve di tutte le prescrizioni e precisazioni contenute nel presente avviso, nonché di quelle che disciplinano o disciplineranno lo stato giuridico ed economico del personale delle aziende ed enti del S.S.N. e del S.S.R.

Ai sensi del Reg. U.E. n. 679/2016 e del D.Lgs. n. 196/2003 (limitatamente alle disposizioni ancora vigenti), i dati personali forniti dai candidati nella domanda di iscrizione saranno raccolti da Azienda Zero per le finalità di gestione della procedura e saranno trattati presso una banca dati automatizzata: il conferimento di tali dati è indispensabile per lo svolgimento delle procedura stessa e, pertanto, la presentazione della domanda autorizza Azienda Zero al trattamento degli stessi.

Ai sensi della L. n. 241/1990, l'accesso agli atti è consentito in conformità alle disposizioni di cui al vigente regolamento aziendale: a tal fine il candidato deve compilare il modello disponibile nel sito istituzionale di Azienda Zero e trasmetterlo tramite p.e.c. o raccomandata con avviso di ricevimento.

Ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. n. 445/2000, Azienda Zero procederà ad effettuare i controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dal candidato nella domanda e, ferme restando le sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, qualora dal controllo emergerà la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art. 75 del D.P.R. n. 445/2000).

Azienda Zero si riserva di ripetere, su iniziativa del Direttore Generale ed informato il Collegio di Direzione, per una sola volta la procedura selettiva nel caso in cui i candidati selezionati siano meno di tre.

L'Azienda si riserva comunque, in regime di autotutela, la facoltà di prorogare, sospendere o revocare il presente avviso, nonché di riaprire i termini di scadenza qualora ne rilevasse la necessità o l'opportunità per ragioni di pubblico interesse o per disposizioni di legge.

Il Direttore Generale Dott. Roberto Toniolo

Torna indietro